Investimenti e geopolitica

Come navigare nell’incertezza del calcolo quantistico



Indirizzo copiato

Il calcolo quantistico è più di una semplice evoluzione tecnologica incidendo su diversi aspetti della società, dall’economia alla geopolitica, passando per questioni etiche e sociali. In un mondo in cui l’incertezza tecnologica è la norma piuttosto che l’eccezione, la flessibilità e l’adattabilità emergono come indispensabili

Pubblicato il 2 nov 2023

Andrea Viliotti

Innovation Strategist



fisica quantum Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Il calcolo quantistico è spesso descritto come la prossima frontiera della tecnologia, ma è anche un campo in cui l’incertezza regna sovrana. Mentre gli investimenti nel settore esplodono, raggiungendo cifre importanti, la corsa per sviluppare software che possa sfruttare appieno queste macchine avanzate è diventata una sorta di “caccia al tesoro” tecnologica. Ma cosa succede quando il tesoro è ancora in gran parte sconosciuto, e le mappe per trovarlo sono in costante evoluzione?

The Future of Quantum Computing

Proviamo allora a esplorare le dinamiche complesse che caratterizzano lo sviluppo di software per il calcolo quantistico. Dall’agilità come risposta all’incertezza tecnologica, all’importanza delle architetture modulari e dei microservizi, fino alle implicazioni geopolitiche e etiche, ci addentriamo in un ecosistema dove l’innovazione e l’incertezza sono due facce della stessa medaglia.

Esamineremo anche come le aziende stiano adottando strategie di diversificazione e collaborazione per mitigare i rischi, e come l’ascesa degli algoritmi quantistici stia aprendo nuove frontiere nel problem-solving. Infine, toccheremo le sfide e le opportunità che emergono dalla competizione geopolitica per la supremazia quantistica, un elemento che potrebbe riscrivere le regole del potere globale.

In un mondo dove la certezza è un lusso, l’abilità di navigare nell’incertezza potrebbe essere la chiave per sbloccare il potenziale trasformativo del calcolo quantistico.

L’incertezza tecnologica e l’agilità nello sviluppo

Nell’effervescente mondo del calcolo quantistico, l’incertezza è la sola certezza. Immaginate un universo in cui i chip quantistici, armati di centinaia di qubit, stanno già cambiando le regole del gioco. Ma attenzione, perché qui la strada è in continua evoluzione. Gli esperti più ottimisti sono spesso sorpresi dalla rapidità con cui emergono nuove scoperte, eppure, proprio questa velocità è una spada a doppio taglio. Da un lato, apre un mondo di possibilità; dall’altro, pone una serie di interrogativi su come saranno i futuri sistemi con milioni di qubit. E non è solo una questione di numero; ci sono anche le variabili della coerenza e degli errori da considerare.

In questo scenario, gli sviluppatori di software si trovano davanti a un dilemma esistenziale: come progettare applicazioni per architetture che sono ancora un miraggio o, al meglio, un work in progress? Ecco dove entra in gioco l’agilità, quel mantra dello sviluppo software che ha già rivoluzionato il mondo dell’IT tradizionale. L’approccio agile non è solo una metodologia; è una filosofia che pone l’adattabilità al centro della scena. Dimenticate i piani rigidi e predefiniti; qui si tratta di cicli di sviluppo brevi, feedback in tempo reale e collaborazione a tutto tondo.

Ma l’agilità non è l’unico asso nella manica. Prendiamo in prestito un altro gioiello dal mondo del software tradizionale: i microservizi e le architetture modulari. Immaginate un ecosistema in cui ogni componente è un’entità a sé stante, sviluppata e gestita in modo indipendente. Questa autonomia non solo facilita gli aggiornamenti, ma rende anche più semplice sostituire o migliorare singoli elementi. Pensate a un algoritmo quantistico per l’ottimizzazione di portafoglio in un app finanziaria. In un ambiente modulare, questo algoritmo potrebbe vivere la sua vita come un microservizio, pronto per essere aggiornato o sostituito a seconda delle esigenze.

