La riflessione

La vittoria di Trump è un format deformato di tv e social network

Donald Trump ha vinto perché ha usato un nuovo “reality game show”, format tv interlacciato, crossmedialmente, coi social network. E che da ora in poi eleggerà il presidente degli Stati Uniti. Se lo stava costruendo da vent’anni, adesso siamo arrivati al punto di non ritorno

25 Nov 2016
fleischner-150216205211

Alla semplice domanda perché Donald Trump abbia vinto, almeno sulla carta, la presidenza degli Stati Uniti, come per molte altre domande complesse, si sta rispondendo e si risponderà in mille maniere, dalle più documentate e motivate alle più di pancia e d’insight, dalle più analitiche alle più sintetiche.

Dunque scelgo dal mazzo una risposta che parla di media e oltre. Ha vinto perché ha usato il format dei “reality game show” che, insieme al format “talent show”, più patinato perché ripreso in studio, ha ridato ossigeno e vitalità d’audience alla vecchia televisione, da due decenni ormai pronosticata, attraverso schiere di ricerche, in mortale declino. Un format interlacciato, crossmedialmente, coi social network di massa, Facebook (in corso l’ennesimo dibattito negli Usa sul tema “È tutta colpa di Facebook?”) e con il microblogging dell’élite, Twitter. È un format sceneggiato che spazia nelle location più televisive e più da storytelling.

È Iniziato dodici anni fa in una suite dorata della Trump Tower, è continuato in mezzo al popolo delle distese di granturco della corn belt americana, delle fabbriche dismesse, dei quartieri cittadini in degrado, dilagato negli stadi e negli aeroporti accoglienti, col Boeing brandizzato col proprio monosillabico nome in background e, dopo questo lungo viaggio, è atterrato al punto di partenza, all’ultimo piano, sberluccicante d’oro massiccio, del proprio grattacielo su Central Park, a Manhattan, con qualche futura puntata settimanale nella dependance Casa Bianca.

La campagna per la corsa alla dependance, al numero 1600 di Pennsylvania Avenue in Washington, piccola e scomoda, ma di gran lustro, è stata il numero zero di un’ulteriore mutazione del processo di ibridazione, in corso da oltre un secolo, fra i format mediatici più popolari e la politica. Un’ibridazione che sembra si sia conclusa con il cannibalismo ora irreversibile dei primi sulla seconda.
La corsa di Donald Trump verso lo Studio Ovale ha forse definitivamente affermato il nuovo processo selettivo per l’inquilino presidente degli Usa: da ora in poi sarà un “reality game show”, con saltuarie deviazioni di format verso il “talent show” (chiamate impropriamente “confronti televisivi diretti”). Lo stesso ha già fatto Ramzan Kadyrov, presidente della repubblica federale cecena, per assegnare il posto di capo dell’Agenzia per lo Sviluppo strategico. Forse il televisivo processo di selezione della classe politica si estenderà. Si passerà dalla copertura mediatica delle campagne alla medializzazione delle stesse.

Il nuovo corso è iniziato l’8 gennaio 2004. Trump l’ha finanziato, co-ideato e condotto per una dozzina d’anni. Giorno dopo giorno, ha appreso e fatto tesoro di ogni reazione, comportamento e desiderio della sua audience. Ha coltivato e cresciuto il linguaggio, gli umori, i bisogni, le aspirazioni, le frustrazioni, gli amori e gli odi del popolo degli spettatori della ricchezza altrui. Dove solo uno su un milione diventa miliardario. Ha creato un enorme apparato consolatorio nazionale. Ha urlato sera televisiva dopo sera televisiva “You’re fired!” Ha trascinato nell’identificazione milioni di licenziati in tronco, fired appunto, accasciati nel divano rattoppato del salotto di casa. Ha collezionato e validato una sequenza infinita di bugie veniali e mortali, per sedare nelle semplificazioni e con massicce dosi di illusioni le sacche del paese più afflitte dal dolore e dalla tragedia della disoccupazione e della emarginazione sociale. Ha addormentato coi bagliori del televisore rimasto acceso tutta notte il sogno americano di sapersi superare sempre, evocando la centralità del posto sicuro, colonna portante dell’economia in via d’estinzione del secolo breve. Ha individuato gli indispensabili capri espiatori delle proprie disgrazie nelle silicon valley del Paese e nei professionisti dell’intermediazione, gli operatori dei media, sicuro che quest’ultimi (certo non tutti) sarebbero stati pronti a saltare sul treno del vincitore col biglietto vidimato del “mea culpa mea maxima culpa”. Ha istigato in ogni suo one-man-show il linciaggio, per ora solo mediatico, di ogni minoranza che non sia bianca, possibilmente ariana.

