infrastrutture e servizi

Legge sulla Concorrenza, grosso impatto sul mercato TLC: novità e problemi

Obbligo di motivazione dettagliata in caso di diniego all’accesso alle infrastrutture e di coordinamento per le opere di genio civile e al divieto di addebito sul conto telefonico di qualsiasi tipo di servizio premium: sono i tre temi toccati dalla legge concorrenza in ambito tlc. Le azioni e quello che manca

01 Lug 2022
Cristoforo Morandini

Vice President TMT PTSCLAS

smart mobility

Questo anno, i temi all’ordine del giorno per il settore delle telecomunicazioni nell’ambito della Legge annuale sul Mercato e la Concorrenza sono relativi all’utilizzo delle infrastrutture per la realizzazione di reti di telecomunicazioni e ai servizi premium, due argomenti che sono spesso stati oggetto di interventi specifici, ma non ancora risolutivi.

Si segnalano però, accanto agli interventi, volti come ogni anno ad accelerare il processo di aggiornamento dell’impianto normativo vigente anche nel settore delle telecomunicazioni, anche diverse lacune.

Bandi PNRR per le reti ultrabroadband, ecco i vincitori: impatto sul mercato e prossimi step

Procedure per la realizzazione di infrastrutture di nuova generazione

Il primo intervento riguarda il D.lgs. n.33, che ha avviato il processo di maggiore semplificazione amministrativa nel 2016, e l’obbligo di motivazione dettagliata in caso di diniego all’accesso alle infrastrutture per la realizzazione delle reti di telecomunicazioni a causa di oggettiva inidoneità o indisponibilità di spazio.

INFOGRAFICA
Manufacturing verso l’Industry 5.0: sfrutta i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
Digital Transformation

Sulla carta tutti d’accordo, ma l’associazione degli operatori (ASSTEL) appare preoccupata per la richiesta di una documentazione che si estende a “materiale fotografico e ogni documentazione tecnica che avvalori l’oggettività del diniego” perché potenzialmente foriera di accesso a informazioni di rilevanza competitiva e/o o tali da mettere a rischio la sicurezza delle infrastrutture. In realtà, la norma è chiaramente riferita innanzitutto ai gestori di infrastrutture fisiche come le reti per la distribuzione di gas, acqua, reti stradali, metropolitane e ferroviarie.

Rimane il fatto che la norma interviene perché, evidentemente, ci sono tuttora dei dinieghi strumentali e l’unico modo di evitarli è di richiedere una maggiore oggettività, nel rispetto naturalmente della riservatezza e strategicità delle informazioni.

Interventi di realizzazione delle reti in fibra ottica

L’articolo successivo interviene invece per rendere obbligatorio il coordinamento per le opere di genio civile, in precedenza previsto solo come facoltativo. La finalità è più che comprensibile visto che il coordinamento riguarda il processo di richiesta dei permessi, la non duplicazione inefficiente delle opere di genio civile, nonché i costi di realizzazione. La supervisione è in capo all’Autorità di settore, l’Agcom. Anche in questo caso, l’ASSTEL nutre delle preoccupazioni legate all’ampiezza delle attività interessate, fino a richiamare possibili profili Antitrust legati a tale coordinamento e richiederne lo stralcio. In effetti, bisogna riconoscere che, oltre all’ambiguità legata al riferimento agli operatori di rete che hanno dichiarato “pubblicamente piani di realizzazione” (evidentemente anche nell’ambito delle consultazioni Infratel e Agcom), come l’attuazione di tale obbligo rischi di essere estremamente complessa e necessita di processi attuativi tutti da costruire. A questo proposito basti pensare al numero di operatori da coinvolgere, alle modalità, ma anche alle tempistiche entro le quali il coordinamento deve avvenire, a maggior ragione se sono coinvolte amministrazioni diverse. Sarebbe sicuramente già molto utile garantire il funzionamento – già previsto – dell’obbligo di informativa delle attività di scavo programmate all’interno del Sistema Informativo Nazionale Federato delle Infrastrutture (SINFI). Un obbligo pienamente rispettato potrebbe essere più efficace di una moltitudine di obblighi di difficile attuazione. Doveroso però aspettare di capire come verrà dato seguito attuativo alla norma.

Blocco dei servizi premium

Il terzo articolo sulle telecomunicazioni della Legge stabilisce il divieto di addebito sul conto telefonico di qualsiasi tipo di servizio premium, anche relativo a contenuti digitali e con le diverse modalità di attivazione e erogazione, in mancanza del previo consenso espresso e documentato del consumatore. Si tratta di una materia già ampiamente trattata dall’Agcom nelle disposizioni a tutela del consumatore, che riguardano non solo i tradizionali servizi a sovrapprezzo, ma anche i contenuti digitali. È appunto l’unificazione delle due fattispecie che può introdurre alcuni elementi di ambiguità sui soggetti obbligati, vista la presenza di attori internazionali e modalità di attivazione che sono standardizzate a livello internazionale (carrier billing). Al di là di questi aspetti l’argomento è ovviamente tale da riscontrare un assenso plebiscitario e ben venga una maggiore attenzione alla documentazione comprovante l’assenso.

La parte mancante

Rispetto ai temi prioritari sopra citati la nuova Legge sulla Concorrenza presenta però ancora almeno due lacune.

Come segnalato anche dall’AGCM, la prima riguarda l’annoso tema dell’adeguamento dei limiti di esposizione alle emissioni elettromagnetica, in linea con la media europea, mentre in Italia tali soglie sono ancora largamente inferiori e pari a circa un decimo, come lamentano sempre gli operatori.

La seconda è stata invece richiamata nell’audizione dell’ASSTEL ed è relativa all’estensione delle disposizioni di semplificazione amministrativa previste per le reti in fibra anche alle reti radio 5G e FWA.

Per quanto riguarda invece le misure di sostegno alla domanda, le iniziative già in campo richiedono un periodo di valutazione dell’impatto prima di avviare nuovi strumenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3