scenari

L’intelligenza artificiale in sanità promette bene ma va a rilento: ecco i problemi

Nonostante le previsioni di qualche anno fa, oggi l’IA in sanità è considerata un utile strumento di affiancamento professionale, da usare per apportare miglioramenti in tutti gli ambiti del settore. Ma siamo dinanzi ad un processo lento, per molti motivi: ecco quali

19 Ott 2022
Luigi Mischitelli

Privacy & Data Protection Specialist at IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza

ai in sanità

Il futuro del settore sanitario è inestricabilmente legato all’intelligenza artificiale. Certo, non siamo ancora in un tempo in cui si possa parlare di una tecnologia “all’altezza delle aspettative”, anche perché le infrastrutture dei sistemi sanitari non sono ancora pronte. Ma qualcosa – con difficoltà – si muove.

How AI can make health care better

Intelligenza artificiale in sanità: aspettative e ostacoli di un processo lento

Basta semplicemente osservare la miriade di investimenti effettuati negli ultimi anni, nonché lo sviluppo e la crescita di numerose aziende in questo campo. Certo, qualche anno fa si gridava alla sostituzione del professionista sanitario con l’intelligenza artificiale, un po’ come – decenni addietro – si guardava ai robot industriali come sostituti degli operai. Tuttavia, né l’operaio (specializzato) è venuto meno con l’avanzare della tecnologia, né il medico è stato sostituito dall’intelligenza artificiale. Se le previsioni di un lustro fa guardavano alla sostituzione del professionista sanitario, le attuali guardano al suo “affiancamento” professionale. Invece di sostituire il medico, l’intelligenza artificiale opera come uno strumento da utilizzare per “migliorare tutto”, dalle diagnosi alle pratiche burocratiche, dall’assistenza sanitaria alla contabilità.

WHITEPAPER
Una guida al deep learning: cos’è, come funziona e quali sono i casi di applicazione
Intelligenza Artificiale
Robotica

Ma, c’è un ma, che si traduce in ostacoli all’implementazione “pratica” dell’intelligenza artificiale, con aziende che “promettono il mondo” e che, all’atto pratico, svelano il bluff. Non sempre, infatti, si ha a che fare con fornitori di dispositivi e software all’altezza delle aspettative. Anche perché, a dirla tutta, ogni struttura sanitaria è un mondo a sé, bisognoso di soluzioni “sartoriali”, ossia adattate alle sue peculiarità. E questo è anche un motivo per cui diversi nosocomi, ad esempio, creano team di ingegneri e procedono a sviluppare soluzioni di intelligenza artificiale, nonché di altre tecnologie, interne e su misura per le proprie esigenze. Tuttavia, siamo dinanzi ad un processo lento: l’implementazione dell’intelligenza artificiale in sanità procede “con i piedi di piombo”, cosa che non succede in altri settori.

Intelligenza artificiale, il risarcimento danni in Sanità: come l’Europa traccia la via

Accesso e trattamento dati: i problemi dell’AI applicata alla sanità

Il più grande ostacolo all’uso dell’intelligenza artificiale in sanità ha a che fare con le “infrastrutture”. I sistemi sanitari devono consentire innanzitutto agli algoritmi di accedere ai dati dei pazienti. Negli ultimi anni, i sistemi più grandi e ben finanziati hanno investito diversi fondi per spostare i loro dati su cloud, creando vasti “laghi di dati” pronti ad essere utilizzati dall’intelligenza artificiale. Un altro problema è che ogni sistema sanitario è unico nella sua tecnologia e nel modo in cui tratta i pazienti e i loro dati. Ciò significa che un algoritmo potrebbe funzionare bene per un ospedale e non per un altro. E qui ci ricolleghiamo al discorso in premessa relativo alla creazione di team di ingegneri “interni” ai nosocomi. Cosa che, come ogni cosa, ha anche un lato negativo. Infatti, a meno che i sistemi sanitari non vendano la loro tecnologia a terzi, è improbabile che tale tecnologia venga sottoposta al rigido controllo a cui sono sottoposti i software commerciali. E questo aspetto potrebbe fare in modo che gli eventuali difetti riscontrati non vengano rilevati né risolti, se non nel lungo periodo. Cosa che si ripercuote inevitabilmente sulla qualità dei dati (altro ostacolo significativo all’introduzione della tecnologia in esame nelle strutture sanitarie).

L’isolamento dei singoli sistemi sanitari

Altro problema è l’isolamento dei singoli sistemi sanitari, che rende più difficile raccogliere dati consistenti da sottoporre all’esame dell’intelligenza artificiale. Per esempio, un ospedale può avere dati completi su una visita, ma il resto della storia medica di un paziente è conservato altrove, rendendo più difficile trarre conclusioni su come procedere col percorso di cura del paziente. Inoltre, sebbene alcuni sistemi sanitari abbiano investito per raccogliere i dati da diverse fonti in un unico archivio, non tutti gli ospedali hanno le medesime risorse per procedere in tal maniera.

Il lato privacy e i pregiudizi dell’intelligenza artificiale

Poi, come dimenticare il “lato privacy” della questione? Tutto il settore healthcare è soggetto a stringenti normative in materia di trattamento dei dati personali (GDPR “e non solo”) che – “ad intensità diverse” – limitano la quantità e il tipo di dati che le aziende che forniscono le soluzioni di intelligenza artificiale possono raccogliere e, in generale, trattare.

Per concludere poi con i già citati pregiudizi (bias) dell’intelligenza artificiale, che possono aumentare enormemente le disparità nell’assistenza sanitaria. Ad esempio, uno studio statunitense di tre anni fa, pubblicato su Nature[1], ha rilevato che un algoritmo implementato in ospedale “spingeva” più spesso i pazienti di etnia caucasica verso programmi volti a fornire cure migliori rispetto ai pazienti di colore.

L’IA in radiologia: le sperimentazioni

Nonostante i diversi ostacoli sul cammino, il settore in esame si mostra sempre “entusiasta” del potenziale dell’intelligenza artificiale di trasformare il mondo healthcare. L’intelligenza artificiale, d’altronde, può “farsi carico” di un numero sempre maggiore di “compiti routinari” in medicina, dando ai medici più tempo da dedicare ai pazienti (e non alla burocrazia) al fine di raggiungere la diagnosi corretta e/o sviluppare un piano di trattamento completo. Tra le diverse branche della medicina, la radiologia è uno dei casi d’uso più promettenti per l’intelligenza artificiale.

Ad esempio, la non-profit statunitense Mayo Clinic ha in corso una sperimentazione clinica[2] per valutare un algoritmo che mira a ridurre, da diverse ore a pochi attimi, il processo che i medici intraprendono per tracciare un piano chirurgico per la rimozione di tumori complessi della testa e del collo. Così come, al centro medico newyorkese NYU Langone Health, una sperimentazione dell’intelligenza artificiale in radiologia (in collaborazione con Facebook) ha permesso di ridurre il tempo necessario per una risonanza magnetica da un’ora a quindici minuti. Per finire con l’Ochsner Health in Louisiana (USA) che ha costruito un modello di intelligenza artificiale atto a rilevare i primi segni di sepsi, una reazione potenzialmente letale alle infezioni. Per convincere il personale infermieristico ad adottarlo, l’Ochsner Health ha creato un “team” per monitorare tale tecnologia e intervenire quando necessario.

Un modello di valutazione dell’intelligenza artificiale in sanità, FDA al lavoro

Negli Stati Uniti la “Food and Drug Administration” (FDA, ente governativo che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici) ha preso provvedimenti per sviluppare un modello di valutazione dell’intelligenza artificiale in sanità. Ma è ancora agli inizi. Ci si chiede come le autorità di regolamentazione (come FDA o, in futuro, la “nostra” AIFA) possano monitorare gli algoritmi durante la loro evoluzione e contenere gli aspetti dannosi e pericolosi della tecnologia in esame, come gli onnipresenti pregiudizi (“bias”) che minacciano di esacerbare le disuguaglianze nel settore dell’assistenza sanitaria.

La supervisione del comportamento degli algoritmi in scenari reali

Lo scorso anno sempre la Food and Drug Administration ha pubblicato una serie di linee guida per l’utilizzo dell’intelligenza artificiale e dell’Apprendimento Automatico (Machine Learning) come dispositivo medico[3], guardando alla supervisione del comportamento degli algoritmi in scenari reali ed allo sviluppo di metodi di ricerca per eliminare i pregiudizi dell’intelligenza artificiale. Certo, regolamentare gli algoritmi è una sfida, vista soprattutto la rapidità con cui la tecnologia avanza inesorabilmente. La FDA sta cercando di evitare questo problema richiedendo alle aziende statunitensi di istituire un monitoraggio in tempo reale e di presentare piani per le modifiche future. Anche se l’intelligenza artificiale sviluppata internamente agli ospedali non è soggetta a queste regole (poiché, nella maggior parte dei casi, non vi è commercio). Forse bisognerebbe appoggiare ed implementare standard pubblico-privati per l’intelligenza artificiale che aiuterebbero a far progredire tale tecnologia. Tuttavia, gli standard sono volontari, il che potrebbe attenuarne l’impatto se non venissero adottati su larga scala.[4]

  1. Millions of black people affected by racial bias in health-care algorithms. Nature. https://www.nature.com/articles/d41586-019-03228-6#ref-CR1
  2. A Study to Evaluate Contouring Organs at Risk for Treatment Planning. Mayo Clinic. https://www.mayo.edu/research/clinical-trials/cls-20511050?_ga=2.18316281.1178387720.1660162682-789090762.1659382439
  3. Artificial Intelligence and Machine Learning in Software as a Medical Device. U.S. Food and Drug Administration. https://www.fda.gov/medical-devices/software-medical-device-samd/artificial-intelligence-and-machine-learning-software-medical-device
  4. Artificial intelligence was supposed to transform health care. It hasn’t. Politico. https://www.politico.com/news/2022/08/15/artificial-intelligence-health-care-00051828#:~:text=transform%20health%20care.-,It%20hasn’t.,regulatory%20obstacles%20have%20slowed%20progress.
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4