Confindustria

Italia 2030, un Piano per un digitale scaccia-crisi: le aree su cui il Governo deve agire

Il digitale è un elemento centrale per la competitività del Paese, ma serve un Piano industriale che preveda una programmazione pluriennale e investimenti cospicui e mirati. Vediamo quali sono i driver del valore e perché è una partita in cui l’Italia non può competere da sola

21 Lug 2020
Alvise Biffi

Presidente Piccola Industria di Confindustria Lombardia

digitaL transformation

Il cambiamento tecnologico – concepito anche in ottica di trasformazione sostenibile del Paese – è un elemento di competitività per l’Italia, perciò bisogna portare il digitale ovunque, a cominciare dalle infrastrutture fisiche e da quelle “immateriali” come Scuola, Sanità e Giustizia.

È infatti difficile immaginare un qualsivoglia tentativo di semplificazione e potenziamento di queste senza l’utilizzo delle tecnologie digitali.

Oltre agli investimenti in infrastrutture, come si ripete ormai da anni, bisogna però promuovere al tempo stesso le competenze digitali nelle aziende, in tutti i livelli di istruzione e nella Pubblica Amministrazione perché il fattore umano dovrà essere centrale anche nella gestione sia della fase di transizione sia nel dopo.

Un cambio di passo nel processo di digitalizzazione del Paese è uno degli elementi centrali di Italia 2030, la premessa al piano strategico 2030-2050 che Confindustria presenterà a settembre 2020 a tutte le forze vive della società italiana per definire il quadro necessario a orientare l’intero paese verso la crescita del lavoro, del reddito, della produttività e dell’innovazione.

Le aree su cui agire

Come primo punto per il rilancio, occorre riconoscere tutti gli elementi che stanno ostacolando la crescita italiana, perché solo metabolizzando i problemi e gli errori commessi negli ultimi 25 anni da istituzioni e parti sociali saremo in grado di abbracciare soluzioni efficaci per la trasformazione necessaria alla ripartenza.

WHITEPAPER
Intelligent enterprise: dall’azienda estesa alla filiera integrata e collaborativa
IoT
Manifatturiero/Produzione

Per contrastare l’invecchiamento della popolazione, aumentare la produttività, rendere sostenibile il debito pubblico, ridurre le disuguaglianze e gli squilibri nella distribuzione del reddito e nelle dinamiche territoriali con anche una particolare attenzione all’impatto ambientale, è necessario che le politiche economiche e sociali italiane incidano prioritariamente su tre aree:

  • Educazione e formazione: diritto fondamentale su cui la pandemia ha fatto nuovamente emergere differenze territoriali e di capacità di investimento con impatti sostanziali sulle opportunità di crescita culturale indispensabili per ridurre le disuguaglianze e per non impoverire la nostra capacità di esprimere “genio e impresa” diffusamente su tutto il territorio, come facciamo dal rinascimento;
  • Innovazione e digitalizzazione: investimenti pubblici e privati per recuperare il ritardo del nostro sistema produttivo sono improcrastinabili;
  • Welfare: la piramide dei bisogni e i valori connessi sono stati nel tempo distorti dagli impatti socioeconomici delle innovazioni, occorre rafforzare le relazioni sociali e gli strumenti oggi disponibili per nuovi modelli organizzativi che consentano un ribilanciamento della centralità della persona inserita in un equilibrio ambientale per vincere la sfida dello sviluppo sostenibile;

Non potendo entrare nel merito di tutti gli argomenti presentati, per esigenza di sintesi sorvolerò i nuovi assetti macroeconomici proposti, le politiche monetarie e fiscali, il quadro demografico, l’assetto politico-istituzionale e della pubblica amministrazione come fattori dello sviluppo (che vi consiglio di approfondire leggendo Italia 2030) per concentrarmi sui processi di innovazione tecnologico-organizzativa che sono il pilastro portante nel piano di rilancio.

I tre driver del valore della digitalizzazione

La digitalizzazione è mossa da tre driver del valore:

  • la moltiplicazione degli standard;
  • l’accesso alla personalizzazione dei prodotti, dei servizi e delle conoscenze;
  • l’esplorazione creativa della complessità.

È una partita in cui l’Italia non può competere da sola e dove l’Unione europea è oggi in “recupero” per non perdere il confronto con Usa e Cina.

