l’analisi

Tutela del diritto d’autore nell’ AI Act: le (molte) questioni irrisolte



Indirizzo copiato

In assenza di chiarimenti nell’AI Act, sarà inevitabile che molte risposte pratiche siano affidate alle legislazioni e giurisprudenze nazionali, generando un’indesiderabile frammentarietà che è inadeguata a gestire tecnologie globali. I (molti) problemi e le possibili soluzioni

Pubblicato il 27 lug 2023

Andrea Appella

Visiting Professor at King’s College; ICPC-Innovation, Regulation and Competition Policy Centre



Ai,,Artificial,Intelligence,,Iot,Internet,Of,Things,,Metaverse,,Machine,Learning,

Le intelligenze artificiali generative vengono istruite attraverso l’uso di dati, immagini e contenuti estrapolati da Internet senza che si conoscano né il come né il quanto. Negli ultimi mesi le industrie creative hanno attirato l’attenzione di legislatori, istituzioni, policy makers e giudici sulla potenziale violazione del diritto d’autore, sollecitando la definizione di linee guida e/o l’adozione di norme specifiche.

L’Unione Europea è la prima a proporre una regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale che consideri anche gli aspetti del diritto d’autore, ma da una prima analisi emergono lacune e problematiche che non sono state né affrontate né risolte.

La proposta dell’articolo 28b (4c.) dell’AI Act dell’Unione Europea

Con l’adozione da parte del Parlamento Europeo della posizione comune sull’AI Act, si intravedono i primi approcci legislativi per chiarire gli ambiti di rispetto del diritto d’autore da parte dei modelli di intelligenza artificiale generative, che non erano stati affrontati nelle precedenti proposte dell’AI Act. La classificazione tra i sistemi ad alto rischio fa sorgere rigorosi obblighi di trasparenza. In particolare, l’articolo 28b (4c.) dell’AI Act prevede che i fornitori di modelli generativi di Intelligenza Artificiale debbano “documentare e rendere disponibile al pubblico una sintesi dell’uso dei dati di addestramento protetti dalla legge sul diritto d’autore”. Inoltre, i fornitori devono garantire che i sistemi di IA destinati a interagire con le persone fisiche siano progettati e sviluppati in modo tale che le persone fisiche siano informate del fatto di stare interagendo con un sistema di IA e dare salvaguardie per evitare la generazione di contenuti illegali.

Problemi pratici di applicazione

Nonostante le buone intenzioni del Parlamento Europeo, questi obblighi non sembrano sufficienti ad introdurre un efficace strumento di protezione della propieta’ intellettuale. I sistemi di intelligenza artificiale generativa vengono spesso addestrati estraendo una quantità molto elevata di dati/opere da Internet. Inoltre, la concessione in licenza dei diritti al di fuori di sistemi di intelligenza artificiale presenta già una complessità intrinseca a causa del numero di diritti d’autore e di titolari coinvolti. Pertanto, può essere tecnicamente molto difficile o impossibile identificare chiaramente le opere utilizzate o il modo in cui i dati vengono utilizzati per output specifici.

Si presume che l’obbligo di trasparenza si traduca in un obbligo di clearance preventivo, ma non è specificato cosa debba essere incluso nei riepiloghi dei dati protetti da diritto d’autore, il livello di specificità e granularità, sollevando potenziali problemi sull’ ambito di applicazione territoriale, esaustività e completezza delle fonti. Come minimo, i titolari di diritti d’autore avrebbero bisogno di un elenco dettagliato ed analitico del materiale protetto incluso nei set di dati di formazione con una chiara identificazione della proprietà dei diritti, ma esistono già problemi relativi alla completezza e alla qualità dei dati nei regimi esistenti applicabili alla musica e opere audiovisive (ad esempio, vi sono numerosi titolari di quote diverse di una stessa opera musicale, che può avere uno o più compositori, uno o più autori, uno o più arrangiatori, qualificabili o meno come autori, e uno o più editori).

Dal punto di vista pratico è già complesso identificare i titolari di diritti (non esiste un database universale nel campo della musica o delle opere audiovisive, ad esempio) per cui l’adempimento di tale obbligo sembra essere estremante difficile, se non impossibile. Le informazioni sugli autori, i proprietari o persino i titoli dei materiali protetti da diritto d’autore utilizzati come dati di addestramento nei sistemi di intelligenza artificiale semplicemente non esistono per la maggioranza delle opere protette. Il diritto d’autore e la sua titolarità sono territorialmente frammentati; non vi è obbligo di registrazione delle opere; e, in generale, i metadati di proprietà dei diritti non sono esaustivi. Si può immaginare che tale compito sia più semplice per immagini, opere letterarie e giornalistiche rispetto all’elaborazione di opere d’arte o audiovisive.

