il parere

Chips act, strada in discesa per la proposta Ue: ma ne vale davvero la pena? I dubbi

Il think tank Centres for European Policy Network (CEP), esprime diverse riserve rispetto alla sostenibilità del chips act europeo. Ecco quali sono i punti più critici

27 Giu 2022
Stefano Milia

Direttore esecutivo Centro politiche europee (CEP-Roma)

chip - Chips Act

Tutto pare avviato verso una rapida adozione della proposta di Regolamento presentata dalla Commissione UE dell’8 febbraio 2022 che istituisce un quadro di misure per rafforzare l’ecosistema europeo dei semiconduttori, più conosciuta come “Chips Act”.

Ma questa misura di politica industriale europea, straordinariamente invasiva e costosa, può essere ritenuta veramente pienamente giustificata?

“Chips Act” è una svolta: senza guida pubblica non c’è politica industriale

Chip, autonomia strategica e transizione verde

Il tema è stato riaffrontato anche nel corso dell’ultimo Consiglio competitività UE del 9 giugno e, secondo la Presidenza di turno francese, i rappresentanti degli stati membri, sembrano essere sostanzialmente concordi nell’appoggiare tale iniziativa sulla quale, fin dall’inizio, si è registrato una particolare spinta proprio da parte di personalità d’oltralpe, ad iniziare proprio dal Commissario Thierry Breton.

L’iniziativa, indubbiamente, rientra anche tra quelle misure che concorrono a definire meglio il concetto della “autonomia strategica” dell’Unione, di cui proprio la Francia appare essere uno dei paladini principali. Ora che anche la Vicepresidente esecutiva della Commissione europea, responsabile della concorrenza e del coordinamento del dossier l’”Europa pronta per l’era digitale”, Margrethe Vestager, pare abbia abbandonato iniziali timori di distorsioni del mercato dovuti dai massicci finanziamenti pubblici conseguenti al Chips Act.

Strada tutta in discesa, dunque, per il provvedimento, che viene collocato anche nella più ampia cornice dell’insieme delle tecnologie necessarie a portare efficacemente avanti il Green Deal europeo.

In questo quadro è stato approvato il 15 luglio scorso pure il relativo parere sull’atto del Comitato economico e sociale europeo, in cui sono rappresentati in particolare gli attori sociali (imprese e sindacati) che poi concretamente si troveranno a gestire tale piano.

Le riserve del CEP sul Chips Act

In questo documento il sostegno generale al piano viene però anche affiancato da diverse riserve ed inviti a miglioramenti ed emerge anche il non secondario problema dell’investimento su tipologie di mano d’opera di cui attualmente l’UE risulta insufficientemente provvista.

Il think tank Centres for European Policy Network (CEP), dopo una propria prima riflessione dello scorso febbraio, continua ad esprimere diverse riserve rispetto a questo nuovo progetto normativo dell’Unione europea. L’intervento dell’UE sarebbe giustificato solo se vi fosse in essere un palese fallimento del mercato. Tuttavia, questo continua a non apparire poi così evidente, malgrado i casi di criticità delle forniture verificatisi negli ultimi mesi.

Le cause dell’attuale carenza di chip secondo il CEP

Secondo una ancor più recente analisi del CEP, l’attuale carenza di chip ha tre cause principali:

  • le aziende avevano sottovalutato l’aumento della domanda di computer portatili in seguito all’incremento del lavoro a domicilio dovuto alla pandemia.
  • Terremoti, tempeste ed altri eventi imprevisti hanno influito sulla produzione.
  • A causa dell’elevato utilizzo della capacità produttiva degli stabilimenti esistenti, l’adeguamento dell’offerta è risultato piuttosto lento.

I ricercatori del CEP, tuttavia, ipotizzano che il collo di bottiglia sia, di fatto, temporaneo e non strutturale.

In linea di principio, spetta prioritariamente alle aziende rispondere alle carenze e gestire al meglio la catena di fornitura dei chip, ad esempio diversificando e accumulando scorte. Tuttavia, risulta difficile ottenere tutte le informazioni sulla relativa catena del valore, la quale, inoltre, si compone di numerosi passaggi che coinvolgono anche diverse aree geografiche mondiali. Il Chips Act prevede allora pure che gli Stati membri monitorino regolarmente la catena del valore dei semiconduttori. Se viene identificata una “fase di crisi dei semiconduttori”, la Commissione potrebbe adottare misure speciali, da quelle che obblighino a concedere priorità alle aziende dell’UE, a dei sistemi di controllo sulle esportazioni. Tuttavia, secondo l’analisi, ciò violerebbe il principio della certezza del diritto, perché le condizioni necessarie per attivare il livello di “fase di crisi” risultano ancora disegnate in modo eccessivamente indefinito.

Finanziamenti e corsa alle sovvenzioni

Un giudizio più positivo, invece, il CEP lo attribuisce quella parte della proposta della Commissione che prevede lo sviluppo di una piattaforma virtuale e di impianti pilota che potrebbero facilitare le aziende europee a sviluppare e testare i propri chip più rapidamente. Tuttavia, il finanziamento di tali misure appare comunque problematico, poiché si tratta essenzialmente di riassegnare fondi già esistenti per altre attività di ricerca. In questo caso, la Commissione dovrebbe quindi giustificare il motivo per cui è più efficiente utilizzare i fondi per l’iniziativa “Chips for Europe” invece, ad esempio, per aumentare la “sicurezza informatica.

Con i previsti sussidi per nuove fabbriche di chip, gli esperti del CEP vedono però, in particolare, il pericolo di una corsa alle sovvenzioni tra gli stessi stati membri UE, nonché con diversi stati terzi che già stanno portando avanti interventi simili.

Chip e altre dipendenze strategiche dell’Ue: come possiamo affrancarci

Il rischio di una sovraccapacità di produzione

Tale contesa potrebbe, infine, portare anche a una sovraccapacità di produzione. In tal caso i nuovi impianti di produzione rischierebbero di venire sottoutilizzati e diventare presto antieconomici. Gli impianti di produzione europei ne risentirebbero in modo particolare, in quanto i costi di produzione sono più bassi altrove, grazie ai minori costi energetici e di manodopera. Vi è quindi la seria minaccia di creare un sistema che necessiterebbe poi di sovvenzioni pubbliche permanenti.

Le priorità tecnologiche identificate dal Chips Act

Anche le priorità tecnologiche identificate dal Chips Act andrebbero affrontate con maggiore spirito critico. In esso l’attenzione viene rivolta in particolare ai chip con dimensioni del nodo inferiori a dieci nanometri. Ma questo, se pur potenzialmente interessante dal punto di vista delle future evoluzioni tecnologiche, al momento, è da considerarsi una scelta sbagliata, poiché nell’Unione Europea non ci sono attualmente, praticamente, ancora sufficienti clienti per questo tipo di chip. Ma se, anche in nome del perseguimento dell’autonomia strategica europea, si sosterrebbero finanziariamente poi fabbriche in cui si producono principalmente o addirittura esclusivamente chip che sono poco richiesti dall’industria europea e quindi destinati conseguentemente all’export, è discutibile che l’aiuto pubblico persegua un obiettivo legittimo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4