la ricerca ey-iia

Assicurazioni, ecco come cambia il mercato con digitale e green: trend e nuove sfide

Dai modelli di business sostenibili alla cybersecurity, passando dalla Data Driven strategy con uso di AI l Machine Learning per l’analisi predittiva. Pur poco incline all’innovazione, anche sul mercato assicurativo la trasformazione digitale diventa un imperativo per restare competitivi. Ecco i top e flop del settore

04 Lug 2022
Federica Baiocchi

Innovation & Fintech Specialist, EY

Marco Concordati

Associate Partner, Insurance, EY

Francesco Pisapia

Insurance Consulting leader, EY

Insurance - impact underwriting

Quali sono i principali driver di innovazione nel mondo assicurativo, le tecnologie abilitanti e i modelli organizzativi adottati dalle compagnie per fronteggiare le sfide che caratterizzeranno il futuro del settore?

La ricerca firmata EY e Italian Insurtech Association (IIA) “L’assicurazione del Futuro e i Modelli Abilitanti”, giunta alla sua seconda edizione, fornisce un punto di vista unico sull’ecosistema italiano analizzando differenti categorie di attori: compagnie assicurative, insurtech, riassicuratori, intermediari e bancassurance. Queste aziende, interrogate tramite una survey, sono state le vere protagoniste della ricerca, oltre che essere leader del settore assicurativo italiano ed internazionale.

Assicurazioni, come guideremo nel 2031? La sfida di immaginare il futuro

Grazie al carattere ricorsivo della ricerca è stato possibile di monitorare, tramite indicatori ad hoc, i progressi fatti e i risultati ottenuti dalle iniziative dichiarate l’anno precedente, con particolare attenzione a quelli che sono i trend principali che dominano il settore assicurativo.

Trend insurance: i “top” e i “flop” del settore

Dall’analisi condotta è emerso come i temi delle politiche ESG (acronimo che racchiude le questioni legate all’ambiente, al sociale e alla governance) si collochino effettivamente in cima alle agende di tutti gli operatori di mercato.

WHITEPAPER
Porta la cultura del dato a ogni livello aziendale

Modelli di business sostenibili

La crescente attenzione verso l’impatto del proprio operato, mossa anche dalle sempre più consistenti spinte regolamentari, ha portato la maggior parte dei player a compiere importanti passi avanti verso modelli di business sostenibili non solo da un punto di vista economico, ma anche ambientale e sociale.

In questo contesto, gli assicuratori possono svolgere il ruolo di catalizzatori, impegnandosi con le imprese di altri settori sia nell’investire direttamente che nel proteggere gli investimenti altrui in un’economia sempre più green. All’indirizzamento del portafoglio verso business sostenibili si affianca la proposta di prodotti assicurativi ESG e la definizione di una governance orientata a politiche a basso impatto. Tra i player assicurativi, l’attenzione è concentrata prevalentemente sulla “E” di ESG (Environmental, Social, Governance), poiché ci si aspetta che il cambiamento climatico avrà l’impatto più grande e immediato sulla performance finanziaria del settore.

Cybersecurity

Accanto al tema Sustainability & ESG emerge anche quello della Cybersecurity: alla luce dell’attuale scenario geopolitico ci si aspetta una domanda crescente per servizi di mitigazione del rischio informatico. Sebbene siano indubbi i benefici che la crescente digitalizzazione stia apportando alle organizzazioni di tutti i settori, quanto più pervasiva diventa la tecnologia nella nostra società tanto più ci esponiamo a rischi legati al mondo cyber. Tra questi spicca ad esempio l’aumento nella frequenza degli attacchi ransomware, più che raddoppiati dal 2020 al 2021. Un numero significativo di compagnie ha dovuto recentemente rivalutare il profilo di rischio dei propri clienti e, considerata l’inadeguatezza delle protezioni adottate e dell’entità dei danni in gioco, si è visto costretto a diminuire la loro copertura, attuando una rigorosa selezione delle richieste e rendendo più stringenti i requisiti minimi. Di fatto, questo fenomeno ha incentivato le organizzazioni a dotarsi di difese informatiche prima di tutto più sicure prima di stipulare una polizza.