E non dimentichiamo i linguaggi di programmazione quantistica, quegli strumenti che stanno diventando sempre più sofisticati. Parliamo di linguaggi come Q# e Cirq, che offrono funzionalità al di là dei linguaggi classici. In un contesto agile, questi linguaggi possono essere integrati come microservizi, permettendo una rapida iterazione e adattamento alle nuove scoperte.

L’incertezza tecnologica e l’agilità nello sviluppo non sono solo concetti astratti; sono le due facce della stessa medaglia nel dinamico universo del calcolo quantistico. E mentre gli sviluppatori cercano di navigare in queste acque turbolente, è chiaro che l’agilità e la modularità non sono solo opzioni, ma necessità.

Investimenti in ascesa: tra ottimismo e rischio

Nel fervido elettrone del calcolo quantistico, il denaro scorre come mai prima d’ora. Basti pensare che gli investimenti sono schizzati da $160 milioni nel 2018 a un imponente $1,6 miliardi nel 2022. Ma cosa alimenta questa corsa al calcolo quantistico? Una miscela esplosiva di innovazione tecnica, l’arrivo di colossi come IBM e Google sulla scena e la prospettiva di applicazioni che potrebbero cambiare le regole del gioco in settori come la medicina, la crittografia e la logistica.

Ma attenzione, perché l’ottimismo può essere tanto contagioso quanto pericoloso. Con flussi di capitali così massicci, le aspettative sono alle stelle, e dove c’è aspettativa, c’è anche rischio. Non dimentichiamo che stiamo parlando di una tecnologia ancora in fasce. Sì, i progressi sono stati notevoli, ma le incertezze non sono da meno. Problemi come la correzione degli errori quantistici e la scalabilità dei qubit sono nodi ancora da sciogliere, nodi che potrebbero benissimo diventare delle corde al collo per la commercializzazione su larga scala.

E poi c’è il dilemma del ROI, il ritorno sull’investimento, quel numero magico che ogni investitore vuole vedere ma che in questo contesto è più elusivo di un gatto di Schrödinger. Le aziende si trovano a dover bilanciare i potenziali benefici futuri, come l’accesso a nuovi mercati o un vantaggio competitivo, con i rischi immediati, che spaziano dall’incertezza tecnologica al ritardo nella messa in commercio di prodotti.

Allora, come si naviga in queste acque tempestose? Una parola d’ordine: diversificazione. Invece di mettere tutte le uova in un solo paniere quantistico, le aziende stanno allargando il loro orizzonte, investendo in una varietà di progetti e tecnologie. E non è solo una questione di diversificare gli investimenti, ma anche di collaborare. Stiamo vedendo una sorta di “effetto rete” in cui istituti di ricerca, startup e aziende consolidate uniscono le forze, distribuendo i rischi e accelerando lo sviluppo tecnologico.

Un esempio che incarna questa tendenza è l’emergere di fondi di investimento specializzati nel calcolo quantistico. Questi non sono i soliti fondi; sono piuttosto delle piattaforme collaborative che lavorano a stretto contatto con università e centri di ricerca per individuare le startup più promettenti e fornire loro il carburante finanziario necessario per superare quella temuta “valle della morte” che separa la teoria dalla pratica.

Gli investimenti nel calcolo quantistico sono un barometro tanto dell’ottimismo quanto del rischio. E mentre il settore continua a crescere, una cosa è chiara: la strada per il successo sarà lastricata tanto di opportunità quanto di sfide.

Algoritmi quantistici: una nuova era di problem-solving

Nel labirinto della computazione, gli algoritmi quantistici stanno diventando la bussola che tutti vogliono avere. Non si tratta di una semplice evoluzione, ma di un cambio di paradigma che sta riscrivendo le regole del problem-solving. Dimenticate i bit e la logica booleana; qui si parla di qubit e di concetti stravaganti come sovrapposizione e intreccio quantistico. È come passare dal calcolo a mano alla calcolatrice scientifica, ma a una potenza esponenziale.

