Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Salute

Sanità digitale, 10 punti da imparare dal Regno Unito

di Sergio Pillon, Coordinatore della Commissione Tecnica Paritetica per lo sviluppo della telemedicina Nazionale - ‎Ministero della Salute, Conferenza Stato regioni

07 Nov 2016

7 novembre 2016

Il Governo inglese ha pubblicato un rapporto molto interessante. Ecco alcuni passaggi rilevanti da cui trarre insegnamenti anche per il nostro sistema sanitario nazionale, tenendo presente che nel Regno Unito è stato già lanciato un piano per un sistema sanitario completamente paperless entro il 2020

Un titolo provocatorio, soprattutto se viene da un documento governativo, pubblicato ai primi di settembre 2016. Il titolo però non viene da un documento italiano ma dal Regno Unito, un paese che ha un SSN con moltissimi similitudini con il nostro e che si trova nelle stesse, profonde, difficoltà per erogare un servizio universale di qualità per tutti i cittadini. Il National Advisory Group on Health Information Technology in England, una struttura del Dipartimento della Salute del governo inglese ha pubblicato un report (Making IT work: harnessing the power of health information technology to improve care in England ) con molti spunti interessanti.

Leggiamo assieme alcuni passaggi rilevanti per trarre insegnamenti anche per il nostro SSN, tenendo presente che nel Regno Unito è stato già lanciato un piano per un sistema sanitario completamente paperless entro il 2020.

“Affinché il National Health Service (NHS) possa continuare a fornire un elevato livello di assistenza sanitaria ad un costo accessibile, semplicemente deve subire una modernizzazione ed una trasformazione. Questa trasformazione certamente comporterà enormi cambiamenti nella cultura, la struttura, la governance, la forza lavoro, e la formazione del personale. Ma nessuna delle modifiche ipotizzabili singolarmente potrà avere un impatto così ampio, così importante e impegnativo come la creazione di un sistema completamente digitalizzato.

I principi generali:

1. Digitalizzare con le giuste motivazioni

L’obiettivo della digitalizzazione dei sistemi sanitari è quello di promuovere ciò che è noto come la triplice finalità dei sistemi sanitari: una migliore salute, migliore assistenza sanitaria, e un costo inferiore. Questi obiettivi sono in linea con quelli del 2014 del NHS, che ha chiesto di migliorare la qualità e il servizio, così come di recuperare 22 miliardi di £ in efficienza. Il gruppo consultivo ritiene che cercare di raggiungere gli obiettivi del piano del 2014 senza dare la massima priorità alla digitalizzazione sarebbe un errore costoso e doloroso.

2. È più importante ottenere la digitalizzazione “giusta” che farlo in fretta

Mentre c’ è urgenza di digitalizzare il NHS, esiste anche il rischio di andare troppo in fretta. Il gruppo consultivo sollecita il NHS a digitalizzare il settore delle cure di secondo livello in modo graduale. Il gruppo auspica che coloro che sono pronti a digitalizzare il processo lo facciano immediatamente, mentre coloro che non sono pronti dovrebbero essere incoraggiati e sostenuti per arrivare a costruire le competenze necessarie, un processo che può richiedere diversi anni.

3. Il ‘ritorno sugli investimenti’ (ROI) della digitalizzazione non è solo finanziario

Mentre è naturale cercare un ritorno economico a breve termine sugli investimenti (ROI) dalla IT sanitaria, l’esperienza ha dimostrato che nel breve termine il ROI è più probabile che venga sotto forma di miglioramento della sicurezza e della qualità piuttosto che in termini finanziari nella fase iniziale. Infatti i risparmi possono richiedere anche più di 10 anni per emergere (il cosiddetto ‘paradosso della produttività’ dell’ IT), poiché le chiavi di questi guadagni sono miglioramenti nella tecnologia, la riconfigurazione della manodopera, un adattamento locale alle tecnologie digitali, e una rivisitazione delle modalità di lavoro.

4. Quando si tratta di centralizzazione, il NHS dovrebbe imparare, ma non troppo, le lezioni di NPfIT (Programma Nazionale per l’IT nel sistema sanitario inglese)

Se è vero che NPfIT ha fallito in parte per colpa di un eccesso di centralizzazione, è anche importante notare che la centralizzazione a volte ha senso, in particolare nel contesto di un sistema sanitario nazionale. Una nuova strategia digitale dovrebbe cercare un giusto equilibrio tra controllo locale / regionale e l’impegno contro la centralizzazione.

