antitrust

Microsoft/Activision, un caso che farà scuola: l’acquisizione al vaglio di sedici Governi

L’acquisizione di Activision da parte di Microsoft è al centro di un complicato stallo giuridico, dovendo attraversare, per poter essere concretamente ultimata, il vaglio di ben 16 autorità. Sullo sfondo, la rivalità con Sony, che non sembra destinata a spegnersi

23 Nov 2022
Marina Rita Carbone

Consulente privacy

microsoft3

Negli ultimi mesi, si è discusso molto della proposta avanzata da Microsoft di acquisire il gruppo Activision, (che ricomprende Activision, Blizzard e King) cui spettano i diritti di titoli e franchise di elevato valore nel mondo del gaming, come Call of Duty, Diablo o Candy Crush. L’acquisizione consentirebbe a Microsoft di rafforzare la sua posizione nel settore, e di ottenere maggior ricavi dalle attività connesse al gaming.

Microsoft's $69 billion Activision deal faces probe

Microsoft-Activision: le accuse di Sony

La notizia dell’acquisizione ha comportato non poche tensioni con la principale competitor Sony, che avrebbe manifestato i propri timori innanzi alle autorità antitrust, affermando che l’intenzione di Microsoft sarebbe quella di danneggiare il mercato sfruttando la redditività del franchise di Call of Duty, i cui titoli attualmente non sono esclusiva ma sono presenti sulle diverse piattaforme, sia console che pc. A fronte delle contestazioni sollevate da Sony, Microsoft avrebbe accusato la competitor di voler fuorviare le autorità, lamentando condizioni che non corrisponderebbero con gli accordi effettivamente raggiunti e con le intenzioni del colosso americano.

EVENTO DIGITALE
Efficienza energetica: le soluzioni offerte dal digitale per ridurre i consumi. Scopri come fare!
Blockchain
Istruzione

L’acquisizione, inoltre, si trova oggi al centro di un complicato stallo giuridico, dovendo attraversare, per poter essere concretamente ultimata, il vaglio di ben 16 autorità. Delle autorità coinvolte, sinora solo Arabia Saudita e Brasile hanno approvato l’accordo; per tale ragione, stando a quanto riportato dal New York Times, Microsoft starebbe spingendo per vedere l’accordo autorizzato anche nelle sedi rimanenti, al fine di accelerare il processo di acquisizione del gruppo e poter procedere alla sua ultimazione entro le tempistiche originariamente previste.

Si tratta della prima acquisizione di tale rilevanza che vede coinvolte un numero così rilevante di autorità governative, e che rappresenterà un caso di studio nel futuro, anche per meglio comprendere quale possa essere il futuro delle acquisizioni nel mercato del tech. Sinora, ad ogni modo, Microsoft si è dimostrata pienamente disponibile ad acconsentire alle richieste delle autorità, provvedendo anche a illustrare i propri servizi alle autorità, al fine di fugare le preoccupazioni sollevate da quest’ultime.

Il report del New York Times

Secondo quanto riportato dal New York Times, nel corso delle ultime settimane Microsoft avrebbe accusato Sony, sua principale competitor nel mercato dei videogiochi, di voler fuorviare le autorità regolatrici, a seguito dell’avvenuta proposizione, da parte di quest’ultima, di un accordo che consentirebbe agli utenti di poter giocare i principali titoli del gruppo Activision sulle console Playstation per altri 10 anni[1].

Al fine di rassicurare le autorità Microsoft, per il tramite dei propri legali, avrebbe mostrato ai funzionari britannici le console di gioco, inclusa la Xbox, al fine di ottenere l’approvazione degli stessi.

L’obiettivo di Microsoft, afferma il New York Times, “è semplice: convincere i governi scettici di tutto il mondo ad approvare l’acquisizione del blockbuster. Sedici governi devono benedire l’acquisto, mettendo Microsoft sotto la maggiore pressione normativa che abbia mai dovuti affrontare dalle battaglie antitrust del 1990. E in tre luoghi chiave – Stati Uniti, Unione Europea e Gran Bretagna – i regolatori hanno iniziato revisioni approfondite, con la Commissione europea che ha dichiarato questo mese che stava aprendo un’indagine approfondita sull’accordo”.

Al pari di Microsoft, anche altre grandi aziende del settore, come Google e Meta, hanno affrontato negli ultimi anni una serie di ostacoli nei processi di acquisizione di società terze, sebbene spesso mirate ad impedire l’acquisizione di aziende più piccole, al fine di impedire che queste ultime fossero tagliate fuori dal mercato prima di diventare abbastanza grandi da poter costituire un “pericolo” per le Big Tech (un caso, dunque, differente da quello che attualmente vede coinvolta Microsoft).

Gaming nel Metaverso, cosa aspettarsi? Le condizioni perché sia “una bella storia”

A luglio, in particolare, la FTC ha citato in giudizio Meta, la società madre di Facebook, per impedirle di acquistare Within, una start-up di realtà virtuale. Lo scorso mese, inoltre, la Gran Bretagna ha costretto sempre Meta a vendere Giphy, un database di immagini acquistato dalla società nel 2020 per $ 315 milioni.

