Nuovo codice comunicazioni elettroniche, Capitanio (Lega): "Bilanciare interessi consumatori e del mercato" - Agenda Digitale

il commento

Nuovo codice comunicazioni elettroniche, Capitanio (Lega): “Bilanciare interessi consumatori e del mercato”

Il nuovo Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, il cui testo di recepimento italiano è arrivato oggi per pareri alla Camera dove sono relatore, è un passaggio fondamentale. Ha vantaggi per utenti e concorrenza, ma anche punti critici che meritano una riflessione

13 Set 2021
Massimiliano Capitanio

Camera dei Deputati, Lega

Il nuovo Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, il cui testo di recepimento italiano è arrivato oggi per pareri alla Camera dove sono relatore, è un passaggio fondamentale per cercare di stare almeno al passo di un settore dove la normativa si trova spesso a rincorrere situazioni consolidato e, allo stesso tempo, dall’evoluzione rapida e fluida.

Nuovo codice comunicazioni elettroniche, vantaggi e rischi

Il testo è sicuramente positivo in molti passaggi, come nel Considerando 23 che, oltre agli obiettivi della promozione della concorrenza, del mercato interno e degli interessi degli utenti finali, pone come prioritario il diritto alla connettività, a prezzi ragionevoli e con possibilità di scelta adeguata.

WHITEPAPER
Scopri Digital Workspace: la guida ai servizi gestiti che abilitano lo smart working!
CIO
Dematerializzazione

Sempre più importante e definito il ruolo di Agcom per garantire una concorrenza effettiva ed equa. Trasparenza e semplificazione nei confronti degli utenti, però, non devono tradursi in un appesantimento burocratico che scoraggi gli investimenti degli operatori: in questo sarà utile supporto un ciclo di audizioni in Commissione.

Il parere che uscirà dalla Commissione sarà lo strumento migliore per dare ulteriori indirizzi al Governo, a partire, ad esempio, dallo sviluppo della tecnologia dab a supporto del settore radiofonico: vanno eliminati i cavilli che impediscono agli italiani un approccio moderno e migliorativo alla radio digitale sulle auto e tramite smartphone

Sui nuovi e più alti costi per la licenza delle frequenze, su cui gli operatori telefonici hanno già espresso dissenso, serve un approfondimento pragmatico per evitare un impatto insostenibile per il mercato.

Per le nuove sanzioni Agcom, va detto che sono prioritari i diritti degli utenti; in passato gli operatori hanno peccato per poca trasparenza anche il quadro è in miglioramento.

Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, Stati Ue in ritardo: a che punto è l’Italia

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4