Sistema terziario di istruzione

ITS Academy, la formazione per il lavoro “reale”: le opportunità per tutto il sistema educativo

Il Sistema terziario di istruzione tecnologica superiore è stato pensato per superare le inadeguatezze della scuola e dell’Università nella formazione di tecnici altamente specializzati richiesti da imprese e società della conoscenza. Ma potrebbe essere il primo passo per riformare l’intero sistema educativo

02 Ago 2022
Vittorio Midoro

già dirigente di ricerca CNR presso l'Istituto Tecnologie Didattiche

its

Il mercato del lavoro italiano è penalizzato dalla mancata corrispondenza tra domanda e offerta di lavori ad alta specializzazione tecnica: a una sostenuta domanda di lavoratori tecnologicamente specializzati da parte delle imprese non corrisponde cioè un’offerta adeguata di tecnici in grado di soddisfarla.

Appare dunque paradossale che in una situazione, come quella italiana, in cui il tasso di giovani disoccupati e inattivi è tra i più alti d’Europa, il sistema formativo (scuola e università) non sia in grado di formare tecnici appetibili per le imprese.

Il mettere mano a una riforma globale di questo sistema deve essere apparso un compito troppo gravoso per i governi che si sono succeduti e allora, per porre rimedio a questa situazione, è stata scelta un’altra strada.

Una legge, varata di recente, istituisce il Sistema terziario di istruzione tecnologica superiore, di cui sono parte integrante gli Istituti Tecnologici Superiori, brevemente indicati come ITS Academy (sic!), che inglobano anche gli attuali ITS (Istituti Tecnici Superiori).

La riforma ITS è legge, ecco gli ITS Academy: perché serviranno al Paese

La legge indica due esigenze principali a cui tale sistema deve rispondere:

  • promuovere l’occupazione, specialmente giovanile,
  • contribuire allo sviluppo e alla competitività di un’economia basata sulla conoscenza.

Gli obiettivi del Sistema terziario di istruzione tecnologica superiore

Per soddisfare queste esigenze, il Sistema terziario di istruzione tecnologica superiore mira a potenziare e ampliare la formazione professionalizzante di tecnici superiori con elevate competenze tecnologiche e tecnico-professionali, allo scopo di sostenere misure per lo sviluppo.

WEBINAR
23 Settembre 2022 - 10:00
DIGITAL360 Semestrale 2022: scopri tutte le novità
Acquisti/Procurement
Amministrazione/Finanza/Controllo

Questi tecnici saranno in grado di soddisfare i fabbisogni formativi riguardanti la transizione ecologica, i trasporti, la mobilità e la logistica, la transizione digitale, le nuove tecnologie per il made in Italy, l’alto artigianato artistico, le nuove tecnologie della vita, i servizi alle imprese e agli enti senza fine di lucro, le tecnologie per i beni e le attività artistiche e culturali e per il turismo, le tecnologie dell’informazione, della comunicazione e dei dati, l’edilizia.

Programmazione regionale: formazione legata a un’offerta reale

Una programmazione regionale indicherà quali sono le aree di intervento di un ITS Academy e il numero delle persone da formare, il cui requisito di accesso è un diploma di scuola secondaria di secondo grado o un diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale unitamente a un certificato di specializzazione tecnica superiore.

Questo della programmazione regionale è un aspetto molto interessante perché lega la formazione a un’offerta lavorativa realmente esistente, gettando le basi per la creazione di un sistema di reclutamento realmente efficace, in grado di sostituire o integrare quelli esistenti.

Come è fatto un ITS Academy

Ma come è fatto un ITS Academy? Ciascun ITS Academy è caratterizzato dal riferimento a una, o più di una, delle seguenti aree tecnologiche:

  • efficienza energetica;
  • mobilità sostenibile;
  • nuove tecnologie della vita;
  • nuove tecnologie per il made in Italy;
  • tecnologie innovative per i beni e le attività culturali;
  • tecnologie della informazione e della comunicazione.

Il percorso formativo si articola in due livelli

  • Un percorso dalla durata di quattro semestri, con almeno 1.800 ore di formazione, corrispondenti al quinto livello del Quadro europeo delle qualifiche per l’ap-apprendimento permanente;
  • Un percorso dalla durata di sei semestri, con almeno 3.000 ore di formazione, corrispondenti al sesto livello del citato Quadro europeo, attivabile per figure professionali che richiedano un elevato numero di ore di tirocinio,

La legge istitutiva stabilisce che “questi percorsi siano progettati in modo da assicurare un’offerta rispondente a fabbisogni formativi differenziati secondo criteri di flessibilità e modularità, per consentire la realizzazione di un’offerta formativa personalizzata per giovani e adulti in età lavorativa, con il riconoscimento dei crediti formativi e dei crediti di esperienza già acquisiti, anche ai fini della determinazione della durata del percorso individuale;”. Sembrerebbe quindi che il percorso sia personalizzabile in base alle caratteristiche dei corsisti.

Ciascun semestre comprende ore di attività teorica, pratica e di laboratorio. Sono previsti stage aziendali e tirocini formativi obbligatori almeno per il 35 per cento della durata del monte orario complessivo. Le scansioni temporali dei percorsi formativi sono definite tenendo conto di quelle dell’anno accademico.

“Il percorso si articola in moduli intesi come insieme di competenze, autonomamente significativo, riconoscibile dal mondo del lavoro come componente di specifiche professionalità e identificabile quale risultato atteso del percorso formativo”, indica ancora il Ministero dell’istruzione.

