il test

Google Bard in Italia: la nostra prova tecnica



Indirizzo copiato

Dai primi test sembra che Bard sia ancora meno sofisticato di GPT e in molti compiti funzioni in modo meno accurato. Vedremo nei prossimi mesi lo sviluppo di entrambi i modelli e soprattutto dell’integrazione con altre piattaforme

Pubblicato il 17 lug 2023

Antonio Cisternino

Università di Pisa



intelligenza artificiale ai act

Google ha finalmente rilasciato anche in Italia Bard, l’interfaccia che consente di utilizzare il modello LLM chiamato PaLM-2 che usa 340 miliardi di parametri (contro i 175 miliardi del modello GPT-3.5).

Nuovo Google Bard: lingua italiana, upload immagini e altro

È un fatto significativo perché i modelli LLM che sono capaci di parlare l’italiano non sono molti ed è quindi una buona notizia che se ne aggiunga uno nuovo oltre a GPT. È naturale chiedersi come il nuovo servizio si comporta rispetto a ChatGPT e se Google ha coperto il gap rispetto a OpenAI e Microsoft nello spazio dell’intelligenza artificiale. L’assenza di metodologie di benchmarking di questi modelli lascia in parte opinabile e sicuramente non oggettivo il confronto se si esclude il mero fact-checking dove si può verificare il grado di verità di una risposta a fronte di un dato prompt.

La mia prima impressione dopo averlo usato per qualche giorno è che per ora Bard non sembra altrettanto sofisticato rispetto a GPT, soprattutto GPT-4, ma anche in alcuni casi GPT-3.5 sembra essere più sofisticato.

L’interfaccia di Google Bard

L’interfaccia di Bard è molto simile a quella di ChatGPT, le conversazioni vengono salvate e possono essere utilizzate semplicemente selezionandole.

Immagine che contiene testo, schermata, software, Pagina WebDescrizione generata automaticamente

L’interfaccia è in rapida evoluzione, nella versione inglese il 13 luglio Google ha introdotto la possibilità di caricare immagini che vengono passate al servizio Google Lens. È disponibile anche un input vocale che si limita a trascrivere nella casella di input quello che viene detto.

L’interfaccia presenta una funzione che consente di richiedere generazioni alternative:

Immagine che contiene testo, schermata, software, Pagina WebDescrizione generata automaticamente

La generazione del testo sembra più efficiente e non c’è l’effetto di generazione di testo incrementale a cui ci ha abituato ChatGPT in questi ultimi mesi.

La base di conoscenza

Ormai sappiamo tutti l’importanza di capire la conoscenza di una AI a quando risale, contrariamente a GPT Bard si limita a rispondere senza dire che le sue informazioni risalgono fino ad una certa data. Avevo dubbi relativamente ad una possibile integrazione con la search visto che stiamo parlando di Google, ma dopo poche interazioni sono facilmente riuscito a far allucinare l’AI:

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere, documentoDescrizione generata automaticamente

La domanda che avevo posto si riferiva ad un accordo firmato il 14 luglio, ma quello che colpisce è che si fa riferimento ad un accordo siglato il 14 maggio del 2023 quando il rettore era il Prof. Riccardo Zucchi e non più il Prof. Paolo Mancarella.

Il tasto “Cerca su Google” sembra mimare la funzione di Bing chat proponendo delle ricerche da effettuare su Google, ma si limita ad effettuare la search su Google senza provare a riassumere i risultati con un riferimento a ciascuno di essi come avviene su Bing. Si tratta in effetti di una questione delicata: uno dei principali meccanismi di monetizzazione di Google è legato ai click sui risultati della ricerca, la generazione di un riassunto con i riferimenti alle sorgenti ridurrebbe inevitabilmente il numero di click fatti dagli utenti, ma questo richiederebbe una revisione di una parte del modello di business.

In conclusione sembra che anche nel caso di Bard la conoscenza sia limitata alla data dell’addestramento, che è abbastanza recente per l’italiano.