E parlando di potenza, è impossibile non soffermarsi sulla velocità e l’efficienza di questi nuovi arrivati. Immaginate un problema di ottimizzazione così complesso che un computer classico impiegherebbe anni a risolverlo. Ora, pensate a un algoritmo quantistico che lo sbriga nel tempo di un caffè espresso. Grazie alla sovrapposizione quantistica, i computer quantistici possono esplorare un numero stupefacente di soluzioni in parallelo, rendendo l’impensabile non solo possibile ma anche efficiente.

Ma dove troveranno applicazione questi prodigi della computazione? Ovunque, a dire il vero. Prendiamo il mondo della finanza: l’ottimizzazione di portafoglio, quella chimera che tiene svegli la notte i gestori di fondi, potrebbe diventare un gioco da ragazzi. Immaginate un algoritmo quantistico che setaccia milioni di combinazioni di asset in un batter d’occhio, trovando quella giusta come un truffaldino trova l’asso nella manica.

E che dire della logistica? Pensate a una flotta di camion che deve attraversare un continente. Un algoritmo quantistico potrebbe calcolare in tempo reale il percorso più efficiente per ogni veicolo, tenendo conto di una miriade di variabili come il traffico, il prezzo del carburante e persino le previsioni del tempo.

Non finisce qui. La ricerca farmaceutica, quel labirinto di simulazioni molecolari e test clinici, potrebbe essere una delle aree più rivoluzionate. Gli algoritmi quantistici potrebbero accelerare la scoperta di nuovi farmaci, tagliando i tempi e i costi che oggi sembrano insormontabili.

Ma prima di brindare al futuro, un attimo di cautela. Gli algoritmi quantistici non sono il toccasana per tutti i mali. La tecnologia è ancora giovane, e le sfide non mancano. Correzione degli errori, coerenza dei qubit, e una serie di altre questioni tecniche sono ostacoli che devono ancora essere superati. E, va detto, non tutti i problemi sono fatti per essere risolti in chiave quantistica. Ci sono aree in cui la buona vecchia computazione classica ha ancora molto da dire.

Gli algoritmi quantistici sono come un nuovo strumento in un’orchestra: non sostituiscono gli altri, ma aggiungono una nuova dimensione al concerto della scienza computazionale.

Prepararsi per l’imprevedibile

Nell’era dell’innovazione a ritmo frenetico, l’ascesa dell’intelligenza artificiale ha scritto una sorta di manuale su come le aziende dovrebbero prepararsi per l’imprevedibile. È come se l’AI avesse tracciato una mappa del tesoro, segnando i pericoli e le opportunità lungo il percorso verso il futuro. Ora, mentre il calcolo quantistico emerge dall’orizzonte tecnologico, è il momento di prendere quella mappa e iniziare a decifrare i nuovi simboli.

Investire in ricerca e sviluppo nel mondo quantistico non è solo un biglietto per il futuro; è un passaporto per plasmare quel futuro. Le aziende che si tuffano ora in queste acque inesplorate non solo contribuiscono a definire la rotta della nave, ma si assicurano anche un posto di comando quando la destinazione sarà raggiunta.

Ma come ci si prepara per una spedizione in un territorio così vasto e misterioso? Iniziamo con la formazione e le competenze. È come equipaggiare la nave prima di salpare: non puoi navigare in acque sconosciute senza una ciurma esperta. Le aziende più lungimiranti stanno già investendo in formazione specializzata, stringendo alleanze con università e centri di ricerca, o addirittura reclutando nuovi talenti che parlano fluentemente la lingua del quantistico.

Una volta che la ciurma è pronta, è il momento di testare le acque con progetti pilota e prototipi. Questi esperimenti agiscono come sonar, dando un’idea di cosa aspettarsi e come navigare attraverso gli ostacoli. È un modo per fare pratica prima della partita vera e propria, permettendo alle aziende di affinare le loro strategie e prepararsi per le sfide più grandi che inevitabilmente verranno.

E in questo viaggio, nessuna nave è un’isola. La collaborazione è la chiave per accelerare lo sviluppo e distribuire i rischi. È come formare una flotta con altre navi, ognuna con le sue competenze e risorse, per esplorare insieme l’oceano dell’ignoto. Università, istituti di ricerca e altre aziende possono diventare alleati preziosi in questa avventura.

Ma attenzione, marinai: le acque sono mutevoli e piene di insidie. Un monitoraggio continuo è essenziale per tenere il passo con le correnti in rapido cambiamento del campo quantistico. È come avere un vigile guardiano al timone, sempre pronto a correggere la rotta in base alle ultime informazioni.

Infine, non dimentichiamo il piano B. In un mondo di incertezze, la diversificazione e i piani di contingenza sono il vostro giubbotto di salvataggio. Investire in una tecnologia emergente come il calcolo quantistico è un po’ come giocare d’azzardo, ma con una buona strategia, le probabilità possono essere messe a vostro favore.

Mentre il calcolo quantistico si prepara a diventare il prossimo grande protagonista sul palcoscenico tecnologico, le lezioni apprese dall’ascesa dell’AI possono essere la nostra sceneggiatura per il successo. E come ogni buon spettacolo, la preparazione è tutto.

Sfide software e soluzioni in vista

Nel mondo frenetico del calcolo quantistico, l’hardware è un po’ come un atleta olimpico in costante allenamento, migliorando le sue prestazioni a un ritmo che lascia il pubblico a bocca aperta. Ma cosa succede quando l’atleta è pronto a correre e scopre che le sue scarpe sono obsolete? Ecco il dilemma che gli sviluppatori di software quantistico devono affrontare quotidianamente. Mentre l’hardware quantistico fa passi da gigante, il software fatica a tenere il passo, come un sarto che cerca disperatamente di adattare un abito su un corpo in continua crescita.

Ma come ogni buona storia, anche questa ha i suoi eroi. Prendiamo Terra Quantum, per esempio. Questa azienda sta cercando di costruire un ponte tra il mondo del classico e quello del quantistico, offrendo una sorta di “Quantum as a Service“. Immaginate un ristorante che serve sia cucina tradizionale che gourmet: Terra Quantum vuole essere il cuoco che sa preparare entrambi alla perfezione. Con l’acquisizione di divis intelligent solutions, l’azienda sta accelerando il suo menu di algoritmi ibridi, cercando di offrire ai clienti il meglio di entrambi i mondi.

Poi c’è Classiq, che sta cercando di semplificare la vita degli sviluppatori di software quantistico. Se Terra Quantum è il cuoco, Classiq è il designer di cucine, creando gli strumenti che rendono la preparazione dei piatti quantistici un gioco da ragazzi. La loro piattaforma è come un laboratorio di alta tecnologia per la progettazione di algoritmi, un luogo dove gli sviluppatori possono costruire circuiti quantistici con la stessa facilità con cui un architetto usa il software CAD.

Ma la vera magia potrebbe avvenire quando queste aziende riusciranno ad automatizzare l’aggiornamento del software. È come se stessero lavorando su una sorta di pilota automatico per il software quantistico, uno che può adattarsi alle nuove condizioni senza bisogno di un intervento umano costante. In un settore che cambia più velocemente di un camaleonte su un arcobaleno, questa flessibilità e adattabilità potrebbero essere la chiave per sbloccare il vero potenziale del calcolo quantistico.

In sintesi, mentre l’hardware quantistico continua a rompere le barriere del possibile, le aziende come Terra Quantum e Classiq stanno lavorando per assicurare che il software non sia lasciato indietro. È una corsa contro il tempo, una sfida che potrebbe definire il futuro del settore. Ma se questi pionieri avranno successo, potremmo trovarci in un mondo dove il software quantistico è agile come un ginnasta e robusto come un sollevatore di pesi, pronto a sfruttare appieno la potenza dei computer quantistici di nuova generazione.

