innovatori di ventura

Crowdfunding, la svolta di Consob e Banca d’Italia: ecco i nuovi scenari di mercato

A due anni dall’ufficializzazione dell’unificazione regolamentare europea da parte di ESMA (European Securities and Markets Authority), per il mercato del crowdfunding finalmente arriva la svolta ufficiale da Consob e Banca d’Italia.

03 Nov 2022
Giampaolo Ferradini

CEO of Kjuicer.com Srl

Giancarlo Vergine

Tech Entrepreneur | Crowdfunding Expert

crowdfunding

Restano aperti ancora alcuni punti dell’iter amministrativo in capo al nuovo governo e poi i portali italiani di equity e lending crowdfunding potranno avviare l’iter di richiesta della nuova licenza ai sensi del Regolamento Europeo (Ecsp).

La licenza sarà utile ad operare, a partire dall’11 novembre 2023 (nuova data ufficiale di avvio effettivo della nuova regolamentazione europea), nell’attività di raccolta capitali secondo la normativa comunitaria, all’interno di tutti i paesi e a favore di gran parte delle imprese di capitali europee.

Crowdfunding, il nuovo Regolamento Ue: posta in gioco e opportunità

La svolta operativa è arrivata lo scorso 21 ottobre, grazie alla nota ufficiale di Consob che ha dichiarato che tutti i soggetti che intendano gestire piattaforme di crowdfunding, sia equity-based che lending-based, dovranno richiedere un’apposita autorizzazione – alla Consob o a Banca d’Italia – e saranno assoggettati a regole uniformi, definite a livello europeo, nonché alla vigilanza delle autorità designate dagli Stati membri dell’Unione Europea.

Nel frattempo, mentre si attende l’adozione del decreto legislativo di attuazione (da parte del nuovo esecutivo) che darà avvio alla fase ufficiale di richiesta della licenza, le autorità di vigilanza (Consob e Banca d’Italia) si sono rese disponibili a intrattenere dialoghi informali di orientamento per tutti gli operatori interessati alla futura presentazione delle domande di autorizzazione (sia quelli già in possesso di una licenza che nuovi richiedenti).

Passaggi cruciali dell’iter amministrativo di adozione in Italia

Il Regolamento Europeo 2020/1053 (Ecsp) è volto a normare le attività dei fornitori di servizi di crowdfunding per le imprese. Una delle principali novità del regolamento pubblicato da ESMA – Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati – a ottobre 2020, è data dall’accomunamento dei portali di equity crowdfunding con quelli di lending crowdfunding. Come noto tali disposizioni sarebbero dovute entrare in vigore per tutti gli operatori dei paesi comunitari, a partire da novembre 2022, ma a seguito dei ritardi di alcune nazioni (tra cui anche l’Italia) nella designazione dell’organo di vigilanza nazionale (che ricordiamo, si occuperà di rilasciare le licenze agli operatori che ne faranno richiesta, verificando il rispetto delle caratteristiche e dei processi necessari) lo scorso 12 luglio la Commissione Europea ha deciso di estendere il periodo di transizione di un anno, portando appunto il lancio ufficiale all’11 novembre 2023.

WHITEPAPER
Vuoi lanciare la tua Startup? Ti sveliamo i 4 motivi per cui dovresti utilizzare HubSpot
Startup
Inbound

La nota di Consob del 21 ottobre arriva dopo che il 26 agosto passato era apparsa sulla Gazzetta Ufficiale la legge di delegazione europea per il 2021, che delega appunto il governo a recepire le direttive europee per adeguare l’ordinamento nazionale al Regolamento Ecsp.

Dati questi presupposti logicamente ad oggi non è stata rilasciata alcuna autorizzazione in Italia, mentre in altri stati europei già da qualche tempo sono state autorizzate le prime piattaforme. Su tutti è nota la prima autorizzazione ufficiale ad operare con il nuovo regolamento, emessa dall’autorità di vigilanza spagnola, già ad aprile 2022, a favore di Crowdcube Europe SL, che quindi risulta essere a tutti gli effetti il primo portale ad aver ottenuto la licenza europea.

Oltre a Crowdcube Europe, stando al registro pubblicato sul sito dell’ESMA, sono 5 le altre piattaforme ad oggi già autorizzate: Crowdedhero Latvia (Riga, Lettonia), Hands-on B.V. (Rotterdam, Paesi Bassi), Villyz (Parigi, Francia), Oneplanetcrowd International B.V. (Amsterdam, Paesi Bassi) e Spreds (Bruxelles, Belgio).

Invece l’altra piattaforma leader di mercato in UK insieme a Crowdcube, Seedrs, ha annunciato tramite l’intervista del suo CEO a fine agosto di essere in pieno iter autorizzativo tramite l’autorità di vigilanza irlandese, anche se al momento sembra non abbia ancora ottenuto la licenza.