La qualità del testo generato da Bard

Anche se è difficile fare un vero e proprio confronto, e Bard è al primo rilascio, per ora sembra che l’eloquio sia decisamente meno sofisticato di quello di GPT-4. Bard tende ad essere più diretto e meno verboso di GPT-4. Un aspetto degno di nota è l’incapacità attuale di ricevere prompt che ne condizionino il registro verbale. Consideriamo questo esempio:

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere, documentoDescrizione generata automaticamente

Onestamente all’asilo difficilmente ci si rivolge come suggerisce il Bard alla propria classe. Ben diversa è la risposta di GPT-4:

Immagine che contiene testo, schermata, lettera, CarattereDescrizione generata automaticamente

Devo dire che questa incapacità di adeguarsi al prompt sembra ad oggi essere uno dei più grandi limiti di Google Bard.

La generazione di codice

Nella generazione di programmi Google Bard si comporta in modo simile a GPT-4, ma è presto per potersi formare un’opinione accurata. Nell’analisi del codice però è evidente che c’è molta strada da fare:

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere, Pagina WebDescrizione generata automaticamente

GPT è decisamente più accurato nel descrivere il problema:

Immagine che contiene testo, schermata, software, Pagina WebDescrizione generata automaticamente

La generazione di contenuto

Ho provato a far generare il contenuto di una slide: è evidente che Bard non controlla ancora l’output come si vorrebbe, il risultato infatti richiederebbe un font 10pt in PowerPoint per essere visualizzato:

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere, letteraDescrizione generata automaticamente

Nel caso di GPT la struttura si presta più a riempire una slide PowerPoint:

Immagine che contiene testo, schermata, documento, CarattereDescrizione generata automaticamente

Anche se si cerca di far generare il prompt per una AI che genera immagini il comportamento di Bard è decisamente meno soddisfacente:

Immagine che contiene testo, schermata, software, Pagina WebDescrizione generata automaticamente

GPT invece si comporta come atteso:

Immagine che contiene testo, schermata, CarattereDescrizione generata automaticamente

Conclusioni

Ritengo che l’arrivo di Google Bard sia più che benvenuto, e disporre di più di una AI generativa in Italiano non sia che un’ottima notizia. Dai primi test sembra che Bard sia ancora meno sofisticato di GPT e in molti compiti funzioni in modo meno accurato. Vedremo nei prossimi mesi lo sviluppo di entrambi i modelli e soprattutto dell’integrazione con altre piattaforme: Google ha annunciato l’integrazione in Google Docs della tecnologia entrando in competizione con Copilot di Microsoft, vedremo solo allora il vero impatto delle due tecnologie, e anche dei modelli di pricing per poterne fruire.

Come sempre restiamo in attesa delle novità con rigoroso spirito critico.

Google bard

Google ha finalmente rilasciato anche in Italia Bard, l’interfaccia che consente di utilizzare il modello LLM chiamato PaLM-2 che usa 340 miliardi di parametri (contro i 175 miliardi del modello GPT-3.5). È un fatto significativo perché i modelli LLM che sono capaci di parlare l’italiano non sono molti ed è quindi una buona notizia che se ne aggiunga uno nuovo oltre a GPT. È naturale chiedersi come il nuovo servizio si comporta rispetto a ChatGPT e se Google ha coperto il gap rispetto a OpenAI e Microsoft nello spazio dell’intelligenza artificiale. L’assenza di metodologie di benchmarking di questi modelli lascia in parte opinabile e sicuramente non oggettivo il confronto se si esclude il mero fact-checking dove si può verificare il grado di verità di una risposta a fronte di un dato prompt.

La mia prima impressione dopo averlo usato per qualche giorno è che per ora Bard non sembra altrettanto sofisticato rispetto a GPT, soprattutto GPT-4, ma anche in alcuni casi GPT-3.5 sembra essere più sofisticato.

L’interfaccia di Google Bard

L’interfaccia di Bard è molto simile a quella di ChatGPT, le conversazioni vengono salvate e possono essere utilizzate semplicemente selezionandole.

Immagine che contiene testo, schermata, software, Pagina WebDescrizione generata automaticamente

L’interfaccia è in rapida evoluzione, nella versione inglese il 13 luglio Google ha introdotto la possibilità di caricare immagini che vengono passate al servizio Google Lens. È disponibile anche un input vocale che si limita a trascrivere nella casella di input quello che viene detto.

L’interfaccia presenta una funzione che consente di richiedere generazioni alternative:

Immagine che contiene testo, schermata, software, Pagina WebDescrizione generata automaticamente

La generazione del testo sembra più efficiente e non c’è l’effetto di generazione di testo incrementale a cui ci ha abituato ChatGPT in questi ultimi mesi.

