Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

SCENARI TLC

Gli operatori telefonici diventano “trasformatori digitali” delle aziende

di Paolo Nanni, Direttore Business & Wholesale di Wind Tre

08 Mag 2017

8 maggio 2017

Cloud e datacenter, smart working, internet delle cose… il nuovo ruolo dell’operatore tlc è quello di partner delle aziende che vogliono imparare a nuotare nel nuovo mondo digitale

Il ruolo dell’operatore TLC si sta sempre più evolvendo da consulente nella fornitura di prodotti e servizi di connettività a partner preferenziale per soluzioni di trasformazione digitale delle aziende, che devono ripensare ed adeguare i loro modelli e i processi interni per competere in modo più efficace ed efficiente in un Mercato globale e interconnesso. La Digital Transformation diventa quindi una leva per migliorare le performance del business, accelerare la produttività, migliorare l’efficienza interna e razionalizzare i costi.

 

Paolo Nanni, Direttore Business & Wholesale di Wind Tre

 

Tecnologia, investimenti e know-how ci aiutano a sviluppare innumerevoli servizi smart per cittadini, aziende e Pubblica Amministrazione, contribuendo a raggiungere gli obiettivi dell’Agenda Digitale italiana e riducendo il gap culturale e infrastrutturale spesso presente nelle realtà sia private che pubbliche.

Nello specifico, parliamo di innovazione nei prodotti core, di nuove soluzioni di smart connectivity, Cloud e Data Center di ultima generazione, accessi a reti ultra-broadband, gestione dei Big Data e ‘machine learning’: queste competenze ci offrono la possibilità di sostenere modelli di innovazione incrementale e radicale, necessari per l’Internet delle cose, per gli smart office, per l’Industria 4.0 e per le smart cities. È un processo in continua evoluzione: sempre più settori sono coinvolti nella Digital Disruption, basta pensare agli sviluppi nell’ambito dell’e-Health che si trasformeranno in soluzioni pratiche e utili per medici e pazienti.

Non è un caso che un mercato come quello dell’Internet of Things, che riguarda trasversalmente tutti i settori sopra citati, si confermi costantemente in crescita e locomotiva dello sviluppo digitale italiano. Lo attesta anche l’ultimo Osservatorio IoT della School of Management del Politecnico di Milano, che registra un mercato a 2,8 miliardi di euro nel 2016, cresciuto del 40% rispetto all’anno precedente, trainato sia dalle applicazioni basate sulla connettività cellulare, a quota 1,7 miliardi di euro, +36% rispetto all’anno precedente, che da quelle che sfruttano altre tecnologie di connessione (come le radiofrequenze o le Power Line Communication), arrivate a 1,1 miliardi di euro, in aumento del 47%. Si tratta di innovazioni entrate ormai nella vita di tutti i giorni, se consideriamo che nel nostro Paese sono presenti 14,1 milioni di oggetti connessi tramite rete cellulare.

In questo contesto, la cura dei dettagli è fondamentale per garantire alle aziende la migliore user experience nella fruizione dei servizi che Wind Tre mette loro a disposizione. Puntiamo a utilizzare le migliori tecnologie per sviluppare servizi unici e distintivi, caratterizzati da un’esperienza d’uso completa, semplice e intuitiva.

La nostra soluzione di smart working chiamata “Work&Life” va proprio in questa direzione: avere sempre e ovunque l’ufficio a propria disposizione con tutti gli strumenti necessari, senza preoccuparsi né della sicurezza dei dati né dei livelli di performance in mobilità. “Work&Life” è disponibile su un’ampia gamma di smartphone di ultima generazione.

Nel 2016, secondo l’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano, gli Smart Workers sono arrivati a rappresentare il 7% del totale di impiegati, quadri e dirigenti nel lavoro subordinato, in aumento del 40% rispetto al 2013. Ma se tra le grandi aziende il 30% ha messo in atto progetti strutturati di Smart Working, le Pmi sono ancora molto indietro: soltanto il 5% attua progetti strutturati, quota ferma all’anno precedente, benché siano in crescita le aziende interessate.

Con le nostre proposte, intendiamo fornire a tutte le realtà, dalle grandi imprese alle Pmi, gli strumenti necessari a intraprendere il percorso Digital Transformation, garantendo affidabilità, efficienza e flessibilità necessarie nel mondo del Business.

 

 

Articoli correlati