Sanità digitale, 10 punti da imparare dal Regno Unito

Il Governo inglese ha pubblicato un rapporto molto interessante. Ecco alcuni passaggi rilevanti da cui trarre insegnamenti anche per il nostro sistema sanitario nazionale, tenendo presente che nel Regno Unito è stato già lanciato un piano per un sistema sanitario completamente paperless entro il 2020

07 Nov 2016
Sergio Pillon

Coordinatore della Trasformazione Digitale, ASL di Frosinone

pillon-130618201156

Un titolo provocatorio, soprattutto se viene da un documento governativo, pubblicato ai primi di settembre 2016. Il titolo però non viene da un documento italiano ma dal Regno Unito, un paese che ha un SSN con moltissimi similitudini con il nostro e che si trova nelle stesse, profonde, difficoltà per erogare un servizio universale di qualità per tutti i cittadini. Il National Advisory Group on Health Information Technology in England, una struttura del Dipartimento della Salute del governo inglese ha pubblicato un report (Making IT work: harnessing the power of health information technology to improve care in England ) con molti spunti interessanti.

Leggiamo assieme alcuni passaggi rilevanti per trarre insegnamenti anche per il nostro SSN, tenendo presente che nel Regno Unito è stato già lanciato un piano per un sistema sanitario completamente paperless entro il 2020.

“Affinché il National Health Service (NHS) possa continuare a fornire un elevato livello di assistenza sanitaria ad un costo accessibile, semplicemente deve subire una modernizzazione ed una trasformazione. Questa trasformazione certamente comporterà enormi cambiamenti nella cultura, la struttura, la governance, la forza lavoro, e la formazione del personale. Ma nessuna delle modifiche ipotizzabili singolarmente potrà avere un impatto così ampio, così importante e impegnativo come la creazione di un sistema completamente digitalizzato.

I principi generali:

1. Digitalizzare con le giuste motivazioni

L’obiettivo della digitalizzazione dei sistemi sanitari è quello di promuovere ciò che è noto come la triplice finalità dei sistemi sanitari: una migliore salute, migliore assistenza sanitaria, e un costo inferiore. Questi obiettivi sono in linea con quelli del 2014 del NHS, che ha chiesto di migliorare la qualità e il servizio, così come di recuperare 22 miliardi di £ in efficienza. Il gruppo consultivo ritiene che cercare di raggiungere gli obiettivi del piano del 2014 senza dare la massima priorità alla digitalizzazione sarebbe un errore costoso e doloroso.

2. È più importante ottenere la digitalizzazione “giusta” che farlo in fretta

Mentre c’ è urgenza di digitalizzare il NHS, esiste anche il rischio di andare troppo in fretta. Il gruppo consultivo sollecita il NHS a digitalizzare il settore delle cure di secondo livello in modo graduale. Il gruppo auspica che coloro che sono pronti a digitalizzare il processo lo facciano immediatamente, mentre coloro che non sono pronti dovrebbero essere incoraggiati e sostenuti per arrivare a costruire le competenze necessarie, un processo che può richiedere diversi anni.

3. Il ‘ritorno sugli investimenti’ (ROI) della digitalizzazione non è solo finanziario

Mentre è naturale cercare un ritorno economico a breve termine sugli investimenti (ROI) dalla IT sanitaria, l’esperienza ha dimostrato che nel breve termine il ROI è più probabile che venga sotto forma di miglioramento della sicurezza e della qualità piuttosto che in termini finanziari nella fase iniziale. Infatti i risparmi possono richiedere anche più di 10 anni per emergere (il cosiddetto ‘paradosso della produttività’ dell’ IT), poiché le chiavi di questi guadagni sono miglioramenti nella tecnologia, la riconfigurazione della manodopera, un adattamento locale alle tecnologie digitali, e una rivisitazione delle modalità di lavoro.

4. Quando si tratta di centralizzazione, il NHS dovrebbe imparare, ma non troppo, le lezioni di NPfIT (Programma Nazionale per l’IT nel sistema sanitario inglese)

Se è vero che NPfIT ha fallito in parte per colpa di un eccesso di centralizzazione, è anche importante notare che la centralizzazione a volte ha senso, in particolare nel contesto di un sistema sanitario nazionale. Una nuova strategia digitale dovrebbe cercare un giusto equilibrio tra controllo locale / regionale e l’impegno contro la centralizzazione.