Open Insurance

Anche tendenze come l’adesione ad ecosistemi di Open Insurance e la realizzazione di una Data Driven strategy attraverso l’uso dell’Artificial Intelligence e del Machine Learning per l’analisi predittiva acquistano sempre maggior rilevanza agli occhi degli intervistati. Il futuro dell’industria assicurativa si configura sempre più come un modello aperto, basato sull’interoperabilità, resa possibile dalla riorganizzazione delle piattaforme delle aziende intorno all’API e ai micro-servizi per consentire connessioni sicure e fluide tra i partner (altri player assicurativi, insurtech, organizzazioni provenienti da altri settori, big tech), con lo scopo di creare nuovi prodotti sempre più integrati nei diversi ecosistemi. Secondo le ultime ricerche di IIA, grazie al modello Open Insurance, che va a braccetto con l’Embedded Insurance, si è registrato un aumento del 426% del numero di aziende non assicurative che offrono ai loro clienti prodotti e servizi assicurativi rispetto al 2018. Questo nuovo impulso verso modelli aperti e basati sulla collaborazione, oltre a rendere il settore più competitivo, ha anche il merito di allargare il bacino di utenza e di offrire polizze “tailor-made” sul singolo utente.

Le tendenze che cambiano

Se da una parte questi dati appaiono in continuità con quanto rilevato lo scorso anno, tra i temi meno rilevanti si riscontra un cambiamento di tendenza: spicca quest’anno una minore fiducia verso la tematica delle coperture assicurative “on-demand”, che secondo alcuni porterebbe le compagnie ad inserirsi in una logica di selezione inversa, attraendo i clienti più rischiosi e portando pochi ricavi. Sebbene ad oggi si configuri come il trend meno promettente, ci aspettiamo una futura risalita della classifica a seguito di una maturazione del mercato e del consumatore finale su queste tematiche.

Accanto a questa tematica troviamo poi quella dell’Internet of Things (IoT): dopo esser stato il protagonista nell’edizione precedente, il mercato dell’IoT nel 2022 lascia i player assicurativi più scettici. Possiamo affermare che il trend, lanciato sul mercato ormai diversi anni fa sia in decrescita. Benché l’Italia sia il paese leader a livello mondiale per la presenza delle scatole nere nelle automobili, ad oggi il mercato si configura come saturo e con un tasso di penetrazione che ha raggiunto il suo picco massimo. I dispositivi sono risultati troppo costosi, oltre ad essersi rivelati deludenti in quanto a portabilità dei dati ed interoperabilità.

Infine, la Behavioural Insurance, che stimola l’adozione di comportamenti virtuosi così da prevenire i sinistri, si conferma prematura rispetto alle esigenze dei clienti finali. In linea con quanto rilevato lo scorso anno, infatti, gli utenti finali sono ancora restii a condividere una mole consistente di dati a terze parti.

L’assicurazione del futuro

Il mercato assicurativo si è storicamente dimostrato poco incline all’innovazione e alla trasformazione digitale; tuttavia, l’era di trasformazione che stiamo attraversando ha posto sempre più sotto pressione tutti i player assicurativi, stimolando un cambiamento. I tradizionali modelli di business sono infatti messi alla prova da nuovi trend, nuovi competitor e nuove sfide, tanto che innovarsi non appare più come una scelta di differenziazione ma come un imperativo per restare competitivi nel mercato.

Dallo studio condotto è emerso come i principali operatori di settore condividano la stessa visione sull’evoluzione del mercato: l’assicurazione del futuro sarà più chiara, semplice e trasparente, nonché sempre più digitale e customizzata sulla base delle esigenze del singolo. La riduzione dell’asimmetria informativa si rispecchierà in una sempre maggior disintermediazione, fatta eccezione per il mondo corporate o per rischi più complessi, per cui invece rimarranno fondamentali competenze umane specialistiche. L’embedded insurance sarà sempre più diffusa, tanto che la polizza assicurativa diventerà una vera e propria “commodity” che non sarà più offerta come a sé stante ma sarà integrata nei prodotti e servizi acquistati dal consumatore.

Si auspica dunque un’evoluzione verso un paradigma di Open Insurance che permetterà di creare un vero e proprio ecosistema aperto fondato sulla collaborazione tra player di vari settori, supportato da nuove tecnologie sofisticate al servizio del cliente con l’obiettivo finale di servire il cliente in modo sempre più completo e personalizzato.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2