La riflessione

Obbligo NSO, lo scenario a pochi mesi dall’avvio

Si avvicina l’introduzione dell’obbligo di utilizzare l’NSO – Nodo Smistamento Ordini per l’invio telematico dei documenti di ordine degli enti del Servizio Sanitario Nazionale: lo scenario attuale invita a una riflessione sul ruolo di tale tecnologia come tassello verso la completa digitalizzazione dei processi pubblici

30 Mag 2019
Nicoletta Pisanu

Redazione AgendaDigitale.eu

Procurement

Tra pochi mesi scatterà per gli enti del Servizio Sanitario Nazionale e le aziende loro fornitrici l’obbligo di trasmettere telematicamente i documenti relativi agli ordini, attraverso l’NSONodo smistamento ordini, il sistema gestionale del Ministero dell’economia e delle finanze. L’introduzione del nuovo obbligo ha portato qualche preoccupazione tra i soggetti coinvolti nella dinamica, eppure il processo di digitalizzazione delle attività di procurement sembra destinato a proseguire ampliandosi ulteriormente. Vediamo qual è il quadro della situazione e come gli enti stanno reagendo e si stanno preparando a questo ulteriore step della loro trasformazione digitale.

Obbligo NSO, i vantaggi e gli svantaggi per la PA

Il 1 gennaio 2019 l’introduzione dell’obbligo di fattura elettronica B2B ha rivoluzionato un’ampia fetta del mondo della gestione documentale, nell’ambito di un più ampio framework che punta all’automatizzazione e digitalizzazione dei processi. In quest’ottica si pone anche l’introduzione dell’NSO – Nodo Smistamento Ordini, la cui funzione era già stata prevista dalla Legge di Bilancio 2018, che nei commi dal 411 al 415 imponeva l’obbligo per gli enti del Servizio Sanitario Nazionale di trasmettere unicamente per via telematica i documenti relativi agli ordini.

WHITEPAPER
Banking&Insurance: inizia l’era dei servizi istantanei e customizzati. Rimani al passo
Amministrazione/Finanza/Controllo
Digital Transformation

Come ogni innovazione, anche l’obbligo di utilizzare l’NSO può essere interpretato come un ostacolo, ma anche come un’opportunità. Lo svantaggio può essere quello di un sistema percepito come macchinoso e difficile da affrontare, con il rischio di incappare in errori. Proprio tale aspetto gli esperti ritengono che invece andrà attenuandosi: “Ci saranno vantaggi per tutte le parti – racconta ad AgendaDigitale.eu Michele Gentili, consulente ICT e Digital transformation -. Si ridurranno drasticamente le possibilità di errore, perché si codifica la parte di invio essendoci un collegamento con la banca dati del Codice identificativo gara (CIG). Molto spesso nelle fatture che arrivano da parte del fornitore, soprattutto per quelli che lavorano tanto con la pubblica amministrazione, possono esserci errori, come riferimenti non corretti all’ordine”. Un esempio questo “che comporta conseguenze complicate per l’ente sanitario che riceve la fattura: infatti, in quel caso non riuscirebbe a riconciliarlo all’ordine nel momento in cui si trovasse a fare la ricezione merci”, precisa Gentili, che sottolinea come l’attività di riconciliazione per la pubblica amministrazione sia sempre complessa e richieda un grande impiego di tempo, “soprattutto su canali destrutturati come succede adesso”.

Una volta superato dunque lo scoglio di aver adattato i gestionali interni, si potranno avere vantaggi nella riduzione degli errori e nella semplificazione delle procedure di riconciliazione tra fatture e ordini.

I sistemi regionali verso l’obbligo di usare l’NSO

Per utilizzare il Nodo Smistamento Ordini, sono a disposizione diversi canali di comunicazione, come la PEC, web service o access point provider accreditati con Peppol. Proprio servendosi di Peppol, “la Regione Emilia Romagna aveva già messo a punto un servizio simile e la Lombardia sta facendo lo stesso. Questi sistemi regionali dovranno intermediare il messaggio dall’azienda ospedaliera non inviandolo più direttamente al cliente, ma al Nodo Smistamento Ordini”, ha spiegato Gentili.

Dunque in Emilia Romagna è stata anticipata la normativa, introducendo già la trasmissione telematica dei documenti relativi agli ordini, il passo successivo sarà quello di procedere a inviarli al Nodo Smistamento Ordini invece che direttamente a cliente o fornitore: “In Lombardia stanno aspettando la creazione di un hub che sarà gestito da Lombardia informatica, sono attese le specifiche per l’utilizzo”, sottolinea l’esperto.

Nodo smistamento ordini – prima e dopo il 1 ottobre 2019

L’obbligo scatterà il 1 ottobre, ma la normativa (che fa riferimento al decreto legge 7 dicembre 2018) consente di utilizzare già l’NSO, che è stato messo in esercizio dalla Ragioneria di Stato, sia in modo definitivo abbandonando le precedenti modalità di trasmissione, sia in via sperimentale: “Ci sono aziende che già si son messe d’accordo coi clienti per far prove e arrivare preparate al momento dell’obbligo, ma è ancora ferma la situazione – racconta Gentili -. Qualcuno che è già partito comunque c’è”. Da ricordare che la legge consente agli enti e alle aziende di rivolgersi a intermediari per servirsi del nuovo procedimento.

Il tutto comunque è in evoluzione e si pensa già al “dopo” 1 ottobre: “Facendo un paragone con la fatturazione elettronica, è come se fossimo a marzo 2015 quando è partita la fattura elettronica obbligatoria per le aziende pubbliche locali – commenta Gentili -. A ottobre partiranno con l’NSO solo le aziende sanitarie pubbliche, una bella fetta, ma l’obbligo non riguarda ogni rapporto B2B“. In seguito, il processo potrebbe essere ampliato a tutte le pubbliche amministrazioni.

Verso la standardizzazione del procurement

Un altro aspetto da non trascurare relativamente al Nodo Smistamento Ordini è quello dell’internazionalizzazione e standardizzazione dei processi di procurement. Elementi di queste caratteristiche sono la possibilità di comunicare con l’NSO tramite Peppol e la scelta di utilizzare documenti in formato UBL XML, uno standard riconosciuto a livello internazionale. Sono segnali: “Sono scelta adottate nell’ottica di standardizzare le procedure di acquisto. Ci si arriverà anche con la fattura elettronica, al momento non contemplata per soggetti esteri – prevede Michele Gentili -. Contribuirà al processo di standardizzazione anche la possibilità di inviare i documenti di trasporto“.

La sensazione relativa a questo nuovo obbligo è quindi che si tratti di un primo passo verso differenti direzioni, per completare un quadro più ampio di digitalizzazione della gestione documentale e soprattutto dei processi pubblici, non solo a livello nazionale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2