competenze

Sviluppare le soft skill a scuola, così ci si prepara al lavoro del futuro

I continui processi di trasformazione della società impongono di soffermarsi sullo sviluppo di competenze trasversali (dalle soft alle digital skill) che possano consentire di affrontare nuove sfide, di operare negli svariati contesti lavorativi e con modalità flessibili. Ecco perché il ruolo della scuola è cruciale

19 Mar 2019
Antonio Guadagno

Ingegnere, consulente informatico, docente, formatore

hard_soft-skill

Il ruolo della scuola nella formazione integrale è cruciale, fin dalla primissima infanzia, ma serve un processo ben strutturato e assume particolare importanza in questo contesto l’alternanza scuola-lavoro.

Tutto questo alla luce del fatto che le soft-skill, o competenze trasversali, e le competenze digitali sono ormai riconosciute come fondamentali nel mercato del lavoro (lo sottolineano anche molte raccomandazioni dell’Unione europea), al pari delle competenze di base (hard skill). 

Cosa sono le hard skill

Le hard-skill rappresentano quelle conoscenze e competenze tecniche necessarie per svolgere una determinata mansione lavorativa. Molti esperti suddividono le hard-skills in due macro categorie:

WHITEPAPER
Coinvolgi i tuoi dipendenti con una formazione che guardi alle loro esigenze, ecco come!
Risorse Umane/Organizzazione
Competenze Digitali
  1. Le competenze di base;
  2. Le competenze tecnico-professionali.

Alle competenze di base sono associati gli elementi fondamentali per ogni essere umano, quali l’alfabetizzazione numerica e quella matematico-scientifica.

La digitalizzazione della società ha comportato un ampliamento in relazione alle tecnologie informatiche e alla comunicazione nelle lingue straniere (entrambe definite spesso key skill).

Le competenze tecnico-professionali, di contro, sono quelle che mettono nelle condizioni di svolgere uno specifico lavoro; esse si acquisiscono essenzialmente nei percorsi di studio ma soprattutto tramite l’esperienza sul campo.

Le soft skill, o competenze trasversali

Le soft-skills (life skills, nel mondo anglosassone), al contrario delle hard-skills, non sono immediatamente osservabili e misurabili, in quanto determinano le caratteristiche intrinseche della persona: il talento, la capacità di interazione, la personalità, il problem solving, l’attitudine al lavoro di gruppo, lo spirito di iniziativa e così via.
Nelle competenze trasversali rientrano quindi non solo le doti relazionali, ma anche e soprattutto le capacità di gestire le varie situazioni in maniera adeguata, professionale e responsabile.

Esse rappresentano, paradossalmente, un nodo critico del mancato incontro fra domanda e offerta di lavoro.

Per fortuna, secondo molti studiosi, tali competenze di tipo non cognitivo non sono blindate nel nostro io, ma sono il frutto di esperienze di vita e, soprattutto, possono essere sempre apprese anche in contesti formativi.

La Commissione Europea in uno studio sulle soft skills nel mondo del lavoro, le ha suddivise in 5 categorie:

Skills di efficacia personale

Self control, resistenza allo stress, autostima, flessibilità, creatività, apprendimento permanente.

Skills relazionali e di servizio

Comprensione dei rapporti interpersonali, orientamento al cliente, cooperazione con gli altri, comunicazione.

Skills relative a impatto e influenza

Capacità di coaching (sviluppo degli altri), capacità persuasive, consapevolezza organizzativa, leadership.

Skills orientate alla realizzazione

Orientamento al risultato, interesse per l’ordine e la qualità, spirito di iniziativa e approccio proattivo, ricerca e gestione delle informazioni, pianificazione e organizzazione, problem solving, autonomia.

Skills cognitive

Capacità di analisi, capacità di pensiero astratto.

Soft-skill e scuola

Considerato che lo sviluppo delle soft-skills può avvalersi anche di contesti educativi, quale può essere il compito della scuola? Dotare ogni alunno di tali competenze per affrontare in primis la vita “di fuori”, e poi, ma non in subordine, comprenderle e utilizzarle al meglio in funzione delle future occasioni provenienti dal mondo del lavoro.