5. L’interoperabilità deve essere costruita sin dall’inizio

Gli sforzi locali e regionali per promuovere l’interoperabilità e la condivisione dei dati, che stanno cominciando a dare frutti, dovrebbero essere costruiti su norme nazionali per l’interoperabilità, che dovrebbero essere sviluppate e applicate, con un’aspettativa di una diffusa l’interoperabilità delle basi di dati “core” entro il 2020. Inoltre, il gruppo consultivo incoraggia a fornire ai pazienti il pieno accesso ai propri dati elettronici, incluse le note cliniche.

6. Mentre la privacy è molto importante, lo è anche la condivisione dei dati

La privacy è molto importante, ma è facile che le preoccupazioni per privacy e riservatezza possano ostacolare la condivisione dei dati, che invece è assolutamente necessaria per la cura del paziente e la ricerca. Sarebbe un errore bloccare i dati sanitari di tutti in nome della privacy. Facciamo proprie le raccomandazioni del Review del Data Guardian nazionale di sicurezza dei dati, il consenso e l’opt-out, che è stato incaricato di raggiungere questo equilibrio.

7. I sistemi di IT sanitaria debbono avere un design centrato sull’utente finale

i sistemi IT devono essere progettati con le indicazioni degli utenti finali, secondo principi di base del design centrato sull’utente. sistemi mal progettati e realizzati in grado di creare opportunità per gli errori, e può portare a operatori sanitari e pazienti frustrati.

8. Avere un sistema sanitario “on line” è l’inizio, non la fine

Il momento di andare ”on line” per un grande ospedale o per una struttura sanitaria è sempre difficile, ma è comunque solo l’inizio. I sistemi IT sanitari devono evolversi e maturare, la forza lavoro e la leadership devono essere adeguate per questo compito. Mentre la sicurezza del paziente non è negoziabile, controllori e commissari devono avere un certo grado di tolleranza per rallentamenti nel breve termine e le conseguenze impreviste nel periodo successivo all’implementazione delle cartelle cliniche elettroniche (EHR)

9. Una strategia digitale di successo deve essere poliedrica e richiede sviluppo di competenze della forza lavoro

Una strategia digitale del NHS dovrebbe comportare una miscela di finanziamenti e risorse per aiutare a sostenere i costi degli acquisti IT e l’implementazione delle risorse per le infrastrutture, il supporto per la leadership e la formazione degli l’informatici, così come il supporto per la formazione dei leader, dei fornitori di prima linea, dei tirocinanti e degli informatici clinici e non clinici. Il gruppo consultivo è stato colpito dal numero esiguo di dirigenti di grandi strutture sanitarie che sono addestrati sia in cura clinica e informatica, e dalla loro scarsa autorità sul bilancio e sul modello organizzativo. Questo deficit, insieme a una generale mancanza di competenza informatiche sia tra i clinici sia tra i professionisti non clinici, deve essere risolto.

10. L’IT sanitaria richiede cambiamenti tecnici e adattamenti

Molti osservatori e stakeholder hanno erroneamente creduto che l’implementazione dell’IT sanitaria sarebbe stata una semplice questione di cambiamento tecnologico – un processo semplice di seguire, una ricetta o una check list da verificare. In realtà, l’implementazione della IT sanitaria è uno dei più complessi cambiamenti adattativi nella storia della sanità e forse di qualsiasi altro settore. Un cambiamento adattivo comporta un sostanziale e duraturo impegno tra i leader e per le persone di prima linea, che hanno il compito quotidiano di metterli in pratica, per l’attuazione dei cambiamenti. Il successo nell’implementazione dell’Health IT in tutto il NHS richiederà un grande impegno, supportato dalla leadership, di tutti gli utilizzatori di prima linea della tecnologia.”

Il documento completo può essere visualizzato qui.

Consigliamo, su questo tema, il convegno dell’11 novembre pomeriggio a Milano durante S@lute 2016, moderato dal direttore di di Agendadigitale.eu

Articoli correlati