approfondimento

Scuola digitale, così si creano le competenze del futuro: tecnologie e approcci innovativi



Indirizzo copiato

Pensare al futuro della scuola digitale offre spunti di riflessione importanti sul rapporto tra un uso virtuoso dell’innovazione e la necessità che il percorso didattico offra le competenze richieste dalla società e dal mondo del lavoro. Le soluzioni e la visione di Lenovo

Pubblicato il 26 mag 2023

Riccardo Tavola

Education Manager Lenovo



Scuola digitale

Il digitale nella scuola è diventato oggi sempre di più un elemento imprescindibile non solo per la didattica, ma a 360°, partendo da tutte le attività di gestione e di back office, di segreteria, di comunicazione tra scuole e con le famiglie. Stiamo assistendo, all’interno di questo contesto, a una crescente presenza di dispositivi e soluzioni sempre più centrati non solo sulla comunicazione e la collaborazione, ma anche sull’innovazione, che è uno dei pilastri del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza nelle sue declinazioni riguardanti la scuola. Dal metaverso agli eSport, passando dai temi cruciali della sicurezza delle informazioni e della formazione, ecco come la scuola può diventare un laboratorio in cui docenti e studenti diventano protagonisti dell’innovazione.

Scuola digitale, come sarà la didattica di domani

Con la sempre più ampia disponibilità della tecnologia, per la scuola si aprono, infatti, opportunità interessanti in un’ottica di innovazione della didattica, in virtù della necessità di fornire ai ragazzi le competenze richieste dalla società e dal mondo del lavoro e le conoscenze per vivere in un contesto in cui il digitale ha un ruolo sempre più centrale, soprattutto dopo la difficile esperienza del Covid, durante la quale il consumo dei contenuti da parte dei ragazzi è cresciuto in maniera molto significativa.

Uno scenario in cui non può non essere considerata di primaria importanza la questione della sicurezza delle informazioni e delle comunicazioni all’interno di aule sempre più connesse. Il mondo della scuola deve agire su questo fronte su due livelli: da una parte dotarsi di strumenti specifici che impediscano l’accesso a contenuti considerati dannosi o inappropriati per una scala di età varie, dalla primaria a quella secondaria; dall’altra fornire un’adeguata formazione ai docenti, che devono essere messi nelle condizioni di guidare i ragazzi alla scoperta delle molteplici opportunità offerte dalle nuove tecnologie, mettendoli al riparo dai rischi che queste possono comportare se non affrontate con le giuste competenze.

Scuole, dunque, sempre più connesse, innovative e legate all’uso di diversi dispositivi in base al consumo dei contenuti di cui la didattica necessita durante tutto l’arco della formazione, dalla scuola primaria al post-diploma. Soprattutto in questo ultimo contesto, nei prossimi mesi il Paese si misurerà con la riforma degli Istituti Tecnici Superiori. Istituti in cui la relazione tra Scuola e mondo del lavoro raggiunge estrema concretezza e che, proprio in virtù di questa loro connotazione, avranno bisogno di soluzioni e infrastrutture tecnologiche di alto profilo.

Ci tengo però a ribadire che, per quanto il digitale rappresenti un punto chiave della modernizzazione delle scuole, l’aspetto prioritario è soprattutto costituito dal dialogo, dalla cultura comune che si genera dagli scambi tra scuola, istituzioni e aziende per allineare le competenze degli studenti alle esigenze della nostra comunità e del mondo del lavoro.

Tra metaverso e eSport, il nuovo ruolo degli insegnanti

Una didattica, quindi, che deve adeguarsi ai cambiamenti della società, ma che può avvalersi, per farlo, degli stessi strumenti che i ragazzi utilizzano quotidianamente, siano essi gli smartphone o i mondi virtuali del metaverso.

Un’opportunità importante, ad esempio, è quella offerta dalle tecnologie di augmented reality, che – se supportate dall’adeguata formazione – permettono a docenti e studenti di essere davvero al centro del processo di innovazione. Uno spazio, questo, in cui le aziende tecnologiche possono svolgere un ruolo molto importante, di supporto ai docenti con programmi di professional development per aumentarne il “comfort” nell’utilizzo degli strumenti tecnologici.

E se fin qui molto è stato fatto sul versante dei software di gestione di classe e per la didattica, ora bisognerà concentrarsi anche sulle nuove tecnologie immersive, legate non solo al metaverso ma anche alla virtual e augmented reality e sulle competenze specifiche legate agli eSport. Fenomeno che ha già preso piede oltreoceano e in altri Paesi europei e che in Italia ha visto nascere la prima Lega scolastica eSports, a cui partecipano già una quarantina di scuole. Un’esperienza che fa uscire il videogioco dalla sua connotazione puramente ludica per diventare esercizio didattico in cui i docenti sono sempre protagonisti e di cui beneficiano positivamente anche le materie più tradizionali.

