il progetto

Revisione dei processi e nuove tecnologie: così il digitale migliora la Sanità

L’introduzione di strumenti digitali è sicuramente un elemento di fortissimo impatto a supporto del miglioramento gestionale, consentendo di aumentare ulteriormente efficacia ed efficienza. Ma per innescare un circolo virtuoso bisogna anche digitalizzare i processi. Un esempio sul campo lo dimostra

30 Lug 2019
Federica Cirilli

Ricercatore Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità – Politecnico di Milano

Paolo Locatelli

Responsabile Scientifico Osservatorio Sanità Digitale, Politecnico di Milano

Federico Nilo

Ricercatore Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità – Politecnico di Milano

sanità-2

Affinché il supporto digitale consenta di innescare un circolo virtuoso di efficacia ed efficienza nella sanità, è fondamentale che i processi “digitalizzati” siano stati prima resi efficienti e ottimizzati.

L’introduzione di soluzioni digitali, infatti, può portare elevati benefici solo se applicata a processi razionalizzati, mentre può risultare significativamente di minore utilità se riferita a processi destrutturati e inefficienti.

Serve quindi un’azione di miglioramento congiunta che guardi da un lato ai sistemi e alle soluzioni digitali, e dall’altro (e prima) ai processi e a come riprogettarli in modo che siano in grado di sfruttare pienamente i benefici della digitalizzazione

I benefici del digitale in Sanità

Le ricerche condotte negli ultimi anni dall’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano hanno dimostrato, anche in termini quantitativi, gli enormi benefici legati alla digitalizzazione: le aziende sanitarie potrebbero ottenere complessivamente risparmi pari a 6,8 miliardi all’anno attraverso, ad esempio:

WHITEPAPER
Monitora meglio la CX: avvia un progetto strategico sulla Voice of the Customer
Automotive
Dematerializzazione

A questi benefici sono da aggiungere i possibili risparmi economici per i cittadini, pari a circa 7,6 miliardi di euro, i quali, attraverso l’utilizzo di tecnologie digitali, eviterebbero inutili spostamenti per prenotare ed effettuare visite, ritirare referti, ecc.

Un esempio di “azione congiunta processi-tecnologie”

Un ottimo esempio di “azione congiunta processi-tecnologie” è rappresentata dagli esiti di un progetto condotto, a partire dal 2017, dalla School of Management del Politecnico di Milano, in collaborazione con Novartis. La progettualità si è posta l’obiettivo di analizzare la modalità di gestione di pazienti con patologie degenerative della retina (es: pazienti con degenerazione maculare senile: (wAMD,: wet Age-related Macular Degeneration), pazienti con DME – Edema Maculare Diabetico, ecc.) – in oltre 15 centri clinici in Italia, al fine di evidenziare potenziali aree di miglioramento dal punto di vista organizzativo-gestionale e tecnologico e identificare azioni che ogni struttura può mettere in campo per ottimizzare i propri processi e migliorare le proprie performance.

Le analisi condotte hanno permesso di esprimere alcune considerazioni che accomunano i diversi centri, con riferimento alle modalità di gestione dei pazienti con patologie degenerative della retina. In particolare, le maggiori problematiche riscontrate da un punto di vista organizzativo e gestionale riguardano:

  • Domanda inevasa e tempi di accesso alle cure: i limiti strutturali e programmatori comportano limiti riguardo la capacità produttiva e di evadere tutta la domanda potenziale di trattamenti intravitreali (IVT); la saturazione delle agende sia per la diagnosi e indirizzo al trattamento che per la somministrazione determina una dilatazione dei tempi di accesso, compromettendo potenzialmente la qualità delle cure.
  • Efficienza del processo: la distanza tra il luogo di accesso e preparazione dei pazienti e quello di esecuzione delle IVT è spesso considerevole (in alcuni dei casi analizzati parliamo di qualche centinaio di metri, su piani diversi e in aree differenti della struttura ospedaliera), il che rende difficoltoso il percorso dei pazienti (tendenzialmente anziani e con occhio dilatato); i flussi, sia fisici dei pazienti che informativi, rendono inoltre difficoltoso l’accesso alle cure (non sempre è chiaro come o cosa si debba prenotare per accedere ai trattamenti IVT), così come l’accesso nella giornata delle iniezioni (non è sempre univoco dove i pazienti debbano recarsi per le fasi di accettazione, o sono necessari ricicli nell’interazione con le strutture di accettazione centralizzate e nei reparti di oculistica).
  • Customer experience: i tempi di permanenza in struttura da parte dei singoli pazienti e il setting e l’affollamento degli spazi che spesso caratterizzano i reparti riducono la qualità percepita dai pazienti.
  • Setting ad “alta complessità”: in accordo con le Linee Guida della Società Oftalmologica Italiana (quarto aggiornamento Marzo 2017) è necessario eseguire le iniezioni intravitreali, essendo queste considerate un atto chirurgico maggiore, in sala operatoria con i requisiti idonei all’attività di chirurgia endobulbare – una sala operatoria o ambulatorio chirurgico ospedalieri o una sala operatoria o ambulatorio chirurgico di struttura extra-ospedaliera; poiché l’utilizzo delle classiche sale operatorie ospedaliere comporta dei limiti di capacità operativa di rispondere alla domanda di trattamenti intravitreali, e quindi pone limiti di accesso o ritardi alle terapie, alcuni centri stanno adottando o sono interessati ad adottare alternative “a minor complessità” (configurando ambulatori chirurgici ospedalieri) e a minor impatto economico.

Spunti di miglioramento

A partire dalle criticità sopra-descritte, sono stati proposti e valutati alcuni spunti di miglioramento nei diversi centri coinvolti nel progetto, ragionando su interventi di carattere organizzativo e gestionale, quali:

  • Lo spostamento delle IVT in setting “a minor complessità”, con il duplice obiettivo di liberare tempo di Sala Operatoria in Blocco Operatorio multi-specialistico da dedicare a interventi a maggiore complessità e maggior valore, come ad esempio gli interventi di cataratta o di chirurgia vitreo-retinica, e di consentire una gestione più semplice del flusso dei pazienti che devono svolgere trattamenti IVT, incrementando sia la qualità percepita, grazie alla riduzione dei tempi non a valore per i pazienti (passando da un flusso “a lotti” dei pazienti a flussi “snelli” senza attese), che i costi per la struttura sanitaria.
  • Lo scaglionamento nell’arrivo dei pazienti il giorno di esecuzione del trattamento, programmando l’arrivo dei pazienti in più blocchi, con conseguenti impatti positivi sulla customer experience dei pazienti per la riduzione del tempo complessivo di permanenza nel reparto, e contestualmente evitando il sovraffollamento dei locali.
  • La riduzione/eliminazione di attività a basso o nullo valore (ricicli, attese inutili, ecc.) e lo sfruttamento migliore degli spazi.

Dove è stato possibile rilevare gli impatti del cambiamento agendo tutte le leve organizzative di cui sopra (attività svolte a ciclo continuo e ingresso scaglionato dei pazienti, coniugate all’implementazione di una struttura unitaria e integrata di retina medica, con predisposizione di una sala “a minor complessità” rispetto alla Sala Operatoria in cui effettuare le iniezioni IVT) è stata rilevata sul campo una riduzione tra il 79% e l’85% del lead time di processo (dato dalla somma dei tempi delle varie fasi di terapia e dei tempi di attesa dei pazienti).

Collegato al concetto di lead time complessivo di processo c’è poi quello di “performance di processo”, inteso come rapporto tra il lead time “a valore” – quindi il tempo speso per lo svolgimento delle attività a valore sul paziente e per gli spostamenti necessari, escluse quindi tutte le attese – e il lead time totale medio, quindi il tempo reale medio da quando un paziente entra in reparto (in base all’orario di convocazione) per ricevere un trattamento IVT a quando viene dimesso (Performance = Tempo a valore/Tempo totale di permanenza nella struttura). Gli interventi organizzativi identificati nei vari centri, primo fra tutti lo scaglionamento nell’arrivo dei pazienti, impattano positivamente su questo indicatore fino a più che raddoppiare la prestazione del processo (i casi con miglioramenti più elevati su questo aspetto hanno registrato passaggi dal 25% al 56% piuttosto che dal 19% al 48%).

Strumenti digitali e miglioramento gestionale

L’introduzione di strumenti digitali è sicuramente un altro elemento di fortissimo impatto a supporto del miglioramento gestionale, consentendo di aumentare ulteriormente efficacia ed efficienza.

Ad esempio, attraverso le analisi svolte presso alcuni dei centri clinici inclusi nello studio è stato possibile quantificare i benefici ottenibili grazie all’incremento della digitalizzazione del processo, in particolare in termini di introduzione di un applicativo di Cartella Clinica Elettronica (CCE).

Grazie all’implementazione di tale strumento sarebbe possibile, innanzitutto, ottenere una riduzione del tempo necessario per la ricerca delle informazioni sul paziente e raggiungere un beneficio economico legato al valore del tempo risparmiato dagli operatori (è stato calcolato un risparmio economico annuo fino a circa 27.000€, considerando il tempo recuperato dagli operatori grazie alla possibilità di accedere alle informazioni più rapidamente attraverso la CCE).

Inoltre, la Cartella Clinica Elettronica garantirebbe una crescita del grado di supporto operativo (indice qualitativo che offre una misura aggregata di quanto la cartella clinica supporti gli operatori nella realizzazione delle proprie attività, in termini di facilità di accesso alle informazioni in funzione di rilevanza e frequenza con cui ogni informazione deve essere fruita). Tale crescita è pari, per quanto concerne le attività di oftalmologia in alcuni dei casi analizzati, a circa il 33%.

L’analisi svolta sul campo dimostra come l’evoluzione terapeutica, in particolare per specifiche patologie come la wAMD o la DME, ponga oggi sfide importanti in relazione alla gestione dei pazienti che necessitano di tali trattamenti. Tali sfide organizzative e gestionali potrebbero trovare nelle tecnologie digitali un alleato fondamentale per ottenere importanti benefici in termini di efficacia ed efficienza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4