CANTIERE SCUOLA

Le proposte per modernizzare la Scuola: ecco i tre ambiti

La formazione degli insegnanti, la didattica delle competenze, la governance della scuola, ecco le tre aree su cui gli addetti ai lavori stanno concentrando le proprie proposte al Governo, per rivedere l’azione

03 Nov 2017
Paolo Paolini

Hoc-LAB, Politecnico di Milano

scuola_467292242

Formazione degli insegnanti, la didattica delle competenze e la governance della scuola.

Sono i temi su cui è urgente formulare proposte, per rilanciare la scuola digitale e il relativo piano del Governo, come emerso anche durante i tavoli di lavoro del Cantiere Scuola di Fpa*.

Per la formazione degli insegnanti, la proposta di breve termine è quasi ovvia: modernizzare le modalità di erogazione della formazione. L’attuale erogazione è effettuata con didattica rigorosamente in presenza (e con firme del registro); l’arruolamento dei formatori è macchinoso, pieno di lacci e lacciuoli che rendono problematico organizzare una formazione di qualità. La prima proposta di lungo termine riguarda la liberalizzazione della formazione di insegnanti, dirigenti e personale tecnico-amministrativo. Eliminando le attuali rigidità, si possono coinvolgere soggetti esterni (università, associazioni, aziende culturali, aziende, …), evitare le gare dei bandi (distorcenti per vari aspetti) con meccanismi di finanziamento più agile, flessibili ed efficaci. La seconda proposta di lungo termine è la più pervasiva: rendere la formazione un obbligo contrattuale e offrire una formazione permanente e continua. La continua evoluzione della società, delle tecnologie e dei compiti della scuola, rende ogni contenuto di formazione obsoleto nel giro di pochi anni. È quindi necessario che tutte le componenti della scuola si aggiornino continuamente; quindi meglio abolire i piani (che vanno e vengono), e lavorare su meccanismi che diano continuità alla formazione di insegnanti, dirigenti e personale.

Le competenze sono quelle capacità e abilità non legate ad uno specifico contenuto, ma di carattere generale. Note con vari nomi (es. “soft skills”, “21st century skills”, …) sono da tutti riconosciute come uno degli obbiettivi didattici fondamentali di una scuola moderna, ma sono difficili da realizzare, e di fatto in genere fraintese e trascurate dalla scuola italiana.

La prima proposta è di organizzare subito una attività di formazione, sul tema di “didattica delle competenze”, per dirigenti ed insegnanti. La seconda proposta è di eliminare le molte rigidità organizzative e normative che rendono quasi impossibile realizzare una vera didattica delle competenze. Oggi, soprattutto per le superiori, le varie discipline sono separate sia per contenuti che per orari: quasi impossibile realizzare, se non in modo episodico (e più dimostrativo che sostanziale) una didattica trasversale (necessaria per le competenze). La terza proposta riguarda l’accreditamento delle competenze, cioè come riconoscere e valutare le competenze acquisite dagli allievi. Oggi il riconoscimento di fatto non c’è, per cui la proposizione della didattica delle competenze, nella attuale scuola italiana, resta velleitaria o volontaristica.

La governance della scuola è un tema poco dibattuto (rispetto alla sua importanza), sia dagli addetti che dai media. In realtà la governance si può considerare la madre di tutti i problemi (per i pessimisti) o di tutte le soluzioni (per gli ottimisti) della scuola.

La prima proposta a breve è di rivedere le regole per la contrattualistica tra scuole e fornitori di soluzioni. Le attuali procedure sono lente, farraginose, non consentono lo sviluppo di vere partnership tra scuole e soggetti esterni, e non garantiscono nemmeno quella correttezza che dovrebbero favorire. Il cosiddetto “rispetto delle procedure” è spesso la etichetta dietro alla quale si nascondono inefficienza e scelte opache. La seconda proposta a breve richiede una profonda revisione dei meccanismi di finanziamento per la innovazione a scuola. I meccanismi dei bandi hanno avuto l’indubbio merito di muovere le acque, però hanno anche prodotto effetti distorcenti L’obiettivo della proposta è di favorire le scuole che non hanno le capacità o le competenze progettuali necessarie per partecipare con successo ai bandi. I destinatari dei finanziamenti potrebbero essere singole scuole, gruppi di scuole, partnership tra scuole e soggetti esterni (es. università, associazioni, enti di ricerca, aziende, …), o anche soggetti esterni che coordinino gruppi di scuole.

Le proposte di lungo termine sono naturalmente le più difficili da realizzare, ma anche quelle che produrrebbero gli effetti più pervasivi. La prima proposta è di ridurre il centralismo del mondo della scuola, dando vera autonomia agli istituti scolastici (o a gruppi di essi). L’autonomia coinvolgerebbe tutti gli aspetti: didattica, organizzazione, finanziamenti, arruolamento del personale, gestione …. Il “centro” naturalmente dovrebbe fornire il quadro generale e sorvegliare la qualità del risultato didattico. La seconda proposta, in qualche modo una variante di quella sulla autonomia, è di favorire la possibilità di una vera territorializzazione della scuola. L’obbiettivo è di consentire al territorio di avere una più forte relazione con le sue scuole e, dall’altro, alle scuole di avere un migliore rapporto con il proprio territorio, in un proficuo scambio reciproco. Per territorio si intendono realtà come la regione, la provincia, il distretto, la città, … Due vantaggi sono auspicati: sviluppare attività didattiche più consone alle necessità di ciascun territorio; consentire alle scuole di utilizzare il know-how e la cultura presenti nel territorio (musei, enti culturali, aziende, associazioni, …).

Concludendo auspichiamo che ogni lettore sia invogliato a leggere in dettaglio le proposte (con i loro commenti) e di partecipare allo sviluppo del dibattito che consenta alla innovazione scolastica di svilupparsi più rapidamente e più efficacemente.

*Il tavolo del cantiere scuola di FPA è un “forum” di discussione sui temi della innovazione della scuola, favorita (ma non causata) dall’uso delle nuove tecnologie. Per l’anno 2017, il tavolo ha deciso due azioni: formulare proposte specifiche per rinnovare la scuola italiana, e chiedere ai protagonisti “sul campo” (dirigenti, insegnanti, e personale) cosa ne pensano.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati