l’acquisizione record

Microsoft-Activision, è fatta: come cambierà il mondo del gaming



Indirizzo copiato

L’acquisizione di Activision da parte di Microsoft è un’operazione senza precedenti nel mondo del gaming. Le reazioni sono però contrastanti: alcuni accolgono con entusiasmo l’operazione, altri temono un monopolio. Ma quali scenari si aprono ora? Le possibili conseguenze e le probabili evoluzioni del deal

Pubblicato il 17 nov 2023

Filippo Benone

Privacy Legal IT Consultant, P4I



Activision.svg

L’acquisizione di Activision da parte di Microsoft si è conclusa, possiamo dirlo (quasi) con assoluta certezza. Nonostante il deal sia stato annunciato in pompa magna con tanto di video celebrativo, l’autorità regolatrice della concorrenza americana (FTC) pare abbia intenzione di continuare la sua battaglia contro l’accordo, motivo per cui il condizionale è d’obbligo.

Quello che è certo però è che lo scorso 13 ottobre è stata ufficialmente annunciata da parte di Microsoft la finalizzazione dell’accordo da 68,7 miliardi di dollari che ha permesso al colosso di Redmond di aggiungere alla folta schiera di studi facenti parte degli Xbox Game Studios anche Activision, Blizzard e King.

È interessante, tuttavia, riflettere su ciò che potrebbe accadere e quello che invece verosimilmente accadrà a seguito di quella che è stata la più grande operazione economica del mondo del gaming.

Cosa cambia in casa Microsoft

Finiti i caroselli e i festeggiamenti per la conclusione dell’iter di acquisizione a seguito del via libera incassato dalla CMA (l’ente regolatore della concorrenza e del mercato britannico, che è stato uno dei più feroci oppositori alla conclusione dell’acquisizione), è tempo di chiedersi cosa farà ora Microsoft con l’enorme potenza di fuoco – latu sensu ovviamente – che ha acquisito in termini di studi di sviluppo. Per poter ipotizzare una risposta a tale quesito bisogna osservare quanto è accaduto a seguito dell’altra “maxi” acquisizione conclusa da Microsoft, ossia quella di Zenimax. Nonostante il peso dei due deal sia notevolmente differente (circa 8 miliardi per Zenimax e circa 70 per Activision), abbiamo assistito ad un assaggio del modus operandi di Microsoft nei confronti degli studi acquisiti. Possiamo quindi evidenziare almeno tre punti, in base a quanto abbiamo osservato con Zenimax.

Focus sul Gamepass

Il primo riguarda inevitabilmente, il Gamepass. Subito dopo la conclusione dei passaggi necessari a rendere effettiva l’acquisizione (qualche mese, se tutto va come deve), Microsoft aveva aggiunto tutto il catalogo Zenimax all’interno del suo servizio di punta, ossia il Gamepass. Nessuno a Redmond ha infatti mai fatto mistero che il servizio di abbonamento, che punta a diventare – anzi sta diventando a tutti gli effetti – una sorta di Netflix del gaming sia il cavallo su cui il colosso americano ha scommesso, anzi ha fatto un vero e proprio all- in. Non solo le acquisizioni, ma tutte le mosse che Microsoft ha intrapreso in relazione al proprio settore gaming hanno avuto il solo ed unico scopo di migliorare il servizio e di incrementarne la portata in termini di utenti. Parlando di Activision però il discorso si complica, e non poco. Anzitutto, è bene ricordare che per ottenere il via libera al completamento dell’acquisizione, Microsoft ha stretto accordi di distribuzione decennali – in relazione ovviamente ai titoli ABK – praticamente con chiunque, Sony inclusa.

L’armistizio su Call of Duty

Proprio con la casa nipponica Microsoft ha siglato un accordo di distribuzione, che è stato più che altro un armistizio, relativamente al solo Call of Duty e avente durata decennale. Questo significa che, per almeno dieci anni CoD non potrà divenire esclusiva Microsoft ma uscirà anche su PlayStation.

Fin qui niente di strano, senonché c’è un dubbio che serpeggia tra gli appassionati e non solo: CoD uscirà al lancio anche su Gamepass? A questa domanda, per ora nessuno in casa Microsoft ha ancora dato risposta certa. Se da una parte è ovvio che il prossimo capitolo della saga FPS in uscita in questi giorni (Modern Warfare III) non potrà certamente essere inserito da subito sul servizio in abbonamento di Microsoft, dall’altra non è chiaro se questo varrà anche per i prossimi capitoli oppure no. Ovviamente nessuno conosce i termini dell’accordo siglato tra Microsoft e Sony, ma c’è chi pensa – a ragione – che una condizione di tale accordo potrebbe proprio essere quella di non fare uscire Call of Duty al lancio su Gamepass per non danneggiare eccessivamente le vendite sulle altre piattaforme, Playstation in primi, e per non condizionare eccessivamente il mercato a propendere per i prodotti ed i servizi di Microsoft, evitando così che qualche autorità si possa mettere di traverso parlando di comportamenti lesivi per la concorrenza. Qualora tale voce fosse confermata potrebbe essere verosimile pensare che Microsoft decida di inserire i prossimi capitoli dell’FPS magari dopo alcuni mesi dall’uscita e non immediatamente. Discorso diverso invece vale per tutti gli altri titoli facenti parte dell’immenso catalogo di Activision. In questo caso è infatti plausibile che, gradualmente, verranno tutti inseriti nel Pass così come già fatto trapelare dalle parole dei vertici di Xbox.

La gestione delle esclusive

Il secondo punto – dolente per alcuni – riguarda invece la gestione delle esclusive. Anche in questo caso, vale il discorso appena fatto, che ormai sembra essere diventato una sorta di mantra: CoD non sarà esclusiva Microsoft, almeno per i prossimi dieci anni. Tuttavia, Activision non è solo CoD, anzi. Basti pensare a tutti quei titoli facenti parte del catalogo dell’azienda che hanno letteralmente fatto la storia del mondo del gaming (e, in alcuni casi, la fortuna di Playstation), giusto per citarne alcuni: Crash, Spyro, World of Warcraft, Prototype e Guitar Hero solo per citare i più famosi. Che fine faranno questi titoli, ma soprattutto, usciranno ancora su Playstation? Stavolta la riposta potrebbe essere differente rispetto a quella posta in relazione al futuro di Call of Duty. Se infatti per Call of Duty sono stati predisposti accordi ad hoc, in relazione invece agli altri titoli Microsoft ha siglato accordi di distribuzione con diversi soggetti ma non con Sony, alla quale era stato inizialmente proposto l’intero catalogo ABK, rifiutato però dall’azienda giapponese. È plausibile pensare quindi che i prossimi lavori degli studi ABK – ad eccezione di CoD – non usciranno su Playstation, il che sarebbe abbastanza clamoroso in quanto molti di questi titoli, come già detto, hanno fatto la storia delle prime edizioni della console di casa Sony (Crash e Spyro su tutti).

La qualità dei titoli

Il terzo elemento da valutare e soprattutto monitorare sarà la qualità dei titoli che, da ora in poi, sfornerà Activision sotto la guida di Xbox. Dopo aver acquisito Zenimax, infatti, ci si sarebbe aspettato uno scenario assai differente da quello che è poi è realmente accaduto sia per quanto riguarda la quantità che, in particolar modo, per quanto riguarda la qualità dei titoli. Consideriamo infatti che, da quando l’acquisizione di Zenimax è stata completata è uscito un solo titolo tripla A degno di nota: Starfield. Certo, sono stati prodotti anche altri giochi, buoni (come Ghostwire Tokyo e Deathloop, entrambi multipiattaforma) e decisamente meno buoni (Redfall), ma comunque si parla di titoli che erano già in lavorazione prima che l’acquisizione fosse annunciata (2020) e, in ogni caso, è sempre troppo poco – in tutti i sensi – rispetto alle aspettative. Non si è mai vista la mano, e soprattutto il portafogli di Microsoft in questi prodotti: Ghostwire Tokyo e Deathloop sono certamente dei titoli validi, ma si tratta sempre di titoli a doppia A, Redfall è stato un disastro su tutti i fronti e Starfield, seppur ottimo titolo che avrebbe dovuto essere la c.d. “Killer app” di quest’anno ha, in parte, disatteso le aspettative, così come emerge anche dei giudizi contrastanti ottenuti dalla critica di settore. Nel frattempo, non si hanno più notizie di Awoved, prossimo titolo Arkane annunciato nel 2022 con un trailer cinematografico e successivamente ripreso la scorsa estate con uno spezzone di gameplay che, per usare un eufemismo, ha disatteso le aspettative. Dovrebbe uscire nel 2024, non si sa quando. Non solo, guardando al complesso degli studi facenti parte degli Xbox Game Studios emerge come, in riferimento ai titoli AAA, non si sa più nulla di “The Outer worlds 2” (Obsidian) che è stato annunciato quasi tre anni fa e da allora non se ne ha più notizia così come di Fable III (Lionhead), anch’esso sparito dai radar. Ma soprattutto, non si sa che fine abbia fatto un certo “The Elder Scrolls VI”, forse il titolo più atteso insieme a GTA VI da tutta la comunità videoludica internazionale, annunciato la bellezza di cinque – quasi sei – anni fa e che ad oggi consiste in una immagine di copertina con su il titolo. Stop.

È chiaro quindi, date le premesse che, se da un lato una parte della community esulta per l’acquisizione, dall’altra ci si domanda cosa farà ora Microsoft, forte di una pletora di studi di produzione di primissimo livello. Saprà come valorizzarli al meglio? Darà, grazie al suo enorme budget, nuova vita a titoli che sono caduti nel dimenticatoio? Ai posteri l’ardua sentenza.

