Internet World Conference

Wuzhen 2023: dove va l’industria digitale cinese



Indirizzo copiato

L’edizione 2023 della “Internet World Conference” a Wuzhen, Cina, ha esplorato la creazione di un mondo digitale inclusivo e resiliente, attirando attenzione globale. L’evento ha celebrato un decennio di crescita tecnologica cinese, con un focus su digitalizzazione, riduzione della povertà e sicurezza cibernetica

Pubblicato il 27 mar 2024

Marco Bonaglia

Scuola Superiore Sant’Anna

Antonio Frisoli

docente di robotica presso la Scuola Superiore Sant'Anna



image-26

L’edizione 2023 della “Internet World Conference” a Wuzhen, Cina, ha messo al centro la creazione di un mondo digitale inclusivo e resiliente. Organizzata dalla Cyber Space Administration of China e dal governo dello Zhejiang, l’evento ha attratto attenzione globale, discutendo l’evoluzione digitale e le innovazioni con impatti internazionali. Quest’anno, la conferenza ha celebrato un decennio di crescita tecnologica cinese, con un focus su digitalizzazione, riduzione della povertà e sicurezza cibernetica.

Eventi collaterali come l'”Expo Light of the Internet” e l’inaugurazione del Museo della tecnologia e della scienza dell’internet globale di Wuzhen hanno evidenziato le capacità organizzative e le ambizioni tecnologiche della Cina.

Ripercorriamo la storia dell’evento prima di soffermarci sui topic dell’ultima edizione.

“Internet World Conference”: dove sta andando la Cina e la sua industria tech

La “Internet World Conference” (in cinese “世界互联网大会”), nota anche come “Summit di Wuzhen”, si tiene annualmente nella città di Wuzhen, nella provincia dello Zhejiang, ed è organizzata dalla Cyber Space Administration of China e dal governo della provincia dello Zhejiang per discutere questioni e politiche globali legate a Internet. Si tratta di uno degli eventi chiave della stagione della scienza e tecnologia cinesi, ed è capace di attirare grande attenzione non solo a livello nazionale, ma anche globale.

La prima edizione si è svolta dal 19 al 21 novembre 2014, attirando figure di spicco del mondo digitale provenienti da quasi 100 paesi, rappresentando la prima conferenza di quel tipo nel mondo (e naturalmente in Cina). Da allora, ogni esperto del settore guarda a Wuzhen per capire l’evoluzione del mercato digitale, e le innovazioni presentate nel novembre di ogni anno possono poi avere applicazioni regionali e internazionali di grande portata. Uno degli ospiti internazionali è stato recentemente Elon Musk, attivo in Cina da diversi anni e attento alle dinamiche dell’innovazione cinesi e presente a Shanghai (non troppo distante da Wuzhen), con una “Tesla Gigafactory” che sforna ogni anno decine di migliaia di veicoli elettrici destinati al mercato cinese.

L’edizione del 2023 è stata la decima dell’evento, e ha rappresentato l’occasione per tirare le fila, guardarsi indietro su quanto fatto in un decennio chiave per la crescita e innovazione digitale cinese, e anche per rilanciare e proiettarsi nel futuro della Cina, superpotenza tecnologica globale.

Internet ha infatti completamente stravolto le nostre vite, nel bene e nel male, da un punto di vista personale, lavorativo, e internazionale. Xi Jinping, al potere dal 2012, e la sua amministrazione, hanno promosso in modo mastodontico l’evoluzione digitale del Paese, volendo fare della Cina un Paese iper-digitalizzato, con l’obiettivo che il digitale potesse favorire lo sviluppo economico e portare fuori dalla povertà milioni di cittadini. Internet è stato visto dalla nuova leadership fin da subito come uno strumento di straordinaria potenza per affrontare poi un tema annoso come quello della disuguaglianza, che mina uno sviluppo equilibrato e omogeneo in una società complessa e distribuita in uno spazio continentale come quello cinese.

Wuzhen (Wuzhen water town), una città antica e affascinante, è un tipico esempio di cittadina fluviale a sud dello Yangtze. La città è stata fondata più di 1.300 anni fa, mentre i primi insediamenti umani in questa regione risalgono a oltre 7.000 anni fa. Essa copre un’area di 110,93 chilometri quadrati e ospita 110.000 persone (non tantissime secondo i numeri cinesi, che vedono le megalopoli di decine di milioni di persone giocare un ruolo chiave nello sviluppo del paese). Wuzhen è classificata dal governo nazionale come un sito panoramico di grado 5A, una delle prime città storiche e culturali nazionali e una delle 10 città più affascinanti della Cina, guadagnandosi la reputazione di “l’Ultima Città Lungofiume in Cina”.

Dalla prima Conferenza Mondiale sull’Internet nel 2014, Wuzhen rappresenta un punto di riferimento per coloro che si occupano di internet, ma anche per capire dove sta andando la Cina e la sua industria tech.

L’edizione 2023 della Internet World Conference

Il programma, molto ampio e variegato, ha compreso una sessione plenaria, che si è svolta l’8 novembre, e numerosi altri “sub-forum”, che hanno trattato temi quali la cybersicurezza, la creazione di una economia digitale e la cooperazione industriale per rafforzarla, il diritto digitale e la sua governance, il ruolo chiave degli imprenditori digitali, il ruolo dell’intelligenza artificiale nel rafforzare lo sviluppo industriale, la potenzialità del digitale nel ridurre la povertà e le disuguaglianze.

Gli eventi collaterali alla Conferenza

Diversi sono stati poi gli eventi collaterali alla Conferenza, che hanno mostrato le potenzialità di questo evento e le grandi capacità organizzative. Uno di questi è stato senza dubbio il “Light of Internet Expo”, che si è concentrato sui nuovi prodotti e tecnologie digitali e i risultati principali ottenuti in Cina nel campo di internet negli ultimi anni, con l’obiettivo di mostrare come internet possa rappresentare una forza dirompente nello sviluppo della civiltà umana e possa creare un futuro condiviso di prosperità (l’Expo, inaugurato durante la conferenza, sarà attivo per un anno attraverso la mostra di circa 500 tra aziende nazionali e internazionali).

L’”Expo” ha incluso aree espositive tematiche e di innovazione e imprenditorialità nei settori della tecnologia digitale, delle aree rurali digitali, della cultura digitale e del turismo. CEOs e rappresentanti di aziende cinesi globali come Huawei, Alibaba, Tencent, Kaspersky e China Electronics Technology Group hanno partecipato ai panel e si sono presentati al pubblico insieme ai propri risultati e innovazioni.

Più di 40 aziende e piattaforme hanno partecipato all’Expo “Light of the Internet“, coprendo settori come la guida intelligente, le piattaforme Internet e le applicazioni di big data.

Zhejiang Moyun IoT Technology Co., Ltd. della Zona di Sviluppo Economico di Tongxiang ha esposto per la prima volta e presentato il suo sistema di monitoraggio automatico delle condizioni aziendali e una piattaforma digitale per le aziende chiave utilizzatrici di energia.

Un altro evento degno di nota è l’inaugurazione del Museo della tecnologia e della scienza dell’internet globale di Wuzhen, che consiste in un’area di 18mila metri quadrati, e un totale di 43 mila metri quadrati totali di spazi utilizzabili. Infine, durante la Conferenza, si è svolto anche il secondo dialogo “Cina-ASEAN Information Harbor” per la costruzione di una via della seta digitale.

Di grande interesse per i presenti è stata poi la pubblicazione di un volume, dal titolo “Fascino della Scienza e Tecnologia”, in cui sono stati inclusi i principali progetti tecnologici dell’ultimo anno. Un libro che rappresenta un vero e proprio compendio della crescita tecnologica del cinese, diviso in tre parti: Ricerca di base, tecnologie chiave, progetti di ingegneria e sviluppo. Ognuno dei progetti presentati è stato descritto in dettaglio, con l’elenco dei principali contributori, delle tecnologie utilizzate e degli obiettivi raggiunti.

