non solo rider

Servono più tutele per chi lavora con le piattaforme digitali: ecco quali

La diffusione di nuovi modelli organizzativi della produzione e del lavoro basati sull’uso delle piattaforme digitali ha portato alla luce nuovi rischi per i lavoratori, che rendono quanto mai attuale il tema della salute e della sicurezza. Occorre ripensare i principi di tutela base ma servono anche tutele ad hoc

24 Nov 2022
Federica Nizzoli

Avvocata - Dottoranda in Lavoro, Sviluppo e Innovazione, Unimore - SC Centro Studi

gig economy

Attualmente il diritto del lavoro ha cominciato a confrontarsi frequentemente con il tema della digitalizzazione delle attività economiche nonché dei riflessi e delle implicazioni che essa determina nell’organizzazione del lavoro. Il quadro normativo attuale in materia di digitalizzazione muove sicuramente dall’obiettivo di migliorare le condizioni di lavoro delle persone che operano tramite le piattaforme digitali garantendo una interazione tra lavoratore e digital economy il più tutelata possibile.

Sulla scorta di questo obiettivo, la diffusione di nuovi modelli organizzativi della produzione e del lavoro basati sull’utilizzo delle piattaforme digitali ha portato alla luce nuovi rischi per lavoratori e lavoratrici, i quali rendono, oggi più che mai, attuale il tema della salute e della sicurezza altresì sulle digital labour platforms.

Rider: quali regole per tutelarli? Le richieste dei sindacati per fare in fretta

I rischi legati al lavoro gestito dalle piattaforme

Sono stati gli stessi lavoratori digitali e i loro movimenti collettivi ad aver posto l’accento sulla pericolosità che deriva dalle peculiari condizioni lavorative propria delle piattaforme, con particolare riferimento a una specifica categoria di lavoratori su piattaforma, vale a dire quella dei ciclofattorini, i cosiddetti rider.

WHITEPAPER
Ottieni una pianificazione veloce e affidabile nel tuo marketing: scopri come!

La stessa Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro non ha mancato di evidenziare come i rischi, per i platform workers, siano addirittura superiori e più gravi a causa della perdita dell’effetto protettivo derivante dallo svolgere la prestazione in un luogo di lavoro stricto sensu.

Molte di queste attività, infatti, hanno luogo in automobili private o in case, senza contare l’incoraggiamento a ritmi di lavoro estremamente veloci e senza pause, a loro volta più esposti al rischio di infortuni.

Risulta necessario premettere che i rischi nei quali possono incorrere i lavoratori su piattaforma non differiscono da quelli cui gli stessi sarebbero soggetti nell’eventualità in cui la prestazione lavorativa fosse eseguita senza l’intervento del device informatico. A mero titolo esemplificativo, infatti, il rischio per un ciclofattorino di incorrere in un sinistro stradale è il medesimo, sia che l’ordine venga assegnato tramite un’applicazione online, sia direttamente a voce o telefonicamente. Per converso, è la probabilità che un determinato rischio si concretizzi a essere mutevole e, possibilmente, oggetto di aumento, per effetto delle condizioni in cui opera il platform worker.

L’approccio del legislatore europeo

Nel quadro della Strategia per il mercato unico digitale in Europa (COM(2015)0192), le istituzioni europee hanno fatto proprio un approccio certamente favorevole al riconoscimento dei diritti fondamentali dei prestatori d’opera; tra questi non manca la tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro.

La significativa importanza assunta dalla platform economy ha portato a riconoscere una fisionomia più unitaria e compatta del lavoro digitale medesimo, prevedendo standard minimi di condizioni di lavoro e diritti sociali. In questo senso l’Unione ha sempre sollecitato i singoli ordinamenti nazionali affinché intervenissero senza tralasciare i singoli metodi di lavoro connessi allo sviluppo tecnologico.

La stessa Direttiva in materia di condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili ha rafforzato aspetti quali la durata del tempo di lavoro, in modo tale da incidere positivamente sulla tutela della salute e della sicurezza, calando il suddetto approccio nel contesto dei lavoratori digitali.

Ecco che è possibile notare come, a livello europeo, sia ormai insediato un fulcro di tutele sociali a favore del lavoratore, a prescindere dall’inquadramento operato da parte degli ordinamenti nazionali. L’approccio che viene prediletto, infatti, mira a garantire protezione sulla base dell’effettivo svolgimento di attività, anziché pregiudicarla o renderla dipendente dal soddisfacimento di particolari vincoli qualificatori.

Siamo tutti rider. Ecco i danni del “gigacapitalismo” nello stato di diritto

La figura del fattorino digitale nel quadro della legislazione nazionale

Per quanto concerne strettamente la realtà nazionale, la prima risposta fornita da parte dell’ordinamento si è concretizzata nelle previsioni contenute all’interno della recente L. n. 128/2019, la quale ha apportato modifiche significative al D.Lgs. n. 81/2015, prevedendo addirittura l’introduzione del Capo V-bis, il quale è chiamato a disciplinare la “tutela del lavoro attraverso piattaforme digitali”.

Nella prospettiva definitoria, l’art. 47-bis della summenzionata legge definisce le piattaforme informatiche come “i programmi e le procedure informatiche utilizzati dal committente che, indipendentemente dal luogo di stabilimento, sono strumentali alle attività di consegna di beni, fissandone il compenso e determinando le modalità di esecuzione della prestazione”.