Una questione centrale da definire caso per caso riguarda la qualificazione dell’output dell’intelligenza artificiale generativa come un’opera derivate o trasformativa. Si può immaginare che tale compito sia più semplice per immagini, opere letterarie e giornalistiche rispetto all’elaborazione di opere d’arte o audiovisive.

L’assenza di una espressa previsione applicativa del “text and data mining exemption” della Direttiva Copyright nell’addestramento dei sistemi di IA sembra escludere che si possa fare affidamento su questa eccezione per limitare i rischi di contenzioso per violazione del diritto d’autore.
Il progetto di legge sull’IA non tratta espressamente le eccezioni relative all’estrazione di dati e di testo e la possibilità dei titolari di “opt out” (non partecipare). Il regolamento lascia espressamente impregiudicata la direttiva 2019/790 sul diritto d’autore per il mercato unico digitale dell’UE e in base all’articolo 28 ter, paragrafo 4, lettera c) è espressamente “fatta salva la legislazione nazionale o dell’Unione in materia di diritto d’autore”. Poiché l’articolo 28 ter, paragrafo 4, lettera c), si riferisce ai dati di formazione “protetti dalla legge sul diritto d’autore”, sembrerebbe richiedere dettagli sulle opere in cui sussiste il diritto d’autore, indipendentemente dal fatto che si applichi un’eccezione all’uso da parte del fornitore di IA.

Precedenti giurisprudenziali

La causa intentata da Getty Images contro Stability AI in Inghilterra e negli Stati Uniti si basa sulla rilevazione che Stable Diffusion abbia usato immagini d’archivio di Getty Images tra i dati di addestramento senza autorizzazione preventiva. Getty Images ha affermato che Stability AI ha “copiato ed elaborato illegalmente milioni di immagini protette dal [suo] copyright . . . a vantaggio degli interessi commerciali di Stability AI e a scapito dei creatori di contenuti”. D’altro canto, i giudici dovranno valutare se Stability possa contare sulla nozione del fair dealing nel Regno Unito o del fair use negli Stati Uniti per giustificare l’uso legittimo di tali contenuti. La definizione di questa controversia sarà un precedente importante per l’interpretazione e l’applicazione del diritto d’autore attualmente in vigore, a prescindere dalla proposta regolamentare dell’Unione Europea.

Recentemente anche nel settore dell’editoria è stata intentata una causa contro Open Ai da parte di due autori, sostenendo che la capacità di ChatGPT di produrre riassunti dettagliati dei loro lavori indica che i loro libri sono stati inclusi nei set di dati utilizzati per addestrare ChatGPT senza il loro consenso.

Soluzioni negoziali

Infine, l’AI Act non dice nulla sul tipo di licenza e sulla remunerazione per lo sfruttamento di tali contenuti, lasciando il campo aperto alla negoziazione individuale tra le parti, né è menzionato quale ruolo possano avere le società di gestione collettiva. È stato recentemente riportato che sono in corso negoziazioni tra OpenAI, Google, Microsoft e Adobe da una parte, ed editori come News Corp, Axel Springer, The New York Times e The Guardian dall’altra, per eventuali accordi di remunerazione simile ad un abbonamento per i loro contenuti al fine di sviluppare la tecnologia alla base di chatbot come ChatGPT di OpenAI e Bard di Google. Non è detto che queste discussioni vadano a buon fine e non è chiaro quale modello di remunerazione potrebbe essere adottato: ad esempio, si potrebbe prendere a modello l’industria musicale in cui le stazioni radio, i locali e i servizi di streaming remunerare i titolari ogni volta che viene riprodotto un brano sulla base di un reporting dettagliato dei contenuti usati dai fornitori di intelligenza artificiale, oppure tramite accordo annuale per l’uso illimitato dei contenuti.

Conclusioni

In assenza di chiarimenti nell’AI Act, sarà inevitabile che molte risposte pratiche siano affidate alle legislazioni e giurisprudenze nazionali, generando un’indesiderabile frammentarietà che è inadeguata a gestire tecnologie globali. È dunque fondamentale sviluppare un Codice di Condotta e un AI Pact, che potrebbero accelerare l’adozione di auto-regolamentazione da parte delle aziende su base volontaria. Il G7 potrebbe allargare l’ambito di applicazione di regole uniformi incoraggiandone il rispetto su scala globale.

*Questo articolo è parte della rubrica “Innovation Policy: Quo vadis?” a cura dell’ICPC-Innovation, Regulation and Competition Policy Centre


Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2