L'approfondimento

Sostenibilità e supply chain, le raccomandazioni del World Manufacturing Forum per il 2023

Il World Manufacturing Forum 2022 è stata l’occasione per ragionare sulle dieci raccomandazioni, tradizionale contenuto del report legato all’evento, per l’industria manifatturiera: a ciò si aggiungono i punti di vista e i consigli di numerosi manager che hanno portato le loro esperienze aziendali

Pubblicato il 21 Dic 2022

Marco Taisch

Politecnico di Milano e World Manufacturing Forum Scientific Chairman

industry-4.0

Nonostante i diversi accadimenti che ci hanno accompagnato a partire dal 2020, siamo riusciti anche quest’anno a riunire esponenti industriali, accademici e rappresentati di governo all’edizione del World Manufacturing Forum 2022 intitolata “Redesigning supply chains in the new era of manufacturing”. Più di trecento esperti ed esponenti politici nazionali ed internazionali si sono incontrati per due giornate con l’obiettivo di discutere e promuovere tutte quelle azioni necessarie per progettare le nostre supply chain nella nuova era del settore manifatturiero che, come è bene ricordare, rappresenta il 17% del PIL globale, garantisce un’occupazione diretta pari al 13,7% e costituisce il 71% del commercio mondiale.

L’Europa che verrà sarà verde e digitale: ecco i punti chiave del 2023

Le dieci raccomandazioni del World Manufacturing Report 2022

Durante l’evento è stato presentato il World Manufacturing Report 2022 che, come da tradizione, ha messo in luce le 10 raccomandazioni per il futuro.

INFOGRAFICA
Come sfruttare al meglio i fondi del PNRR per rinnovare gli impianti idrici
IoT
Industria 4.0
  1. Avoid overreactive policies that bring back the pendulum of globalisation
  2. Ensure prudent, clever, entrepreneurial, and proactive redesign of supply chains to secure critical supply
  3. Adopt an iterative and continuous improvement approach to supply chains
  4. Design products for an agile redesign of supply chains
  5. Exploit the opportunity of redesigning supply chains to drive circularity and sustainability
  6. Accelerate the urgent adoption of digital tools as enablers for resilient and adaptive supply chains
  7. Support small and medium enterprises by including them in the redesigning of the supply chains leveraging on their capabilities and addressing their needs
  8. Adopt a multi-dimensional approach to consider geopolitical risks and other non-cost factors in redesigning supply chains
  9. Recognise skills as the next missing factor in production
  10. Take action through policies to empower responsible consumer behaviours to reach a stable economic development

Le raccomandazioni degli esperti internazionali del WMF nascono dopo un’attenta analisi dei principali megatrend che stanno colpendo la nostra società nel suo complesso e che vedono il settore manifatturiero tra i principali protagonisti. Tra questi, si menzioni una limitata disponibilità dei fornitori per blocchi accidentali dovuti a lockdown o limiti logistici, che implica talvolta una limitata disponibilità delle “critical raw materials”. Inoltre, tramite la digitalizzazione, si vede sempre più come le skills necessarie non siano così diffuse tra i lavoratori, e risulta quindi sempre più difficile garantirsi il personale adeguato in termini di numero e di competenze. Tali concetti sono stati rielaborati e confermati dai vari speaker durante i keynote e le tavole rotonde avvenuta nei giorni del WM Forum. Tra le keyword più utilizzate sono infatti emersi i termini skills, digitalizzazione, sostenibilità, consumatori, piccole medie imprese e “do not overreact”.

Quest’ultima, in particolare, è stata menzionata più volte, ad esempio, da Francesco Ferrero, Direttore del dipartimento ITIS del Luxembourg Institute of Science and Technology (LIST) e da Klaus Beetz, CEO di EIT Manufacturing, che hanno sottolineato la necessità di condurre in primis un’analisi attenta della situazione per non prendere decisioni che altrimenti potrebbero risultare affrettate. A titolo d’esempio, LIST, durante i primi lockdown del 2020, ha sviluppato una torre di controllo che permettesse di monitorare l’intera supply chain in real time al fine di prendere decisioni accorte in base alle esigenze riscontrate.

