Il vademecum

Ordini NSO, tutti i documenti che si possono trasmettere

Le Linee Guida pubblicate dalla Ragioneria di Stato fanno luce su molti aspetti tecnici del Nodo Smistamento Ordini, tra cui i documenti che possono essere trasmessi via NSO. Non solo semplici ordini, ma anche documenti per modificare o declinare ordini già inviati, per assicurare correttezza e trasparenza

03 Giu 2019
Nicoletta Pisanu

Redazione AgendaDigitale.eu

procurement_576327199

Ordini NSO, un vademecum per destreggiarsi tra i diversi tipi di documento disponibili per la trasmissione tramite il nuovo gestionale. L’NSO cambierà l’aspetto delle procedure di procurement che riguarda lo scambio tra gli enti del Servizio Sanitario Nazionale e i loro fornitori dei documenti che regolano la compra vendita di beni e servizi e l’esecuzione degli ordini stessi.

Una spinta verso la digitalizzazione del settore approvvigionamenti pubblici. L’uso dello strumento per le aziende della sanità pubblica diventerà obbligatorio dal 1 ottobre 2019. Il cuore di questo nuovo sistema pensato dal Mef – Ministero dell’economia e delle finanze, è composto dall’ordine, il documento fondamentale che viene trasmesso.

Ordini NSO: i quattro tipi

In particolare, la legge (nello specifico il Decreto legislativo 7 dicembre 2018, che introduce l’utilizzo del Nodo Smistamento Ordini) precisa che dovranno essere trasmessi tramite Nodo Smistamento Ordini i documenti attestanti sia l’ordinazione che l’esecuzione degli acquisti tra fornitori ed enti del Servizio Sanitario Nazionale. Documenti che dovranno essere in formato UBL XML secondo le disposizioni della normativa, con l’obiettivo di adeguarsi a uno standard internazionale sul formato di documenti trasmessi. Per approfondire però le funzioni del nuovo strumento gestionale della Ragioneria di Stato, va fatta una precisazione tecnica e lessicale sul significato del termine “documento”.

WHITEPAPER
Come ottimizzare i processi di procurement: i moduli perfetti per il customer service
Acquisti/Procurement
Amministrazione/Finanza/Controllo

Infatti, per documenti, secondo il lessico tecnico introdotto dalle Linee Guida all’utilizzo dell’NSO pubblicate dalla Ragioneria di Stato e disponibili online liberamente sul sito del Ministero dell’economia e delle finanze, si intendono i file che includono le istruzioni per definire la fornitura, file che vengono scambiati tra enti del Servizio Sanitario Nazionale e aziende fornitrici.

Secondo le impostazioni del sistema gestionale, esistono quattro diversi o:

  • Ordine;
  • Ordine pre-concordato;
  • Risposta;
  • Ordine di riscontro.

Ognuno differisce dall’altro nelle funzioni e per i diversi ruoli che i soggetti coinvolti assumono nel trasmetterli, se mittente o destinatario. Utile dunque conoscerli per poterli usare senza commettere errori.

L’Ordine dell’NSO

L’Ordine nell’ambito del Nodo Smistamento Ordini è il documento che include la descrizione della fornitura acquistata. Per esempio, l’Ordine comprende quale bene o servizio si acquista, quanto costa e in che quantità la si richiede. Viene inviato dal cliente, cioè l’ente pubblico, che assume il ruolo di mittente, verso l’azienda o il professionista fornitore, che viene chiamato destinatario.

Le funzioni dell’Ordine che viene trasmetto all’NSO sono tre:

  • Può assumere il valore di “Ordine iniziale” e serve per ordinare beni o servizi che la PA vuole acquistare, includendo anche le istruzioni per far sì che ciò avvenga in modo corretto;
  • Può essere invece un “Ordine di revoca” ed essere utilizzato dunque per revocare un precedente ordine trasmesso;
  • Può assumere il ruolo di un “Ordine sostitutivo” e modificare un ordine precedente (per esempio se si vuole aumentare la quantità di un dato bene da acquistare), di fatto sostituendolo.

