normativa ue

Responsabilità da prodotto difettoso: le novità della Product Liability Directive



Indirizzo copiato

Verso un aggiornamento della Direttiva risalente al 1985 , che comprenda anche disposizioni specifiche sui prodotti digitali e sull’IA. Le novità più rilevanti

Pubblicato il 16 mag 2023

Marco Martorana

avvocato, studio legale Martorana, Presidente Assodata, DPO Certificato UNI 11697:2017

Roberta Savella

Docente in materia di diritto delle nuove tecnologie e responsabile per la formazione presso Istituto di Formazione Giuridica SRLS Unipersonale



Car,Factory,Office:,Manager,Talks,With,Senior,Engineer,,Use,Tablet

L’aumento della complessità dei prodotti, anche a causa dei nuovi strumenti digitali, sta portando le istituzioni europee allo studio di norme che siano adeguate al momento storico in cui ci troviamo.

In particolare, per quanto riguarda l’aspetto della responsabilità da prodotto difettoso, la normativa rilevante risale al 1985, quando è stata adottata la Direttiva 85/374/CEE. Il 28 settembre 2022 la Commissione europea ha quindi presentato una proposta per “rinfrescare” le regole in questo settore: la nuova Product Liability Directive, o “PLD”.

Vediamo le novità più rilevanti.

L’interazione con le altre proposte normative

Il nuovo testo normativo è volto a sostituire la storica Direttiva del 1985 che prevedeva il regime di responsabilità oggettiva per i produttori di prodotti difettosi. Sempre lo scorso 28 settembre la Commissione ha proposto anche una Direttiva sulla responsabilità dei danni causati dall’IA (AI Liability Directive).

I due documenti, tuttavia, hanno ambiti di applicazione ben distinti: nel primo si disciplina la responsabilità oggettiva di alcuni soggetti in caso di difetto del prodotto, mentre il secondo armonizza degli aspetti procedurali per le richieste di risarcimento ai sensi di normative nazionali che fondano la responsabilità sulla base della violazione colposa di obblighi e requisiti previsti dal futuro AI Act.

Altri importanti elementi di distinzione tra nuova PLD e la AI Liability Directive riguardano:

  • la tipologia di danno risarcibile: mentre la prima, come vedremo meglio sotto, copre solo i danni materiali, la seconda riguarda anche l’uso improprio dell’IA, compresi i casi in cui gli utenti non seguono le istruzioni fornite dai produttori e quelli in cui il danno si concretizza nella violazione di diritti fondamentali.
  • Le tecnologie per le quali è possibile avere accesso a informazioni durante i procedimenti: mentre l’AI Liability Directive consente ai reclamanti di accedere (previa autorizzazione giudiziale) alla documentazione tecnica che i produttori sono obbligati a tenere per i sistemi ad alto rischio, la nuova PLD prevede che il giudice possa richiedere la produzione di qualsiasi informazione su ogni tipo di prodotto, comprese tutte le tipologie di sistemi di IA (non solo quelli ad alto rischio).

L’ampiamento della definizione di prodotto

Una delle novità più rilevanti della proposta di PLD attualmente in esame è l’ampiamento della definizione di prodotto per ricomprendere:

  • I software (con i relativi aggiornamenti), che siano o meno integrati in dispositivi, compresi i sistemi di Intelligenza Artificiale;
  • I file per la manifattura digitale che consentono il controllo automatizzato di macchinari o strumenti tecnologici come, ad esempio, le stampanti 3D;
  • I servizi digitali, quando sono necessari perché dei prodotti funzionino come componenti di altri prodotti con cui sono interconnessi o integrati (come, ad esempio, i servizi di navigazione nei veicoli autonomi).

Negli ultimi anni, infatti, è stato oggetto di dibattito tra gli esperti se il software potesse rientrare nel concetto di prodotto così come definito nella vecchia Direttiva del 1985 e, quindi, soggetto alla relativa tutela. Con la nuova PLD la questione verrebbe risolta a livello normativo. Tuttavia, farebbero eccezione i software gratuiti e open-source sviluppati o distribuiti al di fuori di una attività commerciale e il codice sorgente del software stesso.

I soggetti responsabili per il prodotto difettoso

Vi è poi una estensione anche della categoria dei soggetti che potrebbero rispondere per il danno derivante dal prodotto difettoso. Nell’articolo 7 della proposta di nuova PLD viene introdotto un approccio multilivello: il produttore è responsabile per i danni causati da un difetto del proprio prodotto o di una componente che ha sviluppato, ma viene ulteriormente previsto che qualsiasi operatore economico che abbia modificato il prodotto stesso in modo sostanziale e al di fuori del controllo del produttore “originario” è considerato a sua volta “produttore” e, quindi, responsabile per eventuali difetti che emergano. Se il produttore ha sede al di fuori dell’Unione Europea, la responsabilità ricade sull’importatore e sul rappresentante autorizzato nell’UE; ma se anche questi ultimi soggetti sono stabiliti al di fuori nell’Unione, la responsabilità viene attribuita al soggetto che ha offerto almeno due dei seguenti servizi: stoccaggio, imballaggio, spedizione e consegna del prodotto.

