innovazione

L’IA rende smart la supply chain: così le aziende diventano più efficienti



Indirizzo copiato

L’intelligenza artificiale sta rendendo le catene di approvvigionamento più smart e come sta aiutando le aziende a diventare più efficienti, fare meno errori e ad essere più forti di fronte agli imprevisti: un cambio di paradigma verso sistemi capaci di adattarsi e reagire dinamicamente alle sfide emergenti

Pubblicato il 22 mar 2024

Riccardo Manuelli

Informatico e Data Scientist at DataDeep



Smart,Warehouse,Management,System,Using,Augmented,Reality,Technology,To,Identify

Immaginate una gigantesca macchina che lavora giorno e notte per portare i vostri prodotti sugli scaffali dei negozi o direttamente alla porta dei clienti. Questa macchina è essenziale per far funzionare tutto, dalle piccole imprese locali alle grandi multinazionali.

Senza una catena di approvvigionamento fluida, le cose si fermano: gli scaffali restano vuoti, le consegne si ritardano, e i clienti non sono felici.

Ora, immaginate di dare a questa macchina un “cervello” super intelligente, capace di prevedere problemi prima che accadano, trovare il percorso più veloce per portare i prodotti da A a B, e persino decidere da solo come risparmiare energia e risorse.

È qui che entra in gioco l’Intelligenza Artificiale che sta rivoluzionando il modo in cui le supply chain funzionano in tutte le organizzazioni.

Scopriamo come l’AI sta rendendo le catene di approvvigionamento più smart e di come sta aiutando le aziende a diventare più efficienti, fare meno errori e ad essere più forti di fronte agli imprevisti.

Catena di approvvigionamento: prima e adesso

Una catena di approvvigionamento rappresenta l’insieme di passaggi necessari per portare un prodotto o servizio dal suo stato iniziale di concezione fino al consumatore finale.

Questo percorso include tutte le fasi coinvolte nella produzione e distribuzione di beni, come la raccolta delle materie prime, la trasformazione in prodotti finiti, il magazzinaggio, il trasporto e la vendita al dettaglio.

Complessità e interconnessione: come funziona la supply chain

Le catene di approvvigionamento possono essere molto complesse, coinvolgendo numerosi attori tra cui fornitori, produttori, distributori, rivenditori e clienti.

Ogni anello della catena è interconnesso e dipendente dagli altri e la gestione mira a coordinare e ottimizzare questi processi per assicurare che i prodotti siano creati e distribuiti nella quantità giusta, al posto giusto e nel momento giusto, minimizzando i costi e soddisfacendo la domanda del cliente.

Una volta, questi processi funzionavano in modo molto semplice.

Pensate a un piccolo negozio di alimentari che ordinava prodotti direttamente dai contadini locali: sapevano quanto ordinare basandosi su quanto vendevano di solito e su una stretta di mano con il fornitore.

Con il passare del tempo, le cose sono diventate molto più complicate.

Le aziende hanno iniziato a vendere e ad acquistare prodotti da tutto il mondo, rendendo questi processi allargati ad una rete globale di produttori, magazzini, trasporti e rivenditori.

Tecnologie per una gestione più efficiente

Per tenere traccia, sono state introdotte nuove tecnologie.

All’inizio, erano semplici fogli di calcolo e database, poi con l’avvento di Internet e la tecnologia mobile, è stato possibile monitorare i prodotti in tempo reale mentre viaggiavano da un continente all’altro.

Questi sistemi hanno aiutato le organizzazioni a diventare più efficienti, ma hanno anche reso le catene di approvvigionamento incredibilmente complesse e difficili da gestire.

Interruzioni improvvise, come disastri naturali o epidemie globali, possono bloccare la produzione o il trasporto dei prodotti per settimane o mesi.

L’imprevedibilità della domanda

La domanda dei consumatori è diventata imprevedibile: un giorno un prodotto è di moda, il giorno dopo tutti vogliono qualcos’altro.

Inoltre, c’è una crescente pressione per rendere le supply chain più ecologiche e sostenibili, riducendo l’impatto ambientale e assicurando condizioni di lavoro eque per tutti.

Per comprendere meglio quali aspetti l’Intelligenza Artificiale può avere un impatto sulle catene di approvvigionamento vediamo alcuni esempi concreti che hanno avuto un impatto concreto in differenti organizzazioni.

Supply chain: ottimizzazione delle scorte

Avere troppi o troppo pochi prodotti può essere un problema enorme.