L’Ordine pre-concordato del Nodo Smistamento Ordini

L’Ordine pre-concordato al contrario dell’Ordine viene emesso dall’azienda fornitrice e non dalla PA cliente: i ruoli dunque si invertono, il primo diventa mittente e la PA destinatario. Questo documento prevede vi sia un accordo a priori tra fornitore e cliente. Come l’Ordine, anche questo documento da trasmettere al Nodo Smistamento Ordini include informazioni su beni o servizi da acquistare.

Come l’Ordine, anche l’Ordine pre-concordato può essere iniziale, di revoca o sostitutivo, assumendo per ognuno di questi tipi le diverse funzioni spiegate precedentemente, ovvero quelle di avviare l’ordinazione di un acquisto, revocare un ordine già trasmesso oppure modificare qualcosa di un precedente documento inviato.

La Risposta, documento dell’NSO

Una volta ricevuto l’Ordine, il fornitore può accettare, oppure declinare o chiedere modifiche, alla pubblica amministrazione sua cliente. Per far ciò, l’azienda fornitrice dovrà realizzare il documento chiamato Risposta. Le funzioni assunte dalla Risposta sono tre:

  • Risposta di accettazione: tramite questo documento il fornitore può confermare l’Ordine ricevuto accettandolo e assicurando la PA che gli si darà seguito. Il documento non contiene linee d’ordine ma include solo la descrizione del fatto che si accetta l’Ordine, indicandone il numero;
  • Risposta di diniego: come suggerisce il nome, tramite questo documento il fornitore non accetta l’Ordine inviato dall’ente del Servizio Sanitario Nazionale suo cliente. Anche in questo caso, il documento non include linee d’ordine ma solo che si trata di un rifiuto all’ordine inviato;
  • Risposta con modifiche: non un rifiuto, ma un invito a modificare l’ordine. In questo caso la Risposta deve includere tutte le linee d’ordine indicando anche quelle da modificare, per integrare l’Ordine precedentemente ricevuto e cambiato. Questo documento rappresenta proprio un’integrazione a quello precedentemente inviato.

Nodo Smistamento Ordini, il documento Ordine di riscontro

Le stesse funzioni della Risposta vengono svolte anche dall’Ordine di riscontro, ma questo documento che viene trasmesso tramite Nodo Smistamento Ordini serve a confermare, declinare o sostituire un Ordine pre-concordato o una Risposta, come precisato nelle Linee Guida del Ministero dell’economia e delle finanze. L’Ordine di riscontro viene inviato dal cliente, dunque la pubblica amministrazione, all’azienda fornitrice. Anche in questo caso, esistono tre diverse tipologie di documento, tutte rientranti nella specie dell’Ordine di riscontro:

  • Ordine di riscontro per conferma: questo tipo di documento è un Ordine che conferma l’Ordine pre-concordato o la Risposta ricevuti, deve contenere solo l’indicazione della conferma e il numero di riferimento al documento citato;
  • Ordine di riscontro per diniego: declina un Ordine pre-concordato o una Risposta, dunque dovrà contenere anche in questo caso il riferimento al documento ma indicare che lo si è rifiutato;
  • Ordine di riscontro sostitutivo: di fatto è composto da un Ordine ex novo, completo di ogni dettaglio, che funge da sostituto di un Ordine o di una Risposta ritenuti non idonei.

Un sistema per limitare gli errori negli Ordini via NSO

Ciò che si evince dalla descrizione delle diverse tipologie di documenti che vengono trasmessi tramite il nuovo sistema del Nodo Smistamento Ordini è la possibilità di modificare un ordine qualora contenesse informazioni errate, inviando sempre telematicamente anche il documento cambiato, così da tenere traccia di qualsiasi intervento sul documento stesso. Un sistema che permette di porre rimedio a errori, dettati da semplici sbagli o da incomprensioni tra fornitore e cliente pubblico, ma anche di garantire trasparenza totale negli acquisti che l’ente del Servizio Sanitario Nazionale andrà a fare.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2