ai e diritto d’autore

Il data mining minaccia la musica? Quali difese posso già essere attivate



Indirizzo copiato

L’era digitale porta con sé nuove sfide per il diritto d’autore. Tra innovazione e rispetto dei diritti degli autori, la Direttiva UE sul Copyright nel Digital Single Market cerca di trovare un equilibrio in un contesto sempre più dominato dall’intelligenza artificiale e dal data mining

Pubblicato il 29 nov 2023

Simona Lavagnini

avvocato, partner LGV Avvocati



Digital,Technology,,Big,Data,,Iot,Internet,Of,Things,,Software,Development

In Europa è chiaro che l’estrazione di testo e di dati che comporta la riproduzione di opere protette rientra nei diritti esclusivi d’autore e connessi. Per questa ragione sono state introdotte recentemente alcune eccezioni a questi diritti esclusivi, che sono finalizzate a consentire il data mining per finalità di ricerca e – in misura più limitata – anche quello di tipo commerciale.

Si tratta in particolare degli artt. 3 e 4 della Direttiva UE 2019/790 sul Copyright nel Digital Single Market, implementati in Italia con l’introduzione dei nuovi artt. 70ter e 70 quater legge autore tramite il d.lgs. 177/2021.

I timori legati al data mining commerciale

È chiaramente il data mining commerciale quello che può generare maggiori preoccupazioni ai titolari di diritti d’autore e connessi, perché consente a chiunque di effettuare riproduzioni ed estrazioni da opere o da altri materiali contenuti in reti o in banche di dati cui si abbia legittimamente accesso, salvo che il titolare dei diritti non abbia espresso riserva tramite un meccanismo cd. di opt-out.

È quindi necessario concentrarsi su questo secondo tipo di data mining per comprendere quali possano essere le difese che già oggi potrebbero essere attivate nei confronti dell’AI generativa che utilizza come input opere protette per creare output sostanzialmente similari a queste ultime.

A mio parere è già oggi possibile osservare tre cose:

  • che forse l’eccezione di data mining di tipo commerciale non si può applicare all’AI generativa di questo tipo, perché altrimenti si potrebbe violare il cd. three-steps-test;
  • che la previsione di un meccanismo di opt-out, secondo cui il titolare dei diritti deve opporsi al data mining altrimenti questo è consentito, potrebbe essere in violazione del fondamentale principio per cui l’esercizio dei diritti d’autore non può essere soggetto a formalità costitutive;
  • che in ogni caso l’onere della prova di dimostrare che le opere oggetto di data mining da parte dell’AI sono state oggetto di un legittimo accesso grava sul produttore dell’AI.

L’eccezione di data mining commerciale e il three-steps-test

Partiamo dalla prima osservazione. È principio generale derivante dai trattati internazionali – come la Convenzione di Unione di Berna, e come peraltro ribadito dalla Direttiva 2019/790 sul Copyright nel Digital Single Market – che le eccezioni e le limitazioni ai diritti esclusivi si possono applicare solo quando si tratti di casi speciali, non vi sia contrasto con il normale sfruttamento delle opere e non si rechi indebitamente pregiudizio ai legittimi interessi dei titolari dei diritti (cd. three-step-test). A mio modo di vedere nel caso dell’AI che si basa sull’estrazione di pattern da precedenti opere dell’ingegno per realizzare nuove opere che siano sostanzialmente simili ma non identiche alle precedenti, l’eccezione si applicherebbe in modo generale, piuttosto che in casi speciali; vi sarebbe un evidente rischio di contrasto con il normale sfruttamento delle opere; contemporaneamente vi sarebbe anche un evidente pregiudizio indebito arrecato agli interessi dei titolari dei diritti.

Il meccanismo di opt-out e il principio dell’assenza di formalità costitutive nel diritto d’autore

Veniamo all’opt-out. Come chiarito dal considerando 19 della Direttiva 2019/790 l’eccezione di data mining non si applica se i titolari dei diritti hanno espresso il loro dissenso in maniera appropriata. Secondo questo stesso Considerando, nel caso di contenuti resi disponibili al pubblico online, dovrebbe essere ritenuto appropriato riservare tali diritti solo attraverso l’uso di strumenti che consentano una lettura automatizzata, inclusi i metadati, e i termini e le condizioni di un sito web o di un servizio. In altri casi può essere appropriato riservare i diritti con altri mezzi, quali accordi contrattuali o una dichiarazione unilaterale. Il tutto può (ma non deve) essere assistito da misure tecniche di protezione.

