la nostra indagine

Troppi errori nei siti della pubblica amministrazione: ecco i più gravi

Dalla firma con certificati UE non accettata alle discrepanze con il regolamento eIDAS e le incomprensioni sulla carta d’identità elettronica, oltre al mancato aggiornamento dei manuali online: numerose amministrazioni ospitano sui loro portali informazioni non allineate alla normativa, ecco alcuni esempi

15 Mar 2022
Giovanni Manca

consulente, Anorc

help

Siamo di fronte ad un nuovo fenomeno che possiamo definire “autosemplificazione amministrativa”.

Numerose PA descrivono servizi online o trasformazione digitale o cose analoghe con spiegazioni sulle pagine web che non sono allineate con la normativa vigente. Trattandosi di PA di dimensioni rilevanti e indubbiamente autorevoli, questo causa una diffusione di informazioni fuorvianti e comunque sbagliate.

Molti parlano della certezza del diritto ma nei fatti, in modo sempre più diffusa, abbiamo la produzione di auto normativa dell’amministrazione di turno. In questa sede si vuole semplicemente sviluppare una riflessione sul tema e non puntare l’indice sulle amministrazioni coinvolte. Gli esempi indicati di seguito sono la punta dell’iceberg, prodotti da amministrazioni come Ministero o grandi Comuni. Il disservizio della pubblica amministrazione è ben più ampio e riguarda nella maggior parte dei casi, interazioni personalizzate con cittadini e imprese.

Per quanto appena indicato gli esempi seguenti sono generici e anonimi per quanto possibile.

Firma informatica oggi e domani: stato dell’arte e prospettive di sviluppo

Firma digitale e avanzata, che confusione

Un documento è esplicitamente dichiarato firmato con una firma digitale. La firma apposta non è una firma digitale perché il certificato utilizzato non è qualificato e perché intestato a una persona giuridica. Quindi non si tratta nemmeno di una firma ma di un sigillo elettronico.

WHITEPAPER
Aumenta la competitività della tua azienda con IoT e RTLS
IoT
Industria 4.0

Una firma elettronica avanzata (FEA) viene indicata tale da soddisfare i seguenti requisiti:

  • l’identificazione del firmatario del documento;
  • il controllo esclusivo del firmatario del sistema di generazione della firma;
  • il non ripudio delle firme apposte;
  • il legame indissolubile tra il documento e il firmatario;
  • la possibilità di verificare che il documento informatico sottoscritto non abbia subito modifiche dopo l’apposizione della firma.

In verità queste indicazioni sono diverse (anche se simili) da quanto stabilito nell’articolo 26 del Regolamento UE 910/2014 (eIDAS); la terza lascia perplessi. Sul tema nel Codice dell’amministrazione digitale (CAD) si stabilisce che la FEA non consente il non ripudio delle firme apposte che vale solo nei casi di firma qualificata o digitale. Il legame indissolubile tra documento e firmatario è poi una considerazione tecnica che è specifica del contesto realizzativo e non della FEA di natura “legale”.

Errore: la CIE non è una firma digitale

La Carta d’Identità Elettronica non è una firma digitale o qualificata. Può essere una FEA se si applica quanto stabilito nell’articolo 61 del DPCM 22 febbraio 2013 (nel qual caso sostituisce la FEA ma solo nei confronti della pubblica amministrazione e per i servizi di cui agli articoli 64 e 65 del CAD. Molti soggetti segnalano che hanno abilitato la CIE per la firma e poi non viene accettata nei servizi perché è richiesta una firma digitale o qualificata. Altre volte la FEA non è attivata in conformità al Titolo V del già citato DPCM 22 febbraio 2013.

Le firme con certificati di Paesi UE non sono accettate

Moltissime pubbliche amministrazioni (anche se la situazione è in via di miglioramento) non accettano firme qualificate generate con certificati emessi in Stati membri comunitari diversi dall’Italia. Questo viola il Regolamento eIDAS e crea disagi anche agli operatori esteri che hanno perso clienti in seguito di questo problema.

Manuali e documenti non aggiornati

Per quanto riguarda la formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici si può rilevare, in molti casi, che gli adempimenti normativi sono spesso soddisfatti in modo incompleto. I manuali di gestione non aggiornati, le nomine dei responsabili parziali e così via.

Anche la cura nei documenti pubblicati è parziale. Non sono datati, firmati, approvati e con numeri di versione. Gli obblighi ISO 9001 sono solo per le aziende. Risparmio al lettore casi di firme accettate solo in formato CAdES, caselle PEC piene che non legge nessuno (Es. mi invii il documento tramite Whatsapp) e gestioni documentali cartacee a tutta birra.

Risparmio anche lo scarso, confuso e con contenuti poco chiari o non aggiornati dei siti delle amministrazioni. In un sito si cerca un modulo, dopo amplissime informazioni, su trasparenza, privacy, consulenti, responsabili e altre amenità, si trova il modulo. Si compila, si porta alo sportello e si riceve la risposta che il modulo è stato aggiornato e si riceve il nuovo modulo cartaceo. In parallelo, il mercato non vuole essere da meno. In questo caso sotto esame sono le informazioni commerciali. Visto che tantissimi soggetti vendono la stessa cosa (Es. Un dispositivo di firma digitale, una firma remota, una casella di PEC, ecc.) la comunicazione commerciale è diventata martellante perché indubbiamente cruciale.

Informazioni sbagliate sui siti PA

In base ad una mia analisi a campione su 100 informazioni commerciali, con attinenza a temi dove ho la competenza per analizzare il tema ho riscontrato (numeri un po’, ma non troppo, arrotondati):

1) Informazioni inutili: 40% (Es. Esiste la firma digitale).

2) Informazioni fuorvianti: 30% (Es. Utilizzi fantasiosi della blockchain).

3) Informazioni sbagliate o fuori legge: 30% (Es. citazione di norme abrogate, proposta di operatività non consentite dalle norme).

L’aggiornamento dei siti è poi spessissimo scarso con quantità enorme di norme abrogate o informazioni parziali, inesatte o quantomeno di scarsissima utilità. Questa situazione, sempre più diffusa, crea una situazione asimmetrica tra cliente e fornitore con paradossi alla Matrix. Esiste un mondo reale pieno di problemi e blocchi funzionali del sistema di riferimento (ci si riferisce spesso alla burocrazia inefficiente) al quale, principalmente la PA, oppone ed esalta l’innovazione digitale, nuove funzionalità o altre meraviglie.

Non tratto del terzo problema che comunque definisco “Adempimento amministrativo selvaggio o furore tecnologico”. In altre parole, basta che pubblichi un documento, magari copiato o realizzo un servizio online inutile. Nei casi peggiori attivo dei servizi senza che qualcuno li renda utilizzabili. Questa realtà può portare a innovazione virtuale con il rischio di non utilizzare al meglio i finanziamenti PNRR.

Conclusione

Per fortuna possiamo individuare anche le buone pratiche. Anche queste però vengono spesso esaltate oltre la loro effettiva complessità e oscurando i ritardi accumulati rispetto ai tempi previsti per la messa in opera. Allo stato dell’arte si può senz’altro citare i servizi fiscali per le abitazioni, l’ANPR e gli sforzi in corso presso INPS per migliorare il portale (ancora un po’ complesso da utilizzare, anche per esperti).

La riflessione finisce qui. Un auspicio per il futuro è che si parte dalle norme, copiandole dai testi normativi e su di esse si costruiscano servizi efficaci e efficienti senza annunci “rumorosi” ma con un adeguata attenzione per l’utilizzatore. Non va bene il burocrate che, se non capisce, adatta.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2