Oggi, con riferimento al caso Microsoft/Activision, al centro delle preoccupazioni delle autorità c’è la possibile violazione delle leggi antitrust, e l’eventualità che l’accordo conceda a Microsoft “un potere smisurato nel settore dei videogiochi”. Temono, afferma il New York Times, “che Microsoft possa allontanare i giochi di Activision da concorrenti come Sony o usarli per ottenere un vantaggio ingiusto man mano che più giochi vengono trasmessi online”.

D’altro canto, si legge nel report, “Se Microsoft riuscirà a ottenere l’approvazione normativa per acquistare Activision, che produce giochi come Candy Crush e Call of Duty, invierà un messaggio sulla capacità di Big Tech di espandersi di fronte ai crescenti timori che i giganti del settore esercitino troppo potere. Se Microsoft, la cui operazione di affari pubblici ha trascorso l’ultimo decennio a costruire la reputazione di bravo ragazzo dell’azienda, non riesce a far passare un mega accordo, può chiunque?”

Le indagini delle autorità

Come indicato dal New York Times, l’annuncio dell’acquisizione ha comportato l’avvio, da parte di molte delle principali autorità coinvolte, di una serie di indagini volte a verificare la conformità dell’accordo con le normative antitrust.

La Commissione Europea, in particolare, ha comunicato di voler meglio valutare gli effetti dell’acquisizione sul mercato, rimandando la propria decisione al prossimo anno, a fronte di una serie di “dubbi in merito alla possibilità che l’acquisizione possa ridurre la competizione nel mercato relativo alla distribuzione di videogiochi su PC e console”. In particolare, ha affermato la Commissione, “la Commissione è preoccupata sul fatto che, acquisendo Activision Blizzard, Microsoft possa limitare l’accesso ai suoi videogiochi su PC e console, soprattutto le produzioni di alto profilo e di elevato successo commerciale come Call of Duty. […] Dalle indagini preliminari emerge che Microsoft possa avere la capacità, oltre ad un potenziale incentivo economico, di sfidare con le esclusive i propri rivali, escludendoli dalla distribuzione dei giochi Activision Blizzard o limitando le loro condizioni d’uso”.

Allo stesso modo, con riferimento al servizio Game Pass, l’autorità affermava che “Strategie limitative simili potrebbero ridurre la competizione tramite prezzi più alti, qualità inferiore e minori novità sulla distribuzione dei giochi che potrebbe andare a pesare sugli utenti finali”, spiegando inoltre che “il dubbio è che Microsoft possa ridurre le capacità dei suoi concorrenti produttori di sistemi operativi di PC di competere con Windows, collegando al sistema il catalogo dei giochi Activision Blizzard oltre alla distribuzione via cloud. Ciò potrebbe andare a colpire l’acquisto di PC non Windows”.

Trattasi di un timore condiviso dalle autorità, preoccupate di quali saranno gli effetti dell’accordo quando il cloud computing consentirà alle persone di trasmettere giochi maggiormente sofisticati su dispositivi di varia natura, compresi i telefoni cellulari.

Il New York Times riporta, infatti, che a settembre “il regolatore britannico ha espresso la preoccupazione che la combinazione della libreria di giochi di Activision con l’abilità di cloud computing di Microsoft avrebbe dato a Microsoft “un vantaggio senza precedenti” rispetto ai concorrenti di streaming di giochi”. Tuttavia, a detta contestazione Microsoft avrebbe opposto di non avere “alcun vantaggio” perché il suo streaming non era supportato dalla sua tecnologia cloud Azure: più nello specifico, ci sarebbe la condivisione dei soli dta center, ma non dell’hardware.

Negli Stati Uniti, ancora, il New Yotk Times afferma che “più di dieci membri dello staff della FTC stanno esaminando l’accordo […]. Hanno intervistato dirigenti, tra cui Nadella e Smith, alla fine dell’estate e in autunno. E in un segno che la FTC potrebbe costruire una sfida legale all’accordo, due persone hanno detto di aver recentemente chiesto ad altre società di offrire dichiarazioni giurate per esporre le loro preoccupazioni”.

Anche l’antitrust cinese, China’s State Administration for Market Regulation (SAMR), avrebbe deciso di indagare più a fondo sull’acquisizione, rifiutando di seguire la procedura semplificata, della durata di soli 40 giorni, e annunciando di voler seguire l’iter tradizionale, ben più lungo.

L’accordo di Microsoft per Activision dimostrerà se i giganti della tecnologia possono navigare nel nuovo ambiente, ha dichiarato William E. Kovacic, ex presidente della FTC. “È un test fondamentale”, ha detto.

Bobby Kotick, amministratore delegato di Activision, ha dichiarato in un’intervista di avere un “alto grado di fiducia che i regolatori saranno attenti a valutare l’industria”. Ha aggiunto: “Non ho motivo di credere che alla fine non avremo successo nella transazione”.

