approfondimento

Verso l’Internet of value: come blockchain cambia la gestione delle informazioni e la produzione di energia

Tutti noi nei prossimi cinque anni in qualche modo avremo a che fare con la tecnologia blockchain, innovazione che permette il passaggio a un paradigma della rete basato sulla Internet of value e influisce sulle modalità di gestione delle informazioni, oltre ad avere impatto sulla produzione di energia: ecco le prospettive

14 Ott 2022
Luciano Serra

Imprenditore e C- Level Executive - Iconium Blockchain Ventures Coordinatore scientifico del Master Blockchain: internet of things e nuovi modelli di business della 24ORE Business School

blockchain IoT

La blockchain, più che una nuova tecnologia, è un nuovo paradigma e una nuova modalità per la gestione dei dati e delle informazioni. Per questo è così importante e pervasiva: per la prima volta nella storia dell’uomo, una tecnologia consente di processare informazioni garantendo la reale immutabilità del dato e dando la possibilità di certificare la storia di tutte le transazioni avvenute su un sistema, su una rete o su un determinato ambiente, senza bisogno di un intermediario, sia esso un notaio, una banca o più una generale un garante che si interpone tra i due attori coinvolti nella transazione.

Questo perché la blockchain consente di realizzare un ledger, un libro mastro che presenta due caratteristiche fondamentali. Da un lato è decentralizzato, in quanto esiste in un numero multiplo di copie, ed è gestito in modo distribuito e non all’interno di un solo server di un’azienda. Dall’altro lato, è reso sicuro con la crittografia per utilizzare una rete peer to peer per lo scambio di informazioni, valori o denaro, senza il bisogno di un soggetto terzo che faccia da intermediario. È la prima volta che questo accade e permette, quindi, di formalizzare una transazione con un soggetto sconosciuto avendo la certezza del buon esito dell’operazione e senza la necessità di un garante.

Criptovalute, strumento di riscatto o pericolo per le economie più fragili? Ecco rischi e vantaggi

In questo sta il fulcro della blockchain e quindi la sua prima caratteristica disruptive: perché consente di applicare tutto ciò in molteplici contesti, permettendo di compiere uno switch dall’Internet of information, ovvero la rete che noi consociamo e utilizziamo oggi, principalmente scambiando informazioni, a una Internet of value, in cui possiamo addirittura scambiare titoli di proprietà o creare le nostre digital identity per fruire del metaverso.

Questo è il salto dalla Rete di oggi a quella di un domani che è già molto vicino. Ma a differenza di tante altre innovazioni definite come “disruptive”, la blockchain è talmente pervasiva che coinvolgerà tutti noi. Tutti sperimenteremo questa tecnologia, come cittadini, come consumatori o come professionisti. Tutti noi, nell’arco dei prossimi cinque anni, direttamente o indirettamente, esplicitamente o implicitamente, avremo a che fare con la blockchain. E questo potrà accadere senza che nemmeno ce ne accorgiamo, perché saremo mediati da applicazioni che implicitamente fanno uso della blockchain.

La trasversalità applicativa della blockchain

Gli ambiti applicativi della blockchain, secondo un report di qualche anno fa della società di consulenza McKinsey, possono coinvolgere fino al 90% delle aziende. La blockchain è utilizzabile lato cliente, in quanto permette la fidelizzazione e il coinvolgimento del cliente stesso come prosumer nella mia azienda, di implementare la network economy o la nostra community. In questo caso di applicazione, sfruttiamo le caratteristiche di trasparenza e immutabilità del dato che questa tecnologia consente, certificando degli elementi per il mio cliente e quindi la sua interazione con la società.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

Può essere applicata nel settore della logistica e della supply chain, garantendo l’anticontraffazione, il tracciamento dello stato di avanzamento di produzione dei beni e la certificazione della filiera di un prodotto. O ancora, possiamo utilizzarla per la tutela della proprietà intellettuale o per rendere più semplice l’interoperabilità dei dati tra aziende e fornitori.

Può essere sfruttata in ambito IoT, per certificare l’identità dei dispositivi che inviano un dato e garantire l’autenticità del dato stesso, che non deve essere hackerabile o soggetto a furto, oltre a garantire la remunerazione al proprietario del dispositivo utilizzato per fornire un determinato dato. Parliamo quindi di dare sicurezza sull’origine dei dati, su chi li fornisce e sul pagamento. Questo si traduce in microtransazioni, gestite grazie alla blockchain, che avvengono in tempo reale e che sono assolutamente fuori dalla portata dei sistemi di pagamento tradizionali.