Se avete troppi prodotti, potreste finire con uno stock invenduto che occupa spazio prezioso nei magazzini e vi costa caro.

Se non ne avete abbastanza, i clienti insoddisfatti potrebbero rivolgersi altrove.

L’Intelligenza Artificiale in questo caso è in grado di analizzare montagne di dati – dalle tendenze di vendita passate, alle condizioni meteorologiche, fino agli eventi sociali e alle abitudini dei consumatori – per prevedere con incredibile precisione quanta domanda ci sarà per un certo prodotto.

IA e ottimizzazione delle scorte, il caso Walmart

Un esempio concreto di ottimizzazione delle scorte è quello di Walmart, il gigante della vendita al dettaglio americano.

Walmart ha implementato una serie di strategie innovative e tecnologie avanzate per ottimizzare le scorte, garantendo che i prodotti giusti siano disponibili al momento giusto nei suoi negozi, riducendo al contempo gli sprechi e i costi.

Uno degli approcci più rivoluzionari adottati da Walmart è stato l’uso della tecnologia di identificazione a radiofrequenza RFID.

Le etichette RFID, applicate ai prodotti o ai pallet, consentono a Walmart di tracciare accuratamente la movimentazione delle merci in tempo reale.

Questo ha permesso una gestione degli inventari molto più precisa, riducendo significativamente i casi di sovra-stock o esaurimento delle scorte.

Walmart utilizza anche sofisticati algoritmi di analisi dei dati per prevedere la domanda di prodotti specifici.

Analizzando enormi quantità di dati storici sulle vendite, insieme a fattori esterni come stagionalità, tendenze di mercato e eventi locali, può regolare le scorte per soddisfare la domanda prevista, minimizzando il rischio di eccedenze o carenze di prodotto.

Un altro aspetto chiave dell’ottimizzazione delle scorte di Walmart è la stretta collaborazione con i fornitori, che attraverso un sistema di rifornimento continuo – Continuous Replenishment Program, CRP –  Walmart condivide dati di vendita e inventario in tempo reale con i suoi fornitori, consentendo loro di pianificare in anticipo la produzione e la consegna di merci.

Questo approccio non solo migliora l’efficienza della supply chain ma garantisce anche che gli scaffali dei negozi siano sempre ben forniti.

Grazie a tutte queste e altre strategie di ottimizzazione delle scorte, Walmart ha ottenuto notevoli risultati, tra cui una riduzione dei costi di magazzino, un miglioramento della disponibilità dei prodotti e una maggiore soddisfazione del cliente che hanno contribuito a rafforzare la posizione di Walmart come leader nel settore della vendita al dettaglio.

L’esempio di Walmart dimostra l’importanza dell’innovazione e della tecnologia nella gestione delle scorte e nell’ottimizzazione della catena di approvvigionamento, sottolineando come un approccio proattivo e data-driven possa portare a significativi vantaggi competitivi.

Supply chain: miglioramento della logistica

L’ottimizzazione della logistica è un altro campo in cui l’AI sta facendo grandi passi avanti, trasformando il modo in cui i prodotti viaggiano dal punto A al punto B.

L’AI non solo può prevedere il percorso più veloce o il meno congestionato per le consegne, ma può anche adattarsi in tempo reale a cambiamenti imprevisti, come il traffico, gli incidenti o le condizioni meteorologiche avverse, per garantire che i prodotti arrivino a destinazione nel modo più efficiente possibile.

IA e logistica: il caso Amazon

Un esempio emblematico di miglioramento della logistica nella catena di approvvigionamento è quello di Amazon, uno dei più grandi e innovativi rivenditori online al mondo.

Amazon ha trasformato il settore della logistica attraverso l’uso di tecnologie avanzate, automazione e approcci strategici per ottimizzare le consegne e ridurre i tempi di spedizione.

Una delle iniziative più significative di Amazon nel miglioramento della logistica è stata il lancio di Amazon Prime, che offre ai suoi abbonati consegne gratuite in due giorni su milioni di articoli.

Per mantenere questa promessa, Amazon ha dovuto ripensare e ottimizzare radicalmente la sua catena di approvvigionamento e logistica.

Ha investito miliardi di dollari nella creazione di una vasta rete di centri di distribuzione, posizionati strategicamente vicino ai principali centri urbani permettendo loro di ridurre significativamente i tempi e i costi di spedizione.

Ogni centro di distribuzione utilizza sistemi avanzati di gestione degli inventari e robotica per velocizzare la preparazione e la spedizione degli ordini.

