SPONSORED STORY

Sanità digitale, perché la corretta gestione delle informazioni è leva d’innovazione

La digitalizzazione dei processi amministrativi, clinici e dei flussi documentali nelle aziende sanitarie pubbliche e private è una priorità per rendere più efficiente e organizzata l’erogazione dei propri servizi e adottare una governance basata sull’uso strategico dei dati.

25 Mag 2022
sanità digitale - chirurgia - operating room management

Il patrimonio informativo delle aziende sanitarie racchiude tutti gli elementi utili per adottare un approccio alla governance che sia data driven, una rotta resa possibile dalla digitalizzazione dei processi e dall’implementazione di soluzioni innovative per la gestione dei dati. L’utilizzo dei dati amministrativi e clinici consente infatti di indirizzare in maniera strategica le decisioni in qualsiasi ambito legato alla gestione delle strutture ospedaliere e dei percorsi di patient journey, dalla definizione dei bilanci alla ricerca scientifica o all’acquisto di macchinari terapeutici. I dati permettono quindi di migliorare sia l’organizzazione interna delle cliniche che la propria offerta di servizi, a beneficio della comunità.

Dati sanitari, dove trovarli e perché sono strategici

È importante sottolineare che i dati sanitari sono la tipologia di informazione più sensibile che esista, dunque quella che richiede maggiori accortezze nel trattamento. Il dato sanitario viene elaborato e trattato in strutture sanitarie come centri analisi, laboratori, aziende, e in tutti gli erogatori dei servizi legati alla salute. Tali dati consentono di individuare gli ambiti di ricerca, la territorialità di eventuali patologie, studiare i rimedi più idonei per risolvere determinati tipi di problematiche.

Il dato sanitario rappresenta dunque il vero patrimonio di una struttura sanitaria. Del resto, per formulare diagnosi e stabilire percorsi terapeutici è indispensabile avere a disposizione la storia clinica del paziente: la gestione digitalizzata dei processi amministrativi e clinici consente di accedere a tutti i dati necessari e di poterli mettere in relazione tra di loro, estraendo così valore, una condizione che con la carta non era possibile attuare. Un supporto informatico dedicato all’analisi poi è fondamentale perché le informazioni da gestire non sempre sono strutturate ma possono pervenire sotto forme differenti, come immagini, codici, testi scritti a mano. Inoltre, non va sottovalutato il problema del gran numero di informazioni che ogni giorno vengono gestite dalle strutture. Avere soluzioni di automazione per gestire l’ampia mole di dati permette di semplificare i processi e di garantire la qualità del dato. La digitalizzazione dei flussi informativi clinici e sanitari permette con un clic di gestire il tutto in modo organizzato e di comprendere i fenomeni in corso, le relazioni causa-effetto. E ovviamente, in questo scenario non bisogna trascurare gli aspetti di cyber security, controllo dei processi e data protection.

Come creare valore dai flussi amministrativi e clinici

Dai dati è possibile creare valore mettendo in relazione le informazioni tra di loro, in quanto da sole non permetterebbero di avere il quadro completo di una situazione. Le informazioni vanno unite, messe insieme, analizzate e in questo modo permettono di capire quale sia la situazione clinica di un paziente. Ciò ha un valore inestimabile per le strutture sanitarie. Un’utilità non solo dal punto di vista clinico e terapeutico. Infatti, la salute ha un costo, il budget per la Sanità è tra le voci più importanti del bilancio dello Stato: i dati amministrativi messi in relazione tra loro permettono alle strutture sanitarie di gestire con maggiore sicurezza gli investimenti, indirizzandoli in modo strategico e riducendo dunque rischi e sprechi.

Una risorsa anche nel momento in cui si guarda l’intero sistema Paese, perché la gestione dei processi digitali migliora l’esperienza del paziente, del medico e del ricercatore. Avere a disposizione in tempo reale dati favorisce l’appropriatezza clinica, la riduzione degli sprechi, oltre alla possibilità di attuare un attento monitoraggio e controllo dei costi indispensabili per la gestione delle aziende sanitarie. Scegliere un gestionale performante, per una struttura sanitaria vuol dire anche migliorare l’esperienza dei pazienti, i quali possono eventualmente usufruire di servizi online dedicati quali la possibilità di prenotare le prestazioni online o di accedere a referti e immagini diagnostiche online.

La partnership tra Ifin Sistemi e Bollino IT

Per far fronte a queste necessità, la Bollino IT si è specializzata proprio in soluzioni digitali per il settore sanitario e opera su tutto il territorio nazionale. La produzione riguarda software per la gestione corretta, semplice e immediata dei flussi e dei processi sanitari, oltre che dei dati in Sanità. Grazie alla partnership con Ifin Sistemi, che si occupa di proteggere e conservare i dati e di garantire la sicurezza dei processi, la Bollino IT offre un servizio completo e sicuro su ogni fronte.

La Bollino IT si occupa di tutti i processi legati alla gestione dei dati sanitari, presenti in ogni fase del patient journey. Il paziente, grazie a BollinoCARE, un gestionale sanitario sviluppato completamente in cloud, può autonomamente prenotare le prestazioni mediche attraverso il sito web della struttura che a sua volta può gestire le informazioni in maniera sistematica. La fase dell’accoglienza del paziente, invece, sfrutta il gestionale in cloud per raccogliere i primi documenti, come le impegnative elettroniche, e metterli in relazione con database esterni come il Sistema Tessera Sanitaria. Il tutto attraverso processi rapidi e immediati che mettono l’operatore sanitario nella condizione di lavorare al meglio. L’idea è quella di raccogliere e generare informazioni nativamente digitali. La fase di diagnosi viene poi gestita dallo specialista, che con l’aiuto dei sistemi digitali redige il referto (anche vocalmente) e lo firma digitalmente a norma di legge. È importante, affinché la gestione dei dati venga svolta in maniera corretta, affidarsi a partner tecnologici altamente specializzati come Bollino IT e Ifin Sistemi.

Così come la Bollino IT è specializzata nello sviluppo di soluzioni software, Ifin Sistemi ha un know how molto profondo in ambito archivistico ed è forte del fatto di poter usufruire di competenze di alto livello e soluzioni tecnologiche molto valide. In queste condizioni è possibile offrire garanzie nell’ambito del processo, della privacy e della conservazione digitale a norma, grazie a team strutturati con diversi professionisti che lavorano insieme. La soluzione Ifin Sistemi inoltre, applicabile anche ad altri settori oltre a quello sanitario, permette l’integrazione con numerosi software, garantendo l’interoperabilità dei sistemi e la possibilità di creare archivi flessibili e adatti a qualsiasi tipologia di documento.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4