L'ANALISI

Come applicare l’approccio STEAM nella scuola dei “cassetti orari”

L’approccio STEAM si differenzia dallo STEM proponendo una dimensione umanistica delle discipline scientifiche. Ma come si applica realmente questo approccio interdisciplinare? Non è facile, ma ecco qualche suggerimento

Pubblicato il 19 Apr 2023

Maria Cristina Bevilacqua

Ambasciatrce eTwinning. Aggiornatrice-Formatrice.Traduttrice della Padagogy Wheel

scuola_398042842

Ancora troppi insegnanti confondono STEM e STEAM, o pensano che basti rappresentare graficamente un esperimento scientifico con un cartellone, un disegno, un’infografica, per aver applicato l’approccio STEAM. L’approccio STEAM presuppone che:

  • tutte le discipline in esso coinvolte abbiano la stessa dignità e non che una (di solito l’Arte) sia ancillare all’altra;
  • che tutte vengano valutate;
  • che tutte vengano insegnate, ovviamente considerando tutto l’arco della vita, non certo contemporaneamente.

Pensare che la “A” di STEAM rappresenti solo l’Arte è riduttivo, e rischia di limitare il campo di applicazione dell’approccio a poche attività. In questo articolo rifletteremo sulle differenze tra i due acronimi, le difficoltà di applicare effettivamente e concretamente l’approccio STEAM e una possibile soluzione, prontamente praticabile.

La Scuola 4.0 alla base di una società sostenibile, intelligente, inclusiva: come costruirla

Da STEM a STEAM: non solo Arte

Come è noto, l’acronimo STEM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria, Matematica) nasce all’inizio degli anni 2000, negli Stati Uniti, e la sua sempre crescente importanza, in campo educativo, ha alla base la necessità di rafforzare le conoscenze e le competenze degli alunni in tali discipline, favorendo ed incentivando il loro studio, per colmare il gap che divide, da una parte, l’America e l’Europa, in cui gli studenti prediligono gli studi umanistici, dall’altra l’Asia, che prepara maggiormente i suoi allievi ad affrontare le sfide del futuro.

Pensiero critico, ricerca e confronto sono le parole chiave dell’approccio STEM, che deve essere inteso come interdisciplinare, capace di sviluppare competenze trasversali, arricchendo le conoscenze in modo armonico e completo.

Nel 2007 la ricercatrice Geogette Yakman propone, con la sua Piramide STEAM un approccio ancora più completo, proponendo una dimensione umanistica delle discipline scientifiche, integrando alle STEAM la “A” che troppi intendono limitata all’Arte, ma che vuole comprendere tutte le scienze umane, l’etica, le diverse espressioni artistiche, in poche parole, tutto ciò che non è strettamente STEM.

L’idea principale è che questo approccio accompagni gli studenti per tutto l’arco della vita, non solo in un determinato grado o in una specifica tipologia di scuola, e che, anzi, si superi l’idea di scuola tecnica, professionale, liceale, per raggiungere l’ideale di una scuola completa e inclusiva, che educhi ad esperienze scientifiche, estetiche, emotive, sociali, culturali tutti gli alunni, di tutte le età, qualsiasi sia il loro background di partenza.

La struttura dell’Approccio STEAM

Quello STEAM è un approccio che si propone di essere olistico, interdisciplinare e che, in realtà, segue uno schema comune a molte di quelle che chiamiamo “Didattiche Innovative”, presupponendo un lavoro cooperativo in piccoli gruppi, intervallato da momenti di riflessione e confronto in plenaria, che consiste in:

  • Domanda essenziale, che inneschi la necessità di attivare la ricerca, attraverso un vuoto di informazione che deve essere colmato e che motiva nella scoperta. Perché sia veramente significativa, la domanda dovrebbe scaturire da riflessioni generate dal contesto degli alunni o dai loro interessi, dalle loro esperienze dentro e fuori della scuola. Rappresenta l’aspetto motivazionale del processo;
  • Osservazione: dei vari aspetti della situazione problematica e delle varie prospettive che essa propone. Viene potenziata dalla riflessione collaborativa e partecipata, dal confronto e dalla messa in campo del pensiero divergente.
  • Scoperta di soluzioni già attuate nelle stesse situazioni problema o in altre simili, di risorse, umane e materiali, a cui attingere per portare avanti la ricerca: role model da intervistare, documenti da consultare, luoghi da visitare e così via;
  • Applicazione della soluzione scelta, che deve essere efficace, sostenibile, effettivamente realizzabile, riproducibile in altri contesti;
  • Comunicazione della soluzione attraverso un prototipo, una presentazione, un’infografica, uno storytelling, etc. Ogni gruppo presenta la propria soluzione agli altri, secondo regole e tempistiche prestabilite, che permettono di sviluppare non solo competenze comunicative, ma anche organizzative, gestionali, relazionali;
  • Riflessione dei vari gruppi sui lavori dei compagni. I feedback generati aiuteranno i gruppi a migliorare ed implementare i lavori proposti. Andrebbe dato spazio anche alla riflessione individuale sui percorsi seguiti e sui processi attuati , per individuare punti di forza, di debolezza, minacce e opportunità, ma anche ad un ripensamento circa gli stati d’animo e le sensazioni che tali percorsi hanno generato.

Un approccio olistico, tanti nodi cruciali

Prendendo in considerazione il sistema scolastico italiano, verrebbe da pensare che l’unico grado in cui sarebbe effettivamente attuabile un simile approccio sia la scuola dell’infanzia, veramente olistica, non scandita, come le altre, da rigidi orari per discipline che, spesso, trovano poco spazio per parlarsi ed interagire in un percorso comune. Perché l’approccio STEAM sia veramente efficace, ci sono alcuni nodi critici che vanno affrontati a livello sistemico, ed è questa la strada verso cui il Ministero si è incamminato da qualche tempo, attraverso le azioni del Piano Scuola 4.0 e l’ingente offerta formativa sulle STEAM presente su Scuola Futura. Ma è anche la strada sulla quale si dovrebbero incamminare le scuole, per far sì che le scelte siano finalmente veramente collegiali, veramente condivise, da tutto il personale, e non solo da piccoli gruppi che, spesso, non riescono a dare un’impronta decisa all’istituzione di cui fanno parte. L’approccio STEAM ci pone di fronte alla necessità di fare finalmente di un gruppo di docenti un Collegio, coeso, solidale, cooperativo, agendo su:

  • Infrastrutture: un ripensamento degli spazi, non solo quelli nuovi, ma soprattutto quelli già esistenti, da riprogettare in funzione dell’approccio STEAM; una nuova idea di laboratorio diffuso, pluridisciplinare, che moltiplichi, anche al di fuori dell’aula, le occasioni educative e che sia flessibile e modulare, non solo grazie agli arredi, ma soprattutto grazie all’idea che la scuola ha di sé.
  • Ambiente scolastico: inteso come l’ ambiente umano, come la missione che la scuola si dà, come la visione che il Collegio ha della propria impronta formativa, come i veri obiettivi che la comunità educante si prefigge. L’approccio STEAM dovrebbe essere, come già detto, una scelta sistemica, non solo di pochi docenti volenterosi, ma di tutto l’Istituto, per scelta e convinzione.
  • Formazione: capire finalmente che la sola formazione “tecnica” non basta, e che gli aspetti pedagogico-didattici sono propedeuticamente fondamentali per tutte le discipline, scientifiche ed umanistiche, e che l’apprendimento socioemotivo non deve essere considerato e praticato episodicamente, ma in modo sistematico da tutti i docenti.
  • Valutazione: agli inizi degli anni ’80, nella preparazione ai concorsi per l’insegnamento la parola d’ordine era “Valutazione Formativa”; nel 2023 ancora ne parliamo, segno che è ancora poco praticata nella realtà. Considerare la valutazione il primo step della progettazione, che si ristruttura e si ridefinisce sulla base dei feedback, vuol dire ripensarla perché sia efficacemente formativa per tutti. La nuova Valutazione nella Scuola Primaria potrebbe essere un interessante spunto di riflessione per gli altri gradi di scuola.
  • Alleanze e sostenibilità: la scuola dovrebbe essere ormai abituata a fare rete, non solo con altre scuole, ma anche con gli Enti locali, le associazioni, le realtà formative non formali e informali locali; dovrebbe aprirsi al territorio, in un processo di dare-avere reciproco, per costituire un sistema formativo veramente integrato e integrante, in cui costruire alleanze virtuose di crescita per gli alunni, il personale, le famiglie, la società.
  • Curricolo: il ripensamento del curricolo in chiave STEAM è difficile, con i lacciuoli che la struttura oraria impone alle scuole. Ma è possibile, con lo sforzo e il lavoro di tutti. Certo, sarebbe auspicabile un’iniziativa centralizzata, sull’argomento, ma intanto le scuole possono iniziare già ad organizzarsi, per attuare l’approccio STEAM all’interno del curricolo esistente.

Come si può iniziare ad attuare veramente l’approccio STEAM?

La scuola dei “cassetti orari”  vede l’orario settimanale come una grande cassettiera, in cui inserire le discipline secondo il loro monte orario e senza che, spesso, possano interagire tra loro in modo veramente interdisciplinare, così come l’approccio STEAM vorrebbe. Allora dobbiamo pensare che sia inapplicabile? O dobbiamo rassegnarci a pensare che si possa agire solo nei Progetti extracurricolari, sapendo però che l’approccio STEAM nasce come un approccio eminentemente curricolare?

Si potrebbe trovare un semplice compromesso iniziando ad applicare l’approccio STEAM a qualcosa che è già interdisciplinare: le Unità di Apprendimento. Basterebbe, per cominciare, prevedere di inserire due o tre di quelle discipline STEAM non già contemplate dal piano di studi della scuola (per esempio arte e filosofia nei tecnici e professionali, discipline tecniche o giuridiche nei licei ecc.) per iniziare gli alunni ad una Educazione a…qualcosa a cui non sono abituati, che però li potrebbe stimolare ad approfondire, incuriosire e che, sicuramente, completerebbe la loro preparazione umana e culturale.

Certo, è difficile, ma non impossibile. Presuppone uno sforzo comune, da parte di tutti. Ma si può fare, anzi, si deve, per il bene dei nostri ragazzi e delle nostre ragazzi.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2