INFORMATION LITERACY

Test PISA 2018: il “pensiero critico” per non cadere nelle fake news (e non solo)

L’OECD ha lanciato la proposta di valutare la competenza globale, a partire dai test del 2018 del suo famoso Programme for International Student Assessment (PISA). Vediamo che significa e le implicazioni

28 Apr 2017
Laurea Ballestra

Associazione italiana biblioteche

scuola_96602236

A maggio 2016 OECD ha lanciato la sua proposta di valutare, a partire dai test del 2018 del suo famoso Programme for International Student Assessment (PISA), la comprensione da parte dei quindicenni di problemi e temi “globali” (di interesse per un mondo sempre più globalizzato e interconnesso), come pure le attitudini dei ragazzi verso diversità culturale e tolleranza.

La proposta è stata battezzata “Competenza globale per un mondo inclusivo”.

L’ambizione è quella di verificare l’azione della scuola, non nuova a questi temi, nella sua capacità di supportare i giovani nel farsi parte attiva per creare comunità in cui la diversità diviene una ricchezza per la crescita economica e sociale futura.

La competenza globale si definisce come “la capacità di analizzare, criticamente e da prospettive molteplici, temi globali e interculturali, per capire come le differenze influenzano le percezioni, i giudizi, le idee proprie e degli altri, per partecipare ad un dialogo aperto, appropriato e efficace con persone con differenti background sulla base di un rispetto condiviso della dignità umana”.[1]

A noi qui interessa evidenziare il ruolo del pensiero critico e dell’informazione nel raggiungimento della competenza globale. OECD ritiene il pensiero critico un elemento fondamentale per creare conoscenze vere e quindi una società rispettosa delle differenze culturali; per questo motivo nel suo test andrà a strutturare domande che consentano specificatamente di indagare, tra l’altro, come i ragazzi analizzano e giudicano criticamente l’informazione.
Si ritiene infatti che la capacità di valutare il valore intrinseco, la validità e l’autorevolezza di qualunque documento letto, che i ragazzi dovranno saper comprendere e confrontare con le proprie conoscenze e con una pluralità di altra informazione, sia indispensabile per far crescere dei cittadini globali.

Senz’altro quando ci riferiamo al mondo dell’informazione cui un quindicenne è quotidianamente sottoposto immaginiamo la Rete e i problemi di false notizie, post-verità, con il rischio di confondere fonti scadenti e fonti autorevoli. Andreas Schleicher – che di PISA e di altri importanti programmi di indagini come PIAAC è il direttore – in occasione del recente Forum Global Education and Skills ha sottolineato appunto che nel prossimo test PISA saranno testate anche le capacità degli studenti di non cadere nelle trappole di false notizie che abbondano.

Per poter applicare spirito critico è necessaria un’abitudine al confronto, prima guidato e poi autonomo, con più fonti e documenti, comprendendo le notizie online e tutto il complesso mondo dell’informazione, oggi ovviamente sempre più digitale, ossia tipi molto diversi di “documenti” con differenti livelli di complessità (articoli, libri, dati statistici, video, molteplici strumenti di ricerca…), quello che una persona information literate [2] usa quando vuole verificare un’informazione.

I temi dell’information literacy (competenza informativa), intesa come insieme di attitudini, capacità, conoscenze che portano gli individui a ricercare e fare un uso consapevole di qualunque fonte informativa per creare nuova conoscenza, almeno per sé, sono già presenti nel mondo della scuola e del Piano nazionale per una scuola digitale e fanno parte dell’offerta di momenti di apprendimento che migliaia di biblioteche civiche hanno rivolto agli studenti italiani e alle scuole stesse[3].

L’individuazione della competenza globale è un ulteriore input per continuare a lavorare a quanto sia importante saper cercare e valutare l’informazione, ma questo non in astratto, perché il rapporto PISA richiede che cio’ comporti per chi impara un agire responsabile nelle comunità per un bene comune e senza pregiudizi, un creare nuova conoscenza in modo attivo.

Una volta identificati quei suggerimenti o siti che possono aiutare ad identificare le fake news – tra le proposte citiamo quella dell’International Federation of Library Association [4]– PISA raccomanda la necessità di imparare a riconoscere i “bias” nei giudizi espressi, nostri e di altri, su temi complessi come le differenti culture, l’integrazione, la globalizzazione, il che non è affatto un’azione semplice, senz’altro non è un’azione meccanica.

Solo con un confronto prolungato e diretto con i documenti al di fuori dai manuali e in una dimensione di ricerca si può toccare con mano la complessità del mondo dei documenti e delle conoscenze che contengono e quindi agire per un’integrazione responsabile.

Le scuole, le biblioteche “vere” delle scuole (per intenderci usando un’espressione cara al mondo dei bibliotecari quelle che sono “organismi che crescono”[5], hanno personale professionale dedicato, offrono servizi in base ai bisogni della comunità scolastica tutta) e le biblioteche civiche sono un luogo ideale per allenare nel tempo, ben oltre i quindici anni, queste competenze con un confronto con una pluralità di testi non banali sullo stesso argomento, in cui i ragazzi risultano immersi attraverso laboratori di ricerca guidati. Su questo terreno il lavoro da fare è ancora tanto.

Una persona information literate difficilmente cade nella trappola di un qualsiasi post o tweet perché per abitudine risale a fonti autorevoli, dati statistici attendibili, usa siti web ufficiali, ricorre a documenti complessi e articolati in qualsiasi formato si presentino, sia che queste fonti siano gratuite che a pagamento, ma in più sa valutare criticamente anche situazioni complesse che comportano il confronto tra ipotesi esplicative alternative.

Toccare con mano, in percorsi didattici di ricerca guidata da insegnanti e bibliotecari, quante interpretazioni rigorose e provate, scientifiche, sono possibili a fronte di un presunto “fatto” è fondamentale. Imparare a discuterne in modo realmente argomentato, come pure scrivere e comunicare indicando esplicitamente le “prove” dei propri ragionamenti, rappresentano quella fase di necessaria produzione di conoscenza sui temi globali che è richiesta ai ragazzi per raggiungere davvero gli obiettivi ambiziosi di PISA di una competenza globale. Diversamente mancherebbe l’”applicazione” in cui lo studente produce nuova conoscenza e si confronta, che è poi il terreno che allena alla futura partecipazione in una società globale.

[1] PISA, Global Competency for an inclusive world, OECD, 2016, p. 4

[2] AIB. Gruppo di studio sull’information literacy, Manifesto per l’Information literacy, < http://www.aib.it/struttura/commissioni-e-gruppi/gruppo-literacy/ilmanifesto/>

[3] AIB-Public Library 2020.eu, Library and skills in Italy, <http://www.publiclibraries2020.eu/sites/default/files/atoms/files/Italy.pdf>

[4] IFLA, International Federation of Library Association, propone queste semplici regole: https://www.ifla.org/files/assets/hq/topics/info-society/images/how_to_spot_fake_news_-_italian.pdf

[5] RANGANATHAN, Shiyali Ramarnrita, Five laws of library science. Madras, Madras Library Association; London, Blunt, 1957

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4