Lo scenario per le PMI

Per quanto riguarda l’attenzione alle piccole medie imprese, è più volte emersa la necessità di coinvolgere, formarle e supportarle affinché possano essere integrate nel migliore dei modi all’interno della filiera. Michela Rubegni, Head of Marketing Director EU di Alibaba, tra i vari, ha posto l’accento su quanto sia necessario supportare le piccole e medie imprese nella trasformazione digitale. Roger Suarez, Int’l Networks Manager, ACCIÓ – Catalan Agency for Business Competitiveness, Government of Catalonia ha presentato il piano di sviluppo della Catalogna ponendo l’attenzione tra le altre cose sui Digital Innovation Hub (DIH) che hanno un ruolo fondamentale e strategico, ad esempio come test beds platform, per le piccole e medie imprese.

Il ruolo dei consumatori: casi aziendali

Sebbene più volte sia stato sottolineato il ruolo cardine all’interno delle filiere delle piccole e medie imprese poiché componenti principali, non va sottovalutato il ruolo fondamentale dei consumatori per l’innovazione lungo tutta la filiera. Infatti, l’innovazione è sempre più stimolata e supportata dal coinvolgimento in prima persona dei consumatori stessi che portano alle aziende le loro esperienze e le loro esigenze. Inoltre, come sottolineato tra gli altri da Porsche, IBM, Salesforce e Natuzzi, molte aziende, sia B2C che B2B, hanno lavorato e stanno ancora lavorando per migliorare l’esperienza dei propri consumatori a partire dall’acquisto del prodotto alla sua ricezione.

Basti pensare al settore automobilistico, che a causa della scarsità di alcune risorse prime sta allungando di diversi mesi le consegne delle automobili, ma deve altresì evitare di mettere da parte le esigenze dei consumatori. A titolo d’esempio, Pietro Innocenti, CEO di Porsche Italia, ha messo in luce le attività proposte dall’azienda per fare in modo che l’acquisto sia un’esperienza unica da condividere con amici e parenti così da alleviare l’attesa.

IBM e Salesforce

Andreas Kumichel, CTO & Director Industry Engineering Manufacturing & Energy Industries di IBM e Matthew Simpkins, RVP EMEA Industry Advisor Manufacturing and Automotive di Salesforce, entrambi nel mondo B2B, hanno voluto sottolineare la necessità di sfruttare l’avanzamento tecnologico per essere presente nei confronti del cliente in qualunque momento e dovunque, facendo leva, secondo Andreas Kumichel, sugli standard affinché sia possibile creare un ecosistema integrato.

Natuzzi, Leonardo e PTC

Pasquale Junior Natuzzi, Chief Creative & Marketing Officer, Regional Manager Emerging Markets di Natuzzi, così come altri, ha posto l’accento anche sulle potenzialità che l’avanzamento tecnologico porta non solo per il coinvolgimento del consumatore stesso, al fine di migliorarne la sua esperienza, ma anche per migliorare i livelli di sostenibilità tramite innovazione di processo e di prodotto.

Anche Fabio Barsotti, Executive Vice President Manufacturing and Program Management di Leonardo, infatti, ha presentato il suo progetto “Be Tomorrow – Leonardo 2030”, all’interno del quale, vi è la creazione di una serie di laboratori focalizzati su specifiche tecnologie, come ad esempio l’intelligenza artificiale, che possano portare innovazione, tra le altre cose, anche su aspetti legati alla sostenibilità.

A livello B2B, anche Florian Harzenetter, Business Development Senior Director di Parametric Technology Corporation (PTC) ha posto l’attenzione sulla necessità di supportare il proprio cliente nella creazione di un’infrastruttura digitale che possa anche guidare il cliente stesso in un percorso di trasformazione ecologica. Rainer Brehm, CEO Factory Automation di Siemens, dal canto suo, ha presentato il progetto E2E logistics che si pone l’obiettivo di ottenere una piattaforma di piena trasparenza lungo tutta la supply chain favorendo una maggior resilienza e migliori perfomance in ambito di sostenibilità.

