l'analisi sulle trimestrali

Big tech, declino inarrestabile? Perché i mercati vedono nero

Il calo degli utili trimestrali, la crisi in atto che frena la domanda e sullo sfondo anche la paura che si stia avviando a conclusione il periodo “magico” delle big tech: sono questi i motivi del tonfo in Borsa delle principali aziende del panorama tecnologico. Ma è una crisi destinata a durare? Gli scenari

28 Ott 2022
Umberto Bertelè

professore emerito di Strategia e chairman degli Osservatori Digital Innovation Politecnico di Milano

borsa_crollo

Una settimana brutale per le big tech”. Il titolo di un articolo del Financial Times del 27 ottobre, uscito alle 20 (Brutal week for Big Tech with $550bn wiped off valuations) sintetizzava in maniera chiara l’impatto in Borsa sino a quel momento delle presentazioni delle trimestrali da parte di Alphabet-Google, Microsoft e Meta-Facebook e delle scommesse sui risultati che avrebbero comunicato Apple e Amazon poco dopo, al momento della chiusura del Nasdaq (la Borsa statunitense come noto a prevalenza tech ove tutte le cinque sono quotate).

In tutto hanno bruciato 800 miliardi in Borsa, di cui 250 a causa delle delusioni provocate dai risultati di Amazon nel trimestre finito a settembre e ancor più dalle previsioni comunicate dalla società stessa sul quarto trimestre (tradizionalmente il più importante per la presenza del Natale).

Big tech, quali alternative a un’antitrust ormai inadeguato

I motivi del tonfo in Borsa delle Big Tech

Ottocento miliardi sono tanti, sono di più del valore dell’intero mercato azionario italiano. Il motivo del vero e proprio crollo:

WHITEPAPER
Migliora le performance del tuo business online con una Multi-CDN: Scarica il White Paper
Marketing
Networking
  • il calo degli utili trimestrali, da un lato,
  • la paura dall’altro di un calo più accentuato della domanda, a causa della crisi internazionale in atto, e di una esplosione dei costi, come conseguenza sia delle tensioni inflazionistiche anch’esse in atto sia (nel caso di Amazon soprattutto) del sovradimensionamento – nel personale e nelle infrastrutture – creatosi con le aspettative originate dalla pandemia,
  • ma sullo sfondo anche la paura che si stia avviando a conclusione il periodo “magico” delle big tech: un periodo, durato diversi anni, in cui esse erano sembravano essere immuni (resilienti se si vuole usare un termine abusato) alle crisi di qualsiasi natura o addirittura – come nel caso della pandemia – riuscire a trarre vantaggi da esse.

Quanto ha pesato il calo degli utili

Quanto ha pesato il calo degli utili? È stato così drammatico? Come notava il New York Times, in un articolo uscito appena dopo le presentazioni delle prime due trimestrali, “molte imprese vorrebbero avere i problemi delle big tech”.

Fanno ancora molti, molti profitti.

La somma degli utili netti di Alphabet-Google e Microsoft è stata pari, nel trimestre più recente, a 31,5 miliardi di dollari. E ci si aspetta che l’utile che Apple comunicherà superi i 20 miliardi [così come poi è stato] in un trimestre altrimenti considerato molto deludente.”

Sono la paura del futuro prossimo, in cui molti fattori sembrano congiurare a sfavore, e di quello meno prossimo, di natura più strutturale, che – insieme con le spinte di natura più spiccatamente speculativa – giocano molto probabilmente il ruolo più forte.

Tutte le big tech hanno dato segnali di prudenza sulle assunzioni, del resto, e anche di licenziamenti (Microsoft, Meta).

Meta-Facebook l’azienda con più problemi

Anche se appare sempre più sbagliato vedere le big tech come un unicum, perché – nonostante la tendenza a farsi concorrenza l’una contro l’altra in diversi settori (Microsoft e Google cercano di rubare quote ad Amazon nel cloud, Amazon è entrata di peso nel digital advertising tradizionalmente dominato da Google e Facebook, tutte vorrebbero avere un ruolo più importante nella finanza e nei pagamenti, ecc.) – esse hanno pesi molto diversi dei differenti business al loro interno e quindi sono esposte in modo diverso all’evolvere del contesto esterno. Senza entrare in una analisi di dettaglio, Meta-Facebook sembra essere l’impresa con più problemi, sia di natura congiunturale sia strutturale:

  • perché colpita pesantemente dalla politica per la privacy posta in atto da Apple, e probabilmente nel prossimo futuro da Android (Google), che ha letteralmente sconvolto il suo business model nel digital advertising, fonte larghissimamente prevalente dei suoi ricavi;
  • perché il digital advertising è soggetto, – come si vede anche dai risultati di Google (leader del comparto) – a una minor propensione alla spesa da parte delle imprese potenziali clienti e alla entrata come concorrenti di tutti i soggetti che riescono a raccogliere una massa ragionevole di dati;
  • perché i social network sono insidiati – soprattutto per le fasce di età più giovani – da formati innovativi, quali in primo luogo quelli di TikTok;
  • perché non è assolutamente certo che le scommesse sul metaverso, che assorbono una quota rilevante dei potenziali profitti, si traducano negli epocali successi di cui parla Mark Zuckerberg. La divisione di Meta dedicata al metaverso brucia miliardi e ha anche dimezzato i ricavi l’ultimo anno.