Facendo, invece, strettamente riferimento al tema della tutela della salute e sicurezza sul lavoro, le previsioni maggiormente significative sono contenute all’interno dell’art. 47 septies del d.lgs. n. 81/2015. I primi due commi dell’articolo in esame fanno riferimento al regime applicabile in materia di copertura assicurativa contro infortuni e malattie professionali.

Nello specifico, i lavoratori su piattaforma sono soggetti alla copertura assicurativa obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali prevista dal d.P.R. n. 1124/1965. Il premio di assicurazione INAIL è determinato in base al tasso di rischio corrispondente all’attività svolta.

Ciononostante, la dottrina non ritiene possibile parlare di efficacia generalizzata, da parte delle disposizioni del Capo V-bis, nei confronti dei platform workers. Non a caso, infatti, limitatamente al Capo de quo, si è parlato addirittura di “labirinto senza uscita”, sulla scorta del fatto che la definizione di piattaforme digitali, contenuta nell’art. 47-bis, comma 2, D.Lgs. n. 81/2015, subordinando l’efficacia della disciplina ivi stabilita in favore dei riders auto-organizzati alla condizione che sia la piattaforma a fissare il compenso e le modalità con cui la prestazione deve essere eseguita, si sovrappone alla definizione di collaborazioni organizzate dal committente, come previsto dall’art. 2, comma 1 del decreto medesimo.

Ad ogni modo, vista la natura autonoma dei rapporti di lavoro con i quali i platform workers prestano la propria attività, un discorso improntato sulla loro salute e sicurezza non può fare a meno di prendere in considerazione altresì le disposizioni di cui al D.Lgs. n 81/2008, la cui integrale applicabilità è stata confermata anche a livello giurisprudenziale.

Ciononostante, sorge il dubbio relativamente alla possibilità di estendere anche ai collaboratori e ai prestatori d’opera che svolgono attività lavorativa in ambienti diversi dalla tradizionale unità produttiva aziendale, le tutele previste dal D.Lgs. n. 81/2008. Ad oggi queste, infatti, risultano essere indirizzate unicamente ai lavoratori autonomi e ai collaboratori coordinati e continuativi fisicamente operanti in ambienti dei quali il committente dispone giuridicamente.

Tale aspetto problematico è, a maggior ragione, posto alla luce nella misura in cui la dottrina stessa ha rilevato come l’avvento della digitalizzazione nonché la conseguente emersione di nuovi lavori, lontani dallo “stabile luogo fisico”, porti alla luce la necessità di superare l’ormai pregressa equazione organizzazione-luogo di lavoro, lasciando dunque posto ad una organizzazione vista come “insieme delle regole mediante le quali si realizza il progetto produttivo del datore di lavoro o del committente”.

La prevenzione nella digital economy: adeguamento e prospettive future

Volendo trarre le somme dall’analisi effettuata, sicuramente la risoluzione del dilemma qualificatorio risulta essere un dato essenziale ai fini della possibilità di garantire ai platform workers adeguate tutele in materia di salute e sicurezza sul lavoro. In questa prospettiva, l’impianto del D.Lgs. n. 81/2008 guarda ampiamente alla figura del prestatore di lavoro subordinato. D’altra parte, il legislatore, con la l. n. 128/2019, ha sicuramente tentato di stabilire livelli minimi di tutela spingendo la qualificazione dei rapporti di lavoro dei platform workers verso la strada dell’etero-organizzazione, portando, allo stesso tempo, la questione dei ciclofattorini all’attenzione degli enti preposti alla vigilanza.

Vero è che, ad oggi, pare i tempi siano divenuti maturi per una estensione delle tutele a prescindere dalla qualificazione giuridica dei rapporti di lavoro interessati. Nel contempo, tuttavia, tale estensione deve tenere a mente il carattere eterogeneo del lavoro digitale, operando dunque un ripensamento dei principi di tutela base nonché di tutele ad hoc, indirizzate a questi specifici prestatori d’opera.

Un esempio a cui fare riferimento

In questo senso, un esempio cui fare riferimento potrebbe essere contenuto all’interno della “Carta dei diritti fondamentali del lavoro digitale nel contesto urbano”, promossa dal Comune di Bologna nel 2021, di concerto con Riders Union Bologna, Cgil, Cisl, Uil e piattaforme digitali.

La Carta muove infatti dallo scopo di “migliorare le condizioni di lavoro dei lavoratori e collaboratori digitali operanti nel Comune di Bologna, promuovendo un’occupazione più sicura e prevedibile e garantendo nel contempo l’adattabilità del mercato del lavoro digitale nel contesto urbano (…) indipendentemente dalla qualificazione dei rapporti di lavoro che si servono per l’esercizio della propria attività lavorativa di una o più piattaforme digitali” (artt. 1 e 2).

Tali riferimenti paiono certamente interessanti e degni di nota, in quanto mirano a trascendere il mero dilemma qualificatorio in favore di un vincolo maggiore a standard protettivi che, una volta applicati, possono fungere da motore propulsivo dello sviluppo socioeconomico.

WHITEPAPER
Mobilità sostenibile: una guida a progetti, incentivi e ruolo chiave di sharing e veicoli elettrici
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4