Priorità: un approccio sostenibile

La sostenibilità risulta per tutti, infatti, il punto chiave per procedere in questo nuovo contesto manifatturiero e sforzi nel migliorare le proprie performance sono state registrate dai più, tra cui Marco Nocivelli, Chief Executive Officer and Chairman di EPTA Group e presidente di ANIMA Confindustria, Martin Blok, Managing Director Sales di DHL Express Italy, e Pietro Innocenti, CEO di Porsche Italy. A titolo d’esempio si riporta il passaggio a veicoli elettrici di DHL al fine garantire sempre un servizio di qualità verso il cliente riducendo nel frattempo l’impatto ambientale. Nella stessa direzione, Porsche ha da un lato sviluppato un parco macchine elettrificate, dall’altro ha posto l’attenzione sulla ricerca di nuovi combustibili sintetici ad impatto zero. Inoltre, un altro aspetto non sottovalutabile è la sostenibilità sociale, ed in tal senso, Porsche ha studiato come realizzare veicoli per persone con disabilità.

Competenze, l’opinione delle aziende

La sostenibilità sociale copre anche tutti quegli aspetti non trascurabili riguardanti le competenze e i talenti da acquisire per far fronte alle nuove esigenze del settore manifatturiero e non solo. Secondo Rhonda Barnet, CEO di Palette Skills, i talenti sono d’ovunque, ma la cosa che manca è la loro valorizzazione; ed è proprio questa la missione di Palette Skills: supportare le persone nell’individuare e valorizzare il proprio talento. Tale azione risulta ancor più importante oggi che si parla di “great resignation”, iniziata nel periodo dei primi lockdown dovuti al Covid, che sta portando le persone a cercare il lavoro ottimale in grado di garantire loro un buon bilanciamento vita-lavoro, come ricorda Ralf Kholer, Director Strategy and PMO EMEA Supply Chain di Hewlett Packard Enterprise (HPE). Dunque, perché le aziende possano garantirsi le risorse umane necessarie per il loro business, da un lato, come suggerito da Ugo Caratti, Managing Director and CFO Sales Europe South di Bosch Rexroth, è importante che facciano uno sforzo affinché i loro impiegati e operatori condividano la visione dell’azienda. Dall’altro, è importante dare valore alle risorse umane facendo ad esempio uno sforzo formativo per tutti i livelli gerarchici e supportando i singoli operatori con tecnologie avanzate, come ad esempio la robotica, come riporta Siemens.

Il paradigma della slowbalization

Inoltre, ponendo l’attenzione sulla raccomandazione relativa al concetto di “slowbalization”, alcuni speaker, tra cui Josef Nierling CEO di Porsche Consulting Italy, Cyiong Zou, Managing Director, Directorate of Technical Cooperation and Sustainable Industrial Development di UNIDO, Jurgen Tiedje, Head of Unit, DG Research and Innovation della Commissione Europea, Francesco Lecis, partner di Ernst&Young (EY) e Hans Krattenmacher, Chief Technical Officer Mechatronics di Sew-Eurodrive, hanno voluto sottolineare che la globalizzazione, anche se in parte rallentata, esiste ancora. Francesco Lecis di EY suggerisce l’applicazione di misure per mitigare i rischi almeno nel breve periodo come, ad esempio, le azioni italiane volte al nearshoring. In generale, gli spostamenti da un paese all’altro richiedono un’accorta analisi e secondo Josef Nierling di Porsche Consulting, la cosa importante è garantisti la creazione di partnership oculate al fine di mantenere un’alta reputazione aziendale anche in futuro. Infine, si vogliono ricordare le parole del presidente in carica della World Manufacturing Foundation, Diego Andreis, che ha concluso l’evento promuovendo la creazione di un futuro competitivo e sostenibile per il manifatturiero, cosa che può essere raggiunta solo tramite uno sforzo congiunto di tutti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3