direttiva copyright

Equo compenso del giornalismo in rete, la sfida oltre le linee guida Agcom

L’avvio della consultazione pubblica di Agcom sullo schema di regolamento dà attuazione all’art. 43-bis della legge sul copyright segna un passo avanti per trovare un finanziamento al giornalismo. Ma, secondo alcuni esperti, non è lo strumento giusto per risolvere il problema delle risorse risucchiate dalle big tech

04 Lug 2022
Mirella Castigli

ScenariDigitali.info

Linee guida Agcom su equo compenso: opportunità e criticità di uno strumento improprio

L’Italia accelera sul tema equo compenso per il giornalismo online, ma tante questioni restano aperte. Lo fa ora con le linee guida dell’Agcom in consultazione fino al 24 luglio che prova a fissare i primi criteri.

La consultazione per il giornalismo online consente di recepire la Direttiva Copyright, con cui l’Europa fissa un equo compenso a favore dell’editore da parte delle big tech, in una fase storica di crollo delle entrate pubblicitarie, che virano verso le piattaforme digitali.

La delibera Agcom si chiama “Schema di regolamento in materia di individuazione dei criteri di riferimento per la determinazione dell’equo compenso per l’utilizzo online di pubblicazioni di carattere giornalistico di cui all’articolo 43-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633”.

L’Authority distingue fra prestatori di servizio e aziende di monitoraggio dei media e rassegna stampa. L’Autorità vuole favorire intese fra editori e prestatori, ispirandosi a “criteri di ragionevolezza e proporzionalità” oltreché a modelli di business già presenti sul mercato.

La gente fugge dalle notizie: l’antidoto è il buon giornalismo, anche su TikTok

Linee guida dell’Agcom sull’equo compenso

“Il governo e il Parlamento italiano, nel recepire la direttiva europea, hanno sostanzialmente compiuto un piccolo passo in più nel riconoscere agli editori questo compenso”, commenta Antonio Nicita, professore universitario, con esperienza presso l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, autore del libro da titolo “Il mercato delle verità”.

WHITEPAPER
Evolvere il rapporto con i tuoi clienti e renderlo più redditizio: scopri come con questo documento!
Marketing
Advertising

“Ora spetta quindi all’Agcom a definire meglio i criteri. Ma rimangono aperte due grandi questioni”, continua Nicita.

“La prima delle due grandi questioni aperte riguarda il fatto che nulla impedisce che, nelle more in cui Agcom definisca concretamente questo diritto (cosa di per sé complessa dal momento che non ci sono precedenti, tranne che in Australia), le piattaforme da una parte e gli editori dall’altra non trovino il proprio accordo”, continua Antonio Nicita.

Direttiva Copyright, il diritto connesso degli editori di giornali: punto sui lavori

“Il problema del finanziamento è oggettivo e rappresenta il cuore della questione, dal momento che da anni continua un rilevantissimo spostamento di risorse pubblicitarie dai media tradizionali alla piattaforme digitali”.

In effetti, secondo eMarketer, solo nel 2021, Google, Facebook e Amazon hanno assorbito il 64% dei 211 miliardi di dollari di investimenti nell’advertising digitale (+38,3% rispetto al 2020). La società di market intelligence definisce Google (28,6%), Facebook (23,8%) e Amazon (11,6%) un tripolio. Significa che a tutti gli altri player, editori compresi, non restano che le briciole: una quota del 36%.

Dunque, “al di là dell’informazione e disinformazione“, sottolinea Nicita, “stiamo assistendo a uno spostamento dal vecchio al nuovo mondo in relazione all’investimento pubblicitario, poiché il micro-targeting dell’advertising e il marketing digitale sono più efficaci della pubblicità tradizionale”.

“Ciò toglie risorse pubblicitarie ai media. Esiste comunque una proposta di Legge in cui i protagonisti potrebbero trovare un accordo, risolvendo il problema”.

“Il secondo tema riguarda il principio di trasferimento di risorse fatto attraverso il copyright, uno strumento improprio: un conto è infatti riconoscere la necessità di finanziare il buon giornalismo, un altro è usare il copyright a questo fine”, mette in guardia Nicita che comunque afferma che “rispettiamo la scelta compiuta dal legislatore”.

Il rischio è l’azzardo morale

“Tuttavia solleva problematiche dividere il mondo fra buoni e cattivi: da una parte, il giornalismo, dall’altra il web. Il rischio”, chiarisce Antonio Nicita, “è che una cattiva politica finanzi giornali che non fanno buon giornalismo, drenando risorse al digitale”. Una siffatta suddivisione potrebbe essere paradossale e controproducente.

“Il problema”, mette in guardia Nicita, “è che il giornalismo non riesce a trovare strumenti di autoregolazione neanche attraverso l’Ordine dei giornalisti (Odg). Con l’equo compenso si possono generare perversioni. Se un maggior compenso va alle notizie più virali, si crea l’azzardo morale: i giornalisti sono tentati di usare il clickbaiting per rendere una notizia virale ed ottenere più fondi.
L’incentivo potrebbe dunque spingere non verso il giornalismo di qualità, ma verso la mala-informazione e polarizzazione”.

“Terzo elemento”, infine, “è l’uso del paywall restrittivo per accedere alle risorse: una scelta che penalizza, perché nessuno legge l’articolo, ma le persone si fermano al titolo e al sommario, magari neanche scritti da un giornalista. Quindi il rischio è di incentivare ancora di più la disinformazione e la polarizzazione”.

Proposta di soluzione per salvaguardare il giornalismo di qualità

“Il tema della disinformazione esiste”, evidenzia Nicita, “non tutto il giornalismo è informazione di qualità, non tutto il web è disinformazione. Il sostegno all’informazione di qualità con risorse pubbliche (o pubblico-private). Allora merita mettere una tassa di scopo sull’attenzione per ricompensare il giornalismo di qualità”.

“Occorre dunque individuare il meccanismo e i criteri per identificare il giornalismo di qualità: bisogna stabilire degli indicatori della qualità dell’informazione e dirottare le risorse verso chi fa giornalismo di qualità. Come nel sistema radio-televisivo, con le risorse inviate ai soggetti meritevoli”.

“Per ora si usa lo strumento del copyright, ma sarebbe più adatto quello del finanziamento con risorse pubblico-privato per finanziare il giornalismo di qualità”, conclude Nicita.

Codice UE contro la disinformazione

Intanto la UE ha pubblicato il Codice di Best practice per combattere più efficacemente la disinformazione, con 34 firmatari, piattaforme comprese. Il Codice della Commissione europea recepisce le lezioni impartite da pandemia e dalla guerra in Ucraina, per rendere disponibile un ecosistema digitale “trasparente, sicuro ed affidabile” ai cittadini europei.

Fra i 34 firmatari ci sono Google, Meta, TikTok, Twitter e Microsoft. Il Codice va ad affiancarsi anche alla Legge sui servizi digitali, che ha appena ricevuto semaforo verde, rivolto alla trasparenza e al targeting nell’advertising politico, sempre per contrastare la diffusione di fake news in Unione europea.

WHITEPAPER
Le 7 tipologie di Customer Journey Map che devi conoscere!
Marketing
Advertising
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3