Amazon sta anche sviluppando la propria flotta di consegna, inclusi veicoli terrestri e droni – attraverso il programma Amazon Prime Air – per avere un maggiore controllo sul processo di consegna e ridurre la dipendenza dai corrieri tradizionali.

L’uso dei droni, in particolare, rappresenta una rivoluzione nella consegna di pacchi, promettendo di ridurre ulteriormente i tempi di consegna di piccoli carichi in aree selezionate.

Un altro elemento chiave del miglioramento della logistica di Amazon è l’uso di software avanzato per la pianificazione e l’ottimizzazione delle consegne.

Questi sistemi AI-driven analizzano continuamente vari fattori, come traffico, condizioni meteorologiche, e capacità di magazzino, per determinare i percorsi di consegna più efficienti e per allocare in modo ottimale gli inventari ai centri di distribuzione.

Grazie a queste innovazioni, Amazon è riuscita a stabilire nuovi standard di efficienza nella consegna, migliorando la soddisfazione del cliente e rafforzando la sua posizione di leader nel commercio elettronico.

La capacità di Amazon di consegnare rapidamente una vasta gamma di prodotti ha anche imposto pressioni competitive su altri rivenditori per migliorare le proprie operazioni logistiche.

L’approccio di Amazon alla logistica della catena di approvvigionamento dimostra l’importanza dell’innovazione continua e dell’investimento in tecnologia per rimanere competitivi in un mercato in rapida evoluzione.

Supply chain: gestione dei rischi e resilienza

La gestione dei rischi e la resilienza sono diventate priorità assolute per le catene di approvvigionamento di tutto il mondo.

In un’epoca in cui le interruzioni sono all’ordine del giorno, dalle pandemie ai disastri naturali, l’AI sta offrendo strumenti potenti per non solo sopravvivere a questi eventi, ma anche per emergere da essi più forti e preparati.

IA e gestione dei rischi nella supply chain: il caso Toyota

Un esempio significativo di gestione dei rischi e resilienza nella catena di approvvigionamento è rappresentato dalle azioni intraprese da Toyota, il gigante dell’automobilismo, specialmente dopo il grande terremoto dell’Est del Giappone nel marzo 2011.

Questo evento catastrofico ha messo in luce la vulnerabilità delle catene di approvvigionamento globali di fronte a disastri naturali, causando interruzioni significative nella produzione di Toyota e in quella di molti altri produttori.

Dopo il terremoto, Toyota ha subito gravi interruzioni a causa della dipendenza da fornitori chiave situati nelle zone colpite.

La produzione è stata rallentata a livello globale a causa della mancanza di componenti critici, dimostrando quanto fosse fragile la catena di approvvigionamento.

In risposta a questa crisi, Toyota ha rivisto e rafforzato la propria strategia di gestione dei rischi e resilienza.

La compagnia ha iniziato ad adottare un approccio più olistico alla gestione dei rischi, che includeva:

  • Mappatura della catena di approvvigionamento. Toyota ha migliorato la visibilità della sua catena di approvvigionamento mappando non solo i fornitori diretti ma anche quelli di secondo e terzo livello. Questo ha permesso di identificare potenziali punti di vulnerabilità in caso di future interruzioni.
  • Diversificazione dei fornitori. Per ridurre la dipendenza da singoli fornitori, Toyota ha iniziato a diversificare la sua base di fornitori, cercando alternative in diverse regioni geografiche per gli stessi componenti critici.
  • Scorte di sicurezza e produzione flessibile. Toyota ha implementato scorte di sicurezza strategiche per componenti critici e ha promosso una maggiore flessibilità nella produzione. Questo ha incluso la capacità di passare rapidamente la produzione di determinati componenti da un fornitore all’altro o di adattare le linee di produzione per utilizzare componenti alternativi.
  • Pianificazione della continuità operativa. La compagnia ha sviluppato piani di continuità operativa dettagliati per assicurare che le operazioni critiche possano proseguire o essere ripristinate rapidamente dopo una distruzione.

Grazie a queste e altre misure, Toyota ha notevolmente migliorato la resilienza della sua catena di approvvigionamento riducendo l’impatto delle interruzioni future, come quelle causate da altre calamità naturali o da tensioni geopolitiche.

Inoltre, Toyota è diventata un modello di riferimento per altre aziende che cercano di migliorare la gestione dei rischi e la resilienza delle proprie catene di approvvigionamento.

L’esempio di Toyota dimostra l’importanza di una gestione proattiva dei rischi e della resilienza.