I dubbi sul futuro di Amazon

Proseguendo dal basso è Amazon la seconda, che risente allo stesso tempo di:

  • una domanda nell’eCommerce (il business che assorbe la maggior parte delle sue persone e delle sue risorse) che fa fatica a crescere, sia per il minor potere di acquisto dei consumatori sia per il parziale ritorno degli stessi – soprattutto per certe categorie di prodotti (quali ad esempio il vestiario) – agli acquisti “di persona” in una rete commerciale nel frattempo fortemente ristrutturatasi;
  • una crescita dei costi, sempre nell’eCommerce, legata all’inflazione in generale, alle rotture di diverse supply chain (a causa, ad esempio, dei frequenti lockdown in Cina) e al sovradimensionamento (sopra citato) – nel personale e nelle infrastrutture logistiche – dovuto alle eccessive aspettative di crescita generatesi durante la pandemia;
  • un rischio di rallentamento nei due settori dove genera i suoi profitti: nel cloud computing, dove è il numero uno al mondo ma ove la crisi rende più attente ai costi le imprese clienti o potenziali clienti e ove anche la concorrenza è robusta, e (per le ragioni viste sopra) nel digital advertising.

Apple fa bene, ma non mancano le nubi

Saltando in vetta alla classifica, Apple è l’unica – fra le cinque – ad avere presentato un utile netto e un volume dei ricavi in crescita: con un successo al di là delle previsioni nel fatturato realizzato in quello che rimane di gran lunga il suo principale prodotto, l’iPhone, soprattutto nei modelli di fascia più alta. Ma con maggiori difficoltà per altri business, in particolare per quello dei servizi che dovrebbe rappresentare il suo futuro.

A fronte dei buoni risultati complessivi, anche Apple ha espresso però preoccupazioni per il futuro prossimo, segnalando con una particolare enfasi i problemi (sia in termini reali sia contabili) derivanti dal continuo apprezzamento del dollaro rispetto alle altre monete.

Al di là del futuro a breve, ci sono nubi che riguardano quello a medio-lungo, quali (accennando ai due principali):

  • la tenuta dell’iPhone, e dei premi di prezzo che il mercato finora ha riconosciuto, vedendolo più come prodotto di lusso che non come smartphone;
  • la geopolitica, soprattutto in relazione ai rapporti con la Cina (in un crescente clima di confronto da “guerra fredda” con gli Stati Uniti): che continua a essere un mercato estremamente importante, anche se percentualmente un po’ ridimensionato dall’entrata di Apple in altri mercati asiatici (a partire dall’India, Vietnam). La Cina continua a rappresentare, anche se sono in atto tentativi di differenziazione, il luogo privilegiato di manufacturing dei suoi prodotti. Sono cinesi le aziende con cui Apple collabora anche fuori dalla Cina per la fornitura, perché insostituibili (per ora) le competenze maturate.

Conclusioni

Un quesito di fondo a chiusura di questo mio articolo: è ragionevole pensare che il periodo “magico” delle big tech sia arrivato al capolinea? Difficile dirlo. Io faccio solo due ragionamenti, uno (quasi) contro e uno a favore.

Contro

La storia ci mostra, se si guarda ad esempio ad Apple, il profilo a “montagne russe” dell’andamento delle valorizzazioni, con sbalzi percentualmente enormi – in almeno tre occasioni nell’ultimo decennio – al profilarsi di pericoli strutturali (nella fattispecie la caduta di interesse per l’iPhone) e viceversa al manifestarsi di dati in grado di neutralizzare la paura.

A favore

Come evidenziato nell’articolo sopra citato del New York Times, la sensazione che negli ultimi anni non ci siano state innovazioni così rilevanti da generare quei tassi di crescita nelle vendite capaci di far superare anche le crisi economiche generali più acute e che viceversa (Apple è stata maestra in questo) si sia puntato a sfruttare al massimo il potenziale delle idee innovative generate nel passato, con miglioramenti incrementali. E a questo aggiungo: è quando l’innovazione radicale rallenta, a favore di quella incrementale, che è più facile per i regolatori introdurre “regole” potenzialmente penalizzanti per la profittabilità.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4