La posizione di Microsoft

Nel corso di un’intervista, Brad Smith, presidente di Microsoft, ha commentato la situazione affermando che “Se questo accordo fosse avvenuto quattro anni fa, questo non sarebbe di alcun interesse […] Se uno non può fare qualcosa di facile, allora sapremo tutti che non puoi fare qualcosa di difficile.” Nel 2016, infatti, l’acquisizione di LinkedIn da parte di Microsoft ha richiesto soltanto 6 autorizzazioni governative, per un compenso di 26 miliardi di dollari: un procedimento ben più semplice rispetto a quello oggi affrontato per l’acquisizione di Activision.

L’accordo con Activision è “sostanzialmente più dispendioso in termini di risorse”, ha detto Smith. Ottenere l’approvazione per l’acquisizione, si legge nel report del New York Times, “è fondamentale per Microsoft. Il gioco è diventato il suo business consumer più importante, superando i $ 15 miliardi di vendite annuali in gran parte sotto il marchio Xbox. Il compenso per Satya Nadella, amministratore delegato di Microsoft, è in parte legato alla crescita di Game Pass, il servizio di abbonamento simile a Netflix per i giochi. E Microsoft ha accettato di pagare ad Activision fino a $ 3 miliardi se l’accordo fosse fallito”.

Durante un incontro con i giornalisti, quest’ultima ha affermato che l’acquisizione andrebbe a beneficio dei giocatori fornendo “più scelta in modo che possano giocare a qualsiasi gioco su qualsiasi piattaforma”

Sempre Smith ha affermato che Microsoft è aperta ad accettare formalmente di porre limiti alle sue pratiche commerciali, pur di poter ottenere le autorizzazioni dell’antitrust e concludere l’accordo.

Occorre evidenziare, inoltre, come la stessa Activision avrebbe l’interesse a vedere concluso l’accordo: il gruppo, infatti, è stato recentemente al centro di una serie di scandali interni legati ai dipendenti che ne hanno leso la posizione sul mercato, e che potrebbero trovare rimedio nel prossimo futuro grazie all’acquisizione da parte di Microsoft. Anche detto punto è posto al vaglio delle autorità, che vogliono meglio comprendere quali potrebbero essere gli effetti dell’accordo sui dipendenti, posto che la Communications Workers of America (CWA), sindacato di categoria che rappresenta i lavoratori del tech e delle telecomunicazioni, avrebbe pubblicamente messo in discussione lo stesso a seguito della sua presentazione.

Nel giugno, tuttavia, Microsoft avrebbe poi raggiunto un accordo di neutralità con la CWA, raggiungendo così il sostegno anche del sindacato. Il mese scorso, riporta il New York Times, “Shelton [presidente del sindacato] ha incontrato la signora Khan [Lina Khan, presidente della Federal Trade Commission] e ha elogiato l’impegno di Microsoft a rimanere neutrale nelle campagne sindacali e ha detto che l’accordo dovrebbe essere approvato”.

Conclusioni

Impossibile sembrerebbe il raggiungimento di un accordo con la concorrente Sony: “La prima chiamata che io e Satya abbiamo fatto dopo l’annuncio dell’accordo è stata al CEO di Sony per dire: Ehi, manterremo Call of Duty sulla vostra piattaforma”, ha detto Phil Spencer, capo dei giochi di Microsoft, e come si legge nel report del NYT, l’11 novembre il colosso avrebbe offerto a Sony un accordo di 10 anni per mantenere Call of Duty su PlayStation. Tuttavia, “Sony non si è placata”, si scrive, “Nei documenti depositati in Brasile, la società ha sostenuto che Call of Duty era un franchise di giochi così potente che Microsoft poteva usarlo per danneggiare i rivali. Ha assunto una società di consulenza per organizzare riunioni a Capitol Hill, hanno detto due persone che hanno familiarità con la questione. E le sue argomentazioni sono state ripetutamente citate in una decisione del regolatore britannico a settembre di perseguire un’indagine più approfondita”.

Microsoft ha inoltre accusato Sony di aver fuorviato le autorità, dicendo che “ha sopravvalutato l’importanza di Call of Duty per la sua redditività”. Spencer avrebbe inoltre affermato al NYT che “mantenere e far crescere l’attività esistente di Call of Duty è piuttosto centrale per l’economia dell’accordo”. In una dichiarazione, Jim Ryan, amministratore delegato di Sony Interactive Entertainment, ha affermato che “non è vero” che la sua azienda abbia ingannato i regolator, e che Microsoft era “un gigante tecnologico con una lunga storia di industrie dominanti” e che “è molto probabile che le scelte che i giocatori hanno oggi scompariranno se questo accordo andrà avanti”.

Si tratta, tuttavia, di valutazioni assolutamente parziali, tenuto conto anche dell’interesse diretto che Sony ha nel caso in esame.

  1. https://www.nytimes.com/2022/11/21/technology/microsoft-activision-deal.html

WHITEPAPER
Perchè dovresti sfruttare il CRM per un marketing basato sull'esperienza
CRM
Marketing
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4