Secondo alcuni interpreti, ed io mi trovo d’accordo, questo sistema basato sull’opt-out rischia di violare uno dei principi fondamentali del diritto d’autore, riconosciuto in molte Convenzioni internazionali (fra cui di nuovo la Convenzione di Unione di Berna), secondo cui per l’esercizio del diritto non sono previste formalità costitutive. In altre parole, nel diritto d’autore, diversamente da quello che avviene per i brevetti, i diritti nascono in virtù della creazione, e non vi è alcuna necessità di richiedere un titolo amministrativo e di pagare tasse.

La ratio è quella di rendere il sistema più inclusivo e aperto a tutti, indipendentemente dalle risorse finanziarie a disposizione o dalla conoscenza dei principi legali. Dunque, prevedere l’obbligo per i titolari dei diritti di esprimere il proprio preventivo dissenso, in assenza del quale essi non si possono opporre al data mining, mi sembra introdurre un onere formale in contrasto con i principi generali. Detto questo, è evidente in ogni caso che – ove mai questo obbligo fosse considerato legittimo – esso dovrebbe essere interpretato sempre nel modo più leggero possibile per i titolari dei diritti d’autore e connessi, e quindi anche come una semplice dicitura in linguaggio naturale, senza alcun bisogno di adottare soluzioni tecnologiche costose.

L’onere della prova e l’importanza della trasparenza nell’uso delle opere protette nell’AI generativa

Terzo punto. Le norme sono chiare nello stabilire che il data mining sia vietato quando chi lo svolge non ha legittimo accesso all’opera, perché non vi è alcuna regolare licenza di uso, oppure quando vi sia stato l’opt-out. Ne deriva che vi sia automaticamente una violazione quando l’AI abbia utilizzato per il data mining opere senza licenza, magari reperite indistintamente da fonti in internet, che possono a loro volta essere illegali, come i servizi che nascono ogni giorno in rete e mettono a disposizione contenuti abusivi. È chiaro però che un principio di questo genere non può ricevere alcuna efficace applicazione, se i titolari dei diritti incontrano difficoltà insormontabili per provare che la loro opera è stata effettivamente utilizzata e quindi violata. Questo avviene tipicamente nel caso dell’intelligenza artificiale generativa, che è spesso qualificata come “black box”, ossia come sistema che fornisce risposte ma non dadà spiegazioni relativamente al modo attraverso il quale le risposte sono state elaborate. È anche noto che a livello attuale non vi sono strumenti tecnologici adeguati ad individuare la violazione di opere protette (salvo in casi particolari, come per esempio quando l’output conservi un elemento identificativo che fa parte dell’opera utilizzata).

È per tale motivo che è necessario ritenere la sussistenza di un obbligo per l’AI di dichiarare quali opere siano effettivamente state “ingerite” e dimostrarne la legittimità d’uso. Peraltro, questo corrisponde al principio della cd. “vicinanza della prova”, secondo cui una determinata circostanza deve essere provata dal soggetto che ha più facilità ad accedere alla stessa.

Si tratta di un principio ben noto e sviluppato dalla giurisprudenza, con particolare riguardo ad opere ad alto livello tecnologico, in situazioni simili a quella qui considerata.  

Il caso Business Competence vs Facebook

Si può in particolare fare riferimento alla nota controversia fra una società italiana, Business Competence, e Facebook, in relazione all’allegata violazione di una app sviluppata da Business Competence da parte di Facebook, che ne aveva sviluppata una simile. Il Tribunale di Milano ha condannato Facebook e nel caso è stato decisivo che da una parte Facebook avesse avuto accesso alla app in questione e dall’altra parte non avesse dimostrato di aver sviluppato la propria opera in modo indipendente.

Peraltro, se non si fa così si condannano anche quegli sviluppatori di AI che si comportano in modo etico sul mercato, utilizzando solo banche dati di opere per i quali abbiano licenza. Evidentemente i costi che questi soggetti dovrebbero sopportare li metterebbero fuori mercato, così finendo per incentivare i comportamenti di quegli operatori più irrispettosi dei diritti di proprietà altrui.

Conclusioni

Vorrei, infine, sottolineare, che anche questa soluzione non sarebbe la panacea, visto che ad oggi non esistono tecnologie adeguate a capire quali opere siano state effettivamente utilizzate dall’AI, e quindi si potrebbe dare il caso di sistemi di AI che dichiarano solo un certo numero di opere effettivamente acquisite legittimamente, mascherando poi una serie di altre che siano state oggetto di scraping abusivo. Al momento però questa soluzione sarebbe già molto, ed è peraltro quanto mi pare sia sostanzialmente in discussione nella proposta di regolamento europea, nel contesto dell’introduzione del principio di trasparenza in base al quale i sistemi di intelligenza artificiale dovrebbero documentare e rendere disponibile al pubblico una sintesi dell’uso dei dati di training utilizzati dall’intelligenza artificiale che siano protetti dal diritto d’autore.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4