istruzioni

Mepa, acquisizione Cig: la guida passo passo per il 2024



Indirizzo copiato

Le regole 2024 per acquisizione cig su Mepa sta causando diversi mal di testa alle PA. Ecco però una guida per ovviare alle difficoltà e riuscire a ottenere l’agognato cig

Pubblicato il 12 gen 2024

Antonio Cisternino

Università di Pisa



Mepa acquisizione cig

Il 19 dicembre 2023 con una delibera in attuazione del nuovo codice degli appalti è stato cambiato il modo di erogare il CIG da parte dell’ANAC, l’Autorità Anticorruzione.

Si tratta di una novità annunciata ma che ha avuto un impatto significativo sull’uso del sito acquistinretepa.it (il MEPA) bloccando gli affidamenti diretti per assenza di chiara informazione.

Forte la protesta dei sindacati delle scuole.

A conferma delle difficoltà, il presidente dell’Anac è stato costretto ad un decreto speciale per gli affidamenti sotto i 5mila euro, per i quali ora ha concessa una proroga: fino al 30 settembre 2023 sarà possibile averli con il vecchio sistema.

I riferimenti operativi delle novità 2024 di Acquisti in rete

Mepa 2024, acquisizione del Cig

Ecco una breve guida a come riuscire ad ottenere il CIG con la nuova interfaccia che consente l’interazione tra il MEPA e la Piattaforma Contratti Pubblici (PCP).

La principale novità riguarda il cosiddetto punto ordinante: colui che ha il potere di disporre un acquisto deve validare l’ordine senza poter andare direttamente al riepilogo come avveniva fino a fine 2023. La procedura precedente prevedeva di scaricare il file PDF con l’ordine da firmare digitalmente e caricare sulla piattaforma per inviare l’ordine al fornitore.

Per ordini e affidamenti diretti si trattava di una procedura abbastanza snella, e soprattutto una procedura a cui tutti si erano abituati. Con l’aggiornamento della piattaforma è invece cambiato tutto: il RUP doveva acquisire in precedenza il CIG sulla piattaforma ANAC e si inseriva nei dati sul MEPA mentre è ora compito del punto ordinante la compilazione delle varie form richieste. L’interfaccia grafica non è delle più intuitive e lascia emergere un cattivo design che scarica sugli utenti questioni che sono chiaramente interne al sistema e che si spera vengano risolte quanto prima da aggiornamenti.

Banca dati Anac, portale Consip, Mepa e Acquisti in rete: cosa cambia nel 2024

Ad oggi la procedura da seguire prevede che una volta validato l’ordine si debba selezionare la voce di menu “AnacForm e eForm” per accedere ad una serie di maschere che, come, in un videogioco si sbloccano man mano che si riempiono le informazioni.

Primo passo

Il primo passo consiste nell’indicazione del RUP che può coincidere col punto ordinante oppure essere un’altra persona di cui vanno fornite le generalità (è discutibile che sia il punto ordinante a riempire informazioni di pertinenza del RUP).

Immagine che contiene testo, schermata, Carattere
Descrizione generata automaticamente

Nella stessa sezione ci sono altre figure che possono essere specificate ma se le sezioni non si espandono i campi, seppur marcati come obbligatori, non devono essere riempiti.

Secondo passo

Il passo successivo (tenere sempre d’occhio le voci alla sinistra che man mano non sono più annotate con un lucchetto) richiede indicare la tipologia di affidamento:

Per gli affidamenti diretti vengono richiesti dati tipici di una gara, questo rende significativamente più complesso per il punto ordinante fornire i dati necessari, vediamo quali sono.La prima form da riempire è la cosiddetta AnacForm che chiede il dettaglio della gara e dell’aggiudicatario (che in realtà è noto nel caso di un affidamento diretto.

Il codice AUSA è l’identificativo della stazione appaltante e ciascuna stazione deve conoscere il proprio (o consultare il sito ANAC).

Codice centro di costo

Il codice del centro di costo è un campo ingannevole: se si comincia a scrivere apparirà una tabella con i centri di costo della propria amministrazione per poi mostrare un codice UUID univoco che è chiaramente interno al sistema.

Nonostante si tratti di un affidamento diretto è necessario indicare i dati dell’aggiudicatario:

La voce CCNL può assumere il valore “non applicabile”, la categoria dipende dalla funzione svolta dal centro di costo. E il codice Istat del comune viene offerto se si comincia a scrivere nella casella di testo relativa.I dati del partecipante sono noti nel caso dell’affidamento diretto è però necessario mettere un identificativo UUID che la documentazione del MEPA raccomanda di recuperare da un apposito sito.

