scuola e territorio

Scuola Digitale Liguria: innovare il territorio a partire da studenti e docenti

La Community, l’Osservatorio e la mappa delle scuole innovative, le comunità di pratica, la formazione specifica per i docenti e molto altro: il progetto Scuola Digitale Liguria si propone come modello replicabile di accelerazione dell’innovazione digitale, a partire dalla scuola e dai docenti, a vantaggio del territorio

27 Feb 2019
Monica Cavallini

Progetto regionale Scuola digitale Liguria

scuola-digitale-liguria-2

E’ dal terreno fertile della scuola che si creano i presupposti per formare cittadini più consapevoli e preparati, quindi per un territorio più innovativo e competitivo. Ed è da questa consapevolezza che è partito due anni fa il Progetto Scuola Digitale Liguria, risultato tra i progetti finalisti del Premio Agenda Digitale 2018, promosso da Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano.

Approfondiamo, di seguito, l’impostazione del progetto, gli strumenti operativi e gli sviluppi previsti per il 2019.

La scuola come motore digitale del territorio

Le tre parole chiave del Progetto Scuola Digitale Liguria, finanziato con fondi FSE, sono: accompagnare, accelerare, armonizzare. Gli stessi cardini, in pratica, dell’agenda digitale.

INFOGRAFICA
Migliorare i tempi di attesa in sanità? è possibile! Con le giuste tecnologie
Sanità

Il progetto, dicevamo, è partito due anni fa da una consapevolezza: è la scuola il motore dell’innovazione e della competitività del territorio. Ne siamo convinti perché grazie a un uso diffuso e consapevole del digitale fin dalla prima formazione, la mente si allena a usare la tecnologia digitale come strumento per aumentare il confort e l’efficienza delle attività quotidiane, dall’home banking alla domotica.

La decisione della Regione Liguria di investire nell’innovazione digitale del territorio si è tradotta anche in un progetto che parte dalla scuola (ISA pubbliche e paritarie) e dagli enti di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP regionale) come motori di digitalizzazione diffusa sul territorio.

Scuola Digitale Liguria ha avuto fin da subito una forte impostazione partecipativa e ha visto nascere e crescere una community di animatori digitali, docenti e formatori che oggi conta più di 1200 iscritti e che è diventata il contesto elettivo per consolidare gli strumenti realizzati – ma a noi piace pensarla soprattutto come il cuore del progetto.

In altre parole il progetto segue il modello dell’open innovation: si basa sulla partecipazione attiva e lo sviluppo di tutti i soggetti e le professionalità coinvolte. Con gli strumenti sviluppati docenti e formatori possono infatti superare l’isolamento – e in certi casi l’autoreferenzialità – e affrontare insieme la sfida che la tecnologia comporta per la scuola.

Le scuole possono attuare una solida rendicontazione sociale delle proprie attività sulla mappa pubblica e sul web; l’amministrazione regionale può programmare investimenti mirati basandosi sui dati dell’Osservatorio; i portatori di interesse hanno un contesto di riferimento autorevole sul tema della scuola digitale. E tutti i professionisti coinvolti (compreso il team di progetto) stanno sperimentando metodi di lavoro basati sulla sinergia e l’interdipendenza grazie alla condivisione e comunicazione basata su strumenti cloud e metodi di lavoro collaborativo.

La scuola è vista come motore dell’innovazione (digitale) del territorio: si tratta di un progetto con la scuola e non per la scuola. È questo lo spirito dell’iniziativa, che ha avviato strumenti che il 2019 vedrà sempre più perfezionati e consolidati, in base alle esigenze del mondo scolastico locale puntualmente raccolte ed elaborate.

Il biennio è decisivo per impostare una strategia e lasciare in eredità un progetto consolidato, il cui valore è l’immediata replicabilità anche in altre pubbliche amministrazioni.

A chi si rivolge il progetto Scuola Digitale Liguria

Gli strumenti operativi 

  • L’Osservatorio: gli strumenti realizzati dal progetto sono un sistema composito e interconnesso che vede al proprio centro l’Osservatorio, una piattaforma digitale dove i docenti e i formatori della Liguria possono inserire, per renderle pubbliche e conosciute, le attività innovative realizzate con l’uso di strumenti e secondo paradigmi propri della didattica digitale. Si tratta di un sistema informativo interoperabile, pronto per il riuso, progettato con i beneficiari su un application profile e originale dove a ogni elemento descrittivo è associato un grado di innovazione: quest’ultima funzione fornisce all’amministrazione regionale un cruscotto per monitorare l’andamento della scuola digitale regionale per indirizzare le progettualità regionali verso i reali interessi/bisogni del sistema educativo.

  • La Mappa pubblica delle scuole innovative. Tutti, famiglie e cittadini, possono conoscere il grado di innovazione digitale delle scuole della Liguria consultando la mappa. Realizzata con il sistema cartografico regionale, riporta tutte le attività innovative delle istituzioni scolastiche con la possibilità di accedere, per ogni singola scuola, a una sintesi dei dati dell’Osservatorio ottenendo due risultati: da un lato l’incentivo alla rendicontazione sociale della scuola, che può finalmente mostrare le attività innovative svolte in classe; dall’altro la possibilità per chiunque (non solo le famiglie) di accrescere le proprie conoscenze digitali esplorando i progetti realizzati dai ragazzi.
  • Il Digital Team. Un gruppo di esperti informatici di Liguria Digitale è a disposizione della scuola per rispondere a uno dei bisogni digitali primari: quello di assistenza tecnica. Un’applicazione web consente di richiedere aiuti specifici: il team, in presenza o con strumenti di supporto da remoto, risolve il problema e progressivamente incrementa un “kit di sopravvivenza digitale” per la scuola.

Le problematiche affrontate dal Digital Team riguardano soprattutto connettività, cablaggi, contratti con fornitori, servizi per il BYOD.

Le iniziative più importanti del 2019

Dal bando sulla formazione per i docenti agli incontri territoriali, dalle comunità di pratica al podcast: l’anno appena iniziato è il tempo, per il progetto, di portare a maturazione alcuni frutti.
Il momento per consolidare gli strumenti già realizzati, ma anche di mettere in campo nuove azioni diversificate per diffonderne l’uso, misurarne i singoli risultati e consegnare a fine progetto un sistema ormai validato e autonomo nella sua funzione di motore dell’innovazione digitale.

Bando per la formazione congiunta FSE

La funzione cruscotto dell’Osservatorio è già stata utilizzata per individuare i bisogni formativi della scuola digitale ligure insieme a un’attenta e approfondita analisi del contesto condotta con la collaborazione dell’Università di Genova insieme a tutti i soggetti interessati capaci di esprimere un giudizio competente. Il risultato è un bando regionale che permetterà l’avvio di sessioni formative durante l’anno 2019 rivolte a docenti e formatori: si tratta di rispondere puntualmente ai bisogni espressi dai referenti di tutti gli Snodi Formativi della Liguria – che hanno progettato e coordinato le formazioni PNSD precedenti – dei referenti delle scuole capofila per la formazione degli Ambiti della Liguria, dei referenti della componente digitale degli enti IeFP liguri.

Comunità di pratica tematiche

Le attività documentate nell’Osservatorio hanno permesso di individuare le tematiche prevalenti su cui si concentra la scuola digitale della Liguria. Il risultato ha messo in evidenza le seguenti macro-tematiche: coding e robotica educativa, comunicazione digitale (blog, siti web, giornalismo digitale), contenuti digitali (ebook, multimedia, video, realtà aumentata), Smart User (inclusione, BYOD, elearning, sicurezza, progetti internazionali).

È stata quindi integrata una funzionalità della mappa pubblica che oggi – oltre alla ricerca dei progetti innovativi per scuola – consente la ricerca delle scuole innovative in base alle tematiche prevalenti delle attività digitali realizzate.

.

Su queste tematiche emerse, il progetto ha agito da “portatore di interesse” disposto a supportare attività innovative per chi – dei docenti referenti di progetti sulle macro-aree – volesse realizzare attività innovative. Si sono evidenziati tre gruppi che agiranno come comunità di pratica nella sperimentazione di un modello per rendere esplicito il ruolo della scuola quale acceleratore di innovazione del proprio territorio.

Il progetto fornirà le strumentazioni necessarie a realizzare attività che riguarderanno temi come robotica marina, creazione di video-lezioni e booktrailer, attività comuni fra scuole supportate da strumenti di video-conferenza, costruzioni di glossari comuni, giornalismo digitale. La metodologia di progettazione e valutazione saranno condivise per raggiungere non solo obiettivi didattici, ma per misurare l’impatto delle attività svolte sulla crescita digitale dei partecipanti, studenti e docenti, e del territorio, dalle famiglie alle realtà territoriali che potenzialmente potranno essere coinvolte.

Documentazione “aumentata” per arricchire Osservatorio e siti delle scuole

Obiettivo del progetto è far comprendere ai docenti/formatori e ai dirigenti/direttori, il valore dell’avere documentati nell’Osservatorio – e quindi pubblicati sulla mappa e sul sito della propria scuola – le attività didattiche innovative che si realizzano quotidianamente. Qual è questo valore? Poter condividere le proprie esperienze, potersi cercare e incontrare in base a interessi comuni, far conoscere le attività alle famiglie e alle realtà territoriali che potranno proporre nuove opportunità alla scuola stessa.

Per diffondere questo valore, saranno organizzati a partire dai primi mesi del 2019, workshop tematici nella sede High Tech di Liguria Digitale, società che conduce operativamente le attività, dedicati alla promozione di un modello di documentazione che prevede l’uso di uno strumento di realtà aumentata e disponibilità di supporto da parte del Digital Team per l’aggiornamento dei siti scolastici.

In questo modo i docenti e formatori potranno documentare con la realtà aumentata le proprie attività e parallelamente potenziare e arricchire i siti delle scuole in modo che davvero l’innovazione si diffonda non solo tramite gli strumenti regionali, ma in modo capillare e sinergico, grazie anche ai canali web scolastici.

Incontri territoriali e coinvolgimento degli stakeholder

Per far funzionare gli investimenti cardine del progetto regionale – cioè la piattaforma Osservatorio e la Mappa pubblica – durante il 2019 saranno organizzati incontri in numerose scuole della Liguria, con il coinvolgimento di alcune scuole capofila per provincia, per la promozione del progetto e incontri specifici con le realtà produttive e associative della Liguria affinché gli strumenti realizzati da Scuola Digitale Liguria permettano agli stakeholder del territorio ligure di rintracciare le scuole partner ideali per progetti su specifiche tematiche.

Anche l’azione di sinergia con l’altro progetto strategico regionale che realizza i laboratori territoriali nei principali comuni liguri e nella città metropolitana – spazi tecnologici avanzati dove scuola e comuni si incontrano per l’innovazione – mette al centro la scuola come sito idoneo e aperto ad ospitare l’infrastruttura rendendo disponile l’ambiente tecnologico al territorio e gli enti locali presenti per attività coordinate.

Promuovere l’Osservatorio e la Mappa come terreno comune su cui sistema educativo e territorio possono incontrarsi, significa voler assicurare durevolezza nel tempo agli strumenti regionali e agli investimenti, essere capaci davvero di supportare e accelerare l’innovazione, anche a progetto terminato, continuare a svolgere tale ruolo, realizzando a pieno quello per cui sono stati progettati.

Agli strumenti già collaudati di comunicazione – sito e puntuale informativa tramite mailing list a tutti gli utenti interessati – si sono già affiancate le comunicazioni social con un gruppo Facebook e con un canale Youtube. In fase di realizzazione il podcast dedicato ai docenti, ovvero pillole di formazione sull’innovazione digitale, e la newsletter, per mettere in circolo informazioni aggiornamenti ed energie.

WHITEPAPER
Perchè dovresti sfruttare il CRM per un marketing basato sull'esperienza
CRM
Marketing
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4