Le competenze necessarie

Non sorprende quindi come la conoscenza della blockchain e delle sue applicazioni in ambiti professionali sia una delle prime 5 skills cercate su Linkedin dai recruiter delle aziende negli ultimi due anni. A fronte di una forte carenza di personale formato su questi temi sono importanti le azioni messe in atto sotto forma di master professionalizzanti (finalizzati all’utilizzo della blockchain per esplorare nuovi modelli di business, o a come riconfigurare in questo senso servizi già esistenti nelle aziende) essendo ancora una tecnologia troppo giovane per avere ricadute all’interno dei percorsi di studi tradizionali.

La blockchain è quindi una tecnologia realmente trasversale, la cui applicazione non coinvolge solo la relazione tra aziende e persone fisiche, o il Business to Business, ma riguarda sempre più anche il rapporto machine to machine così come la machine economy, all’interno della quale si monetizzano dati prodotti da dispositivi che vengono venduti ad altri dispositivi e ad altri soggetti.

L’impatto sulla produzione dell’energia

Un’altra caratteristica di “rottura” della blockchain riguarda senza dubbio la sua capacità di creare nuovi paradigmi in settori apparentemente molto distanti, come ad esempio la produzione di energia. È una tecnologia ancora energivora, in quanto molte blockchain utilizzano operazioni di mining delle criptovalute che richiedono calcoli computazionali complessi e che necessitano di un’enorme quantità di energia consumata dai data center. Sicuramente le aziende inseguono e inseguiranno luoghi dove l’energia costa meno e, quindi, costi di produzione più bassi. Ma esistono anche dei luoghi dove, oggi, l’energia potrebbe essere prodotta a basso costo, ma che non sono convenienti a causa della distanza dalle aree di consumo.

Il trasporto dell’energia nei luoghi in cui viene consumata ha costi ingenti per gli elettrodotti e, a questo, si aggiunge la dissipazione su lunghe distanze. Cosa implica questo? Una nuova catena di produzione dell’energia. I luoghi a basso costo di produzione di risorse energetiche potranno essere adibiti alla produzione di energia al fine di auto-consumarla, per reggere “l’urto” della blockchain e più in generale i costi computazionali. Ne deriva che sarà più conveniente produrre energia dove oggi non lo sarebbe, perché non c’è più necessità di trasportarla. In questo modo l’energia viene infatti consumata in loco e ciò che viene trasportato, via etere, è ad esempio il bitcoin, cioè proprio il valore aggiunto generato senza trasportare e dissipare energia.

È fondamentale andare oltre la concezione di localizzare i data center dove l’energia già viene prodotta, pensando invece a produrre nuova energia dove non sarebbe teoricamente conveniente, se non appunto per l’autoconsumo.

Un nuovo equilibrio tra proprietà individuale e consenso sociale

In conclusione, la blockchain è quindi già tra noi. In maniera a volte “nascosta” si sta introducendo nella vita delle persone, in quanto, a differenza dei social network, non ne abbiamo la percezione visiva, essendo una tecnologia che lavora dietro le quinte e che fa da abilitatore a tutta una nuova ondata di servizi, sistemi e network, come il metaverso. A livello sociale, la comunità si è inizialmente divisa di fronte alla blockchain e abbiamo visto anche una forma di denigrazione verso questa tecnologia e verso le stesse criptovalute. Ma nel frattempo la blockchain è cresciuta e maturata e sta aumentando la propria scalabilità: ciò significa che può essere più efficiente, stabile e meno costosa.

Il primo vantaggio della Blockchain è quello di garantire un sistema “tra pari”, in cui non c’è una gerarchia di attori. La blockchain ci permette di creare ecosistemi, ad esempio tra imprese che si trovano a confronto con una pluralità di soggetti diversi. È un nuovo equilibrio tra proprietà individuale e consenso sociale: un modello blockchain è un modello nuovo, che va oltre il contratto o la fiducia.

La ricaduta della Blockchain in Italia è rilevante e in questo senso il ministero dell’Economia ha recentemente spinto molto l’infrastruttura blockchain con l’industria 4.0. È una tecnologia capace di innovare l’azienda portandola a un livello di modernità internazionale, permettendo di competere su scenari globali usando una tecnologia al passo con i tempi. La ricaduta economica che genererà sarà un fatto concreto: già oggi, a livello industriale, esiste un livello di adozione della blockchain molto interessante e se, fino a tre anni fa, persisteva un senso di “sospetto” da parte dall’industria tradizionale, oggi sempre più realtà sono al lavoro per introdurla. Lo stesso processo che avevamo visto accadere nelle società di servizi. È quindi cruciale capire e individuare gli ambiti ad hoc che consentono a ogni verticalità di utilizzare la blockchain, non come strumento di marketing, ma come un pilastro dell’innovazione futura.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4