Principali obiettivi dell’evento secondo gli organizzatori

Diverse sono state le “missioni” dell’edizione 2023, che di seguito riassumiamo:

  • Promuovere la digitalizzazione industriale e l’industrializzazione digitale, accelerare la costruzione dell’infrastruttura globale di Internet e promuovere l’opera di riduzione della povertà a livello globale, in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Abbattere il divario digitale, concentrarsi sulla costruzione di competenze e migliorare la cultura digitale per tutti i cittadini.
  • Agevolare i dialoghi su questioni cruciali della governance globale di Internet tra le parti interessate.
  • Rispondere alle sfide della sicurezza nello spazio cibernetico, stabilire efficacemente un meccanismo collaborativo per il mantenimento della sicurezza di Internet e svolgere un ruolo positivo nella costruzione di uno spazio cibernetico più sicuro e stabile.
  • Costruire una piattaforma online per gli scambi culturali e l’apprendimento reciproco, promuovere l’uso delle tecnologie digitali per proteggere meglio i risultati della civiltà umana, migliorare la fiducia reciproca e favorire gli scambi culturali, specialmente gli scambi culturali nello spazio cibernetico tra i giovani.
  • Agevolare la cooperazione aperta e l’innovazione collaborativa delle tecnologie di rete. Organizzare i membri della WIC per partecipare agli scambi, alla divulgazione e alle pratiche legate alle visioni, ai requisiti e agli standard delle tecnologie di Internet. Promuovere la coltivazione di tecnologie all’avanguardia e la trasformazione dei risultati scientifici e tecnologici.

A Wuzhen erano presenti i principali imprenditori digitali del Paese, e si percepisce chiaramente il fermento digitale in corso, e lo slancio in questo specifico settore, le strategie disegnate e gli obiettivi (a volte quasi utopici) e il coinvolgimento della leadership.

La Cina mostra di essere già, di fatto, una superpotenza tecnologica.In diversi ambiti, come quello della robotica, dell’intelligenza artificiale, delle innovazioni digitali in ambito industriale, grazie agli investimenti, i progetti e l’implementazione diretta delle volontà della leadership, il treno Cina procede a grande velocità. Questo si è percepito a Wuzhen. In questo senso, per quanto possibile, è a nostro avviso non chiudere gli occhi di fronte a questa realtà, ma studiarla e imparare eventuali buone pratiche e strategie che hanno funzionato. Per questo, una presenza internazionale, che sia continuativa ed efficace, a questa tipologia di eventi, è molto importante. Capire la Cina, dove sta andando e come si sta sviluppando, è utile soprattutto a noi stessi.

Il tema della rete cinese: letture consigliate

È importante poi ricordare che Internet in Cina è un tema discusso e controverso. Non essendo degli esperti in materia, per capirne di più, ci permettiamo di consigliare alcune letture utili.

Il primo lavoro che consigliamo è “Stato di sorveglianza”, edito da Bollati Boringhieri e scritto da Josh Chin e Liza Lin, due giornalisti investigativi americani, che descrivono con dovizia di particolari l’evoluzione della gestione di internet in Cina, in un mix avvincente futuristico, utopico ma anche, a tratti, preoccupante. Molto interessante e di grande respiro è l’analisi del potenziale delle tecnologie cinesi in ambito nazionale e internazionale.

Un altro libro che “apre gli occhi” di fronte alle complessità del web cinese è sicuramente “Red Mirror” del giornalista Simone Pieranni, in cui si analizza con grande acume e dettagli l’evoluzione tecnologica recente, con mega app, pagamenti elettronici e innovazione diffusa.

Infine, un libro recentissimo è “Tecnocina”, sempre di Pieranni, che invece ripercorre la storia dell’innovazione tecnologica cinese negli ultimi decenni e permette di mettere bene a fuoco il ruolo della leadership in una grande marcia digitale ancora in atto, che sicuramente segnerà il futuro di ognuno di noi.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3