5. L’interoperabilità deve essere costruita sin dall’inizio

Gli sforzi locali e regionali per promuovere l’interoperabilità e la condivisione dei dati, che stanno cominciando a dare frutti, dovrebbero essere costruiti su norme nazionali per l’interoperabilità, che dovrebbero essere sviluppate e applicate, con un’aspettativa di una diffusa l’interoperabilità delle basi di dati “core” entro il 2020. Inoltre, il gruppo consultivo incoraggia a fornire ai pazienti il pieno accesso ai propri dati elettronici, incluse le note cliniche.

6. Mentre la privacy è molto importante, lo è anche la condivisione dei dati

La privacy è molto importante, ma è facile che le preoccupazioni per privacy e riservatezza possano ostacolare la condivisione dei dati, che invece è assolutamente necessaria per la cura del paziente e la ricerca. Sarebbe un errore bloccare i dati sanitari di tutti in nome della privacy. Facciamo proprie le raccomandazioni del Review del Data Guardian nazionale di sicurezza dei dati, il consenso e l’opt-out, che è stato incaricato di raggiungere questo equilibrio.

7. I sistemi di IT sanitaria debbono avere un design centrato sull’utente finale

i sistemi IT devono essere progettati con le indicazioni degli utenti finali, secondo principi di base del design centrato sull’utente. sistemi mal progettati e realizzati in grado di creare opportunità per gli errori, e può portare a operatori sanitari e pazienti frustrati.

8. Avere un sistema sanitario “on line” è l’inizio, non la fine

Il momento di andare ”on line” per un grande ospedale o per una struttura sanitaria è sempre difficile, ma è comunque solo l’inizio. I sistemi IT sanitari devono evolversi e maturare, la forza lavoro e la leadership devono essere adeguate per questo compito. Mentre la sicurezza del paziente non è negoziabile, controllori e commissari devono avere un certo grado di tolleranza per rallentamenti nel breve termine e le conseguenze impreviste nel periodo successivo all’implementazione delle cartelle cliniche elettroniche (EHR)

9. Una strategia digitale di successo deve essere poliedrica e richiede sviluppo di competenze della forza lavoro

Una strategia digitale del NHS dovrebbe comportare una miscela di finanziamenti e risorse per aiutare a sostenere i costi degli acquisti IT e l’implementazione delle risorse per le infrastrutture, il supporto per la leadership e la formazione degli l’informatici, così come il supporto per la formazione dei leader, dei fornitori di prima linea, dei tirocinanti e degli informatici clinici e non clinici. Il gruppo consultivo è stato colpito dal numero esiguo di dirigenti di grandi strutture sanitarie che sono addestrati sia in cura clinica e informatica, e dalla loro scarsa autorità sul bilancio e sul modello organizzativo. Questo deficit, insieme a una generale mancanza di competenza informatiche sia tra i clinici sia tra i professionisti non clinici, deve essere risolto.

10. L’IT sanitaria richiede cambiamenti tecnici e adattamenti

Molti osservatori e stakeholder hanno erroneamente creduto che l’implementazione dell’IT sanitaria sarebbe stata una semplice questione di cambiamento tecnologico – un processo semplice di seguire, una ricetta o una check list da verificare. In realtà, l’implementazione della IT sanitaria è uno dei più complessi cambiamenti adattativi nella storia della sanità e forse di qualsiasi altro settore. Un cambiamento adattivo comporta un sostanziale e duraturo impegno tra i leader e per le persone di prima linea, che hanno il compito quotidiano di metterli in pratica, per l’attuazione dei cambiamenti. Il successo nell’implementazione dell’Health IT in tutto il NHS richiederà un grande impegno, supportato dalla leadership, di tutti gli utilizzatori di prima linea della tecnologia.”

Il documento completo può essere visualizzato qui.

Consigliamo, su questo tema, il convegno dell’11 novembre pomeriggio a Milano durante S@lute 2016, moderato dal direttore di di Agendadigitale.eu

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3