Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

LA SCHEDA

Industry 4.0, tutti gli incentivi previsti dalle norme per l’innovazione

21 Nov 2016

21 novembre 2016

Ultimo aggiornamento: 31 marzo 2017

Iperammortamento al 250% per gli investimenti in innovazione digitale. Riguarda beni ad alto contenuto tecnologico, che sono precisamente dettagliati nel testo della manovra. Ulteriori dettagli sono contenuti nella circolare dell’Agenzia delle Entrate 4/2014, che fornisce anche i chiarimenti fiscali. L’agevolazione è valida per i beni, immateriali e materiali, acquistati nel 2017, oppure entro il giugno 2018, a condizione però che entro il 31 dicembre 2017 sia stato pagato almeno il 20%.

Molto in sintesi, i beni immateriali (hardware) agevolati sono raggruppabili in tre categorie: beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti, sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità, dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica «4.0». I software, invece, sono agevolati al 140%, ma solo se l’impresa ha anche utilizzato l’iperammortamento per gli investimenti digitali. Attenzione: il bene immateriale non deve necessariamente essere collegato a un nuovo macchinario acquistato con l’agevolazione. Quindi, sottolinea l’Agenzia delle Entrate, i software sono incentivati «a condizione che l’impresa usufruisca dell’iperammortamento al 150%, indipendentemente dal fatto che il bene immateriale sia o meno specificamente riferibile al bene materiale agevolato». Leggi qui il dettaglio di tutte le tecnologie incentivate.

Per quanto riguarda gli aspetti fiscali, da sottolineare che l’incentivo è applicabile dal momento in cui il bene viene interconnesso con il sistema aziendale. Fino a questo momento, il bene non è agevolabile con l’iperammortamento (può invece, temporaneamante, utilizzare il superammortamento al 140%, descritto nel paragrafo seguente).

Superammortamento al 140% per l’acquisto di nuovi macchinari: è la proroga per il 2017 della misura già prevista dalla manovra economica 2016. Riguarda beni materiali strumentali nuovi, esclusi i veicoli e gli altri mezzi di trasporto. I termini sono gli stessi previsti per l’iperammortamento.

Credito d’imposta ricerca e sviluppo: fino al 2020, raddoppia al 50% (dall’attuale 25%), e il tetto di spesa si alza a 20 milioni di euro.

Acquisto nuovi macchinari (Sabatini): proroga al 31 dicembre 2018 dei finanziamenti agevolati per l’acquisto di macchinari nuovi. Per le micro imprese e le PMI, il finanziamento è concesso anche per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in tecnologie, compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID). Anche qui, c’è la circolare applicativa dell’Agenzia delle Entrate, che fornisce anche il dettaglio dei beni agevolabili.

Investimenti in startup e PMI innovative: detrazione fiscale al 30%, per investimenti fino a 1 milione di euro, per tre anni (quindi, al 2020). Oggi l’agevolazione e per due anni, al 19%, fino a un tetto di 500mila euro.

Rifinanziamento degli interventi per startup e PMI innovative.

Possibilità di cedere le perdite fiscali dei primi tre esercizi per le startup a un socio che partecipi al capitale per almeno il 20% e sia quotato.

Investimenti in startup da parte dell’INAIL;

Incentivi per attirare capitali esteri: permesso di soggiono per investitori, con una serie di requisiti relativi ad esmepio all’investimento minimo necessario.

Imposta sul reddito d’impresa:  imprenditori individuali e società in nome collettivo e in accomandita semplice possono applicare la nuova imposta sul reddito d’impresa (e quindi non l’IRPEF progressiva), con aliquota al 24%, equiparata all’IRES.

 

 

Articoli correlati