italia digitale

Potti (Confindustria): “Piacentini, basta piani: ecco dieci punti per ripartire”

Piacentini presenterà il proprio piano a febbraio. Mentre i dati Eurostat parlano di stagnazione digitale in Italia. Ma più che di piani abbiamo bisogno di attuazione. Promessa e mai realizzata

29 Dic 2016
Gianni Potti

Imprenditore della comunicazione e del digitale, Presidente Fondazione Comunica

gianni-potti-160105140619

L’anno 2016 non si conclude sotto i migliori auspici per quella che noi chiamiamo #italiadigitale

I nuovi dati aggiornati da Eurostat per il 2016 ci dicono che non è cresciuta né l’Europa digitale, né l’Italia digitale. Mal comune mezzo gaudio? No, al contrario questo rapporto parla di economia stagnante, ma peggio ancora di una diffusa cultura europea che guarda al digitale ancora con diffidenza.

Nella Pubblica Amministrazione vanno cambiati stili di lavoro, abitudini, incrostazioni di decenni. Un esempio: sappiamo benissimo che dal fatidico 31 maggio 2015 ad oggi il 99% delle imprese utilizza senza problemi la fatturazione elettronica verso la PA. Peccato che dall’altra parte più del 70% delle fatture elettroniche vengano tutt’ora trattate dalla PA in cartaceo!

Ma ad essere onesti non è che nell’impresa privata non è che le cose viaggino a gonfie vele, perché emerge il problema della mancanza di una vera cultura digitale. Prendiamo come esempio Industry 4.0. Venti giorni fa ero ad una importante riunione di Confindustria con le domande dei colleghi imprenditori tutte indirizzate al superammortamento, certo uno stimolo, ma significa non capire che Industry 4.0 è la re-ingenirizzazione dei processi produttivi, il ripensamento del sistema produttivo della propria impresa, non solo la mancetta dello stimolo fiscale… E si torna al solito schema di sempre: a fronte di un 20-30% di imprese che vola grazie ad aver creduto nel digitale, vuoi per i processi interni, vuoi per aprire nuovi mercati dicasi e-commerce, vuoi per fare web marketing e social, ce n’è sicuramente un altro 20% di imprese irrecuperabili, distante da qualsiasi visione futura digitale e quindi. Ma resta un 50-70% del sistema imprenditoriale italiano, che va in fretta preso per mano e portato dentro all’#italiadigitale, in una parola va alfabetizzato.

Alessandro Perego, PoliMI, dalle colonne di agendadigitale.eu, nei giorni scorsi, ha chiesto un regista forte, con il giusto supporto politico, pensando ovviamente a Diego Piacentini. Sono d’accordo ma più che un attesa messianica dell’ennesimo piano digitale Paese, credo serva un vero lavoro di squadra. Dice ancora Perego “Un regista che condivida il “canovaccio” con tutti gli attori. In questi ultimi 10-15 anni, in Italia, si è fatto molto meno di quanto non si sarebbe potuto e dovuto fare e la principale ragione è da imputare alla mancanza di una regia complessiva, che supporti con regole, linee guida, strumenti ed incentivi la digitalizzazione della nostra Pubblica Amministrazione”.

Piacentini presenterà il proprio piano a febbraio. L’ennesimo piano sull’Italia, e mi perdonerà Piacentini per lo scetticismo che traspare nelle mie parole, perché di piani in Italia siamo pieni, di decreti attuativi ed esecutività direi di no. Citiamo come esempio i fondi che dovevano arrivare all’interno di Industry 4.0 ai competence center, dal Governo alle Università, annunciati 100 milioni, arrivati o meglio promessi 30 milioni… Possiamo andare avanti così?

Se il 2016 si chiude con i chiaroscuri già detti, vediamo allora, nello spirito positivo di #aiutiamopiacentini, in 10 punti cosa augurarci per il 2017.

1- l’anno si apre già il 1 gennaio, con la possibilità per tutti i contribuenti di scegliere di effettuare la trasmissione della fattura elettronica anche tra privati con il sistema SdI, Sistema di Interscambio oggi già obbligatorio verso la PA;

2- che prosegua la diffusione dello SPID (Sistema pubblico di identità digitale) che sulle ali del Bonus Cultura e del Bonus Docenti, ha raggiunto quasi 800mila credenziali distribuite;

3- sempre in ambito PA: l’atteso aggiornamento delle “regole tecniche per la formazione del documento informatico“; il “Piano triennale dell’informatica per la PA“, a cura di Agid contenente obiettivi, cronoprogramma e capitoli di spesa per la digitalizzazione della PA per i prossimi tre anni; l’Anagrafe nazionale della popolazione residente, con la migrazione delle 8mila anagrafi comunali in un unico grande database nazionale.

4- che prosegua il piano dell’ultralarga di concerto tra Stato e Regioni, specie puntando nelle aree produttive del Paese;

5- il vero decollo di Industry 4.0, al di là delle troppe chiacchere, sia per l’avvio concreto dei Competence Center, sia per far nascere dal basso i Digital Innovation Hub, più nello spirito della UE che quello esperesso dal Mise, che siano desk leggeri nei territori a sostegno della cultura del digitale presso le imprese, creando link tra mondo della ricerca (Università) e impresa;

6- per Industry 4.0 ci auguriamo si investa in una visione meno rivolta ai soli macchinari, ma al processo, in una parola al passaggio “da prodotto a servizio”. Qui ci si gioca il cambio del sistema produttivo del Paese e serve lungimiranza, sia di noi imprenditori, sia di chi ci governa, per programmare non il piccolo cabotaggio ma da qui al 2030;

7- interventi legislativi di vero supporto alle giovani start up e tesi a sburocratizzare il settore e facilitare (leggasi invogliare) gli investimenti

8- ma soprattutto che sia l’anno dell’alfabetizzazione del nostro Paese, perché sono troppi il 25% di italiani che non ha mai usato Internet, così come risulta ancora troppo bassa la percentuale di chi utilizza Internet regolarmente (67%);

9- così come è ancora clamorosamente basso il 7% di PMI che vendono online. Nel frattempo la Spagna vola al 19% e la Germania al 26%. Bisogna credere e stimolare l’e-commerce presso le PMI;

10- auguriamoci poi che decolli il Piano Nazionale Scuola Digitale, che finora ha avuto scarso impatto sulla popolazione adulta.

Quindi ben venga #aiutiamopiacentini, ma direi soprattutto Piacentini coordini e dia una regia ad un sistema Paese Digitale che tarda a decollare. Il segnale dell’ennesima mega struttura creata a Palazzo Chigi, in un settore dove si sovrappongono strutture a tutti i livelli, locali e nazionali, la cosa inquieta un tantino. Ma vogliamo essere ottimisti e quindi attendiamo il 2017 con fiducia!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2