Si tratta di un codice casual che il Sistema avrebbe potuto facilmente generare in autonomia.

 

Una volta completata la compilazione si spunta l’opzione “pronta per la trasmissione” e si può procedere alle altre sezioni che dovrebbero essere già a posto.

Acquisizione Cig e invio alla Pcp

Si sblocca così infine la sezione che consente la richiesta del CIG e l’invio alla PCP. Completati questi passaggi la piattaforma da accesso alla schermata di riepilogo che i punti ordinanti conoscono e che consente di scaricare il PDF da firmare per concludere la procedura.

In conclusione: acquisizione Cig su Mepa, che stress inutile

Si tratta di una procedura che complica il processo e l’assenza di informazione adeguata si sta ripercuotendo su tutte le PA e quindi in ultima analisi sui servizi. Si poteva forse cominciare con un po’ di ritardo oppure lavorare con anticipo ad un’interfaccia cruciale per il funzionamento della PA.Ulteriori informazioni sono disponibili sul Wiki del MEPA:Integrazione con la Piattaforma Contratti Pubblici – Wiki Acquisti in rete PA (acquistinretepa.it)

 

 

Con l’aggiornamento della piattaforma è invece cambiato tutto: il RUP doveva acquisire in precedenza il CIG sulla piattaforma ANAC e si inseriva nei dati sul MEPA mentre è ora compito del punto ordinante la compilazione delle varie form richieste. L’interfaccia grafica non è delle più intuitive e lascia emergere un cattivo design che scarica sugli utenti questioni che sono chiaramente interne al sistema e che si spera vengano risolte quanto prima da aggiornamenti.

Ad oggi la procedura da seguire prevede che una volta validato l’ordine si debba selezionare la voce di menu “AnacForm e eForm” per accedere ad una serie di maschere che, come, in un videogioco si sbloccano man mano che si riempiono le informazioni.

Il primo passo consiste nell’indicazione del RUP che può coincidere col punto ordinante oppure essere un’altra persona di cui vanno fornite le generalità (è discutibile che sia il punto ordinante a riempire informazioni di pertinenza del RUP)

Nella stessa sezione ci sono altre figure che possono essere specificate ma se le sezioni non si espandono i campi, seppur marcati come obbligatori, non devono essere riempiti.

Il passo successivo (tenere sempre d’occhio le voci alla sinistra che man mano non sono più annotate con un lucchetto) richiede indicare la tipologia di affidamento:

Per gli affidamenti diretti vengono richiesti dati tipici di una gara, questo rende significativamente più complesso per il punto ordinante fornire i dati necessari, vediamo quali sono.

La prima form da riempier è la cosiddetta AnacForm che chiede il dettaglio della gara e dell’aggiudicatario (che in realtà è noto nel caso di un affidamento diretto.

Il codice AUSA è l’identificativo della stazione appaltante e ciascuna stazione deve conoscere il proprio (o consultare il sito ANAC).

Il codice del centro di costo è un campo ingannevole: se si comincia a scrivere apparirà una tabella con i centri di costo della propria amministrazione per poi mostrare un codice UUID univoco che è chiaramente interno al sistema.

Nonostante si tratti di un affidamento diretto è necessario indicare i dati dell’aggiudicatario:

La voce CCNL può assumere il valore “non applicabile”, la categoria dipende dalla funzione svolta dal centro di costo. E il codice Istat del comune viene offerto se si comincia a scrivere nella casella di testo relativa.

I dati del partecipante sono noti nel caso dell’affidamento diretto è però necessario mettere un identificativo UUID che la documentazione del MEPA raccomanda di recuperare da un apposito sito

 (https://www.uuidgenerator.net/). Si tratta di un codice casual che il Sistema avrebbe potuto facilmente generare in autonomia.

Una volta completata la compilazione si spunta l’opzione “pronta per la trasmissione” e si può procedere alle altre sezioni che dovrebbero essere già a posto.

Si sblocca così infine la sezione che consente la richiesta del CIG e l’invio alla PCP. Completati questi passaggi la piattaforma da accesso alla schermata di riepilogo che i punti ordinanti conoscono e che consente di scaricare il PDF da firmare per concludere la procedura.

Si tratta di una procedura che complica il processo e l’assenza di informazione adeguata si sta ripercuotendo su tutte le PA e quindi in ultima analisi sui servizi. Si poteva forse cominciare con un po’ di ritardo oppure lavorare con anticipo ad un’interfaccia cruciale per il funzionamento della PA.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul Wiki del MEPA:

Integrazione con la Piattaforma Contratti Pubblici – Wiki Acquisti in rete PA (acquistinretepa.it)

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3