La geopolitica della supremazia quantistica: la competizione tra Cina e Stati Uniti

Nel cuore della nuova frontiera tecnologica, dove i qubit e gli algoritmi quantistici stanno diventando i nuovi protagonisti, si sta svolgendo una partita a scacchi su scala globale. Non è solo una questione di chi avrà il computer più veloce o l’algoritmo più efficiente; è una lotta per il controllo del futuro, una corsa che potrebbe riscrivere le regole della geopolitica globale. E come in ogni grande epopea, ci sono due colossi che si fronteggiano: gli Stati Uniti e la Cina.

Gli Stati Uniti, armati del loro National Quantum Initiative Act, stanno iniettando miliardi nella ricerca quantistica come se fossero steroidi per un atleta in cerca di un record mondiale. Non è solo una questione di denaro; è una visione strategica. Collaborazioni tra università di élite, laboratori nazionali e titani dell’industria come IBM e Google stanno cercando di trasformare la teoria in pratica, di convertire gli esperimenti di laboratorio in prodotti che possono essere venduti o utilizzati per scopi di sicurezza nazionale.

Ma non sottovalutate la Cina, un gigante che si sta svegliando al suono del tamburo quantistico. Mentre gli Stati Uniti potrebbero avere una testa di vantaggio nella corsa al calcolo quantistico, la Cina sta facendo la sua mossa nel mondo della comunicazione e della crittografia quantistica. Il satellite Micius non è solo un pezzo di hardware in orbita; è un segnale al mondo che la Cina vuole dettare i nuovi standard globali. E con il sostegno finanziario del governo, la Cina sta accelerando la sua ricerca con l’obiettivo, niente affatto velato, di superare gli Stati Uniti.

Ma cosa c’è in gioco in questa lotta per la supremazia quantistica? Non è solo una questione di chi può fare i calcoli più velocemente. È una questione di chi avrà il controllo delle chiavi che aprono le porte della sicurezza globale, di chi potrà influenzare l’ordine mondiale nei decenni a venire. Immaginate di avere la capacità di decifrare qualsiasi algoritmo crittografico; sarebbe come possedere il Santo Graal dell’intelligence.

E in questo intricato gioco di potere, c’è spazio anche per la diplomazia scientifica. L’Unione Europea, con il suo programma Quantum Flagship, sta cercando di essere il mediatore, l’arbitro che può portare le parti a un tavolo comune. Ma è un equilibrio precario, una corda tesa su cui si cammina, dove la collaborazione e la competizione sono separati da una linea sottile e sfumata.

La lotta per la supremazia quantistica è molto più di una corsa tecnologica; è un nuovo teatro per la geopolitica globale. E come in ogni grande dramma, la posta in gioco è alta e i protagonisti sono pronti per la battaglia. Ma la domanda finale che rimane è: una volta raggiunta la supremazia, come sarà utilizzato questo nuovo potere straordinario? E quali saranno le ripercussioni per il resto del mondo? In questa partita a scacchi globale, la prossima mossa potrebbe benissimo definire il corso del XXI secolo.

Implicazioni etiche e sociali dello sviluppo di software quantistico: un’analisi logica

Nell’epoca in cui la tecnologia quantistica sta diventando il nuovo Eldorado della scienza, è facile lasciarsi affascinare dai suoi brillanti orizzonti: crittografia inviolabile, simulazioni molecolari in tempo reale, ottimizzazione di intere catene di approvvigionamento in un batter d’occhio. Ma mentre ci immergiamo in questa nuova frontiera, è fondamentale non dimenticare le questioni etiche e sociali che emergono come ombre lunghe sul paesaggio.

Prendiamo, ad esempio, il delicato equilibrio tra sicurezza e vulnerabilità dei dati. La crittografia quantistica potrebbe essere la chiave di una nuova era di sicurezza digitale, un baluardo contro i cybercriminali. Ma c’è un rovescio della medaglia: i computer quantistici potrebbero anche diventare la chiave maestra in grado di aprire qualsiasi serratura digitale. È un dilemma che richiede non solo ingegneria avanzata, ma anche una profonda riflessione etica. Dovremmo forse considerare un nuovo “codice etico quantistico” che affianchi lo sviluppo tecnologico?

