crisi e opportunità

Mancano ingegneri del software? Eccone centomila pronti da assumere

Sono oltre centomila gli informatici fuggiti dalla Russia in seguito alla mobilitazione dei riservisti e secondo i sondaggi la destinazione finale più desiderata è l’Ue. Se ne sono accorti subito gli imprenditori di quelle nazioni confinanti, ma non solo. Vediamo come si fa ad assumere un ingegnere extracomunitario

Pubblicato il 01 Dic 2022

Luca Accomazzi

Fondatore, Accomazzi.net Srl

guerra ombra soldati

“Mostrami chi riesce a profittare dalla guerra, e io ti mostrerò come far finire quella guerra”, disse Henry Ford. Aziende di tutto il mondo profittano della guerra in Ucraina per trovare nuovi dipendenti esperti e motivati: e nel farlo tolgono soldati al campo di battaglia.

La mia microimpresa, negli ultimi 25 anni, ha sempre avuto uno o due russi all’interno della forza lavoro. Da principio successe per caso (mia moglie, che io conobbi prima del crollo del Muro di Berlino, è russa, e mi fece conoscere alcuni abili colleghi), poi è diventato un pilastro della strategia aziendale. Nei decenni abbiamo aiutato diverse altre imprese italiane a fare lo stesso. Pare che, dopo i recenti eventi in Ucraina, l’idea sia diventata mainstream.

How Anastasia from Russia got hired in Canada

Dalle tragedie nascono opportunità per chi le sa cogliere

Chi non ha passato l’ultimo anno in una caverna certamente ha seguito almeno vagamente l’invasione russa dell’Ucraina, iniziata nel febbraio scorso e ancora oggi in corso. La mobilitazione parziale dei riservisti (tutti i cittadini russi di sesso maschile che hanno prestato il servizio militare di leva obbligatorio) ha arruolato nell’esercito di Putin altri due-trecentomila soldati di età compresa tra i venti e i quarant’anni (55 per gli ufficiali) e convinto un numero maggiore, stando a Bloomberg, a scappare all’estero per evitare di finire al fronte.

WHITEPAPER
Industrial cyber security: quali sistemi adottare?
Big Data
Software

Gli sfollati non sono certo i più stupidi. Si tratta, naturalmente, di persone che parlano lingue straniere, hanno a disposizione risparmi tali da pagarsi il viaggio e l’alloggio mentre cercano una sistemazione definitiva, e pensano di possedere una professionalità e competenze tali per sopravvivere o prosperare fuori dai confini della Federazione Russa. A ben pensarci, non c’è da sorprendersi quando si scopre che molti sono ingegneri, programmatori, sistemisti. Persino il primo ministro del governo di Putin, Mikhail Mishustin, ammette che sono oltre centomila gli informatici espatriati — anche se lui aggiunge che molti sono già tornati ed altri torneranno in patria — e secondo i sondaggi, la destinazione finale più desiderata è l’Unione Europea.

Se ne sono accorti subito gli imprenditori di quelle nazioni confinanti con la Russia dove sono arrivati per primi perché lì non sono loro richiesti visti di ingresso. Per esempio, dalla piccola Armenia sono passati, secondo il governo locale, 372.086 cittadini russi. Alcune decine di migliaia si sono stabiliti lì. La Banca Europea ha rivisto — e raddoppiato — in conseguenza le sue stime sulla crescita del PIL locale. Secondo Martin Galstyan, il direttore della locale Banca Centrale, andrà anche meglio: egli ha aumentato le previsioni di crescita per il 2023 dal +1,6% a +13%, soprattutto grazie all’influsso di lavoratori dell’IT, che hanno già aperto oltre 2.700 nuove startup nel Paese.

Della grande occasione di fare incetta di esperti di informatica si comincia a parlare anche qui in occidente. Bitkom, associazione tedesca che raccoglie duemila imprese dell’IT in Germania, ha chiesto al governo federale un piano urgente e straordinario di rilascio di visti di ingresso e soggiorno. “Attraendo lavoratori qualificati dalla Russia e dalla Bielorussia indeboliremo notevolmente l’aggressore e, allo stesso tempo, la Germania si rafforzerà come piattaforma commerciale“, ha affermato il presidente di Bitkom, Achim Berg.

Già dal giugno scorso, aziende americane e israeliane di “cacciatori di teste” hanno cominciato a postare decine di annunci di ricerca personale su siti russi dedicati come HeadHunter, hh.ru.

Guerra russo-ucraina: cosa ci insegna il conflitto sul futuro del digitale

Come si assume un ingegnere extracomunitario

L’Italia, si sa, ha una burocrazia spesso asfissiante e da noi non sarà facilissimo assumere gli ingegneri russi in cerca di un nuovo lavoro. Ma non è certo impossibile. Il periodo migliore sono i primi mesi dell’anno, quando si azzerano i contatori previsti dal decreto flussi previsto dalla legge. Le imprese che hanno individuato (con colloqui a distanza) un lavoratore interessante devono redigere un contratto di assunzione e trovargli un alloggio. A questo punto il lavoratore può chiedere il visto di ingresso per motivi lavorativi alla ambasciata italiana del Paese dove si trova. Anche quando tutte le carte sono a posto, la concessione di un visto non è mai un atto dovuto ma è sempre soggetta al beneplacito del personale consolare: nella nostra esperienza è opportuno assicurarsi la collaborazione di un avvocato esperto in immigrazione, il quale grazie all’esperienza acquisita negli anni si confronterà con le Autorità consolari, informandosi sull’avanzamento della pratica, offrendo collaborazione al fine di farla istruire in tempi ristretti e facendo arrivare il soggetto in territorio italiano. Dopo l’atterraggio, resta soltanto la concessione del permesso di soggiorno, ma è una formalità che richiede solo che il lavoratore si rechi all’apposito ufficio della Questura competente e pazienti, restando comunque del tutto tutelato grazie a un cedolino che gli viene consegnato e che testimonia l’apertura della pratica. Nella nostra esperienza, i lavoratori russi sono non solo molto abili ma anche fedeli — anche perché perdere il lavoro anche per un brevissimo periodo li esporrebbe alla perdita del permesso di soggiorno.

Tutti i russi che lavorano nell’IT conoscono l’inglese, chi meglio chi peggio, e la preparazione fornita dalle loro università scientifiche e tecnologiche non ha niente da invidiare alle nostre.

I.s.kopytov – Opera propria CC BY-SA 4.0

Nella nostra esperienza imparano anche facilmente e in fretta l’italiano, anche se qualcuno conserva nel tempo il buffo accento tipico dei cattivi nei vecchi film di James Bond, e si mangia sistematicamente gli articoli prima dei sostantivi (perché nella lingua russa non esistono).

Dove trovare i candidati

I curriculum vitae dei russi in cerca di un nuovo lavoro all’estero si possono facilmente trovare sui siti dedicati. Sì può cominciare dal sito hh.ru già citato. Bisogna poi menzionare ХАБР (HABR) che ha una sezione dedicata alle carriere. Ma bisogna conoscere la loro lingua perché non c’è una versione in inglese.

Viceversa, un sito meno popoloso ma disponibile in inglese è Dev.to, anche questo con una sezione dedicata alle offerte e richieste di lavoro.

Altro sito molto ricco e da tenere d’occhio è Kwork, anche questo solo in russo.

Infine, per le aziende che fanno di Linux un caposaldo della infrastruttura informatica, dobbiamo citare il sito linux.org,ru, dove ci sono sempre decine di possibilità specifiche aperte nella pagina dedicata.

Qualcuno si chiederà come reagirà l’esecutivo di Putin, dove troveranno i professionisti per far funzionare le imprese nazionali? Per ora hanno fatto tre mosse. Primo, dichiarare che gli informatici professionisti non saranno coinvolti nelle mobilitazioni militari (ma siccome qualcuno è stato preso, questo argomento non sembra impressionare particolarmente chi ha già tolto le tende). Secondo, il responsabile del sistema carcerario Alexander Khabarov ha disposto che prigionieri con competenze IT possano telelavorare dalle loro celle per le aziende russe. Terzo, chiudono un occhio quando una impresa russa di primaria importanza offre il trasferimento all’estero ai propri dipendenti più abili purché continuino al lavorare per loro; pare che Turchia, Cipro e Bulgaria siano molto gettonate.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4