Il concetto di “modifica sostanziale

Per quanto riguarda il concetto di “modifica sostanziale” di un prodotto che è stato immesso sul mercato, nell’ultima proposta di testo che è stata fatta circolare dalle istituzioni europee viene chiarito che, nel caso in cui questa locuzione non venga meglio definita da ulteriori leggi dell’UE o nazionali, devono essere presi in considerazione, come fattori per determinare se vi sono state modifiche di questo tipo, i cambiamenti non previsti dal produttore iniziale e relativi al funzionamento originario del prodotto, al suo scopo o alla sua tipologia, specialmente se tali trasformazioni portano a nuovi pericoli o aumentano il livello di rischio. Possono costituire modifiche sostanziali anche aggiornamenti di software o upgrade dovuti a processi di machine learning di un modello di IA alla base del prodotto.

Vi è poi una esclusione di responsabilità del produttore per i casi in cui il difetto che ha causato il danno non poteva essere conosciuto a causa dello stato oggettivo delle conoscenze tecniche e scientifiche del momento in cui il prodotto è stato immesso sul mercato.

L’estinzione del diritto al risarcimento

Il diritto a chiedere il risarcimento del danno da prodotto difettoso si estingue dopo 10 anni dall’immissione sul mercato del prodotto stesso. Questo termine ricomincia a decorrere da 0 nei casi di modifica sostanziale; tuttavia, limitati aggiornamenti dei software non producono questo effetto.

Nel caso in cui i sintomi del danno alla salute causato dal prodotto difettoso siano lenti a emergere, il termine viene esteso a 20 anni (nella proposta iniziale erano 15, ma questo elemento è stato modificato nell’ultima bozza di testo).

I danni risarcibili

Il regime attualmente previsto dalla Direttiva del 1985 prevede la responsabilità del produttore per i prodotti difettosi che causano morte, lesioni personali e danni a cose usate per finalità non professionali. Nella nuova proposta, il concetto di danno risarcibile viene esteso anche ai danni alla salute psicologica e alla perdita o danneggiamento di dati che non sono utilizzati esclusivamente per finalità professionali. Quest’ultima previsione è un chiaro indice delle nuove questioni poste dall’emersione delle economie digitali, nelle quali i dati hanno assunto un ruolo fondamentale.

Non sono risarcibili, invece, tipologie di danno come quello da discriminazione, violazione della privacy o lucro cessante. Tuttavia, l’ultima versione della bozza specifica che queste disposizioni non precludono la possibilità di chiedere il risarcimento di danni non materiali sulla base di altri presupposti normativi.

Le presunzioni per tutelare i consumatori

La proposta di nuova PLD prevede alcuni meccanismi procedurali per favorire la tutela dei consumatori anche in settori, come quello dei prodotti che incorporano IA, caratterizzati da un alto grado di opacità (il c.d. fenomeno “black-box”). Per questo sono state inserite alcune presunzioni.

Non è necessario per il danneggiato provare la difettosità del prodotto quando:

  • Il produttore viola obblighi riguardanti la fornitura di informazioni;
  • Il prodotto non rispetta dei requisiti obbligatori di sicurezza;
  • Il danno è causato da un evidente malfunzionamento del prodotto.

Viene invece presunto il nesso di causalità tra difetto e danno quando:

  • La tipologia di danno è coerente con il difetto in questione;
  • Vi sono delle difficoltà derivanti dalla complessità tecnica o scientifica del prodotto (è il caso dei sistemi di IA che funzionano con meccanismi di “black-box”).

Conclusioni

L’ultima versione del testo della proposta di nuova PLD è stata fatta circolare dalla presidenza svedese del Consiglio dell’Unione Europea lo scorso aprile, ma siamo ancora in una fase piuttosto embrionale per cui è probabile che vi saranno ulteriori modifiche, visto oltretutto il fatto che questa normativa riguarderebbe anche elementi in continua e rapida evoluzione come l’Intelligenza Artificiale.

Certo è che, per quanto i principi generali della Direttiva del 1985 siano ancora pienamente applicabili e funzionali a garantire, nella maggior parte dei casi, una adeguata tutela dei consumatori, alla luce dell’importante sviluppo tecnologico a cui stiamo assistendo negli ultimi mesi sembra ormai fondamentale avere, il prima possibile, un aggiornamento della normativa che comprenda anche disposizioni specifiche sui prodotti digitali e sull’IA.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3