Molte raccomandazioni a livello di Unione europea hanno sottolineato come queste soft-skill siano fondamentali nel mercato del lavoro e hanno suggerito agli enti formativi di puntare alla formazione “integrale” della persona.
Tuttavia, come indicato da diversi studiosi, formare alle soft-skills, soprattutto all’università, potrebbe essere troppo tardi. Occorre iniziare prima: nel primo ciclo di istruzione e, addirittura, nella primissima infanzia.

Tale aspetto era già stato messo in evidenza dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione del 2012: “Le competenze sviluppate nell’ambito delle singole discipline concorrono a loro volta alla promozione di competenze più ampie e trasversali, che rappresentano una condizione essenziale per la piena realizzazione personale e per la partecipazione attiva alla vita sociale, orientate ai valori della convivenza civile e del bene comune”.

Nelle prove Invalsi già sono normalmente inserite domande atte a misurare tali competenze; in particolare si fa riferimento a:

  • abilità organizzative;
  • strategie cognitive e metacognitive;
  • concetto di sé e motivazione intrinseca ed estrinseca;
  • attribuzioni causali di successo o insuccesso.

Nelle Linee guida alla certificazione del gennaio 2018 viene consigliata una strategia valutativa che si fonda su tre elementi fondanti:

  • compiti di realtà;
  • osservazioni sistematiche;
  • autobiografie cognitive.

L’importanza di un processo di formazione strutturato

Verso la conclusione della propria esperienza scolastica, anche ai fini dell’orientamento, è bene proporre agli studenti un bilancio delle proprie competenze personali per rendersi consapevoli di quanto ci si sente preparati ad affrontare ulteriori studi o entrare il mondo del lavoro.

E’ quindi necessario che il processo di formazione, nel suo complesso, sia ben strutturato soprattutto nel periodo dell’adolescenza e della prima giovinezza.

A tale proposito, è importante che il sistema formativo, in maniera responsabile, si prenda carico anche di queste competenze, verificandone nel corso degli anni i progressi. Occorre, con l’aiuto del corpo docente, elaborare quindi, nel corso dell’intero periodo educativo, uno scheletro di prospettiva di vita, in sintonia con progetti a più breve termine di studio e di preparazione al lavoro.

In conclusione, i continui processi di trasformazione della società impongono di soffermarsi sullo sviluppo di quelle competenze che possano consentire di affrontare nuove sfide, di operare negli svariati contesti lavorativi e con modalità flessibili e collaborative.

E qui entra in gioco l’alternanza scuola-lavoro, grazie alla quale è possibile progettare percorsi di apprendimento utili a creare ponti tra teoria e pratica, tra saperi disciplinari e, soprattutto, saperi trasversali, sempre più spendibili nei contesti reali di vita e di lavoro. In quest’ottica, le competenze generiche sono ormai ritenute essenziali in quanto trasferibili tra contesti diversi.

Il digital skills gap

La costante e irreversibile digitalizzazione, ormai pervasiva, nel tessuto sociale e produttivo (Internet of Things, Cloud Computing, Additive Manufacturing, Big Data Analytics, Robotica Avanzata, Realtà Aumentata e Cyber security) sta determinando la nascita di nuove figure professionali, e soprattutto, la rimodulazione, in chiave generale (soft-skill) di professionalità già esistenti.

Tale fenomeno, noto come digital skill gap, rappresenta ormai una problematica sociale per la quale anche l’Unione europea ha intrapreso politiche “di recupero”, non solo in relazione alle competenze digitali avanzate, ma anche rispetto a quelle di base e trasversali, indispensabili al nuovo cittadino europeo digitale.

Scuole e università, in Italia più in altri Paesi, faticano purtroppo a rendere la propria offerta formativa appetibile e consona alle nuove esigenze per colmare quel “deficit umano” di risorse, con conoscenze, abilità e competenze digitali e metodologiche adeguate.

Se non si correrà ai ripari, il rischio è quello di “sfornare” tecnici e laureati senza strumenti adeguati e, di conseguenza, non pronti ad accogliere le sfide del mercato del lavoro e, principalmente, dell’industria 4.0.

New call-to-action
WHITEPAPER
8 benefici dell’hybrid work che faranno bene al tuo business
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4