Attraverso una pianificazione attenta e l’adozione di strategie innovative, è possibile mitigare gli effetti delle interruzioni e garantire la continuità delle operazioni, anche di fronte a eventi imprevisti.

Supply chain: sostenibilità e impatto ambientale

In un mondo sempre più attento all’ambiente, l’intelligenza artificiale sta emergendo come uno strumento cruciale per rendere le catene di approvvigionamento non solo più efficienti ma anche più sostenibili.

L’AI offre soluzioni innovative per ridurre l’impronta di carbonio delle aziende, migliorare il riciclo delle risorse e promuovere pratiche di approvvigionamento responsabili.

IA e sostenibilità della supply chain: il caso Patagonia

Un esempio notevole di impegno nella sostenibilità e nella riduzione dell’impatto ambientale all’interno delle catene di approvvigionamento è quello di Patagonia, azienda di abbigliamento outdoor che si è distinta per il suo approccio ecologico e responsabile nel settore della moda.

Patagonia ha costruito il proprio marchio attorno ai principi di sostenibilità ambientale, qualità dei prodotti e responsabilità etica.

L’azienda si impegna attivamente a minimizzare il suo impatto ambientale attraverso diverse iniziative strategiche:

  • Utilizzo di materiali riciclati e organici. Patagonia dà priorità all’uso di materiali riciclati e organici nei suoi prodotti, riducendo la dipendenza da petrolio e pesticidi e minimizzando l’impatto ambientale della produzione.
  • Programma di riparazione e riciclo. L’azienda incoraggia i consumatori a riparare i loro capi di abbigliamento anziché sostituirli, offrendo un servizio di riparazione e istruendo i clienti su come fare la manutenzione dei prodotti. Inoltre, attraverso il programma Worn Wear, Patagonia accetta indumenti usati e li ripara per la rivendita, promuovendo un’economia circolare.
  • Trasparenza della catena di approvvigionamento. Patagonia si impegna nella trasparenza della sua catena di approvvigionamento, pubblicando rapporti dettagliati sull’origine dei materiali e sulle condizioni di lavoro nelle fabbriche con cui collabora. Questo assicura che i fornitori rispettino elevati standard ambientali ed etici.
  • Iniziative per la conservazione. Oltre agli sforzi diretti di sostenibilità, Patagonia investe in progetti di conservazione ambientale in tutto il mondo, destinando una percentuale dei suoi profitti a iniziative volte a preservare la terra e l’acqua.

Grazie a queste e altre misure, Patagonia ha ottenuto significativi risultati in termini di sostenibilità, come:

  • Riduzione delle emissioni di carbonio e dei rifiuti attraverso l’uso di materiali riciclati.
  • Incremento della consapevolezza dei consumatori sulla sostenibilità e sull’importanza del riciclo e della riparazione.
  • Sostegno a politiche e progetti ambientali che hanno un impatto positivo sul pianeta.

L’impegno di Patagonia nella sostenibilità e nel ridurre l’impatto ambientale delle proprie supply chain serve da esempio per altre aziende nel settore della moda e oltre.

Dimostra come le pratiche aziendali responsabili non solo beneficiano l’ambiente ma possono anche costruire un marchio forte e positivo, creando valore sia per l’azienda sia per i suoi clienti.

Conclusioni

Guardando al futuro, ci troviamo di fronte a una catena di approvvigionamento sempre più performante ed efficiente.

L’importanza dell’adozione dell’AI va oltre la semplice automazione dei processi.

Rappresenta un cambio di paradigma verso sistemi più intelligenti, capaci di adattarsi e reagire dinamicamente alle sfide emergenti.

Le aziende che implementano l’AI non solo migliorano le loro operazioni immediate ma si posizionano strategicamente per il futuro, garantendo loro di rimanere competitive, resilienti e in linea con le crescenti aspettative dei consumatori riguardo alla velocità, alla trasparenza e all’impegno ambientale.

Anche in questo ambito l’AI non è più un’opzione futuristica ma è una necessità per chiunque voglia rimanere rilevante in un mercato globale in rapida evoluzione.

L’adozione dell’AI offre alle aziende la possibilità di anticipare i cambiamenti, rispondere con agilità alle sfide e cogliere nuove opportunità, assicurando al contempo operazioni più sostenibili e responsabili.

Man mano che procediamo nel XXI secolo, l’integrazione dell’AI continuerà a definire i leader di mercato, sottolineando l’importanza di abbracciare questa tecnologia trasformativa.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4