Le tecnologie per la scuola digitale

A scuola, quindi, anche a fronte della “invasione” dell’intelligenza artificiale è opportuno che i dispositivi tecnologici e i contenuti siano ingegnerizzati e utilizzati secondo precise regole. Occorre fornire strumenti di supporto affinché il digitale sia un alleato durante il percorso di studi. Device che si adattino in maniera versatile a gestire ambienti modulari e soprattutto accompagnino una didattica che si potrebbe definire universale piuttosto che ibrida, che preveda, cioè, la possibilità di “uscire dalle mura” e avere interconnessioni col mondo esterno.

Tecnologie che possano accompagnare il docente in qualsiasi modo egli voglia interpretare la didattica, con soluzioni di smart collaboration che permettano alle classi di svolgere una lezione in condivisione, in streaming multimediale con altre classi in modalità di collaborative learning o svolgere parte dei programmi scolastici inserendo docenti o esperti collegati in remoto con degli strumenti appositamente studiati per avere una risposta audio e video molto elevata dal punto di vista qualitativo.

E ancora, laboratori mobili che portino la tecnologia in più classi in modo tale che possa essere fruita da un maggior numero possibile di alunni e di docenti, all’interno della scuola stessa e tecnologie che consentono ai professori di interagire coi ragazzi in tempo reale, gestendo la distribuzione didattica direttamente ai loro dispositivi e controllando se necessario il loro operato, siano essi in presenza, in remoto o in modalità mista.

Grazie, poi, alle connessioni veloci e all’augmented reality si potranno anche creare ambienti digitali e ambienti reali nello stesso momento, con scenari innovativi e potenti per i ragazzi, all’interno del contesto scolastico e in linea con quelle che sono e saranno sempre di più le esigenze del mondo del lavoro.

La visione di Lenovo per la scuola digitale

Tutte queste tematiche si intrecciano perfettamente con la strategia di Lenovo, che prevede di fornire alle scuole un portfolio di soluzioni completo, non solo dal punto di vista della fruizione dei contenuti ma anche su tematiche importanti come quelle della sicurezza e della gestione delle classi connesse, nell’ambito di un modello che, grazie anche alla stretta collaborazione con i partner specializzati – mira non solo alla diffusione di soluzioni digitali, ma anche a formare e responsabilizzare studenti e insegnanti attraverso soluzioni educative personalizzate.

Formazione e responsabilizzazione son difatti elementi cruciali per supportare l’adozione di nuove metodologie che, da un lato siano funzionali al potenziamento della didattica e, dall’altro, consentano di cogliere i vantaggi delle tecnologie in termini di accessibilità, equità ed interazione.
Una necessità sentita molto forte durante la pandemia, durante la quale Lenovo ha aumentato la disponibilità di prodotti e promosso una formazione più intensiva, ma che ora – grazie anche al PNRR – può strutturarsi sul medio-lungo periodo e con una visione più ampia sulla importanza di saper utilizzare le tecnologie con competenza e consapevolezza, per poter affrontare le sfide non solo educative ma anche del mondo del lavoro.

Un’impostazione, quindi, che parte necessariamente dalle infrastrutture e arriva ai device, passando per i software e gli applicativi – come Lenovo NetFilter – che aiutano i docenti a impedire l’accesso a contenuti dannosi, fornendo loro, allo stesso tempo, informazioni utili che siano alla base di lezioni o discussioni sulla pericolosità di alcuni contenuti e promuovano l’educazione digitale e il digital safety.

Il caso dell’Istituto Comprensivo 3 a Modena

A livello globale Lenovo rappresenta un brand di riferimento nella fornitura di tecnologie per l’educazione e la formazione, con un portfolio completo che comprende hardware, software, servizi e soluzioni innovative, from pocket to cloud, che vanno dalle workstation ai visori di augmented reality, come nel caso dell’Istituto Comprensivo 3 a Modena. L’Istituto è stato al centro di un innovativo progetto didattico in cui gli studenti hanno potuto “spostare” nel metaverso il loro tg educativo “tgMatta”, disegnando gli spazi, elaborandoli e ricreandoalcune peculiarità didattiche già introdotte online, con i nuovi linguaggi peculiari di questi nuovi mondi.

Il tutto non solo grazie alle soluzioni software fornite, ma soprattutto alla formazione realizzata a supporto dell’utilizzo delle tecnologie. Un supporto a 360° che ha permesso a studenti e docenti una connessione con la didattica sin dai primi passi e quindi un ulteriore avvicinamento dell’innovazione tecnologica al mondo della scuola. Ma, soprattutto, un’esperienza completa e che non prevede complessità di sorta e che permette, quindi, alle scuole di proseguire nella creazione di ambienti digitali e attività proprie in linea con le caratteristiche di ogni istituto. Proprio nell’ottica della filosofia Lenovo che non vuole essere solo un “fornitore di prodotti” ma vuole accompagnare le scuole di ogni grado con un ecosistema di partnership che serva non solo ad acquisire la tecnologia ma a comprendere le potenzialità e le opportunità del digitale sia all’interno del percorso formativo sia in vista del successivo ingresso nel mondo del lavoro.

Contributo editoriale in collaborazione con Lenovo

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati