biologia molecolare

CRISPR: le nuove frontiere terapeutiche dell’editing genomico



Indirizzo copiato

Il sistema CRISPR è uno degli strumenti più potenti e utilizzati per l’editing genomico, perapportare modifiche mirate al DNA, offrendo nuove speranze di trattamento per malattie genetiche, altrimenti difficilmente trattabili.Ecco cos’è il gene editing, due esempi di terapia e quali sono le sfide attuali e future

Pubblicato il 5 feb 2024



CRISPR: le nuove frontiere terapeutiche dell’editing genomico

L’editing genomico è una tecnica che consente di apportare modifiche controllate e precise al materiale genetico di un organismo, come il DNA ma non solo, grazie al sistema CRISPR-Cas9.

Ecco cos’è il gene editing, due esempi di terapia, quali sono le sfide attuali e cosa ci riserva il futuro.

Cos'è la terapia genica?

Che cos’è l’editing genomico

Uno degli strumenti più potenti e diffusi per l’editing genomico è il sistema CRISPR-Cas9 che sfrutta una molecola guida di RNA (sgRNA) per indirizzare una proteina chiamata Cas9 verso la specifica sequenza di DNA che si desidera modificare.

Una volta giunta al punto designato, Cas9 agisce come una “forbice molecolare” tagliando entrambi i filamenti del DNA. La cellula percepisce questo come un segnale di pericolo e, di conseguenza, si organizza per riparare il danno attuando diverse strategie molecolari.

Queste strategie di riparo sono fondamentalmente di due tipologie. La prima (che si verifica più frequentemente) si preoccupa solo di ripristinare l’integrità del DNA a scapito della sua sequenza nucleotidica e ne determina spesso la compromissione (gene knock-out). La seconda invece fa uso della copia omologa di quel gene per ricostituire la sequenza originale e salvaguardarne la funzionalità. Quest’ultima può essere sfruttata ad esempio per correggere mutazioni patologiche.

Quali sono le sfide attuali

Dal punto di vista della ricerca scientifica le sfida principale è la specificità.
Nonostante i continui avanzamenti biotecnologici volti a potenziarne la precisione, la
proteina Cas9 può determinare modifiche anche in siti diversi da quello desiderato
portando a modifiche imprevedibili. Per quanto queste siano potenzialmente innocue
nella maggior parte dei casi, non si può escludere che qualcosa di potenzialmente
pericoloso si verifichi. La sfida sta nell’avanzare la tecnologia fino a quando il
rapporto rischi/benefici sia ottimale e i potenziali effetti indesiderati siano ridotti al
minimo.

Il secondo ostacolo è sviluppare una strategia di somministrazione che consenta
alla forbice molecolare di svolgere la sua attività dove serve, quindi solo nelle cellule
del tessuto di interesse, lasciando inalterati gli altri distretti. Questo limite è comune
a pressoché tutti i sistemi basati su terapie molecolari (compresi i farmaci) e dipende
dalla modalità che si utilizza per veicolare la terapia (DNA / RNA /virus / nanoparticelle /liposomi) ma si può dire rappresenti l’ostacolo maggiore nel caso del gene editing in quanto spesso limita la sua efficacia finale in termini di quante cellule vengono corrette e se sufficienti a determinare una risposta terapeutica.

CRISPR nel paziente: due esempi dove la terapia è in fase avanzata

Con questi presupposti si intuisce perché la prima terapia CRISPR approvata ad
oggi in UK e USA riguarda una malattia del sangue, tessuto facilmente accessibile.
Si tratta dell’anemia falciforme.

Anemia falciforme

L’anemia falciforme è una malattia del sangue ereditaria che colpisce l’emoglobina, una proteina presente nei globuli rossi responsabile del trasporto dell’ossigeno in tutto il corpo. Nei pazienti con anemia falciforme, il gene dell’emoglobina adulta subisce una mutazione che causa la formazione di globuli rossi dalla forma irregolare, simile ad una falce. Questo rende loro difficile scorrere attraverso i vasi sanguigni più piccoli, causando ostruzioni e riducendo il flusso di ossigeno ai tessuti.

In questo caso i ricercatori hanno sviluppato un approccio “ex vivo” per il quale le cellule prelevate dal midollo osseo del paziente (da cui derivano i globuli rossi) vengono coltivate in laboratorio, modificate con CRISPR per correggere la mutazione causa della malattia e reimmesse nel paziente utilizzando strategie di trapianto del midollo osseo ormai ben consolidate.

Inoltre, il disegno molecolare di questo approccio è molto sofisticato dal punto di
vista della specificità. Bisogna considerare che prima della nascita utilizziamo un tipo
di emoglobina chiamata “fetale” che è ideale per ricevere ossigeno dalla madre
attraverso la placenta. Ma dopo la nascita, dobbiamo progressivamente passare a
un’altra forma di emoglobina, chiamata “adulta”, più adatta per respirare attraverso i
polmoni. Questo cambiamento è mediato da una breve sequenza del genoma
specifica delle cellule ematopoietiche che determina lo spegnimento del gene fetale
a favore di quello adulto.

La terapia CRISPR permette di inattivare tale sequenza ed invertire il fenomeno a favore dell’emoglobina fetale risolvendo la patologia. Il fatto che la sequenza bersaglio sia specifica per le cellule del sangue, impedisce che questa strategia abbia conseguenze in altri distretti.
Tra il novembre 2020 e l’agosto 2021, due fratelli di 19 e 23 anni sono stati trattati
con successo con questa terapia presso l’ospedale Bambin Gesù di Roma e godono
attualmente di ottima salute, con significativa riduzione della sintomatologia
anemica.

Amiloidosi da accumulo di transtiretina

Quando la patologia è a carico di un distretto tissutale che si rigenera a partire da cellule staminali, come il sangue o gli epiteli, può esistere la possibilità di intervenire “ex vivo”. Ciò garantisce la possibilità di validare adeguatamente la modifica genetica prima di “installarla” nel paziente.

Nei casi in cui ciò non è possibile, l’approccio di gene editing diventa estremamente complesso perché deve raggiungere con la modifica tutte le cellule necessarie ad una risposta terapeutica. Una patologia di questo tipo che è attualmente sotto il mirino di approcci CRISPR è l’amiloidosi da accumulo di transtiretina (amiloidosi ATTR). L’amiloidosi ATTR è una malattia genetica rara caratterizzata dalla formazione di depositi anomali di una proteina epatica all’interno di vari tessuti e organi del corpo. Questi depositi si accumulano nei tessuti e negli organi, interferendo con la loro normale funzione e causando danni progressivi.

Due diverse biotech (Intellia Therapeutics e Regeneron Pharmaceuticals) hanno
sviluppato un approccio sistemico che mediante l’uso di vettori lipidici ha permesso
di veicolare il complesso CRISPR in forma di RNA
direttamente nel fegato a seguito
di iniezione endovenosa. Il risultato è stato una significativa riduzione della
produzione della transtiretina mutata
che si è dimostrata efficace e duratura nel
tempo.

Questo è il primo esempio in cui la terapia CRISPR è stata utilizzata con
successo per via sistemica, e ciò è stato possibile grazie a due aspetti chiave della
malattia. Innanzitutto, l’enzima coinvolto si trova nel fegato, un organo facilmente
raggiungibile con un’infusione venosa. In secondo luogo, per ridurre l’attività
dell’enzima, è sufficiente distruggere la sequenza di DNA responsabile della sua
produzione secondo il primo meccanismo di riparo citato in precedenza.

Conclusioni

L’editing genomico, con il suo potente strumento CRISPR-Cas9, rappresenta una
rivoluzione nella medicina e nella ricerca scientifica. Grazie a questa tecnologia, gli
scienziati possono apportare modifiche mirate al DNA, offrendo nuove speranze di
trattamento per malattie genetiche che difficilmente potrebbero essere trattate
altrimenti. Sull’onda di questo ottimismo, c’è un emergente interesse dell’industria
biotecnologica italiana nello sviluppo di approcci bassati su gene editing
. Alia
Therapeutics
è il primo spin-off italiano interamente dedicato allo sviluppo sia di tecnologie CRISPR che di suoi approcci terapeutici.

Questa realtà punta a basare le proprie strategie su strumenti molecolari sviluppati proprio dall’università di Trento, in particolar modo una variante della
proteina Cas9 (chiamata evoCas9) che presenta una specificità superiore rispetto
alla tradizionale forbice molecolare.

Nonostante i successi ottenuti, ci sono ancora sfide da affrontare, come migliorare la
specificità, sviluppare strategie di somministrazione più precise e ridurre i rischi di
effetti indesiderati. Spinti da questi propositi, sono attualmente in sviluppo nuovi
approcci di gene editing basati su sistemi CRISPR che non determinano un danno al
DNA. Questi sistemi consentiranno di apportare modifiche precise a geni difettosi,
senza tagliare direttamente i geni, ma attraverso una sorta di riscrittura degli stessi.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4