La base di conoscenza

Ormai sappiamo tutti l’importanza di capire la conoscenza di una AI a quando risale, contrariamente a GPT Bard si limita a rispondere senza dire che le sue informazioni risalgono fino ad una certa data. Avevo dubbi relativamente ad una possibile integrazione con la search visto che stiamo parlando di Google, ma dopo poche interazioni sono facilmente riuscito a far allucinare l’AI:

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere, documentoDescrizione generata automaticamente

La domanda che avevo posto si riferiva ad un accordo firmato il 14 luglio, ma quello che colpisce è che si fa riferimento ad un accordo siglato il 14 maggio del 2023 quando il rettore era il Prof. Riccardo Zucchi e non più il Prof. Paolo Mancarella.

Il tasto “Cerca su Google” sembra mimare la funzione di Bing chat proponendo delle ricerche da effettuare su Google, ma si limita ad effettuare la search su Google senza provare a riassumere i risultati con un riferimento a ciascuno di essi come avviene su Bing. Si tratta in effetti di una questione delicata: uno dei principali meccanismi di monetizzazione di Google è legato ai click sui risultati della ricerca, la generazione di un riassunto con i riferimenti alle sorgenti ridurrebbe inevitabilmente il numero di click fatti dagli utenti, ma questo richiederebbe una revisione di una parte del modello di business.

In conclusione sembra che anche nel caso di Bard la conoscenza sia limitata alla data dell’addestramento, che è abbastanza recente per l’italiano.

La qualità del testo generato

Anche se è difficile fare un vero e proprio confronto, e Bard è al primo rilascio, per ora sembra che l’eloquio sia decisamente meno sofisticato di quello di GPT-4. Bard tende ad essere più diretto e meno verboso di GPT-4. Un aspetto degno di nota è l’incapacità attuale di ricevere prompt che ne condizionino il registro verbale. Consideriamo questo esempio:

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere, documentoDescrizione generata automaticamente

Onestamente all’asilo difficilmente ci si rivolge come suggerisce il Bard alla propria classe. Ben diversa è la risposta di GPT-4:

Immagine che contiene testo, schermata, lettera, CarattereDescrizione generata automaticamente

Devo dire che questa incapacità di adeguarsi al prompt sembra ad oggi essere uno dei più grandi limiti di Google Bard.

La generazione di codice

Nella generazione di programmi Google Bard si comporta in modo simile a GPT-4, ma è presto per potersi formare un’opinione accurata. Nell’analisi del codice però è evidente che c’è molta strada da fare:

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere, Pagina WebDescrizione generata automaticamente

GPT è decisamente più accurato nel descrivere il problema:

Immagine che contiene testo, schermata, software, Pagina WebDescrizione generata automaticamente

La generazione di contenuto

Ho provato a far generare il contenuto di una slide: è evidente che Bard non controlla ancora l’output come si vorrebbe, il risultato infatti richiederebbe un font 10pt in PowerPoint per essere visualizzato:

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere, letteraDescrizione generata automaticamente

Nel caso di GPT la struttura si presta più a riempire una slide PowerPoint:

Immagine che contiene testo, schermata, documento, CarattereDescrizione generata automaticamente

Anche se si cerca di far generare il prompt per una AI che genera immagini il comportamento di Bard è decisamente meno soddisfacente:

Immagine che contiene testo, schermata, software, Pagina WebDescrizione generata automaticamente

GPT invece si comporta come atteso:

Immagine che contiene testo, schermata, CarattereDescrizione generata automaticamente

Conclusioni

Ritengo che l’arrivo di Google Bard sia più che benvenuto, e disporre di più di una AI generativa in Italiano non sia che un’ottima notizia. Dai primi test sembra che Bard sia ancora meno sofisticato di GPT e in molti compiti funzioni in modo meno accurato. Vedremo nei prossimi mesi lo sviluppo di entrambi i modelli e soprattutto dell’integrazione con altre piattaforme: Google ha annunciato l’integrazione in Google Docs della tecnologia entrando in competizione con Copilot di Microsoft, vedremo solo allora il vero impatto delle due tecnologie, e anche dei modelli di pricing per poterne fruire.

Come sempre restiamo in attesa delle novità con rigoroso spirito critico.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4