Il chiarimento

Ecco come la legge Quintarelli difende i diritti degli utenti

Troppi fraintendimenti su un disegno di legge che afferma principi a favore della neutralità della rete e dei device. Non è legge anti Apple. Il suo effetto sarà potenziare la tutela dei diritti degli utenti dinanzi alla Direzione Consumatori dell’Autorità Antitrust

27 Giu 2017
Eugenio Prosperetti

avvocato, docente Informatica Giuridica Facoltà Giurisprudenza

topic_internet-freedom

Negli ultimi giorni varie testate si sono interrogate sul funzionamento delle misure sulla neutralità degli “app store” contenute in un disegno di Legge a prima firma del Deputato Stefano Quintarelli dei Civici e Innovatori, uno dei padri dell’Internet Italiana, oltre che presidente del Comitato di Indirizzo dell’Agenzia per l’Italia Digitale.

Il DDL in questione, attualmente al Senato con il numero S2484, è diviso in due parti.

La prima riguarda le misure complementari al Regolamento UE sulla neutralità della rete, che, se approvate introdurrebbero l’obbligo di prevedere come “offerta base” degli operatori internet una offerta c.d. “best effort”, in cui cioè nessun sito/servizio viene privilegiato rispetto ad altri.

La seconda, che ha generato in questi giorni le discussioni più accese, riguarda la neutralità delle piattaforme e del software.

Viene stabilito per la prima volta a livello mondiale il principio che, laddove ciò limiti la libertà di scelta del consumatore, non è lecito

  • vietare di installare nuovi software su un dispositivo
  • vietare di rimuovere da un dispositivo i software pre-installati.

Ovviamente tale principio non è applicabile dove il software sia obbligatorio per Legge o sia posto a presidio della sicurezza del sistema o dell’integrità delle reti.

E’ un principio importante che consentirebbe ai consumatori italiani di poter azionare con maggiore facilità, a fronte di comportamenti scorretti dal punto di vista consumeristico, la tutela dinanzi alla Direzione Consumatori dell’Autorità Antitrust.

Non si tratta di una nuova tutela perché se qualcosa fosse illecito dal punto di vista del diritto dei consumatori lo sarebbe indipendentemente dall’approvazione del DDL Quintarelli e, in effetti, già oggi nulla vieterebbe all’Autorità Antitrust di intervenire laddove un consumatore ravvisasse un problema con un app store.

Ma allora la seconda parte del DLL Quintarelli è inutile?

Nient’affatto.

Affermare in una Legge che un principio è protetto dal diritto dei consumatori significa renderlo più riconoscibile agli interessati e alle Autorità e ha quindi una funzione importante nel facilitarne l’applicazione ed evolvere l’interpretazione normativa.

Quanto previsto nel DLL Quintarelli assume così la funzione di norma interpretativa da una parte e di guida all’istruttoria dell’Antitrust dall’altro perché costruisce una fattispecie che, se ritrovata, può (non deve) essere valutata ai sensi del Codice del Consumo.

La disposizione di cui all’art. 6 comma 3 non prevede infatti che l’AGCM sanzioni qualsiasi violazione con le sanzioni del Codice del Consumo, ma, solamente, che l’Antitrust è competente a valutare e sanzionare come pratiche commerciali scorrette. In poche parole decide l’antitrust con piena discrezionalità e con le logiche previste dal Codice del Consumo.

Non si crea dunque una nuova fattispecie ma si indica che se l’Antitrust ritrova nelle segnalazioni che riceve gli elementi della violazione dei divieti previsti dal DDL Quintarelli può decidere di sanzionarli laddove vi siano tutte le altre condizioni di contorno previste dal Codice del Consumo.

Non è invece corretto affermare che il DDL Quintarelli intende in ogni caso proibire i sistemi che non consentono di installare/disinstallare liberamente software: un sistema potrebbe infatti garantire libertà di scelta al consumatore anche attraverso un modello “chiuso” che però abbia chiari e non discriminatori meccanismi di accesso.

Il DDL non prevede in sostanza non prevede alcun divieto ma solo un “diritto” di installare/disintallare software, senza definirne con precisione i contorni.

E’ importante notare che la valutazione delle violazioni dell’art. 4 vengono affidate in toto all’Autorita’ antitrust alla Quale viene chiesto di valutare secondo le regole del Codice del Consumo.

Appare dunque chiaro che un utente che ritenesse fosse negato il proprio diritto, come previsto dal DDL Quintarelli, non potrebbe che rivolgersi all’Autorità antitrust la quale potrebbe, se riscontrasse che vi sono gli elementi aprire un’istruttoria per valutare se ci sono tutti gli elementi previsti dal Codice del Consumo per sanzionare una pratica scorretta.

Oltre al fatto di non poter installare/disinstallare un software l’Autorità dovrebbe rinvenire un intento doloso di frodare un gruppo ampio di consumatori e che la scorrettezza non era riconoscibile dal consumatore medio (quello ben informato) e, infine, che il consumatore Ha compiuto scelte commerciali diverse, che non avrebbe compiuto in mancanza del comportamento scorretto.

Appare invece difficile, se non impossibile che una violazione dell’art. 4 sia portata al Giudice ordinario perché, così come è previsto dal DDL in discussione, la norma è priva di un obbligo preciso a carico di un determinato soggetto. Non si dispone cioè che tutti i gestori di piattaforme debbono far installare/disinstallare tutti i software ma solamente che l’utente-consumatore si possa lamentare con l’Antitrust se una mancata disinstallazione gli crea un danno consumeristico.

Non sembra dunque di poter condividere gli articoli di questi giorni apparsi su alcuni quotidiani che paventano addirittura la scomparsa di alcuni diffusi smartphone dall’Italia se venisse approvato il DDL in questione descritto come contenente divieti irragionevoli e draconiani.

Nemmeno sembra di poter condividere l’opinione di chi afferma che l’Italia dovrebbe attendere le determinazioni UE sul punto. I mercati degli “app store” a ben vedere sono nazionali nell’offerta e nelle policy: io acquisto dalla versione italiana dello store delle applicazioni, che ha termini e condizioni in Italiano e un’offerta specifica per l’Italia. Se si leggessero con attenzione le condizioni si scoprirebbe che Apple prevede addirittura il divieto di utilizzare le app acquistate in una nazione al di fuori dei confini nazionali! Inoltre, il diritto d’autore sugli store è gestito a livello nazionale.

Infine, anche la tutela dei consumatori nella UE è gestita da Autorità nazionali. Dunque il Legislatore nazionale ha tutto il diritto di esigere standard di tutela consumeristica specifica a livello nazionale, fermo restando che un eventuale successivo intervento di armonizzazione rimane sempre possibile.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati