scenario

Nft, quali speranze dopo il grande declino



Indirizzo copiato

Un importante impatto ambientale e la mancanza di una normativa chiara sono state indicate come cause del declino del mercato degli Nft: ma ci sono spunti per la ripresa

Pubblicato il 31 mag 2024

Valeria Casula

AI Legal Counsel, specializzata in Privacy & Tech Law



Digital,Technology,,Big,Data,,Iot,Internet,Of,Things,,Software,Development

Dopo aver vissuto un periodo di estremo interesse, gli Nft sembrano essere caduti in declino, risultando sempre meno invitanti agli occhi degli investitori. Vediamo la situazione, a quali fattori è dovuta e cosa aspettarci dal prossimo futuro.

Il declino degli Nft: breve analisi delle cause

Dopo l’iniziale entusiasmo, nel 2022 il mercato dell’arte Nft ha subito una battuta d’arresto, con un crollo dei prezzi e una drastica riduzione delle transazioni. Le cause sembrano essere state molteplici. In primo luogo, è stato preso in esame il fatto che il mondo dell’arte contemporanea abbia accolto gli Nft con riluttanza, considerandoli prodotti finanziari piuttosto che opere artistiche.

Inoltre, un gran numero di artisti si è cimentato nel produrre in modo massivo tali prodotti, con la conseguente saturazione del mercato e, si ipotizza, svalutazione degli stessi. Inoltre, in assenza di una chiara regolamentazione in materia di autenticità, si è creato un terreno fertile per la proliferazione di truffe e frodi, con la conseguente perdita di fiducia negli Nft da parte del mercato e, dunque, degli investitori. Nel 2022, si è assistito dunque alla perdita di valore di tali beni ed al fallimento di Ftx, piattaforma di criptovalute con oltre un milione d’investitori.

In secondo luogo, si è cominciato ad indagare circa l’impatto sull’ambiente della tecnologia alla base del fenomeno: la maggior parte degli Nft emessi durante il 2021, ossia il momento più prolifico, sono stati lanciati su Ethereum, che in quel periodo per validare le transazioni eseguite sulla sua blockchain utilizzava il protocollo Proof-of-Work, un meccanismo notoriamente ad alta intensità energetica, ossia che comporta un ingente dispendio di energia.

I critici hanno denunciato sui social media gli Nft come schemi ecologici piramidali da incubo, criticando gli artisti e i collezionisti che hanno appoggiato tale tecnologia.

Prospettive future e possibile ripresa

Dunque, riassumendo, sono state riconosciute come possibili cause del declino del mercato degli NFT due principali temi: una mancata fiducia del mercato derivante dall’assenza di una chiara regolamentazione e il problema dell’impatto climatico della tecnologia posta alla base.

Sono certamente problematiche forti e che richiedono notevole lavoro, ma attualmente vi sono notevoli margini di sviluppo che lasciano presagire una futura ritrovata fiducia in questo settore.

L’assenza di normativa

Circa l’assenza di una chiara regolamentazione, è necessario premettere che gli NFT non sono strumenti esclusivamente legati all’arte, al collezionismo o ad altri settori specifici: il mercato dell’arte ha intercettato per primo le potenzialità di tale tecnologia perché ben si adattano alle sue esigenze, in quanto sono veri e propri certificatori di autenticità; infatti, essi possiedono le caratteristiche di scarsità, unicità, velocità di posizionamento sul mercato e la prova del possesso.

Ciò, tuttavia, non implica che tali caratteristiche non possano prestarsi ad ulteriori casi d’uso ed interessare altri settori, essendo, in linea di massima, strumenti che si prestano ad essere venduti e scambiati all’interno di un marketplace.

Il regolamento Markets in crypto-assets

Ciò premesso, la normativa che potrebbe risolvere in parte il problema della mancata chiarezza di confini e tutele potrebbe essere il Regolamento “Markets in crypto-assets” (c.d. MiCA) facente parte del “Pacchetto Finanza Digitale” che mira a disciplinare il mondo digitale delle “crypto attività”. L’obiettivo di tale proposta è di garantire certezza del diritto e tutela degli stakeholder coinvolti, sostenere l’innovazione tecnologica e il suo impiego da parte delle imprese.

Il MiCA si presenta come testo destinato a costituire una solida base per svolgere un’attività legata all’emissione, offerta al pubblico, ammissione alla negoziazione di cripto-attività oppure alla prestazione di servizi connessi alle cripto-attività. In sintesi, si occupa di regolamentare laddove vi sia lo svolgimento di attività riconducibili al mercato finanziario.

