Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LE SOLUZIONI

Acquisti PA, Fuggetta: “Così affrontiamo il nodo delle competenze”

Le pubbliche amministrazioni continuano a sprecare risorse. Mancano le giuste competenze ed è necessario introdurre strategie condivise invece di enfatizzare differenze e specificità di ogni singola PA. Si parta dalle scuola, investendo su insegnati con competenze digitali

30 Ott 2017

Alfonso Fuggetta, professore di Elettronica, Informazione e Bioingegneria, Politecnico di Milano

Procurement

Uno dei problemi che impediscono al procurement pubblico di decollare verso l’innovazione (come raccontato in nostro articolo) è la mancanza di giuste competenze all’interno delle amministrazioni, specie quelle più piccole. È vitale che le amministrazioni di riferimento (ministeri ed enti centrali, regioni, grandi comuni) sviluppino strategie condivise di settore (gli ecosistemi del Piano Triennale). D’altro canto sarebbe utile che si valorizzassero soluzioni standardizzate invece di enfatizzare in modo quasi maniacale differenze e specificità di ogni singola amministrazione. Certamente, andrebbero superate sia le contrapposizioni di carattere politico, sia quelle legate a rivalità e conflitti storici tra amministrazioni più piccole e strutture di livello intermedio e centrale.

C’è sufficiente cultura digitale? Ci sono risorse adeguate?

Il paese produce pochi specialisti rispetto ai bisogni sia del settore pubblico che privato. Peraltro, stiamo perdendo anche molti giovani che emigrano in altri paesi europei (e non solo!) visto il livello salariale che viene loro proposto in Italia. Indubbiamente, il procurement pubblico ha gravissime responsabilità su questo fronte. Le amministrazioni non sono in grado e spesso rifiutano di assumersi la responsabilità di scelte progettuali e contrattuali complesse. Per di più, la corruzione percepita e reale nelle attività di procurement ha portato, in modo a mio giudizio irresponsabile, a processi e modelli di procurement basati esclusivamente sul prezzo. Così certamente i decisori si spogliano di qualunque responsabilità, affidandosi a elementi numerici ritenuti non contestabili, con l’illusione di aver anche contrastato qualunque forma di corruzione o indebita interferenza.

Purtroppo, l’effetto complessivo è in realtà un altro: gare aggiudicate con tariffe improponibili, fuori mercato e al di sotto delle medie salariali del settore, che si traducono o in rendicontazioni poco credibili o in una compressione insostenibile dei salari del lavoratori del settore. Basti osservare le tariffe a mio parere del tutto irrealistiche con le quali sono state aggiudicati i lotti delle gare relative a SPC.

Si sta investendo in formazione? Eventualmente di che tipo?

È necessario investire sugli insegnanti dei primi tre cicli della scuola (elementari, medie e superiori). Importante inoltre inserire docenti con competenze digitali che possano contaminare e animare i percorsi didattici classici. Certamente, non basta (e forse non serve) assegnare qualche bonus una tantum per comprare un PC o un tablet.

Articoli correlati