Nel suo reality game show ha mischiato, con ventennale esperienza soprattutto in game e show, la realtà col gioco e con lo show. Ha selezionato e fatto fuori a suon di audience tutti gli altri ingenui suoi competitor e si è imposto vincitore, con le regole scritte di suo pugno, praticate di suo imperio, cambiate alla bisogna. Tutti gli altri avversari in campo interno e in quello esterno non hanno capito che le regole erano quelle della tv ma dall’altra parte. Credevano di dover agire dalla parte di tutti gli ordinari concorrenti, davanti alle telecamere, mentre Donald era dietro le telecamere, a dettare le inquadrature, il copione e la regia. Il format, insomma.

Per anni è stato il producer (all’americana, cioè autore, regista e produttore in una sola persona) ma anche e soprattutto “host”, in prima serata televisiva, della selezione del top manager della sua azienda immobiliare dove, ad ogni eliminatoria, al concorrente che perdeva veniva urlato “sei fuori!”. Uno schiaffo che è solo l’ultima, quella terminale, di una delle tante metafore della vita reale che punteggiano la sceneggiatura dello show. Metafore di una vita concepita per esclusioni e non inclusioni. Un vita di darwinizzazione estrema. Uno show, come tutti quelli della tv, funzionale alla massimizzazione dell’audience per la massimizzazione degli investimenti (pubblicitari e non solo). Nella vita reale funzionale alla massimizzazione della propria prestazione per la massimizzazione del proprio stipendio. Nel regno assoluto (televisivo) della più fake delle meritocrazie. Nella bolla virtuale dei reality game show Donald ha imparato ogni malizia e trucco, per poi inventarne sempre più nuovi. Ha capito e sperimentato i mille mix trainanti (d’audience) di verità e menzogna, di fatti e bufale. Ha introiettato un linguaggio essenziale di circa 800 parole, con frasi brevissime, quasi sempre costruite con un solo soggetto, un solo verbo e un solo complemento. Si è reso omogeneo al popolo definito degli “incolti”, ma reali, ingannandoli. Dei milioni dei rasseganti a essere caricati, come in una pratica di capolarato, sui camion dell’audience televisiva, fatta di show, wrestling, game, talent e vecchi film (patriottici). Poi ha parlato alla pancia dei votanti come un ventriloquo dalla pancia della sua audience. Ha creato il gran finale della vittoria contro tutte le previsioni e i sondaggi. Nessuno saprà mai quanti hanno risposto ai sondaggisti “voto per Hillary” sapendo che avrebbero fatto esattamente il contrario. Ma Donald lo sa. Declamava con sbigottente e indecifrabile sicurezza i “sondaggi sono falsi!”
Ha attizzato rivoli di fanatismi e di fake news che hanno dato il loro piccolo ma determinante contributo alla semplificazione della scelta fra il cosiddetto establishment e il popolo “sua vittima”.
Ha applicato con scientifica precisione la regola che nei palinsesti di flusso delle breaking news, come nei flussi dei social network, un notizia invecchia in pochi minuti se si è capaci di sostituirla con un’altra altrettanto prorompente. Dunque si può annunciare tutto e il contrario di tutto. Così ha utilizzato senza parsimonia le bugie, i fatti falsificati, sapendo che la pratica del fact-checking si mette in moto solo dopo 12-14 ore e solo per un fatto su dieci.
Ha promesso, e le farà, le infrastrutture del New Deal di Franklin Delano Roosevelt che tanto cinema americano porta ancora ogni giorno sugli schermi di ogni formato. Ha promesso muri, ma non li farà, perché già costruiti da altri, con sublime sorpasso degli stupidi politici che ancora promettono e non mantengono. Ha detto che i cinesi (finalmente un nemico mastodontico nello show) hanno inventato il “climate warming” e poi (stupenda svolta (“ragionevole”) del plot) ha detto che manterrà tutti gli impegni anti CO2. Ha lisciato il pelo alle centinaia di milioni di armi incattivite, pronte a sparare contro gli intrusi esterni ed interni, in una perenne latente guerra civile americana, perché sa che la televisione che fa più audience è quella delle lacrime, del sudore e del sangue.

È arrivato secondo come voti. È arrivato primo come delegati degli stati. Ora può continuare a vivere dentro il suo reality game show come presidente (col potere di urlare “You’re fired” oppure “You’re hired”). Se avesse perso, sarebbe stato lo stesso. Avrebbe continuato a vivere dentro il suo reality game show, pur come provvisorio perdente. In televisione i perdenti sono adorati, in un prenne processo comunicativo a due vie, sia di identificazione che di proiezione.

Il grande venditore della de-globalizzazione e della de-innovazione ha vinto. “The show must go on!”

edoflei06@gmail.com

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati