i casi

Sanità digitale, troppe promesse fallite: che c’è da imparare

La sanità digitale è costellata da insuccessi anche abbastanza clamorosi, forse perché preceduti da una copertura troppo sensazionalistica. Emblematico è il caso di Google e dei suoi vari progetti finiti con un nulla di fatto. Ma i casi di successo ci sono. Ecco la lezione da trarre

20 Dic 2018
Eugenio Santoro

Responsabile del laboratorio di informatica medica, Dip. di Salute Pubblica IRCCS, Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”

google-lenses

Per portare a termine con successo progetti nell’ambito della sanità digitale, i grandi investimenti e le alleanze con importanti aziende possono non bastare . Un esempio emblematico è quello di Google che ha bloccato, ultimo in ordine di tempo, anche il progetto delle lenti a contatto per misurare i livelli di glucosio.

Da questo tipo di insuccesso ci sono delle lezioni da trarre: le aziende devono comprendere che c’è bisogno di più ricerca scientifica e di obiettivi raggiungibili e verificabili; i media, dal canto loro, dovrebbero evitare sensazionalismi e prediligere notizie accompagnate da risultati. Perché ce ne sono.

Tutti gli insuccessi di Google (ehealth e non solo)

Certo non si può dire che le cose stiano andando bene a Google in questo periodo. Solo poco più di un mese fa, all’inizio di ottobre, l’azienda di Mountain View aveva deciso di chiudere, dopo 8 anni, Google Plus, il social network nato per contrastare Facebook. Un bug sulla sicurezza che avrebbe messo a rischio i dati degli account di 500.000 utenti, la ragione ufficiale. Un sostanziale sottoutilizzo da parte degli utenti, nonostante l’integrazione con Gmail, i quali per condividere, postare, taggare hanno preferito altre piattaforme concorrenti, la vera ragione.

WHITEPAPER
Sanità: quali le applicazioni di AI in radiologia, oncologia e cardiologia?
Intelligenza Artificiale
Sanità

Non si erano ancora spenti gli echi della clamorosa debacle che in questi giorni è arrivata un altra importante decisione a parte del colosso dell’informatica: bloccare il suo famoso (e più longevo) progetto delle lenti a contatto intelligenti per la misurazione dei livelli di glucosio.

Il progetto, iniziato nel 2014 da una collaborazione tra Verily (una società legata a Goolgle X Lab e poi confluita nella divisione Life Science di Alphabet – la nuova struttura nata dalla riorganizzazione di Google) e Alcon (la divisione del gruppo Novartis che opera nel campo della oftalmologia) aveva come obiettivo lo sviluppo di lenti a contatto dotate di specifici sensori in grado di rilevare il livello di glucosio presente nelle lacrime. L’ipotesi di fondo era che esistesse una correlazione tra questo valore e la concentrazione di glucosio nel sangue. Secondo tale ipotesi, lo strumento avrebbe potuto fornire una valida alternativa per i pazienti diabetici all’uso di glucometri e altri strumenti invasivi per in monitoraggio della glicemia. Un mercato decisamente ricco, considerato che secondo i dati pubblicati dalla World Diabetes Federation nel mondo sono 425 milioni le persone che vivono con il diabete (1 adulto su 11) e che secondo l’Istituto nazionale di statistica in Italia le persone con diabete sono oltre 3 milioni.

Le ragioni dello stop

Le ragioni del blocco sono da imputare alla insufficienza di dati e di prove in grado di dimostrare una reale correlazione tra il glucosio presente nelle lacrime e la concentrazione di glucosio nel sangue, e quindi alla insussistenza di un solido sopporto scientifico da accompagnare alla richiesta di registrazione come dispositivo medico.

Nonostante le numerose prove cliniche effettuate, gli sviluppatori si sono scontrati con la difficoltà di ottenere letture glicemiche affidabili muovendosi in un contesto così complicato come quello della oftalmologia. Per esempio, si sono accorti che l’interferenza da parte delle biomolecole contenute nelle lacrime ha reso difficile ottenere misurazioni accurate della presenza di zucchero, peraltro disponibile in quantità insufficienti nel film lacrimale. Inoltre, gli studi condotti hanno dimostrano che esistono difficoltà a ottenere le necessarie condizioni di stabilità per una lettura accurata della presenza di glucosio nelle lacrime.

Eppure, gli investimenti non sono mancati, visto che lo scorso anno Verily ha raccolto oltre 800 milioni di dollari di finanziamento. Parte di quegli investimenti saranno dirottati nello sviluppo di altre tipologie di lenti intelligenti per gestire i pazienti con presbiopia, e per migliorare la loro vista dopo un intervento chirurgico alla cataratta.

Non è la prima volta che Google fallisce il suo ingresso in campo sanitario. I Google Glass, proposti nel 2013 come strumento che avrebbe rivoluzionato la medicina e l’assistenza medica favorendo la telemedicina, la comunicazione medico-paziente, l’accesso immediato a dati sanitari utili in condizioni di emergenza, la gestione remota del paziente, l’uso della realtà aumentata per l’accesso da parte del medico a fonti eterogenee di informazioni, oggi sono usati quasi esclusivamente in ambiti formativi, soprattutto tra in area chirurgica. E che dire di Google Health, il sistema basato sul web per la gestione delle cartelle sanitarie personali lanciato nel 2008, che avrebbe dovuto dotare ogni americano di uno spazio dove inserire i propri dati sanitari e che è stato dismesso nel 2011?

La lezione da trarre da questa esperienza

Se c’è qualche lezione da trarre da questa esperienza è che non basta contare su grandi investimenti per realizzare progetti o allearsi con le grandi aziende farmaceutiche per realizzarli, ma è necessario garantire alcune condizioni:

  • Occorre fare ricerca scientifica su più livelli: uno studio preliminare sufficientemente solido avrebbe probabilmente riscontrato per tempo le difficoltà incontrate; nel caso di risultati positivi si sarebbe potuto procedere con studi avanzati su una numero maggiore di letture e di pazienti.
  • Nello sviluppo di strumenti tecnologici occorre porsi dei traguardi realisticamente raggiungibili e verificabili.

Soprattutto, e qui la critica è nei confronti dei media, occorre fare attenzione ad enfatizzare troppo gli annunci dei big dell’informatica e dei cosiddetti “medical futurist” (la categoria di medici e tecnologi che intravedono nei progetti di oggi le soluzioni a molti problemi) dall’uso facile, nella coniugazione dei verbi, del condizionale e del futuro (già nel 2015 si pubblicavano articoli che sostenevano che “ricorrendo alle lenti a contatto smart si sarebbe potuto monitorare, attraverso il fluido lacrimale, il livello di glucosio nei pazienti affetti da diabete”), prediligendo notizie accompagnate da risultati, frutto di studi clinici, che ne dimostrino la reale affidabilità ed efficacia.

L’utilizzo dell’IA in Sanità, i risultati

Come per esempio quella recente che ha visto, per la prima volta, la Food and Drug Administration (FDA) americana certificare come dispositivo medico un sistema basato sull’intelligenza artificiale.

Il dispositivo certificato, chiamato IDx-DR, è un software che utilizza un algoritmo di intelligenza artificiale per analizzare le immagini della retina ottenute dalla fotocamera retinica NW400 di Topcon ed è in grado di rilevare un livello superiore a lieve di retinopatia diabetica negli adulti con diabete. La validazione dello strumento è avvenuta attraverso uno studio clinico, pubblicato su Nature Digital Medicine che ha permesso di elaborare le immagini retiniche ottenute da 900 pazienti con diabete in 10 centri di cura primaria confrontando i suggerimenti ottenuti con quelli degli specialisti coinvolti. I risultati sono stati sorprendenti visto che lo strumento è stato in grado di identificare correttamente un livello superiore a lieve di retinopatia diabetica nell’84,4% dei casi, e l’assenza della stessa nell’89,5% dei casi nei quali effettivamente il problema non era presente.

Sulla base di questi risultati, la FDA ha autorizzato il sistema per l’uso da parte del personale che lavora nei centri di cure primarie e dei professionisti sanitari non specialisti in oftalmologia al fine di diagnosticare per tempo casi di probabile presenza della patologia e dirottare così i pazienti che ne hanno bisogno verso successive visite di approfondimento presso un oftalmologo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati