esame di maturità

Scuola e Industry 4.0, adesso non deludiamo i giovani

Le tracce più gettonate ai temi di maturità su tecnologie e mondo del lavoro, ma se l’Italia non vince la sfida di Industria 4.0 l’interesse dei maturandi rischia di infrangersi contro una dura realtà

23 Giu 2017
studenti_638439805

La metà degli studenti italiani alle prese con il tema di maturità ha scelto una delle due tracce che di fatto riguardano Industry 4.0 (di Corcom, per altro): il 38,9% ha scritto su “nuove tecnologie e lavoro”, il 10,2% ha affrontato il tema tecnico-scientifico su “Robotica e futuro fra istruzione, ricerca e mondo del lavoro”. I maturandi di oggi saranno nel mondo del lavoro domani, nel caso in cui decidano di non proseguire gli studi, o fra 5-6 anni se invece sceglieranno di frequentare l’università e prendere una laurea. «Diciamo che i giovani non sono solo interessati, attratti, dal futuro e dall’innovazione come è naturale che sia, ma forse sono anche consapevoli che nei prossimi anni ci saranno delle novità che coinvolgeranno il loro futuro», commenta Giovanni Biondi, presidente di Indire (Istituto Nazionale Documentazione Innovazione Ricerca Educativa). Speriamo che ci siano delle novità in vista per i prossimi anni, verrebbe da aggiungere visto che nelle ore in cui gli studenti sceglievano, numerosissimi, di scrivere del futuro del lavoro nel mondo digitale e interconnesso del terzo millennio, l’Istat pubblicava il report sulla redistribuzione del reddito in Italia, dal quale emerge che i giovani fra i 15 e i 24 anni (è la fascia di età in cui si trovano i maturandi) sono gli italiani maggiormente a rischio povertà, immediatamente seguiti dai neolaureati e i giovani lavoratori, ovvero coloro che hanno fra i 25 e i 34 anni. Anche senza quest’ultimo report Istat, comunque, le difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro dei giovani erano già ampiamente documentate da indici di disoccupazione e inoccupazione, numeri sul precariato, e analisi degli istituti nazionali e internazionali sul mondo del lavoro italiano.

Chissà se fra le due componenti citate da Bondi, il naturale interesse dei giovani per le tecnologie oppure i cambiamenti in atto nel mondo del lavoro, ha pesato maggiormente la prima o la seconda. Sarebbe interessante sapere se i temi si sono maggiormente concentrati sulle potenzialità che le nuove tecnologie offrono in termini di nuovi sbocchi professionali, o di modalità innovative di lavoro (smart working, fabbrica diffusa) o sul rischio che il futuro, fra robot che sostituiscono il lavoro umano, nuove tecnologie con cui stare al passo, e mercati sempre più competitivi, sia ancora più difficile del presente.

“Industria 4.0, la grande occasione per l’Italia”, si intitola il report 2017 dell’Osservatorio del Politecnico di Milano sulla quarta rivoluzione industriale. Ci piace pensare che i maturandi abbiano immaginato una rivoluzione tecnologica che possa veramente rappresentare una grande occasione. E che, magari, abbiano anche lavorato di fantasia, proponendo scenari, idee, fornendo una vision da nativi digitali (o quasi) del mondo nel quale lavoreranno. «Siate affamati, siate visionari» disse Steve Jobs, 12 anni fa, agli studenti dell’Università di Stanford, in California (che lui aveva abbandonato per andare in un garage a fondare Apple). «La sfida della nostra generazione è creare un mondo dove tutti sentano di avere uno scopo» ha invece detto Mark Zuckerberg, un mese fa, agli studenti di Harvard (università che ha abbandonato per fondare Facebook). «Siete cittadini del mondo. Usate questa opportunità, alzate la voce. Siete più connessi di qualsiasi altra generazione mai esistita», «andate oltre, portate più in là le frontiere», ha detto due anni fa Tim Cook, amministratore delegato della stessa Apple, agli studenti della Bocconi. Potremmo continuare nelle citazioni. Il fatto è che i maturandi sono tutti gli studenti italiani che hanno terminato le scuole superiori, non i pochi che hanno la fortuna di frequentare le più prestigiose università. Hanno comunque vent’anni, quindi speriamo e immaginiamo che, Harvard o non Harvard, siano stati visionari.

Però, se l’Italia perde la grande occasione di Industry 4.0, le loro aspirazioni rischiano, in molti casi, di andare deluse. Il piano del Governo delle sfide relative al mondo del lavoro non si occupa molto. Punta sugli incentivi alle imprese, con il preciso e dichiarato obiettivo di far ripartire gli investimenti e di stimolare l’innovazione. E sulle competenze: questo è il capitolo che sta per iniziare proprio in questi mesi, il decreto attuativo sui competence center è atteso a breve, nei prossimi mesi partiranno le attività di questi poli di eccellenza intorno ai quali dovranno svilupparsi le professionalità del futuro. I competence center dovranno supportare le imprese nel percorso verso l’innovazione, fare ricerca, sperimentare nuove tecnologie, e formare le nuove professionalità. Il piano del Governo prevede anche altri strumenti, a partire dal coinvolgimento delle scuole superiori, per sviluppare le competenze del futuro (un futuro che si gioca nell’arco dei prossimi 10 anni).

Il successo dei temi di maturità legati alle tecnologie è un ottimo punto di partenza, verrebbe da dire. Cosa può e deve fare la scuola per valorizzarlo? «In questo la scuola ha difficoltà, diciamocelo francamente, e per due motivi – spiega Biondi – : il primo, perché tende a considerare questo argomento come se fosse una materia scolastica e questo è il primo modo per disinnescarne l’innovazione», perché significa «delegare questo interesse in una parte del curriculum, come una delle tante materie e questo è l’errore peggiore che possiamo fare. E’ come pensare che il digitale sia uguale all’informatica, quando si tratta di due cose ben diverse». Il secondo aspetto «è che non c’è a volte la consapevolezza e la preparazione degli insegnanti per poter affrontare questo futuro ormai così presente. Gli insegnanti hanno spesso una preparazione antica, e non sono consapevoli di quello che sta avvenendo». La scuola rischia insomma di essere «un po’ staccata dalla realtà che la circonda». Però è anche vero che «si preparano i ragazzi a una rivoluzione di questo tipo anche attraverso la versione di greco, perché tutto quello che insegna a ragionare va nella giusta direzione. La robotica non si insegna imparando un linguaggio che tra cinque anni sarà totalmente superato, quindi ti occorrono oggi delle competenze di base da formare attraverso lo studio, il potenziamento cognitivo. Non è tecnologizzando la scuola che si risolve il problema». Però, forse, è anche valorizzando il ruolo dei giovani che si fa Industria 4.0.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati