SPONSORED ARTICLE

Le sfide della supply chain sul mercato italiano

La digitalizzazione della supply chain permette di rendere più semplici ed efficienti i processi, una condizione vantaggiosa e strategica per le aziende in un contesto globale attuale dominato dalle difficoltà

26 Set 2022
Matteo Giannetti

Responsabile Business Strategy & Partnership di Credemtel e Direttore Generale delle controllate Sata e Blue Eye Solutions

Supply-chain

Ridurre la complessità, puntando a più efficienza, semplicità e velocità. La trasformazione digitale della supply chain passa da una ridefinizione dei processi, eliminando colli di bottiglia e facilitando la collaborazione tra capofila e fornitori. Attività come l’onboarding, comprese le dovute verifiche del caso, o la riconciliazione nell’ambito delle transazioni commerciali possono risultare più efficaci e snelle grazie a una soluzione digitale che introduca l’automazione di diverse fasi del ciclo Procure to Pay. Tuttavia, nonostante i benefici, ancora poche aziende nel nostro Paese hanno abbracciato un approccio innovativo alla supply chain. Cerchiamo di far chiarezza sulla situazione, per comprenderne i motivi e come superare alcuni fronti critici.

Lo scenario italiano

Storicamente la supply chain nel mercato italiano era caratterizzata dalla capacità di fare sistema e di valorizzare eccellenze e competenze specialistiche.

Le aziende italiane riuscivano a competere a livello mondiale, anche contro aziende di dimensioni molto grandi, grazie al lavoro fatto negli anni di costruzione di una catena di fornitura molto articolata, dove l’azienda capofila spesso coinvolgeva i propri fornitori anche nei processi di innovazione di prodotto. Questo approccio creava una relazione molto stretta ed una sinergia che permetteva di valorizzare l’intera catena di fornitura ed uscire dal classico paradigma cliente fornitore per abbracciare un approccio sistemico di partnership strategica.

La qualità del fornitore è sempre stata fondamentale nel sistema Italia, il Made in Italy si caratterizzava per un output composito fatto di qualità ed innovazione.

Il tessuto imprenditoriale italiano era costituito perlopiù da PMI e da Aziende con una storia familiare ed imprenditoriale importanti, aziende che si trovavano a competere su mercati internazionali con competitor molto più grandi ed a volte anche strutturati, che però avevano fatto della loro “artigianalità” non un difetto ma un elemento di valore che aveva consentito loro di essere mediamente  più flessibili nel rispondere alle esigenze del mercato e nel gestire al meglio l’innovazione di prodotto.

Proprio le caratteristiche sopra descritte avevano fatto sì che fino agli anni Duemila i fornitori delle aziende del nostro Paese fossero prevalentemente anch’essi italiani.

L’avvento della globalizzazione ha in parte snaturato e destabilizzato il sistema, aumentando la concorrenza e portando sul piano del pricing gran parte della strategia aziendale, così le capofila italiane hanno iniziato a delocalizzare in parte o in toto le proprie supply chain, diminuendone i costi a scapito di un aumento di complessità ed un generalizzato indebolimento dell’indotto italiano, creando allo stesso tempo una forte dipendenza dalle importazioni.

L’impatto di guerra e pandemia

Una supply chain complessa e globalizzata è sinonimo di fragilità. L’attuale contesto dunque già dominato da debolezza, ha accusato in modo molto forte pandemia e guerra che si sono abbattute sulle catene di fornitura con impatti molto rilevanti.

Si pensi per esempio al tema delle componenti importate da paesi extra UE; le prime conseguenze sono state l’aumento esponenziale dei costi di trasporto e la perdita del governo del lead time di consegna delle forniture approvvigionate via nave, con conseguente carenza di materie prime e ritardi in produzione.

Il rischio di interruzione delle catene di fornitura è un fenomeno globale, che mai come nel 2022 è sentito da tutte le imprese di tutti i settori, automotive in primis, che mettono in cima alle strategie di business l’attenzione alla business continuity della propria supply chain.

In questo scenario critico le 5 priorità delle aziende italiane sono:

  • La deglobalizzazione per ridurre il rischio di discontinuità nelle forniture, quando applicabile senza impatti troppo pesanti sulla marginalità
  • La riduzione dei costi attraverso la creazione di sistemi rapidi di ricerca e qualifica di fornitori alternativi e di messa in concorrenza sistematica di fornitori abituali e nuovi fornitori potenziali
  • La gestione del rischio di fornitura attraverso un monitoraggio diretto dello stato dei fornitori e la tempestiva lettura di dati provenienti da fonti esterne
  • La digitalizzazione del processo che va dall’emissione dell’ordine alla riconciliazione delle fatture adottando piattaforme di supply chain management che agevolino la collaborazione tra Buyer e Supplier e permettano un controllo real time di date di consegna e merce in transito
  • Un accesso al credito facilitato per supportare le proprie catene di fornitura nel caso in cui queste necessitino di un’iniezione di liquidità, con strumenti innovativi come il reverse factoring ed i Dynamic Discounting

Come l’innovazione supporta aziende e consumatori

La maggiore complessità riscontrata ha spinto sin dagli anni Duemila alcune aziende ad approcciare un percorso di digitalizzazione delle supply chain, tuttavia il fenomeno interessa ancora oggi una piccola parte delle imprese italiane.

Eppure, digitalizzare rappresenta un vantaggio competitivo non trascurabile.

L’uso del digitale nella gestione delle catene di fornitura diventa strategico per agevolare una diversa cultura organizzativa più collaborativa grazie ad informazioni tempestive ed organizzate disponibili a tutti gli stakeholder.

Soffermiamoci ad esempio su due processi centrali nella supply chain:

  1. turnover dei nuovi fornitori e deglobalizzazione: questi aspetti vengono favoriti dalla trasformazione digitale grazie alla possibilità offerta dalla tecnologia di valutare una mole di dati importante in poco tempo. Tutto il processo di onboarding di nuovi fornitori, compresa la fase di valutazione del rischio, diventa più veloce, efficiente e snello;
  2. valutazione della parte di execution della supply chain, indispensabile perché mette sotto controllo la capacità dei fornitori di rispettare il piano di consegne ed apre la via a forme di collaborazione più evolute come il consignment stock o il metodo giapponese kanban. Non solo: la gestione digitale della parte di execution può arrivare fino alla fatturazione passiva, aprendo così possibili scenari di automazione della gestione del credito ai fornitori.

Allora perché la digitalizzazione della supply chain in Italia non è ancora così diffusa? Uno dei motivi probabilmente è legato all’offerta di soluzioni, eterogenea e modesta.

Piccoli gestionali personalizzati in base alle esigenze dell’azienda capofila, abbinati a un pricing non sostenibile dal nostro mercato nazionale, hanno avuto la conseguenza di limitare i successi dei grandi player internazionali interessati all’Italia.

Negli ultimi anni, complici le azioni dei Governi che hanno introdotto man mano diversi obblighi di legge in materia di digitalizzazione e innovazione, anche relativamente alla supply chain sta aumentando la consapevolezza sull’importanza di digitalizzare. Una grande leva per il cambiamento per esempio è stata rappresentata dalla fatturazione elettronica B2B, introdotta progressivamente come obbligo dal 2019 e ora, nel 2022, estesa anche ai piccoli contribuenti in regime forfettario. Nonostante però l’adempimento in sé rappresenti una possibilità per innovare altri aspetti della gestione documentale, risultano essere ancora poche le aziende che puntano a ridisegnare in chiave digital i flussi legati ai processi di verifica e riconciliazione delle transazioni commerciali.

Supply Chain, i consigli di Credemtel

Per far fronte alle esigenze delle aziende italiane, in particolare per quanto riguarda i processi legati al ciclo dell’ordine di medie e grandi imprese, Credemtel ha ideato la piattaforma di supply chain management GAWSCM. Si tratta di una soluzione collaborativa che in modo rapido ed efficiente permette di digitalizzare tutto il processo Procure to Pay, affrontandone ogni fase in modo efficace. Da notare che la soluzione consente all’azienda capofila di dialogare con tutti i propri fornitori senza chiedere loro di modificare il proprio modus operandi.

La piattaforma GAWSCM, basata su un’architettura cloud, risulta flessibile e affidabile: è in grado di interoperare in modo semplice con i sistemi gestionali aziendali e, oltretutto, è dotata di un’interfaccia user friendly. Tra le funzioni disponibili, i fornitori hanno la possibilità di caricare in piattaforma per trasmetterle al cliente conferme d’ordine e DDT in formato PDF. Il tutto semplicemente inviando i sopracitati documenti come allegati per posta elettronica ad un indirizzo predefinito, senza dover quindi chiedere alla propria struttura IT implementazioni o sviluppi software per generare e trasmettere documenti in formato dati: la piattaforma converte in modo automatico i documenti ricevuti in formato dati in modo da renderli disponibili al buyer e importabili con facilità dal sistema gestionale del buyer. In aggiunta alle funzioni di supply chain management, Credemtel ha realizzato un collegamento in ambito finanza: si potrà finanziare il working capital legato alle transazioni gestite nella piattaforma.

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con Credemtel

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2