E poi c’è il mercato del lavoro, un terreno già instabile che potrebbe essere ulteriormente sconvolto dall’arrivo della computazione quantistica. Sì, avremo bisogno di una nuova generazione di ingegneri quantistici, ma cosa succederà ai lavori che questa nuova tecnologia renderà obsoleti? Non è solo una questione di formazione e riqualificazione; è una questione di giustizia sociale, di come bilanciare il progresso con l’equità.

Ma forse il dilemma più grande è la concentrazione del potere economico. Con i costi astronomici associati alla ricerca e allo sviluppo nel campo quantistico, c’è il rischio che solo pochi giganti tecnologici o nazioni possano permettersi di entrare in questo esclusivo club. E quando il potere è concentrato, la disuguaglianza è spesso dietro l’angolo. È una questione che va oltre la mera logica del mercato; è una questione di etica dell’accesso.

In conclusione, mentre ci avventuriamo in questa nuova era quantistica, dobbiamo farlo con gli occhi aperti, armati non solo di algoritmi, ma anche di un solido quadro etico. È un compito che richiede un approccio multidisciplinare, coinvolgendo non solo scienziati e ingegneri, ma anche filosofi, sociologi e legislatori. Perché alla fine, la vera domanda non è solo cosa possiamo fare con la computazione quantistica, ma cosa dovremmo fare. E per rispondere a questa domanda, avremo bisogno di più che semplici qubit; avremo bisogno di un profondo senso di responsabilità etica e sociale.

Conclusioni

Il calcolo quantistico è più di una semplice evoluzione tecnologica; è un fenomeno che incide su diversi aspetti della società, dall’economia alla geopolitica, passando per questioni etiche e sociali. In un mondo in cui l’incertezza tecnologica è la norma piuttosto che l’eccezione, la flessibilità e l’adattabilità emergono come qualità indispensabili. Le aziende, i ricercatori e i decisori politici devono quindi adottare un approccio olistico, che tenga conto non solo delle opportunità, ma anche dei rischi intrinseci.

L’agilità nello sviluppo del software, l’uso di architetture modulari e l’integrazione con linguaggi di programmazione quantistica sono solo alcune delle strategie che possono aiutare a navigare in questo ambiente volatile. Ma non basta. Gli investimenti in ascesa nel settore riflettono un ottimismo che deve essere bilanciato da una valutazione critica dei rischi, soprattutto in un contesto in cui il ritorno sull’investimento è tutto fuorché garantito.

La corsa alla supremazia quantistica, con Stati Uniti e Cina in prima linea, aggiunge un ulteriore livello di complessità, rendendo il calcolo quantistico un campo di battaglia per la supremazia geopolitica. In questo scenario, la questione non è solo chi raggiungerà per primo determinati traguardi tecnologici, ma come questi avanzamenti saranno utilizzati o, peggio, abusati.

Infine, non possiamo ignorare le implicazioni etiche e sociali. La promessa di una maggiore sicurezza dei dati attraverso la crittografia quantistica è in bilico con il rischio di compromettere i sistemi di sicurezza esistenti. Allo stesso modo, l’efficienza offerta dal calcolo quantistico potrebbe essere una spada a doppio taglio, con potenziali impatti sul mercato del lavoro e sulla distribuzione del potere economico.

In sintesi, il calcolo quantistico è un terreno fertile per l’innovazione, ma anche un campo minato di rischi e incertezze. Per navigare con successo in questo paesaggio complesso, è necessario un pensiero critico, una pianificazione a lungo termine e, soprattutto, una visione che vada oltre il mero progresso tecnologico. È un futuro che, sebbene incerto, è indubbiamente carico di potenziale. E come in ogni viaggio verso l’ignoto, la preparazione e la prudenza saranno i nostri migliori alleati.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3