Sony deve reagire?

A seguito dell’annuncio da parte di Microsoft della buona riuscita dell’affare con Activision, in molti si sono chiesti se Sony avrebbe reagito a questa acquisizione con un’altra acquisizione. C’è chi addirittura ha interpretato l’uscita di Marvel’s Spiderman 2, che sta avendo un meritato successo, come una sorta di risposta al colpo messo a segno da Microsoft con Activision (?).  La domanda che invece in pochi si sono posti è un’altra: perché, ma soprattutto a che cosa Sony dovrebbe reagire? La risposta è ovvia, Sony non ha bisogno di reagire a nulla.

Numeri alla mano, Playstation è il brand videoludico più potente al mondo, detiene la maggioranza dei record di vendite di console nella storia e anche con una PS5 non entusiasmante sotto molteplici aspetti ha comunque staccato enormemente Microsoft nella vendita delle console, non dimenticando che Microsoft ha deciso di puntare su una line-up composta da due diverse console per questa generazione (Xbox series X ed S) mentre Sony ha in commercio la sola PS5. Non solo, le esclusive Sony sono un successo dopo l’altro, da God of War: Ragnarok uscito lo scorso novembre a Marvel’s Spiderman 2 uscito ora. Con la sicurezza di avere CoD ancora per dieci anni e la possibilità, nel frattempo, di creare da zero oppure revitalizzare qualche progetto abbandonato (Killzone?) dando vita ad un FPS homemade in esclusiva PS5, Sony è in una botte di ferro.

A ciò si aggiunge il fatto che acquisizioni del calibro di quella di Activision sarebbero impensabili da realizzare, in termini economici, per la casa nipponica oltre che in contrasto con quanto ci ha fatto vedere Sony da due decenni a questa parte in cui il leitmotiv è sempre stato quello di acquisire piccoli e promettenti studi di sviluppo per poi farli crescere grazie alle competenze – e alla liquidità – dei Playstation Studios.

Sony, in conclusione può, per ora, dormire sonni più che tranquilli stando tuttavia attenta a non crogiolarsi troppo sulle sue, seppur eccellenti, esclusive e dando per scontato che la propria fanbase non cambierà mai casacca. È senz’altro vero che il brand Playstation porta con sé una fidelizzazione pressoché smisurata in termini di utenti ma è altrettanto vero che il Gamepass sta diventando sempre più allettante per i giocatori, non dimenticando che il servizio offerto da Microsoft è usufruibile anche da PC, da smart TV, da tablet e da quasi tutti i dispositivi mobili, oltre che da Xbox ovviamente.

Insomma, se proprio si vuole fare un appunto a Sony è proprio sui servizi. Al momento, al netto anche degli aumenti di prezzi che sono già stati annunciati, il PS Plus (Premium) non regge minimamente il confronto con il Gamepass di Microsoft, sia in termini di qualità che di quantità di titoli per non parlare del fatto che all’interno del Gamepass vengono inseriti i titoli di punta degli Xbox Game Studios al lancio mentre nel Plus no. Ciò significa che un utente Microsoft pagando solamente il costo dell’abbonamento (14,99 euro al mese) potrà avere accesso, oltre che a tutta la libreria dei titoli più datati, anche ai giochi appena usciti che al prezzo di mercato costerebbero, in Italia, circa 80 euro l’uno. Un utente in possesso della sola console di casa Sony invece, oltre a pagare un prezzo pressoché identico a quello del Gamepass per il PS Plus Premium, dovrà anche acquistare singolarmente i giochi c.d. first-party prodotti da Sony. Una differenza abissale che Sony sarà, prima o poi, costretta a levigare.

Conclusioni

L’acquisizione di Activision ha, da subito, diviso in due il mondo videoludico. C’è chi ne ha gioito, chi è rimasto deluso e teme di perdere i suoi titoli preferiti e chi addirittura grida al pericolo di monopolio sul mercato da parte di Microsoft. Su una cosa però sono tutti d’accordo: una console non basta più. Se fino alla scorsa generazione era sufficiente possedere una Playstation per poter avere accesso alla stragrande maggioranza dei titoli presenti sul mercato, eccezion fatta per le esclusive Nintendo e per le (allora poche) esclusive Xbox, oggi la situazione è mutata in modo radicale.

Per poter avere accesso ai titoli che fino a qualche anno fa erano giocabili su una sola console oggi ne occorrono, come minimo, due senza contare i già citati prodotti Nintendo, con conseguente spesa raddoppiata e doppio abbonamento mensile. Non un dettaglio da poco.

C’è quindi da chiedersi se acquisizioni di questo tipo rappresentino effettivamente il bene di un mercato che, divenendo più competitivo, dovrebbe spingere le aziende a produrre prodotti di livello sempre più alto – almeno si spera- per accaparrarsi una maggiore fetta di utenza , oppure se, come si suol dire “si stava meglio quando si stava peggio”.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4