Sebbene il termine Nft non venga utilizzato, il testo all’art. 3 punto 2 fa riferimento a “crypto-attività” che si sostanziano in “una rappresentazione digitale di valore o di diritti che possono essere trasferiti e memorizzati elettronicamente, utilizzando la tecnologia di registro distribuito o una tecnologia analoga;”: sicuramente è una formulazione volta a ricomprendere ad ampio raggio tanto gli asset come le criptovalute, andando oltre la definizione di valuta virtuale, quanto l’ampia gamma di token, definiti poi nel dettaglio sulla base della loro specifica finalità ai punti successivi dello stesso art. 3.

Il nodo normativo

Chi è contrario all’estensione dell’ambito di applicazione agli Nft cita il considerando 10 del medesimo regolamento, il quale riporta che “il presente regolamento non dovrebbe applicarsi alle cripto-attività che sono uniche e non fungibili con altre cripto-attività, compresa l’arte digitale e gli oggetti da collezione. Il valore di tali cripto-attività uniche e non fungibili è attribuibile alle caratteristiche uniche di ciascuna cripto-attività e all’utilità che essa offre al possessore del token”.

Infatti, l’NFT di solito è presentato come prodotto non fungibile, tuttavia si discute del fatto che, sebbene non nasca come prodotto finanziario, in base al suo utilizzo possa diventarlo: per restare nel campo dell’arte, si pensi ad un suo impiego nella “Fractional Art”, cioè protocollo decentralizzato che consente la proprietà e la governance collettiva di uno o più NFT; in questo caso, l’NFT è un prodotto fungibile, dunque un prodotto che si presta ad essere oggetto di scambio, vendita nell’ambito di un mercato finanziario. Oppure ancora, si pensi ad un possibile utilizzo degli NFT per la vendita di prodotti di massa quali, ad esempio, biglietti per eventi.

Dunque, alla luce di ciò e del fatto che lo scopo ultimo del regolamento è la tutela del mercato, gli NFT potrebbe essere ricompresi, in quanto, in base all’utilizzo, richiedono spesso lo svolgimento di una negoziazione che avviene in un marketplace e che necessita di regole di trasparenza. Inoltre, si discute del fatto che anche nell’ambito della vendita di un NFT infungibile, e dunque caratterizzato dall’unicità, questa sia comunque un’attività che si svolge su piattaforme digitali, che comprende l’utilizzo di valute digitali e che richiederà un servizio di conservazione digitale, per cui è necessario che il consumatore sia tutelato tanto nell’acquisto quanto nella prestazione del servizio di conservazione: si è pensato allora di imporre a chi emette e/o conserva l’NFT di rispondere di pochi ma precisi obblighi, quali il prestare l’attività in modo onesto e il garantire l’applicazione delle norme di sicurezza in vigore. Il dibattito è molto complesso, tuttavia si cerca di fare il possibile per garantire un mercato il più possibile libero, sicuro e veloce.

L’impatto ambientale degli Nft

Per quanto riguarda i timori e le perplessità legate all’impatto ambientale derivante dall’utilizzo di tali tecnologie, vi è stato un importante passo avanti: Ethereum, ossia la blockchain più utilizzata per coniare e scambiare Nft, ha dichiarato che verrà eseguito il passaggio dal protocollo Proof-of-Work, altamente energivoro, al protocollo Proof-of-Stake, ossia un algoritmo di consenso più immediato.

In breve, il protocollo Proof-of-Work comporta l’impiego di una blockchain decentralizzata, con un numero ingente di validatori dei blocchi che votano tutti in modo democratico circa ogni decisione legata alla blockchain, mentre nel protocollo Proof-of-Stake i validatori potranno ottenere il diritto di voto in base alla quantità di moneta Eth presente sulla blockchain, riducendo drasticamente il numero. Infatti, un numero elevato di validatori comporta un numero maggiore di passaggi e dunque è necessario ricorrere a computer che utilizzano una grande potenza di calcolo, cioè maggiore quantità di energia.

Il protocollo The Merge

L’anticipazione da parte di Ethereum di tale aggiornamento di protocollo, denominato The Merge, ha contribuito ad aumentare il prezzo dell’Ether del 75% rispetto al suo minimo storico di giugno 2021, dimostrando un effetto molto positivo. Si afferma che ciò potrebbe comportare l’aumento del costo delle transazioni, ma si pensa già a possibili soluzioni che possano permettere un agile scambio nel rispetto dell’ambiente e dai costi contenuti.

Conclusione

Alla luce di quanto detto, il mercato degli NFT non appare destinato a concludersi a breve ma necessita di approfondimenti ed evoluzioni: considerevoli novità sono in atto e potrebbero portare al settaggio questi prodotti in un mercato stabile, non esclusivamente inerente l’arte, nel panorama della Digital Economy.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4