La flessibilità dell’apparato produttivo italiano è la nostra opportunità per fluidificare il rapporto tra il sistema della ricerca, le applicazioni industriali e la formazione di centri di eccellenza affinché siano perno centrale nel coordinamento tra i diversi paesi europei.

Il ruolo dei Digital Innovation Hub

A livello operativo è quindi fondamentale eliminare il digital divide partendo dai distretti industriali. Una volta ridotto il gap territoriale si dovrà puntare, attraverso progetti concreti, allo sviluppo delle nuove tecnologie abilitanti come l’accesso diffuso alla banda larga con il 5G o infrastrutture analoghe, Internet delle cose, valorizzazione dei Big data, Intelligenza artificiale e cybersecurity, stando attenti a non lasciare indietro nessuno perché è una partita che si può vincere solo con una squadra ampia.

Secondo questa visione tutto il sistema Confindustria sta lavorando ormai da anni, sia a livello culturale che a livello progettuale, attraverso i Digital Innovation Hub, a questi obiettivi. Questo perché con il Piano Industria 4.0 erano state poste le basi di un percorso, condiviso e seguito con convinzione dalle imprese, per aumentare la competitività non solo delle imprese ma del Paese intero.

Quello spirito poi si è andato perdendo per strada, anche a causa dell’instabilità e dei diversi cambiamenti alla guida del MISE, ma il lavoro fatto sui Digital Innovation Hub ha portato risultati straordinari.

In Lombardia, ad esempio, tantissime piccole e medie imprese che rappresento si sono rivolte al DIH Lombardia per sottoporsi ad un assessment finalizzato a comprendere il grado di maturità digitale dei processi produttivi, per poi andare a implementare interventi e azioni mirate per aumentare la competitività dell’impresa. Per fare questo è di fondamentale importanza l’accordo stipulato tra la rete dei DIH di Confindustria ed i Competence Center.  Sempre il Digital Innovation Hub Lombardia ha avviato di recente un progetto dedicato alla supply chain che vede il digitale come fattore per governare la ‘nuova normalità’.

L’obiettivo è dare risposte alle imprese in merito alle criticità individuate lungo la catena di fornitura da una parte e la domanda del mercato dall’altra, per fornire un percorso di miglioramento attraverso l’individuazione dei punti di debolezza e delle competenze necessarie per migliorare. Il DIH Lombardia, in collaborazione con le antenne territoriali e al Competence Center Made, propone alle imprese un percorso di ‘Industrial Smart Working’ per remotizzare non solo alcune attività d’ufficio ma anche determinati processi di fabbrica, andando così a limitare i danni che eventuali interruzioni della produzione, approvvigionamento e distribuzione potrebbero avere sull’intera filiera. Il DIH Lombardia è ora proiettato, con altri attori dell’ecosistema dell’innovazione digitale lombardo, verso l’Europa che andrà a sostenere anche con il supporto delle Regioni, una rete europea di Digital Innovation Hub (EDIH) all’interno del programma europeo “Digital Europe”.

Conclusioni

Ben vengano quindi i propositi – se seguiti poi da azioni concrete – del Ministro Pisano di inserire nel Dl Semplificazioni il ‘diritto a innovare’ in deroga, l’introduzione di un cloud nazionale e la volontà di digitalizzare la PA. Il punto centrale però, come dimostra anche l’esperienza di successo su Industria 4.0, è sempre lo stesso: serve un Piano industriale che preveda una programmazione pluriennale e investimenti cospicui e mirati.

Solo accelerando ed incentivando gli investimenti è possibile recuperare il terreno perduto rispetto ai competitor europei ed extra europei, e mettere le basi per una crescita stabile. Le imprese hanno dato prova di saper e voler fare la propria parte di fronte a progetti seri e credibili e Confindustria ha ancora una volta presentato e messo a disposizione “una strada” con spirito propositivo e di servizio, ma la via può essere tracciata solo dalla governance politica, che deve avere il coraggio di prendersi la responsabilità di decidere.

Gli interventi a pioggia che hanno caratterizzato gli ultimi mesi di governo sono palliativi che scontentano molti senza accontentare appieno nessuno, e soprattutto condannano l’Italia all’immobilismo e di conseguenza ad un autunno tragico per la nostra economia. L’iceberg si avvicina…cambiamo velocemente rotta!

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati