vademecum

Se la prova documentale è falsa: ecco le tecniche forensi per trovare la verità



Indirizzo copiato

Il grafologo forense si trova talvolta a dover valutare la veridicità di una prova documentale la cui autenticità viene messa in discussione: vediamo come fare per arrivare alla soluzione, approfondendo anche un caso accaduto in tribunale a Roma

Pubblicato il 1 feb 2024

Lorella Lorenzoni

Grafologa forense, esperta in accertamenti su firme grafometriche

Bruna Pascali

avvocato grafologa forense esperta in accertamenti grafometrici



Conservazione documentale
Conservazione documentale

Molti sono gli aspetti che si interfacciano nella ricerca della verità, soprattutto quando sono in gioco interessi personali meritevoli di tutela in ambito giudiziario. Cosa accade se, nella ricerca della verità, vengono inseriti elementi di prova totalmente falsi? Nella ricostruzione della realtà fattuale, in caso di contenzioso, è demandato alle parti dimostrare con prove documentali la veridicità di quanto affermato, ma spesso anche l’autenticità della documentazione utilizzata come fonte di prova viene posta in discussione.

Nei casi di contestazione sull’autografia dei documenti prodotti in giudizio (disconoscimento o querela di falso) il grafologo forense viene incaricato dal Giudice, attraverso il confronto con scritture di provenienza certa, di accertare la riferibilità dello scritto o della firma all’apparente sottoscrittore. Anche in tale contesto, tuttavia, è possibile che la documentazione fornita per il confronto non corrisponda ai requisiti di autografia.

Depistaggi nelle indagini forensi: come avvengono

Sono numerosi i casi di indagini in cui sono stati creati depistaggi o testimonianze false, occultamento di documenti; ma ancora più insidiosa è la documentazione creata ad hoc per allontanare dalla realtà oggettiva dei fatti creando un’apparenza di verità inesistente.

Il rischio è aumentato esponenzialmente negli ultimi tempi, con il diffondersi della IA e l’ampia diffusione delle prove digitali in ambito processuale: la facilità con la quale gli attuali software di IA riescono a modificare/ricreare in modo artificioso immagini, video, audio, rende ancor più difficoltoso rintracciare il confine tra vero e falso.

E’ lecito chiedersi, dunque, cosa accade se, nell’ambito di accertamenti su manoscritti e firme cartacee (ma anche su firme digitali) la campionatura messa a disposizione per la comparazione e il confronto con la firma indagata risulta artefatta?

Il labile confine tra verità e falsità

Anche nella linguistica, secondo Aristotele, i concetti di verità e falsità non sono proprietà dei termini singoli, che isolatamente non sono né veri, né falsi, ma sono proprietà del giudizio che li connette e diventano veri o falsi in rapporto al significato finale. Relativamente agli accertamenti su manoscritture[1] può accadere che vengano prodotti in modo artificioso campioni di confronto di scritture riferibili ad altri soggetti, documenti apparentemente credibili e creati appositamente per fuorviare l’esperto.

Come si fa un falso

La casistica relativa a campionature false tra le scritture comparative è notevolmente ampia: è possibile ricreare timbri, loghi di Comuni e Province, modulistica con carta intestata, fatture. Possono essere apposte firme da altri soggetti su documenti creati ad hoc per ingenerare nel consulente che svolge l’indagine tecnica l’apparenza di una provenienza sicura comprovante la riferibilità al soggetto indagato (o che ha disconosciuto la paternità del documento).

In caso di contratti bancari o altri contratti conclusi a distanza, può accadere che le firme su documenti ai fini di investimento non siano state apposte dall’intestatario del rapporto bancario ma dal consulente finanziario, previo accordo con il cliente, per accelerare la tempistica di qualche operazione. La ricerca del vero si confonde con prove artefatte che, anziché condurre alla verità, ingenerano il paradosso della “non verità”.

Spesso il falso documentale viene posto in essere con tecniche sempre più sofisticate. Le attuali metodologie per contraffare portano a risultati accurati: difficile smascherare il documento falso da quello originale in quanto possono essere ricreate in modo dettagliato filigrane, inchiostri e firme.

Falso documentale, le tecniche per scoprire la verità

Negli accertamenti su documenti cartacei, l’indagine tecnica dell’esperto grafologo deve essere svolta con accuratezza ed adeguata strumentazione, sia sul documento in contestazione (disconosciuto o contestato), sia su tutta la documentazione prodotta dalle parti ai fini della comparazione, in quanto l’insidia potrebbe celarsi proprio nella falsità di tali documenti .L’esperto deve mettere in atto tutta la sua esperienza e andare oltre l’apparenza.

Nelle prime ispezioni strumentali su carta è fondamentale la disamina con la luce wood e una fonte di luce in trasparenza che garantisca un esame accurato della filigrana, che potrebbe far rilevare qualcosa di anomalo.

Bisogna analizzare il tipo di carta, la grammatura, lo spessore e la presenza di contrassegni identificativi o anomalie (sbavature, solchi ciechi, tracce di stampa ecc).

La coerenza dello scrivente

Nella produzione di numerosi campioni di scritture comparative l’occhio dell’esperto deve invece saper ritrovare la coerenza anche di fronte alle naturali variazioni di scrittura: deve persistere, infatti, nelle scritture autografe un’omogeneità di stile, per cui è possibile accertare se vi sono elementi grafici dissonanti che potrebbero ricondurre ad un altro soggetto.

Osservando nell’insieme le scritture che rappresentano il campione comparativo l’esperto deve riuscire a comprendere se vi è “armonia” o “rigetto”.

In letteratura peritale O. Del Torre scrive. “la prima precauzione da prendersi, accettando degli scritti di comparazione, è di accertarsi della loro origine.[ …] si sono visti dei disonesti fornire degli scritti di comparazione, pur sapendo esattamente che non provenivano dalla persona”[2]

Un insolito caso di documenti fuorvianti

A dimostrazione della frequenza di documenti inclusi in modo mirato per fuorviare le indagini è interessante il caso, recentemente accaduto, di disconoscimento di firma su riconoscimento di debito, con produzione di documenti comparativi totalmente artificiosi.

Il caso, oggetto di accertamento grafo-tecnico presso il Tribunale di Roma, vedeva protagonista un soggetto che aveva disconosciuto la sua apparente firma su un riconoscimento di debito manoscritto e dallo stesso firmato con sigla (abbreviazione) posta accanto alla firma del creditore.

All’apertura dell’indagine l’indagato aveva prodotto al consulente tecnico la denuncia di smarrimento di tutti i documenti e una nuova carta d’identità firmata con grafia estremamente calligrafica ed elementare,

Va precisato che in giudizio, in caso di disconoscimento della scrittura, è onere della parte che intende avvalersene produrre o indicare le scritture di comparazione (artt. 214, 216 cpc). Tali scritture, di prassi, vengono concordate tra le parti e solo in caso di disaccordo il Giudice ammette quelle di provenienza certa (atti pubblici) o riconosciute.[3]

Nel caso di specie, i documenti comparativi risultavano troppo omogenei tra loro e incompatibili con lo stile autografo dell’indagato, ma non coerenti con la sequenza temporale degli atti.

Anche nel saggio grafico (scrittura sotto dettatura davanti all’esperto) lo stile dell’indagato evidenziava una grafia molto elementare e nessuno stile siglare.

Nel prosieguo dell’indagine, la ricerca degli originali consentiva di accertare che tutti i documenti erano stati artificiosamente creati in quanto non esistevano né l’impresa, né il logo, né la partita iva: le scritture comparative rivelavano la falsità anziché l’autografia.

Il paradosso della falsità nei documenti d’identità

Il caso prospettato non è insolito, in quanto l’insidia nel riconoscimento della verità risiede spesso proprio nei documenti che dovrebbero essere per definizione “autentici”, cioè i documenti di riconoscimento. Spesso sono proprio le carte d’identità, le patenti, i passaporti ad essere volutamente alterati per ingenerare nel consulente tecnico l’erroneo affidamento sulla riferibilità della firma all’effettivo sottoscrittore.

Le cautele da adottare in caso di accertamento grafo-tecnico devono prevedere, pertanto, l’acquisizione dell’originale e, ove non disponibile, il rifiuto di documentazione in copia priva del timbro di conformità o incompleta (es. fotocopia solo fronte senza retro). In caso di documenti di identità il consulente tecnico può essere autorizzato alla ricerca, presso gli Uffici competenti, degli originali dei cartellini anagrafici contenenti le firme in originale apposte dinanzi al funzionario, che accerta l’identità del sottoscrittore.

La sfida dell’IA nella lotta al falso documentale

Proprio per ridurre i rischi di falso documentale, la nuova modulistica adottata per i passaporti e altri documenti d’identità ha previsto l’inserimento di misure anti-frode sempre più sofisticate, finalizzate a contrastare la contraffazione attraverso tecnologie digitali (es. microchip). Tuttavia tali misure sembrano, ad oggi, non essere sufficienti a neutralizzare l’attività dei falsari e cybercriminali, che prendono di mira soprattutto passaporti e carte d’identità.

Le statistiche sull’evoluzione dei falsi, anche digitali, confermano che il nostro paese presenta ancora carenze sulle misure di sicurezza anti-frode, tanto che il passaporto italiano risulta essere il secondo documento più falsificato al mondo.

La verifica dell’identità e autenticazione dei documenti, sia cartacei che digitali, ha assunto un ruolo chiave negli ultimi anni, tanto che sono nate società specializzate nell’attività di ricerca e supporto nell’accertamento dell’identità e nella ricerca di soluzioni per ostacolare le frodi.

I dati di Onfido

Tra esse, la società Onfido, che si occupa di autenticazione e verifica delle identità digitali, ha pubblicato recentemente un resoconto (l’Identity fraud report 2024)con il quale evidenzia il trend delle contraffazioni nel mondo, indicando i tipi di documenti maggiormente oggetto di frode, anche in base alle aree geografiche.

In base ai dati forniti, il passaporto italiano sembrerebbe essere il secondo documento più falsificato al mondo, preceduto soltanto da quello indiano.

Il trend relativo al tipo di documento falsificabile tiene conto sia della diffusione dello stesso in un determinato Paese, sia della presenza di versioni meno recenti che non presentano i caratteri anti-frode attuali e possono essere, perciò, più facilmente alterabili.

In generale, comunque, la tendenza del 2023, in base al report, mostra un aumento della falsificazione dei documenti digitali, specie le carte d’identità nazionali rispetto alla contraffazione di documenti cartacei.

Il dato sembra essere in aumento in quanto la manipolazione digitale delle immagini rislta ad oggi più rapida, agevole ed economica rispetto alla creazione di documenti cartacei falsi, specialmente grazie all’incremento delle applicazioni che sfruttano l’Intelligenza Artificiale.

Anche i dati biometrici sono divenuti bersaglio dei cybercriminali: i dati statistici mostrano che nell’ultimo anno sono aumentate notevolmente le falsificazioni di tali tipologie di dati (contenuti in immagini e video), di pari passo con la frequenza con cui gli stessi vengono utilizzati a fini identificativi (ad es. come procedura di sblocco di smartphone).

In base ai dati raccolti, risulta evidente che la tecnologia deve trovare soluzioni innovative per contrastare le contraffazioni. L’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale è una delle soluzioni che si stanno recentemente sviluppando al fine di realizzare un modello di software in grado di rilevare in modo sempre più accurato le alterazioni e frodi documentali, contribuendo a ridurne la diffusione ancor prima che si renda necessario la verifica da parte delle autorità o in sede giudiziaria.

I tool grafometrici come ausilio per l’autenticazione

Nell’ambito della biometria, i dati del volto o le impronte digitali risultano ad oggi bersaglio sempre più frequente delle frodi digitali. Tuttavia, tra i dati biometrici cd. “comportamentali”, la scrittura su tablet grafometrici garantisce maggiore resistenza alla contraffazione, se associata ad un corretto processo di creazione, che preveda la preventiva autenticazione del sottoscrittore.

Nella redazione della firma grafometrica, infatti, non è possibile risalire, partendo dai dati biometrici, all’identità del sottoscrittore. Tuttavia, il processo di firma che garantisca il rispetto dei parametri della FEA (Firma Elettronica Avanzata) deve prevedere il preventivo riconoscimento del sottoscrittore, nonché l’acquisizione del consenso firmato dello stesso.

Tali fasi garantiscono la sicurezza sulla riconducibilità della firma grafometrica al sottoscrittore in fase di redazione. In caso di disconoscimento della firma grafometrica, l’analisi dei dati biometrici acquisiti consente di accertare la riferibilità o meno al soggetto sottoscrittore, in quanto il dato biometrico scritturale, nelle sue componenti dinamiche e spaziali (posizione, tempo, pressione, velocità) è altamente identificativo e non riproducibile da un falsario.

Al pari del timbro di voce o dell’andatura, il ritmo scrittorio personale, nelle sue caratteristiche modulazioni, rappresenta ancora un elemento significativamente connotativo, che tuttora garantisce un alto livello di sicurezza contro le contraffazioni.

Note

  1. Falso+falso= vero l’argomento delle comparative false è stato trattato anche con un intervento di Marisa Aloia in vari convegni grafologici forensi
  2. O.Del Torre Grafologia Moderna Ed.Meditarranee pag.31
  3. Art. 217 cpc; “Nel determinare le scritture che debbono servire di comparazione, il giudice ammette, in mancanza di accordo delle parti, quelle la cui provenienza dalla persona che si afferma autrice della scrittura è riconosciuta oppure accertata per sentenza di giudice o per atto pubblico (2).”

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3