Nuovi scenari di mercato e campagne europee

Cosa cambia effettivamente con il nuovo regolamento europeo rispetto a quello attualmente in vigore in Italia? In primis, con il regolamento europeo, i portali di equity crowdfunding potranno svolgere anche l’attività di raccolta in modalità lending-based (prestito) e viceversa ovviamente. Questo fattore è alquanto rivoluzionario perché i portali, in questo modo, potranno ampliare la loro gamma di offerta alle imprese, incrementando di fatto anche il bacino di potenziali aziende clienti. Allo stesso tempo sarà possibile offrire agli investitori retail un’offerta di investimenti differenziata e con svariati livelli di rischio.

Il nuovo regolamento, dal punto di vista dell’attività dei portali, prevede che essi rispettino requisiti prudenziali e si dotino di assetti organizzativi idonei ad assicurare l’adeguata gestione dei rischi e la continuità dell’operatività, introducendo di fatto anche norme a tutela degli investitori ispirate a quelle della Direttiva MiFID2.

Ai portali italiani sarà concesso raccogliere capitali per aziende europee (questo era già possibile anche prima), peró con la possibilità di svolgere attività di comunicazione verso una platea di investitori internazionali più ampia di quella attuale, cosa che fino ad oggi non era mai stata possibile.

Per mezzo di questa possibilità, anche ai portali europei sarà ovviamente concesso di raccogliere capitali per aziende italiane, offrendo ai propri utenti la possibilità di investire in esse. Quindi, leggendo le specifiche contenute nelle richieste di licenza pervenute ad ESMA, ci si aspetta che i principali operatori europei possano sempre più raccogliere capitali per imprese italiane. Questo nel recente passato era avvenuto, ma di rado: solo in UK, prevalentemente su Seedrs, e in Romania su Seedblink. Sempre con modalità al di fuori del quadro normativo Escp.

Crowdfunding, operatori in fuga dall’Italia: ecco perché il nostro mercato è paralizzato

Un’opportunità interessante per le startup e le imprese innovative italiane

Dunque, un’opportunità interessante per le startup e le imprese innovative italiane, che dà loro modo di accedere a capitali esteri e farsi conoscere da un ampio numero di investitori retail e non solo, ma anche di svolgere azioni di marketing mirate anche in occasione di processi espansivi internazionali. L’effetto a livello comunicativo del crowdfunding, infatti, non è da sottovalutare: permette non solo di accedere a capitali di rischio alternativi a quelli provenienti da fondi VC e altri investitori professionali, ma anche di eseguire piani di comunicazione capillari e creazione di community. Con la piattaforma europea, oltre a poter fare queste attività a livello locale, si apre la possibilità di operare a un livello ben più esteso.

I primi esempi li abbiamo visti a partire da aprile scorso. Con la nuova licenza sono state fatte le prime raccolte comunitarie in Europa: quasi tutte delle raccolte importanti di community funding. La francese Qonto ha raccolto circa 5 milioni di euro dalla sua community di clienti, la spagnola Heura Foods ne ha raccolti 4,4 dalla sua community di “good rebels” e la belga Cowboy invece ha raccolto 2,7 milioni da oltre 2000 investitori retail.

Nell’attesa che anche i portali del Bel paese possano finalmente operare in questa nuova modalità, alcune startup italiane hanno già annunciato di voler sfruttare le possibilità offerte dal nuovo quadro regolatorio per raccogliere capitali in crowdfunding, sfruttando il bacino di utenti europeo attraverso le campagne su portali internazionali; pertanto, non ci resta che pazientare ancora qualche mese per assistere e valutare gli effetti reali e tangibili di questo nuovo assetto e i potenziali numerosi benefici che esso potrà apportare, direttamente e indirettamente all’ecosistema italiano dell’innovazione.

Rimane aperta la questione, per ora tutta da esplorare, della possibilità di introdurre meccanismi e magari veri e propri mercati del secondario per questi investimenti. Uno dei limiti, che sembra infatti ridurre in modo tangibile l’appetibilità degli investimenti proposti dal crowdfunding, è il fatto di non essere facilmente liquidabili anche in presenza di ottimi risultati. Considerato che i tempi medi per una exit di una startup possono essere lunghi, e che l’Italia fino ad oggi è stata penalizzata da una considerevole rarità di questi eventi, sarebbe opportuno cominciare a pensarci a livello istituzionale.

Conclusioni

Introdurre la novità da noi potrebbe aiutare a sviluppare ulteriormente una cultura per gli investimenti in capitale di rischio dal basso che ha dimostrato di essere assai promettente.

Vale la pena ricordare che negli anni ‘90 negli Stati Uniti era quasi più probabile trovare una startup di successo quotata sul Nasdaq che dentro un fondo di Venture Capital.

Starbucks, Qualcomm, Genentech, tanto per fare tre nomi: erano “penny stocks” che si potevano acquistare su quello che oggi è il principale listino dei titoli tecnologici. A quei tempi era il far west descritto, e preso un po’ in giro, nel film “The Wolf of Wall Street”. Rivisto con criteri adeguati potrebbe far crescere molto la raccolta di capitali coraggiosi, dando almeno la possibilitá di dare un valore e scambiare i migliori progetti senza dover aspettare magari anni.

WHITEPAPER
Come creare un processo di Lead Management cucito secondo le tue esigenze!
CRM
Startup
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3