Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

FPA

Un nuovo paradigma PA perché il 2018 non sia l’anno zero dell’innovazione

11 Dic 2017

Gianni Dominici

Direttore generale, FPA


A settembre scade il mandato di Diego Piacentini (commissario all’Agenda Digitale nominato dal Governo Renzi). A marzo quello di Antonio Samaritani (Agenzia per l’Italia Digitale). Il 2018 rischia di essere anno zero dell’innovazione. Non ce lo possiamo permettere e anzi dobbiamo accelerare.

Non è stato un anno di paralisi, il 2017. La PA si è mossa, come visto nel nostro annuario. Ma si è mossa troppo lentamente. È davvero il tempo di fare innovazione radicale, non basta più quella incrementale.

La lentezza si sposa con almeno due problemi: la resistenza al cambiamento e uno sviluppo dell’innovazione frammentato geograficamente.

Nel nostro annuario abbiamo visto che la PA ha quattro approcci all’innovazione. Il primo è burocratico, quello che vede l’innovazione ancora come un adempimento.

Il secondo è funzionale, ne riconosce un ruolo per il miglioramento dei servizi. È un approccio che viene dal paradigma dell’egovernment. I nuovi, importanti strumenti lanciati di recente anche dal Team di Piacentini rispondono ancora a questo approccio: la PA migliora sé stessa introducendo tecnologia.

Il terzo approccio abbandona la logica bipolare, è un approccio collaborativo: l’innovazione serve a instaurare un nuovo rapporto tra cittadini e imprese. Ascolto dei cittadini per sviluppare servizi migliori. È l’approccio dell’open gov.

Il quarto approccio è una prospettiva: quello abilitante. Lo Stato partner. Un modo completamente diverso di intendere il rapporto tra territorio e istituzioni. Cittadini e imprese sono coinvolti nell’esame del bisogno e nella progettazione dei servizi, in una logica del co-design.
Tutti gli approcci sono al momento presenti in Italia. Questa è la PA che ci troviamo davanti adesso.

Abbiamo bisogno quindi di una PA che ha bisogno soprattutto di competenze, formazione. Abbiamo bisogno di strumenti perché si affermi l’approccio dello Stato partner. E lo strumento più importante è quello della cultura della rete, trasformando i dipendenti pubblici da rematori a timonieri, in grado di governare i processi.