La conduzione scientifica dei percorsi formativi

La conduzione scientifica di ciascun percorso formativo è affidata a un coordinatore tecnico-scientifico o a un comitato di progetto e i docenti, a contratto, sono selezionati tra “soggetti provenienti dal mondo del lavoro, compresi gli enti di ricerca privati, e aventi una specifica esperienza professionale, maturata per almeno cinque anni, in settori produttivi correlabili all’area tecnologica di riferimento dell’ITS Academy, nonché tra esperti che operano nei settori dell’arte, dello spettacolo o dei mestieri artigianali. È da notare che l’attività formativa è svolta per almeno il 60 per cento del monte orario complessivo dai docenti provenienti dal mondo del lavoro”.

Al termine del percorso formativo, con modalità indicate dalla legge, viene rilasciato un diploma, spendibile anche in ambito universitario.

Istruzione tecnica, Asstel: “La riforma ITS sia leva per formare esperti in cybersicurezza”

I rischi della mancanza di competenze in learning design

In questa impostazione un ruolo rilevante dovrà essere giocato dalla capacità di progettazione dei percorsi da parte di coloro a cui questa è demandata. La legge non menziona il fatto che nel gruppo di progetto dei percorsi e dei moduli sia presente un esperto in learning design, ma sembra dare per scontato, come da tradizione, che chi conosce la materia sia anche un bravo docente, il che ovviamente non è detto. Come non è detto che questi abbia capacità di progettazione di moduli o percorsi formativi. Il rischio è di avere docenti con scarse capacità di insegnamento, o peggio, un coordinatore tecnico scientifico senza la minima idea di learning design, elearning e knowledge management. Ciò è una grave mancanza anche in considerazione del ruolo che l’elearning può giocare nel determinare l’efficacia dell’intero sistema. La mancanza di competenze specifiche in questo settore potrebbe portare a scelte dilettantistiche non all’altezza dei compiti tecnologicamente avanzati rivendicati per questo sistema.

ITS: perché sono strategici nella formazione delle competenze digitali

Il regime giuridico degli ITS Academy

Riguardo al regime giuridico, gli ITS Academy si costituiscono come fondazioni i cui soggetti fondatori sono:

  • un istituto di istruzione secondaria superiore, statale o paritario;
  • una struttura formativa accreditata dalla regione;
  • una o più imprese, gruppi, consorzi e reti di imprese del settore produttivo relativo all’ITS Academy;
  • un’università, un dipartimento universitario o un altro organismo appartenente al sistema universitario della ricerca scientifica e tecnologica ovvero un ente di ricerca, pubblico o privato.

Tutti i soggetti fondatori contribuiscono alla costituzione del patrimonio della fondazione ITS Academy, anche attraverso risorse strutturali e strumentali.

La legge istitutiva prevede anche misure nazionali per la costituzione di reti di ITS Academy e per il coordinamento dell’intero sistema, in modo tale che sia costituita una comunità di pratica tra tutti i soggetti coinvolti nel sistema. Ciò è molto positivo perché non solo permette orientamento e coordinamento centrale, ma anche scambio di buone pratiche che arricchiscono il repertorio comune del sistema.

Il coordinamento dell’intero sistema è affidato al Ministero dell’istruzione, presso cui è istituito il Comitato nazionale ITS Academy per l’istruzione tecnologica superiore, con compiti di consulenza e proposta, di consultazione delle associazioni di rappresentanza delle imprese, delle organizzazioni datoriali e sindacali, degli studenti e delle fondazioni.

Conclusioni

Questa, dunque, una descrizione sommaria del Sistema terziario di istruzione tecnologica superiore pensato per superare le inadeguatezze della scuola e dell’Università nella formazione di tecnici altamente specializzati richiesti non solo dalle imprese ma dalla società della conoscenza.

In conclusione, vorrei indicare alcuni aspetti, secondo me, molto positivi. Ho già ricordato il fatto che la formazione è legata a un mercato del lavoro reale e non immaginario, sottolineando l’importanza della programmazione territoriale da parte non solo delle amministrazioni locali, ma anche del mondo delle imprese e delle organizzazioni dei lavoratori. Ma ci sono aspetti impalpabili più importanti.

La scuola può essere svincolata dall’ossessione di formare i lavoratori del futuro, compito demandato a un Sistema terziario di istruzione superiore, non più solo tecnologico.

La finalità di una scuola nuova, non solo dovrà essere quella di fornire a tutti quelle capacità necessarie per vivere nella società attuale, ma dovrà essere quella di fare emergere e coltivare le diverse capacità e i diversi talenti di ragazzi e ragazze, in modo che ognuno possa scegliere il modello di vita che più lo soddisfi. E in ciò consiste quelle che Amartya Sen chiama capabilities, considerate l’indice di felicità di un individuo e di una nazione.

Per quanto riguarda l’Università, svincolata da immaginarie richieste del mondo del lavoro, potrà concentrare maggiori energie sulla ricerca e sull’innovazione, prendendo ad esempio esperienze come quella del Sistema nazionale dell’Innovazione Finlandese illustrata in figura.

Concludendo, il Sistema terziario di istruzione tecnologica superiore potrebbe essere il primo passo per ripensare l’intero sistema formativo-educativo italiano.

I futuri decisori vorranno e sapranno cogliere questa opportunità?

WHITEPAPER
Intelligent Enterprise: come usare i dati e l’AI per creare la CX perfetta e omnicanale
Competenze Digitali
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4