Lo scenario

Whistleblowing, perché si rischia di finire dalla padella alla brace: tutti i nodi della nuova normativa

In ritardo di un anno sui tempi richiesti dall’UE, sta per entrare in vigore la nuova legge sulla protezione dei whistleblower: tuttavia, il provvedimento presenta alcuni fronti critici che è bene approfondire, come un presunto peggioramento relativamente ad alcuni ambiti rispetto alla disciplina attuale

Pubblicato il 27 Feb 2023

Priscilla Robledo

LL.M. whistleblowing expert, The good lobby

whistleblowing

Siamo alle soglie della scadenza per l’approvazione del decreto legislativo di recepimento della direttiva (UE) 2019/1937 riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione (whistleblower). Con un ritardo di oltre un anno sulle tempistiche richieste dall’Unione europea, in quanto il recepimento era previsto per dicembre 2021, dopo che la prima legge delega del precedente Parlamento all’allora Governo era stata fatta scadere e dopo mesi di silenzio di un legislatore sordo alle ripetute richieste della società civile di coinvolgimento nella stesura del provvedimento, finalmente l’anno nuovo ha portato a una rinnovata attività legislativa. Ci si aspetta che il provvedimento diventi legge a marzo 2023.

La bozza di decreto approvata dal Consiglio dei Ministri è passata sia al vaglio delle Commissioni parlamentari competenti sia del Garante Privacy, che l’hanno in sostanza approvata. Anziché operare un allineamento certosino integrativo della disciplina europea nella legge italiana già in vigore (la l.179/2017), il provvedimento propone più o meno pedissequamente quanto contenuto nella direttiva, con alcune modifiche “all’italiana” che però contengono diverse criticità. Ci si aspetta che il provvedimento diventi legge a inizio marzo, anche perché lo scorso 15 febbraio, nelle more dell’approvazione l’Italia è stata destinataria, insieme ad altri sette stati dell’Unione, di una procedura di infrazione per mancata trasposizione nei termini imposti dalla direttiva.

Whistleblowing nel settore privato: come adeguarsi nel rispetto della privacy

Il nodo della non regressione

Nell’audizione dinanzi alle Commissioni riunite II (Giustizia) e XI (Lavoro pubblico e privato) lo scorso 12 gennaio 2023, The Good Lobby ha elencato queste criticità nella speranza che il legislatore ne cogliesse il carattere dirimente. In primo luogo salta all’occhio il tema della non regressione. La direttiva prevede che l’introduzione della nuova normativa non possa peggiorare le condizioni di tutela dei whistleblower in quei Paesi in cui, come in Italia, una disciplina è già presente. La legge delega ribadisce la clausola di non regressione. Eppure ai sensi della bozza di decreto legislativo vi sarebbe un peggioramento in almeno due casi: in primo luogo, prevede solo la segnalazione di violazioni di norme, mentre la legge nazionale dà la possibilità di segnalare non solo condotte illecite ma anche possibili irregolarità o abusi.

WHITEPAPER
Electronic Data Interchange: come estenderne i benefici all’intera supply chain
Digitalizzazione dei documenti
Logistica

La differenza non è di poco conto, se si pensa che la grande maggioranza delle segnalazioni che avvengono nel nostro Paese riguardano proprio abusi e irregolarità, e più raramente vere e proprie violazioni e illeciti. Sono gli abusi e le irregolarità, infatti, ad avere terreno più fertile in un Paese in cui proliferano norme e procedure, soprattutto nel settore pubblico. Non solo sono questi gli atti di cui è più comune essere testimoni, ma è anche vero che a queste fattispecie può essere più facilmente posto rimedio internamente a un ente, se ne si ha contezza. In questa prospettiva favorire una attività di whistleblowing innesca quel circolo virtuoso che sottende alla ratio della norma: incoraggiare la segnalazione interna di irregolarità promettendo tutela, e favorendone una soluzione intra moenia.

Le segnalazioni esterne

Il secondo aspetto che nella bozza di decreto è peggiorativo rispetto alla disciplina italiana attuale riguarda le condizionalità poste alle segnalazioni esterne verso l’Autorità Nazionale Anticorruzione. Questo articolo è frutto quantomeno di un fraintendimento. La direttiva europea infatti permette le segnalazioni pubbliche (quindi non alle autorità competenti bensì alla stampa) in alcuni casi fra loro alternativi: quando il/la segnalante ha segnalato internamente o esternamente ma non ha ricevuto riscontro; quando il/la segnalante aveva fondati motivi di ritenere che la violazione potesse costituire un pericolo imminente o palese per il pubblico interesse, (una situazione di emergenza, il rischio di danno irreversibile); oppure infine nel caso in cui nell’effettuare una segnalazione alle autorità competenti (esterna), sussista il rischio di ritorsioni o di insabbiamento per via delle circostanze del caso, come quelle in cui possano essere occultate o distrutte prove oppure in cui un’autorità possa essere collusa con l’autore della violazione o coinvolta nella violazione stessa.

La bozza di decreto estende questa disciplina alle segnalazioni esterne rivolte ad ANAC, mentre la legge nazionale oggi non prevede alcuna condizionalità e non impone dunque al/alla whistleblower di operare una valutazione discrezionale sull’esistenza di una delle condizioni descritte. È necessario, invece, incoraggiare i/le segnalanti il più possibile, aggiungendo nuove tutele ma preservando quelle esistenti. Diversamente si pone il/la segnalante in una brutta posizione, poiché lo/la costringe, prima di poter procedere con una segnalazione esterna, a valutare discrezionalmente se la sua segnalazione rispetta alcuni criteri specifici, ovvero se si tratta di una segnalazione rimasta senza esito o se rischia l’insabbiamento interno.

Chi può fare le segnalazioni

Il terzo aspetto su cui è necessario operare un deciso cambio di rotta è l’ambito oggettivo delle violazioni segnalabili. Il recepimento della direttiva europea avrebbe dovuto porre fine, una volta per tutte, alle disparità tra dipendenti del settore pubblico e privato, garantendo la possibilità di segnalare – con le dovute tutele – a tutti. L’attuale schema di decreto però, così com’è stato presentato, consentirebbe al settore privato di segnalare solo le violazioni del diritto comunitario dell’Unione europea e non di quello nazionale. Ulteriori disparità sono previste anche all’interno del solo settore privato: i dipendenti di aziende con modello 231, per esempio, non possono segnalare ad ANAC violazioni del diritto nazionale a meno che ciò non riguardi alcuni settori specificamente elencati; i privati di società senza modello, invece, non possono segnalare violazioni del diritto interno in nessun caso.

La disomogeneità rispetto a questa applicazione oggettiva, che è stata rilevata già da molti commentatori, fa il paio con una tecnica redazionale del decreto che, con riferimento proprio a questo punto, ha un linguaggio tutt’altro che comprensibile. The Good Lobby ha più volte segnalato la necessità fondamentale di rimettere mano a questa norma (parliamo dell’art. 3 della bozza di decreto) che è francamente inutilmente complicata oltre che dannosa. L’estrema, ma anche inutile, difficoltà di lettura e comprensione della norma non permette la comprensione chiara da parte non solo dei segnalanti di cosa possono e cosa non possono segnalare, ma anche delle aziende di cosa debbano comunicare ai loro lavoratori e si risolve, di fatto, in una mancata o negata tutela.

Conclusione

Ci preme segnalare infine un’ultima questione che, al di là degli aspetti di tutela dei whistleblower diventa una questione di democrazia. La bozza di decreto permette ad ANAC di stipulare accordi con enti del terzo settore per attività di assistenza ai whistleblower ma esclusivamente a titolo gratuito: sono tante le organizzazioni che, effettivamente, svolgono un importante ruolo di assistenza psicologica e legale ai whistleblower, spesso costretti a vivere situazioni di forte stress, isolamento e ad affrontare lunghe battaglie legali per via delle segnalazioni fatte. Tali enti, però, devono essere messi nelle condizioni di poter assistere i segnalanti in modo serio, professionale e sostenibile.

È indispensabile, quindi, che ricevano fondi sufficienti a svolgere le attività e che abbiano accesso alle informazioni interne di ANAC, anche attraverso confronti diretti e regolari con quest’ultima. Il ruolo vitale e fondamentale che le organizzazioni della società civile svolgono in questo paese, a volte sostituendosi proprio alle istituzioni pubbliche, deve essere riconosciuto e sostenuto con politiche attive.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4